Dimensione testo:   Carattere Piccolo Carattere Standard Carattere Grande


Menù Principale

· Upload
· HOME
· LINK
· FAQ


Benvenuto

Nome di Login:

Password:




Ricordami

[ ]
[ ]
[ ]

Intestazione


»SASSARI: UN ETTO DI 'ERBA' IN LAVATRICE CON PANNI SPORCHI, ARRESTATI
Sassari, 23 apr. - (Adnkronos) - Un etto di marijuana nascosto in lavatrice tra i panni sporchi. No ...
»Rifiuti: ripresi carotaggi in ex cava nel Foggiano (2)
(AGI) - Foggia, 23 apr. - Nel corso delle indagini, i carabinieri del comando provinciale di Foggia, ...
»TORINO: AGGREDISCE EX VICINI CON CHIAVE INGLESE, ARRESTATO
Torino, 23 apr. (Adnkronos) - Ha prima tentato di bloccare l'auto di una giovane mentre stava uscen ...
»NAPOLI: VENDEVANO MERCE CONTRAFFATTA, CARABINIERI DENUNCIANO 5 P
NAPOLI (ITALPRESS) - I Carabinieri della compagnia Stella hanno svolto un servizio di contrasto al c ...


Data di pubblicazione: Non conosciuto(a)
Dettagli

Siamo su Facebook

Translate This Page

FAQ


Date / Time

 


Ultime News

23 apr : 13:46





















Latest Downloads

bullet sentenza del TAR di Lecce N. 00810/2013 REG.PROV.COLL.
Description: sentenza del TAR di Lecce che ha accolto il ricorso contro due punizioni inflitte al Maresciallo Comandante della Stazione Carabinieri di Taurisano (LE)
Date stamp 09 apr : 20:51
bullet BENEMERENZA AL DOTTOR GUGLIELMO EPIFANI
Description:
Download Now: Download
Date stamp 17 nov : 14:55
bullet Consiglio Di Stato 03137/2010
Description: Forse non basta, per loro, il fatto che non abbiamo nessuno all’interno che ci “TUTELI” ? Il fatto che la giurisprudenza costituzionale abbia osservato che non può conside
[Leggi tutto...]
Download Now: Download
Date stamp 15 ott : 23:00
bullet Schema di regolamento di armonizzazione dei requisiti di accesso al sistema pensionistico del person
Description: Schema di regolamento di armonizzazione dei requisiti di accesso al sistema pensionistico del personale comparto difesa-sicurezza e comparto vigili del fuoco e soccorso pubblico.
Date stamp 22 set : 09:48
bullet Cessazione anticipata dal servizio - Circolare n. M_D GMIL1 II 5 1 0257231 dell'8 giugno 2012 r
Description: Circolare n° M_D GMIL1 II 5 1 0257231 , sez.: "Altro" Cessazione anticipata dal servizio, a domanda, e al collocamento in ausiliaria, per l'anno 2012, degli uffi
[Leggi tutto...]
Download Now: Download
Date stamp 24 lug : 16:29
bullet Vacanza contrattuale - Circolare n. M_D GMIL 1 IV 10 0285493 - adeguamento della misure dell'in
Description: Circolare n° M_D GMIL 1 IV 10 0285493 4° Rep. 10ª Div. - Adeguamento delle misure dell'indennità di vacanza contrattuale in favore del personale militare destinatario d
[Leggi tutto...]
Date stamp 24 lug : 16:24
bullet 3° Rep. 7ª Div. - Eventi suscettibili di avere riflessi sul servizio. Comunicazione ai sensi dell&
Description: Circolare n° M_D GMIL1 III 7 1/0294795, sez.: "Altro" 3° Rep. 7ª Div. - Eventi suscettibili di avere riflessi sul servizio. Comunicazione ai sensi dell'art. 74
[Leggi tutto...]
Date stamp 24 lug : 16:00
bullet Circolare n° M_D GMIL II 5 1 2012 0248948
Description: 2° Rep. 5ª Div. - Licenza straordinaria speciale di trasferimento Disposizioni per la concessione della licenza straordinaria speciale di trasferimento al personale militare d
[Leggi tutto...]
Download Now: Download
Date stamp 09 giu : 19:53
bullet Senteza su tempistica per proporre domanda al passaggio ruoli civili
Description: Senteza su tempistica per proporre domanda al passaggio ruoli civili
Date stamp 24 feb : 12:36
bullet Sentenza su Legge 104
Description: Sentenza su Legge 104
Date stamp 24 feb : 12:36

Link

Aggiunte recenti


Percorso


Irpef sulla privilegiata non tabellare del militare volontario

I supremi giudici hanno respinto il ricorso del titolare per l'esenzione
il dom 15 novembre 2009 Stampa il Contenuto Crea file pdf del Contenuto
in LA PENSIONE
Commenti: 0
Punteggio Assegnato all'Autore: 100/100
non valutato -

(Cassazione Sezione Tributaria 27630/2005)
La pensione privilegiata non tabellare attribuita per invalidità riportata durante il servizio prestato da militare volontario nel disciolto Corpo delle Guardie di Pubblica Sicurezza deve essere sottoposta all’IRPEF, ancorché detto servizio sia equiparato a quello prestato nell’Esercito e sia considerato valido per l’assolvimento degli obblighi di leva.
In tal senso si è espressa la Sezione Tributaria della Corte di Cassazione nella sentenza 26 ottobre-14 dicembre 2005, n. 27630, ritenendo legittima la pronuncia con la quale la Commissione Tributaria Regionale del Molise aveva riformato la decisione della Commissione Tributaria Provinciale di Campobasso, accogliendo il ricorso presentato in appello da Ministero delle Finanze...

Tale ricorso era finalizzato ad ottenere il riconoscimento della legittimità del proprio operato nel sottoporre ad IRPEF la pensione privilegiata ordinaria liquidata per invalidità derivante dall’espletamento di servizio militare volontario svolto dal relativo titolare nel disciolto Corpo delle Guardie di Pubblica Sicurezza dal settembre 1969 al 16 giugno 1971. Al riguardo la Sezione Tributaria della Corte di Cassazione ha svolto, tra l’altro, le seguenti osservazioni. La Corte Costituzionale, nel richiamare la propria precedente giurisprudenza, ancora una volta con la ordinanza n. 461 del 30 dicembre 1998 ha negato che tra le pensioni privilegiate ordinarie e le pensioni di guerra vi possa essere una identità ed omogeneità di situazioni che, ai fini del trattamento tributario, potrebbero costituire il presupposto per una supposta violazione del principio di uguaglianza di cui all’art. 3 della Costituzione.
Le pensioni privilegiate ordinarie, ai sensi del TU delle norme sulle imposte dirette di cui al DPR 29 settembre 1973, n. 597, e, a partire dal 1° gennaio 1988, ai sensi del TU di cui al DPR 22 dicembre 1986, n. 917, sono assoggettate all’IRPEF per il loro intero ammontare. Invece, le pensioni di guerra sono esenti da IRPEF per espressa deroga disposta dall’art. 34 del DPR 29 settembre 1973, n. 601, e le pensioni privilegiate ordinarie militari attribuite ai militari per fatti invalidanti, se connesse alla prestazione del servizio di leva, sono esenti da IRPEF per effetto della declaratoria di incostituzionalità dello stesso art. 34 pronunciata dalla Corte Costituzionale con la sentenza n. 387 del 1989. In tema di pensioni erogate ai militari per infermità o lesioni o menomazioni riportate in servizio, tra le pensioni di guerra, le pensioni privilegiate ordinarie e le pensioni privilegiate ordinarie tabellari erogate in caso di menomazioni riportate a causa del servizio militare di leva, soltanto queste ultime sono trattate come le pensioni di guerra in considerazione della comune funzione risarcitoria.
Ne discende che, in ragione della obbligatorietà del rapporto di servizio cui le menomazioni sono connesse e del carattere non reddituale della erogazione, l’estensione della esenzione IRPEF riguarda unicamente le pensioni privilegiate tabellari erogate in caso di menomazioni riportate a causa di servizio militare di leva, a prescindere dall’arma nella quale il servizio sia stato prestato, essendo rilevante esclusivamente che la menomazione sia subita durante il servizio obbligatorio di leva e non in costanza di ferma volontaria. Sulla base di queste considerazioni è stato respinto il ricorso proposto in Cassazione dal titolare della pensione privilegiata militare per ottenere che il relativo importo non fosse sottoposta ad IRPEF. (23 febbraio 2006)---------------------------------------
Corte di Cassazione - Sezione V - Sentenza n. 27630/2005
LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE - SEZIONE TRIBUTARIA Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: .....................omissis......................... ha pronunciato la seguente:
sentenza
sul ricorso proposto da: R. G. L., (....) ed elettivamente domiciliato in Roma alla Piazza Cavour (presso la Cancelleria di questa Corte) insieme con gli avv. RIZZO Gaetano e SARNELLI Flavia dai quali è rappresentato e difeso in forza della procura speciale conferita con atto a firma autenticata il 3 luglio 2000 dal Dr. CARIELLO Giuseppe, notaio in Termoli; - ricorrente - contro il MINISTERO dell’ECONOMIA e dalle FINANZE, in persona del Ministro pro tempore, elettivamente domiciliato in Roma alla Via dei Portoghesi n. 12 presso l’Avvocatura Generale dello Stato che lo difende ope legis; - controricorrente - avverso la sentenza n. 48/02/2000 depositata il 22 marzo 2000 dalla Commissione Tributaria Regionale del Molise; Udita la relazione svolta nella pubblica udienza del 26 ottobre 2005 dal Cons. Dr. Michele D’ALONZO; udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dr. MATERA Marcello, il quale ha concluso per il rigetto del ricorso;
Svolgimento del processo
Con ricorso notificato il 27 luglio 2000 al MINISTERO delle FINANZE (depositato il 10 agosto 2000), R. G. L. - premesso che l’8 aprile 1997 aveva proposto ricorso "avverso la cartella esattoriale di pagamento ... inerente l’IRPEF anno 1964 ... eccependo l’illegittimità dell’iscrizione a ruolo dell’IRPEF in quanto non dovuta sulle pensioni non tabellari, stante l’equiparazione di queste ultime alle pensioni tabellari sancita dallo Circolare n. 21 del 21 maggio 1991 del Ministero delle Finanze [1], ai fini del beneficio dell’esclusione dall’assoggettamento all’imposta" - in forza di un unico motivo chiedeva, con ogni conseguente pronuncia in ordine alle spese", di cassare la sentenza n. 48/02/2000 depositata il 22 marzo 2000 dalla Commissione Tributaria Regionale del Molise, la quale, in accoglimento del gravame proposto dall’Amministrazione Finanziaria dello Stato, aveva riformato la decisione (167/02/1997) della Commissione Tributaria Provinciale di Campobasso che aveva accolto detto suo ricorso e di decidere "la causa nel merito ai sensi dell’articolo 384 c.p.c., comma 1 [2], in mancanza della necessità di ulteriori accertamenti di fatto", accogliendo la sua domanda "in ordine all’inapplicabilità dell’imposizione IRPEF alla pensione diretta privilegiata di 8a categoria" di cui egli era titolare. Nel controricorso notificato il 4 ottobre 2000 (depositato il 19 ottobre 2000), il Ministero intimato instava per il rigetto dell’avverso ricorso "con ogni conseguente statuizione in ordine alle spese". Motivi della decisione 1. Con la sentenza gravata la Commissione Tributaria Regionale - premesso che il R., richiamata "la circolare ministeriale del Ministro delle Finanze n. 21del 21 maggio 1991 [1]", aveva impugnato "la cartella esattoriale ... eccependo che non era dovuta la somma iscritta a ruolo" perché "le pensioni tabellari erano da equiparare a quelle non tabellari" e che l’Ufficio aveva insistito "per la non spettanza del beneficio perché tali agevolazioni competevano solo in caso di servizio di leva e non durante quello prestato volontariamente" - ha accolto il gravame dell’Amministrazione Finanziaria dello Stato esponendo che, avendo il contribuente "riportato l’infermità durante il servizio volontario e non di leva", "il trattamento pensionistico era riferito alla posizione stipendiale annua percepita alla data del collocamento in congedo" per cui la pensione privilegiata non tabellare da lui percepita non poteva essere "equiparata" a quella tabellare. 2.
Con l’UNICO motivo di ricorso il R. - ricordato in fatto che egli "dal primo settembre 1969 al 16 giugno 1971 ha prestato servizio come guardia nel Corpo delle Guardie di P.S."; che "il Ministero dell’Interno, Dipartimento della Pubblica Sicurezza, in riferimento alla normativa vigente in materia" gli ha "all’uopo" rilasciato "in data 25 luglio 1995 la dichiarazione n. 333-D/076344, nel la quale è normalmente attestato che egli dal primo settembre 1969 al 16 giugno ha prestato servizio come guardia nel Corpo delle Guardia di P.S. e che "detto servizio, ai sensi del DPR 14 febbraio 1964, n. 237 [3], nonché della legge 31 maggio 1975, n. 191 [4], è equiparato a quello prestato nell’Esercito ed è da considerarsi valido ai fini dell’assolvimento degli obblighi di Leva"" -, ai sensi dell’articolo 360 c.p.c., nn. 3 e 5 denunzia "violazione e falsa applicazione legge 31 maggio 1975 n. 191, art. 6, D.P.R. 14 febbraio 1964 n. 237, art. 16, D.P.R. 29 settembre 1973 n. 601, art. 34, art. 1362 e segg. e art. 1372 cod. civ. in relazione alle circolari 20 maggio 1991 n. 22 e 21 maggio 1991 n. 21 emanate dal Ministero delle Finanze" nonché "omessa, insufficiente e contraddittoria motivazione circa un punto decisivo della controversia" esponendo che in base alle "norme di legge sopra citate" (le quali "sanciscono l’equiparazione tra il servizio a domanda prestato dal ricorrente nel disciolto Corpo della Guardie di P.S. e quello prestato nell’Esercito ai tini dell’assolvimento degli obblighi di leva") la "pensione diretta privilegiata di 8à categoria erogata in suo favore ... per infermità e lesioni derivanti da "causa di servizio" è equiparata a tutti gli effetti, ivi compresa r esclusione dell’assoggettamento alla tassazione IRPEF, a quella dei titolari di pensione gabellare"; "la statuizione impugnata viola gravemente i criteri legali di ermeneutica contrattuale in relazione alle su menzionate circolari emanate dal Ministero delle Finanze ... a seguito della sentenza della Corte Costiturionale n. 387 del 4 - 11 luglio 1989, con la quale è stata dichiarata l’illeglttimità costituzionale del DPR n. 601 del 1973, art. 34, comma 1[5], nella parte in cui non estende l’esenzione dall’IRPEF alle pensioni privilegiate ordinarie tabellari spettanti ai militari di leva, fornendo in tal modo interpretazione autentica della decisione" in quanto: "con la circolare n. 21 ... il Ministero, sentito il parere del Consiglio di Stato, ha precisato che i titolari di pensioni tabellari vanno equiparati coloro che assolvono il servizio di leva nella Polizia di Stato o in altri Corpi (Carabinieri ausiliari, Finanza, Vigili del Fuoco, ecc.)" e con la circolare n. 22 "relativa al trattamento tributario delle pensioni privilegiate ordinarie militari tabellari") i titolari di pensioni tabellari vengono espressamente equiparati ai "titolari di pensioni privilegiate ordinarie per menomazioni subite durante il servizio di leva prestato in qualità di allievo ufficiale, ufficiale di complemento, di sottufficiale (militari di leva promossi sergenti nella fase finale del servizio), carabinieri ausiliari, coloro che assolvono il servizio di leva nella Polizia di Stato, nel Corpo della Guardia di Finanza e nel Corpo dei Vigili del Fuoco". Il R., infine, sottolinea che questa Corte con la sentenza 5 aprile 1996n. 3204 [6] ha espressamente sancito che agli effetti tributari sono assimilabili alle pensioni di guerra e sono quindi esenti dall’IRPEF le pensioni privilegiate ordinarie del servizio di leva, ovverosia al "servizio che, come dinanzi si è dimostrato è equiparato a quello prestato (da esso) ricorrente". 3. Il ricorso deve essere respinto perché infondato. Sullo specifico problema posto dal contribuente, invero, tenuto conto che la Corte Costituzionale (facendo espresso richiamo a precedenti sue pronunce sulla questione: "in particolare, sentenze nn. 431 del 1996, 387 del 1989, e 151 del 1981, nonché ordinarie nn. 390 del 1997 e 276 del 1986") ancora con l’ordinanza n. 461 del 30 dicembre 1998 ha negato "dal punto di vista della natura dei trattamenti, l’esistenza, fra le pensioni privilegiate ordinarie e le pensioni di guerra, di quella identità od omogeneità di situazioni, che, ai fini del trattamento tributario, potrebbe costituire il presupposto del richiamo al principio di eguaglianza, di cui all’articolo 3 Cost.", va, innanzi tutto, ribadito che (Cass., trib., 23 marzo 2005 n. 6289; id., trib., 28 maggio 2004 n. 10344; id., trib., 19 gennaio 2004 n. 685; id., Irib., 29. agosto 2002 n. 12392; id., 1, 5 aprile 1996 n. 3204), mancando una espressa previsione di deroga (disposta, invece, dal D.P.R. 29 settembre 1973 n. 601, art. 34, per le pensioni di guerra e, per effetto della declaratoria di incostituzionalità di tale norma pronunciata dalla competente Corte con la sentenza 1989 n. 387, anche per le pensioni privilegiate ordinarie militari attribuite ai militari per fatti invalidanti se connessi alla prestazione del servizio di leva) al principio dell’assoggettabilità ad imposizione dello pensioni, le pensioni privilegiate ordinarie sono soggetto per l’intero ammontare all’IRPEF, ai sensi del D.P.R. 29 settembre 1973 n. 597, art. 46, comma 2, (e, a partire dal 1 gennaio 1988, ai sensi del D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917, art. 46, comma 2), non assumendo alcun rilievo in contrario la considerazione dell’eventuale componente risarcitoria della pensione privilegiata ordinaria, in quanto (Cass., 13 dicembre 2002 n. 17896), da un lato, resta ferma la sua natura reddituale (retribuzione differita), e, dall’altro, perché il carattere risarcitorio di un emolumento non può comportare l’automatica esenzione dello stesso dalla imposizione tributaria, in difetto di una espressa disposizione di legge in tal senso. In secondo luogo si deve ricordare - specificamente; in tema di pensioni erogate al militari per infermità, lesioni o menomazioni riportale in servizio - che (Cass., Trib., 28 maggio 2004 n. 10344) occorre distinguere la pensione di guerra (che presuppone l’invalidità o la morte, per causa di guerra, dei militari delle forze armate e dei cittadini estranei all’apparato della difesa) dalla pensione privilegiata ordinaria (che presuppone infermità o lesioni, ascrivibili a causa di servizio, sofferte da dipendenti, civili o militari, dello Stato e che non presenta carattere risarcitolo, bensì reddituale) nonché dalla pensione privilegiata ordinaria tabellare erogata in caso di menomazioni riportate a causa del servizio militare di leva e ricordare che soltanto, quest’ ultima è assimilabile alle pensioni di guerra, in considerazione della comune funzione risarcitola. Discende da tanto che (Cass., trib., 30 maggio 2005 n. 11483; id., trib. 19 gennaio 2004 n. 685; id., trib. 8 maggio 2003 n. 7004; id., trib., 22 agosto 2002 n. 12392), in ragione della obbligatorietà del rapporto di servizio cui le menomazioni sono connesse e del carattere non reddituale della erogazione, l’estensione dalla esenzione IRPEF riguarda unicamente le pensioni privilegiate ordinarie tabellari erogate in caso di menomazioni riportate a causa del servizio militare di leva e, pertanto, prescinde dall’arma nella quale il servizio sia stato prestato, essendo rilevante esclusivamente che la menomazione sia subita durante il servizio obbligatorio di leva e non in costanza della ferma volontaria. Nel caso la Commissione Tributaria Regionale ha positivamente accertato in fatto che il R. ha "riportato l’infermità durante il servizio volontario e non di leva" e che "il trattamento pensionistico era riferito alla posizione stipendiale annua percepita alla data del collocamento in congedo". Tale univoco accertamento fattuale va considerato fermo perché non può ritenersi in alcun modo censurato con le allegazioni del ricorrente ("dal primo settembre 1969 al 16 giugno 1971 ha prestato servizio come guardia noi Corpo delle Guardie di P.S."; "il Ministero dell’Interno" ha "all’uopo" rilasciato "in data 25 luglio 1995 la dichiarazione n. 333-D/076344, nella quale è formalmente attestato che egli dal primo settembre 1969 al 16 giugno ha prestato servizio come guardia nel Corpo delle Guardie di P.S., e che "detto servizio, ai sensi del D.P.R. 14 febbraio 1964 n. 231, nonché della legge 31 maggio 1975 n. 191, è equiparato a quello prestato nell’esercito ed è da considerarsi valido ai fini dell’assolvimento degli obblighi di leva"") atteso che dalle stesse non si ricava affatto che l’infermità per la quale è stato riconosciuto il trattamento pensionistico sia stata contratta durante il periodo di prestazione del servizio militare di leva e non già (come affermato dal giudice del merito) in quello successivo di ferma volontaria. 4. Le spese del giudizio di legittimità vanno integralmente compensate tra le parti in applicazione dell’art. 92 c.p.c, comma 2.
P. Q. M.
La Corte rigetta il ricorso e compensa le spese del giudizio di legittimità. Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio, il 26 ottobre 2005. Depositato in Cancelleria il 14 dicembre 2005.



Altre News

mar 23 ottobre 2012 - 15:32:20
NO alla Riforma Pensioni - NO ai Tagli di personale nelle FFAA - NO alla Revisione dello strumento Militare . MONTI Incontra una delegazione dei partecipanti - GIORNATA STORICA e risultati concreti
sab 06 ottobre 2012 - 10:03:16
Fonte: lasottilelinearossa.over-blog.it
ven 28 settembre 2012 - 12:57:07
Roma, 28 set. (Adnkronos)
sab 18 agosto 2012 - 16:23:24
di Luca Kocci pubblicato su Il manifesto, il 17/08/12

 

Tema Grafico by iWebSolutions - partner e107 Italia