Dimensione testo:   Carattere Piccolo Carattere Standard Carattere Grande


Menù Principale

· Upload
· HOME
· LINK
· FAQ


Benvenuto

Nome di Login:

Password:




Ricordami

[ ]
[ ]
[ ]

Intestazione


»Stalking: urla e insulti a notaio che lo delude, arrestato 77enn
(AGI) - Messina, 1 ott. - Era rimasto insoddisfatto delle prestazioni del notaio a cui si era rivolt ...
»Devasta locale poi aggredisce Carabinieri, un arresto a Reggio
(AGI) - Reggio Calabria, 1 ott. - I Carabinieri dell'Aliquota Radiomobile della Compagnia di Reggio ...
»Rapine: due arresti dei carabinieri a Bisceglie
(AGI) - Trani, 1 ott. - A Bisceglie i carabinieri hanno arrestato due giovani, un 21enne ed un 19enn ...
»Droga: altri 40 kg marijuana trovati in mare e spiaggia Salento
(AGI) - Lecce, 30 set.- Altri 40 kg di marijuana sono stati trovati dai carabinieri della Compagnia ...


Data di pubblicazione: Non conosciuto(a)
Dettagli

Siamo su Facebook

Translate This Page

FAQ


Date / Time

 


Ultime News

01 ott : 12:11





















Latest Downloads

bullet sentenza del TAR di Lecce N. 00810/2013 REG.PROV.COLL.
Description: sentenza del TAR di Lecce che ha accolto il ricorso contro due punizioni inflitte al Maresciallo Comandante della Stazione Carabinieri di Taurisano (LE)
Date stamp 09 apr : 20:51
bullet BENEMERENZA AL DOTTOR GUGLIELMO EPIFANI
Description:
Download Now: Download
Date stamp 17 nov : 14:55
bullet Consiglio Di Stato 03137/2010
Description: Forse non basta, per loro, il fatto che non abbiamo nessuno all’interno che ci “TUTELI” ? Il fatto che la giurisprudenza costituzionale abbia osservato che non può conside
[Leggi tutto...]
Download Now: Download
Date stamp 15 ott : 23:00
bullet Schema di regolamento di armonizzazione dei requisiti di accesso al sistema pensionistico del person
Description: Schema di regolamento di armonizzazione dei requisiti di accesso al sistema pensionistico del personale comparto difesa-sicurezza e comparto vigili del fuoco e soccorso pubblico.
Date stamp 22 set : 09:48
bullet Cessazione anticipata dal servizio - Circolare n. M_D GMIL1 II 5 1 0257231 dell'8 giugno 2012 r
Description: Circolare n° M_D GMIL1 II 5 1 0257231 , sez.: "Altro" Cessazione anticipata dal servizio, a domanda, e al collocamento in ausiliaria, per l'anno 2012, degli uffi
[Leggi tutto...]
Download Now: Download
Date stamp 24 lug : 16:29
bullet Vacanza contrattuale - Circolare n. M_D GMIL 1 IV 10 0285493 - adeguamento della misure dell'in
Description: Circolare n° M_D GMIL 1 IV 10 0285493 4° Rep. 10ª Div. - Adeguamento delle misure dell'indennità di vacanza contrattuale in favore del personale militare destinatario d
[Leggi tutto...]
Date stamp 24 lug : 16:24
bullet 3° Rep. 7ª Div. - Eventi suscettibili di avere riflessi sul servizio. Comunicazione ai sensi dell&
Description: Circolare n° M_D GMIL1 III 7 1/0294795, sez.: "Altro" 3° Rep. 7ª Div. - Eventi suscettibili di avere riflessi sul servizio. Comunicazione ai sensi dell'art. 74
[Leggi tutto...]
Date stamp 24 lug : 16:00
bullet Circolare n° M_D GMIL II 5 1 2012 0248948
Description: 2° Rep. 5ª Div. - Licenza straordinaria speciale di trasferimento Disposizioni per la concessione della licenza straordinaria speciale di trasferimento al personale militare d
[Leggi tutto...]
Download Now: Download
Date stamp 09 giu : 19:53
bullet Senteza su tempistica per proporre domanda al passaggio ruoli civili
Description: Senteza su tempistica per proporre domanda al passaggio ruoli civili
Date stamp 24 feb : 12:36
bullet Sentenza su Legge 104
Description: Sentenza su Legge 104
Date stamp 24 feb : 12:36

Link

Aggiunte recenti

martedì 09 luglio 2013

lug

09

2013

Sottosegreatario Difesa Pinotti risponde ad interrogazione - IL PERSONALE MILITARE SI TAGLIA SENZA DIRITTI E GARANZIE, LE BASI SI CHIUDONO E ACCORPANO A DECINE, MA ALTRE SPESE NON SI POSSONO TOCCARE  

Interrogazione Parlamentare dell’ On. Alberti (M5S) per sospendere a rimodulare il programma Forza NEC e riconsiderare l’acquisto del Satellite OPSTAT 3000. Il Sottosegretario Pinotti risponde: NO !


Il 6 Luglio vi avevamo scritto di spese militari riguardanti, tra l’altro, sigle come il MEC E OPSTAT 3000 leggi l’interessante articolo  
Oggi leggiamo dell’interrogazione citata in titolo e la risposta del Sottosegretario Difesa Roberta Pinotti (PD)
Il sottosegretario, tra l’altro, dichiara : “  , il programma interforze Forza NEC, avviato nel 2007 per realizzare uno strumento militare adatto ad operare in ambienti interforze e multinazionali e in grado di garantire la piena interoperabilità del nostro strumento militare con quello dei Paesi alleati e amici, mira alla progressiva messa in rete di tutte le Forze armate e tende ad un piano di ammodernamento, adeguamento e acquisizione progressiva di capacità;  In particolare, ad oggi risultano impegnati 324 milioni di euro a fronte di circa 800 milioni di euro inizialmente preventivati – tale cifra, peraltro, è ben al di sotto di quanto riportato da alcuni organi di stampa – e sono stati completati i lavori di adeguamento e predisposizione di 10 Integrated Test Bed. 
  Questi ultimi sono funzionali agli sviluppi di forza NEC e permettono un'ottimizzazione delle procedure di validazione e, ovviamente, delle risorse, mentre il programma Soldato Futuro tende alla realizzazione di un sistema integrato di dotazioni per il fante e alla produzione di una pre-serie di 558 esemplari per finalità di sperimentazione operativa. Onorevoli colleghi, il programma è oggi in fase avanzata (consegna di prototipi e pre-serie). La rimodulazione o riduzione dello stesso comprometterebbe i significativi investimenti sinora effettuati, privando, peraltro, l'industria nazionale dell'opportunità di valorizzare quanto realizzato nel settore. Sintetizzando, il programma Forza NEC è di fatto il programma con cui noi armiamo l'esercito nel suo complesso ed è – come dicevo – già in fase avanzata, quindi tornare indietro e rimodulare o rivedere, com’è stato proposto, comporta i problemi. 
Con riferimento, invece, al sistema satellitare militare ad alta risoluzione per l'osservazione della Terra, denominato 
Optsat 3000la dimensione spaziale di cui l'Italia è dotata costituisce un importante veicolo per accrescere la visibilità internazionale del Paese e un utile ausilio alla politica estera, sia nei fori multilaterali, sia nelle relazioni bilaterali con Paesi progrediti, ovvero a sostegno di quelli in via di sviluppo. 
  È, pertanto, innegabile la connotazione intrinsecamente duale e la natura cooperativa, civile e militare che le tecnologie e le iniziative della dimensione spaziale possiedono; il concetto nazionale di peculiarità duale dei servizi satellitari e degli assetti spaziali è stato condiviso anche dall'Unione europea nell'attuazione pratica della politica comunitaria di settore. Lo specifico programma acquisitivo del satellite di osservazione Optsat 3000 israeliano – il cui costo è pari a 270 milioni di euro (e non 350 milioni di euro, come riportato erroneamente da alcune testate giornalistiche) – è anch'esso, seppur in maniera indiretta, strettamente correlato al sistema produttivo nazionale e, quindi, al relativo livello occupazionale, essendo parte integrante di un Accordo internazionale di cooperazione con Israele. 
In sintesi, si tratta di impegni operanti e non rimodulabili ! 
Leggi il testo completo della risposta del sottosegretario Pinotti




  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  Varie

lug

09

2013

LICENZIAMENTI MILITARI-Batosta di tagli per l’ Aeronautica in Puglia .UNA POLITICA DISTRATTA e IPOCRITA SI ACCORGE ORA DELLE CONSEGUENZE, A LIVELLO LOCALE, DEI TAGLI DI PERSONALE, CASERME ED ENTI.  

PROBLEMI per migliaia di militari. TAGLI DA BARI A TREVISO Lacrime e lamenti da Coccodrilli Politici, da Bari e Brindisi fino a Treviso, dopo aver votato un taglio storico delle ff.aa. con la legge di revisione voluta da Di Paola, Monti e alleati .


LA RAPPRESENTANZA SI SVEGLI DAL RUOLO DI SINDACATO GIALLO E CERCHI DI TUTELARE TUTTI. ALTRIMENTI VADA IN FERIE ETERNE, si DIMETTA, CERTIFICANDO L'ATTUALE FALLIMENTO,  dopo almeno aver lasciato agli atti  la richiesta di DIRITTI ASSOCIATIVI E SINDACALI. 
IL PERSONALE MILITARE ? tra prepensionamenti e transiti volontari o forzati nella pubblica amministrazione nei decreti sul personale si legge : “ nel caso si rifiuti il transito imposto in altra amministrazione nelle cause della CESSAZIONE DEL RAPPORTO DI IMPIEGO c’è un NUOVO COMMA – si può perdere il lavoro per infermità a seguito di rinuncia al transito a domanda nell’impiego civile ! -  tradotto volgarmente sarebbe : “ o vai dove ti mando, in altra amministrazione, oppure ti licenzio ! 
Appena conosciuti i programmi  del Governo Monti sulla Difesa  abbiamo subito scritto, mentre altri erano molto assenti o disattenti, per primi , denunciato, manifestato, “ urlato appelli “, scritto mail a tutti i partiti ed a tutti i membri delle Commissioni Difesa; Siamo stati in prima fila a denunciare, SCRIVENDOLO PIU’ VOLTE,  le pesanti conseguenze  ECONOMICHE, SOCIALI, FAMILIARI, LAVORATIVE dovute al taglio del “ politicamente peggior ministro Difesa della storia “ il tecnico Ammiraglio Di Paola. Politica, Partiti  e Governo , sordi e con voto quasi “ militarizzato” hanno approvato a tempo di record TAGLI PESANTISSIMI
Ora, da alcuni giorni, a livello locale si leggono articoli, lamenti ed interventi “ politici “ in rifermento a molte realtà locali. 
La Gazzetta del Mezzogiorno scrive : “ I TAGLI PER LA DIFESA , BATOSTA PER LA PUGLIA “ IL COMANDO DELL’AERONAUTICA LASCIA IL LUNGOMARE DI BARI .  La puglia paga a caro prezzo la riorganizzazione dell’arma azzurra , la perdita più rilevante riguarda il comando scuole di Bari 3^ reg. che entro il 2016 lascerà Bari per Roma. Ridimensionati anche il Comando Aeroporto ed il quartier generale che ha sede a Bari Palese. La scuola volontari di Taranto sarà travolta dai tagli entro il 2015. Soppressa la squadriglia di telecomunicazioni di Martina Franca.  Lascerà Bari anche la direzione di Amministrazione; Verranno Soppressi anche l’Ufficio distaccato di Commissariato di Bari  ed il 65 ° Deposito territoriale di Taranto.  Verranno soppressi numerosi teleposti Meteo. Fonti dell’ Aeronautica affermano che la stessa non può più permettersi di gestire l’ Aeroporto di Brindisi .
A TREVISO, fronte Esercito, intanto …. “Chiediamo possa essere rivista la decisione di smantellare il 1° FOD di Vittorio Veneto. Il comando vittoriese può contare su una struttura moderna ed efficiente che rischia di diventare l’ennesimo contenitore vuoto per il quale sono stati spesi tempo e denaro pubblico”. Questo il commento del segretario provinciale del Partito democratico Roberto Grigoletto che detta così la linea unitaria del partito sul decreto, firmato il 20 febbraio dall’ex Ministro della Difesa Giampaolo di Paola, in base al quale il comando vittoriese verrebbe trasferito nella Caserma Preideri di Firenze. Una struttura vecchia, completamente da rifare che per essere resa agibile richiederebbe un ingente investimento di denaro pubblico: almeno 12 milioni di euro. Ad intervenire sulla vicenda l’Onorevole Vincenzo D’arienzo che a giugno di quest’anno ha depositato alla Commissione Difesa della Camera una risoluzione che impegna il Governo a sospendere l’attuazione di ogni provvedimento per il tempo necessario ad approfondire la vicenda. Sempre a giugno di quest’anno il segretario del PD di Vittorio Veneto Barbara De Nardi e i sindaci di Fregona,Giacomo De Luca e Cappella Maggiore Mariarosa Barazza, avevano incontrato il Ministro dello Sviluppo Economico Flavio Zanonato per esporgli la questione: “Siamo certi che anche dopo l’intervento del Ministro Zanonato le decisione dell’esecutivo sarà rivista. Se così non fosse oltre all’esborso economico– sottolinea il segretario Grigoletto – la città perderebbe un pezzo di storia cittadina e un interlocutore importante anche sul piano della relazione con le attività produttive locali”. 
n.d.r. il PD è stato convinto sostenitore, insieme a tutti i partiti ( IDV esclusa) , dei tagli stilati dal governo Monti Di Paola, se ha un ripensamento ( come sembra anche sugli F 35 )  sui tagli, sulla legge di revisione e sulle molteplici e pesanti conseguenze, lo deve fare a livello Nazionale; altrimenti lamenti locali potrebbero lasciare solo il tempo che trovano su un articolo o su una mozione/interrogazione parlamentare


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  Varie

lunedì 08 luglio 2013

lug

08

2013

EFFETTI DELLA SPENDING REVIEW E REVISIONE STRUMENTO MILITARE ? Ministro Difesa Mauro : “ l’uomo è al centro, l’anima di tutto “.  

Prendiamo le parole del Ministro “ alla lettera “ MENTRE ASPETTIAMO ANCORA UNA RISPOSTA SULLA MODIFICA DEL FESI e ci chiediamo come “ l’uomo – personale “ possa, può essere tutelato.


Esattamente 3 giorni fa, in occasione di una visita in un reparto dell’ Esercito, il Ministro Difesa Mario Mauro, tra l’altro ha detto : “  in un momento in cui si prevede una nuova revisione in termini riduttivi dello strumento militare, è essenziale essere a fianco del personale, per dare spiegazioni a coloro che debbono attuare processi così difficili;  al di là delle apparecchiature e delle tecnologie sofisticate, resta sempre l’uomo il centro, il motore, l’anima di tutto
A proposito di Uomini impiegati nelle Forze Armate abbiamo un esempio attuale e che si moltiplicherà nei prossimi mesi/anni.  TESTO TELEGRAMMA DI POCHI GIORNI FA’ - Esercito - Comunicasi per graduati elencati in allegato designazione di impiego per il trasferimento d’autorità presso Ente…. Entro prima decade di settembre….
Mettiamo che il trasferimento è anche per graduati “ anziani “ con mogli, figli e mutuo , sicuramente fanno i cosi detti “ salti mortali “ per arrivare a fine mese. Riusciamo ad inquadrare i  problemi umani, sociali, economici e familiari che comporta un trasferimento in sede lontana ? Mettiamo da Cosenza a Potenza ( 230 km con collegamenti carenti ), quanto è difficile gestire una situazione che crea oggettivi problemi senza compensazioni sufficienti ?  
L’ uomo al centro, il motore e l’anima di tutto, caro signor Ministro, affronta disagi e problemi concreti. 
Come gli stiamo a fianco ? Con quali Tutele e Diritti ? 


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  Varie

lug

08

2013

PAPA Francesco; il Papa dei Diritti, della Tutela dei deboli, del Rinnovamento profondo e quasi Rivoluzionario in visita a Lampedusa nella terra degli ultimi.  

Lunga vita a Papa Francesco


PAPA Francesco pochi minuti fà : “Tanti di noi, mi includo anch’io, siamo disorientati, non siamo più attenti al mondo in cui viviamo, non curiamo, non custodiamo quello che Dio ha creato per tutti e non siamo più capaci neppure di custodirci gli uni gli altri. E quando questo disorientamento assume le dimensioni del mondo, si giunge a tragedie come quella a cui abbiamo assistito”. “Domandiamo al Signore – è la preghiera del Papa – la grazia di piangere sulla nostra indifferenza, sulla crudeltà che c’è nel mondo, in noi, anche in coloro che nell’anonimato prendono decisioni socio-economiche che aprono la strada a drammi come questo”. Ci siamo abituati alla sofferenza dell’altro, non ci riguarda, non ci interessa, non è affare nostro. Ritorna la figura dell’Innominato di Manzoni. La globalizzazione dell’indifferenza ci rende tutti ‘innominati’, responsabili senza nome e senza volto”.


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  Varie

lug

08

2013

SE IL GENERALE DIVENTA PROFESSORE; Camporini e Rodotà pareri opposti sul Consiglio Supremo di Difesa  

In questi giorni è vivo il dibattito sulle prese di posizione del Consiglio Supremo di Difesa e di conseguenza sulle competenze e ruolo dello stesso Consiglio


Il Generale Camporini, già capo di stato maggiore dell’ A.M. e Capo di Stato Maggiore Difesa fino al 2011, ora vice presidente del Istituto affari internazionali su italiafutura.it scrive, tra l’altro : “ E’ per certi versi sorprendente la vocalità con cui una certa arera del Parlamento ha accolto le conclusioni del Consiglio Supremo di Difesa svoltosi lo scorso 3 luglio. Tale organo, massima istanza Costituzionale per le tematiche di sicurezza del paese, osserva infatti che nell’attuale quadro istituzionale, innovato dalla legge delega ( 244/2012) per la riforma delle Forze Armate, non può sussistere da parte delle commissioni Difesa “ un diritto di veto su decisioni operative su provvedimenti tecnici che, per la loro natura, rientrano tra le responsabilità dell’esecutivo. Secondo Camporini “ una mozione, per quanto approvata con una solida maggioranza, non può cancellare un iter rigoroso, formalmente ineccepibile, che ha visto la convergenza di volontà politica di almeno cinque Governi.
Il Professor Rodota, sullo stesso tema, tra l’altro  afferma : “ Il Parlamento negli ultimi anni è stato trasformato in un guscio vuoto che si limita solo a ratificare i provvedimenti del governo. E proprio ora che tenta di recuperare il suo ruolo costituzionale viene ancora una volta esautorato. Alla domanda – Il Consiglio supremo di difesa sostiene che le decisioni sull’ammodernamento delle ff.aa spettino all’esecutivo - il Rodotà risponde “ Il Consiglio Supremo è un organo di informazione e consulenza del presidente della Repubblica e indirettamente del Governo, di certo non può essere il Consiglio supremo a imporre veti alle Camere. Proprio non gli compete”. La competenza specifica per decidere l’acquisto di armamenti ( nel caso F 35 ) non spetta al Governo, secondo Rodotà, per 2 motivi; E’ vero che il ministro Difesa può intervenire con decreto, ma solo quando si tratta di provvedimenti finanziati da uno stanziamento di bilancio ordinario. Nel caso parliamo di ordini di spesa pluriennali che devono essere rivisti di volta in volta e che di conseguenza devono essere sottoposti al Parlamento, lo stabilisce la legge approvata nel 2012. Legge che porta la firma del presidente Napolitano.


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  Varie

domenica 07 luglio 2013

lug

07

2013

SCANU (PD) contro il Consiglio Supremo di Difesa:“ ha fatto uno scivolone, il Consiglio non è competente a sollevare obiezioni su una legge controfirmata dal Presidente Napolitano”.  

“ 90 F 35 ordinati ? nessun ordine, nessun impegno, nessuna penale, chi afferma il contrario Mente sapendo di mentire “ .


Dichiarazioni all’ANSA del Capogruppo PD in Commissione Difesa Camera : “ Il Consiglio supremo di Difesa ha fatto un involontario scivolone. E’ la legge 244, che ha avuto il parere favorevole del precedente governo, a prevedere che gli acquisti dei sistemi di difesa di tutte le armi siano di competenza primaria del Parlamento con il Governo che svolge funzione concorrente. 
Il Consiglio presieduto da Napolitano è scivolato su un terreno che non gli si addice perché non è competente a sollevare obiezioni su una legge che è stata firmata dallo stesso Presidente della Repubblica
Napolitano sa bene che il Consigli Supremo di Difesa, composto da 7 Ministri non ha il potere di modificare una legge ; La competenza, semmai, spetta alla Corte Costituzionale
Adesso il Parlamento và avanti . Il programma degli F 35 non sarà bloccato ma si farà un indagine conoscitiva, aerei certo ma anche navi e carri armati, per fare luce su alcuni misteri che circondano questa vicenda – Ci dovranno spiegare perché a suo tempo sono stati acquistati i prototipi degli aerei che sono ben più costosi di quelli prodotti in serie, e dovranno dirci quanti ne hanno acquistati tre, sette o dieci
Alla fine dell’indagine dell’indagine conoscitiva si potrebbe stabilire, ad esempio, che può essere fatta una scelta mista tra Eurofighter Europeo e F 35 . Bisogna puntare su due cose – ridurre la spesa e creare un sistema di Difesa degli Stati Uniti d’ Europa che porterebbe ad un notevole risparmio”. Alla domanda di Augusto Ditel dell’ Unione Sarda : MA I 90 F 35 SONO STATI ORDINATI ? Scanu risponde – Lo escludo nella maniera assoluta, nessun ordine, nessun impegno, nessuna penale in caso di rinuncia. Chi afferma il contrario MENTE SAPENDO DI MENTIRE - .    
NOVARA : ANCHE I VIGILI DEL FUOCO IN PIAZZA A BELLINZAGO NELLA NOTTE BIANCA CONTRO GLI F 35. L’USB Unione sindacale di Base ha aderito alla manifestazione del Comitato NO F 35 in programma sabato 13 Luglio nella piazza del municipio di Bellinzago. I vigili del fuoco arriveranno da Torino e da Roma e indosseranno la divisa, quegli stessi, abiti affermano e contestano i Sindacati, che si strappano troppo facilmente e che “ sono di qualità scadente come tutta la nostra attrezzatura “ dichiara Antonio Jritano (USB vigili del fuoco, Ci siamo bruciati le mani e poi abbiamo visto che sui guanti c’era scritto che non dovevano entrare in contatto con il fuoco.  


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  Varie

sabato 06 luglio 2013

lug

06

2013

F 35, SIGLA NOTA A TUTTI, RISCHIA DI ESSERE UNO SPECCHIETTO PER LE ALLODOLE MENTRE L’ESERCITO SPENDE CIFRE GIGANTESCHE, ANCHE SUPERIORI ALL’ F 35 ; Mauro:“ processi difficili per il personale  

Mentre tagliamo migliaia di posti di lavoro militari, indennità e stipendi bloccati (ridotti), con migliaia di volontari sotto retribuiti e Marescialli decimati, spendiamo 22 miliardi per il guerriero hi-tech, quasi più dell’ F 35.


*Sapete cos’è il MEADS ?  è un missile terra aria per il quale abbiamo sborsato 600 milioni di euro e continuiamo a finanziarlo anche se c’è già la certezza che non verrà mai completato. 
E la sigla FORZA NEC ?  è un colossale piano per digitalizzare l’esercito ! 22 MILIARDI di preventivo ed il sogno di schierare 30 mila guerrieri hi-tech. In questo non c’è nulla di segreto ed i parlamentari hanno approvato queste spese senza fare domande. NEC ( Netwoek Enabled Capabilities ) è l’idea di trasformare l’ Esercito in una rete interconnessa : singoli soldati, camionette, carri armati ed elicotteri che si scambiano informazioni in tempo reale, era una vecchia passione di Di Paola che l’ha imposta da capo si stato maggiore e sostenuta da ministro salvandola dalla spending review !  Il tutto per la felicità della SELEX ES, società, tanto per cambiuare, di FINMECCANICA, che gestirà tutto senza gare e confronto sui prezzi. Un ottimo affare perché da qui al 2031 tutto quello che comprerà l’Esercito passerà attraverso il programma FORZA NEC  ( fucili, maschere, elmetti, fuori strada, carri armati dovranno essere digitalizzati). Sempre L’ ESERCITO è nel programma “ missili per difesa aerea doppioni “ ; dieci anni fa L’ Italia e l’ ESERCITO sono  entrati contemporaneamente nel consorzio europeo per il MISSILE SAMP T – ed in quello con Germania e Usa per il Missile MEADS entrambi destinati a fare , più o meno le stesse cose; Il samp t  è entrato in servizio adottato dall’ Esercito mentre i costi decollavano obbligando a ridurre il numero. Così, con 1.200 milioni euro abbiamo solo 5 batterie operative che servono per proteggere la capitale ed un'altra grande città ! L’altro sistema concepito sull’asse Roma-Berlino-Washington appare destinato al flop e solo di progettazione ci è costata 3 miliardi inclusi 539 milioni sborsati dall’ Italia. Sembra che il MEADS resterà un prototipo. Abbiamo un occhio spaziale 4 satelliti spia ( i Cosmo Skymed - costo 1.137 milioni ) che scansionano senza sosta i continenti; ne stiamo allestendo altri 2 . Due anni fà ne abbiamo scelto un altro chiamato OPSIS, stanziamento iniziale 13,5 milioni. Non è finita, nel Luglio 2012, i parlamentari, prima di andare in vacanza, hanno ratificato lacquisto del satellite Israeliano OPSTAT 3000  che è arrivato a sorpresa scavalcando anche i generali grazie ad un accordo tra Governi; per dare ossiggenoa Finmeccanica ed esportare 30 jet Aermacchi, nell’ Ottobre 2011, il premier BERLUSCONI ha fatto al governo Israeliano un offerta, che secondo i quotidiani locali, “ non si poteva rifiutare “ , uno shopping di tecnologie belliche da un miliardo di euro, poi sottoscritto dal governo Monti; abbiamo preso 2 aerei radar ( 550 ) milioni che l’ aeronautica sognava ma non considerava prioritari, e per pareggiare il conto è stato infilato un satellite “ spione spaziale “ ( 350 milioni solo il satellite ) ; 180 milioni vanno agli israeliani e 200 a Telespazio (gruppo Finmeccanica) . *dati tratti da Espresso – Gianluca di Feo. Le spese folli della Difesa.  
6 Luglio 2013 LEGGIAMO LA SEGUENTE NOTIZIA : Il Ministro della Difesa, Sen. Prof. Mario Mauro, ha fatto oggi, 5 Luglio,  visita al Comando Artiglieria Controaerei di Sabaudia.  Il Ministro, giunto a bordo di un elicottero FH90, era accompagnato dalCapo di Stato Maggiore dell’Esercito, Generale di C.A. Claudio Graziano, mentre erano ad attenderli insieme al Comandante della Caserma, Generale Cesare Alimenti, il Prefetto di Latina, Dott. Antonio D’Acunto, il Senatore Federico Fautilli, il Senatore Claudio Moscardelli, il Senatore Domenico Rossi ed il Sindaco della città di Sabaudia, Dott. Maurizio Lucci. il Comandannte ha posto l’accento sul nuovo sistema d’arma missilistico, SAMP-T, che ha sostituito il vecchio e glorioso HAWK 
Parlando agli uomini, al termine della visita ai materiali schierati presso l’area addestrativa, il Ministro ha tenuto a sottolineare 3 punti fondamentali1) in un momento in cui si prevede una nuova revisione in termini riduttivi dello strumento militare, è essenziale essere a fianco del personale, per dare spiegazioni a coloro che debbono attuare processi così difficili; 2) al di là delle apparecchiature e delle tecnologie sofisticate, resta sempre l’uomo il centro, il motore, l’anima di tutto;3) le Istituzioni sono frutto di un patto di libertà, di tutela e di garanzia della democrazia. “Le Forze Armate sono Istituzioni non riconducibili ad altre, sono l’espressione concreta che esiste il pericolo, ma allo stesso tempo sono garanzia di sicurezza per la crescita e la difesa della libertà del nostro Paese”. Tale difesa non si attua rimanendo tra le mura di casa, poiché “siamo corresponsabili di ciò che accade al di là dei nostri confini, per questo gli interventi fuori area sono in linea con l’Art. 11 della Costituzione. Quando l’FH90, con a bordo il Capo di Stato Maggiore, ultimo a lasciare la caserma, si libra in cielo e sorvola l’ultima palazzina per fare ritorno a Roma, il sorriso soddisfatto sul viso finalmente rilassato del Generale Alimenti testimonia il successo della visita. “Avere contemporaneamente il Ministro della Difesa ed il Capo di Stato Maggiore non è mai capitato, averli ospitati ci riempie di orgoglio”!!!!.


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  Varie

venerdì 05 luglio 2013

lug

05

2013

CARABINIERI: Audizione Gen. Gallitelli mentre ORGANI DI BASE ED INTERMEDI DELLA RAPPRESENTANZA, INSIEME AD ORGANIZZAZIONI ED ASSOCIAZIONI CHIEDONO DIRITTI ASSOCIATIVI E SINDACALI PER TUTELARE TUTTI.  

SUL TEMA DEI DIRITTI NON SI CONOSCE LA POSIZIONE DEL COCER CARABINIERI ; MENTRE IL GENERALE GALLITELLI, in Audizione parlamentare, CHIEDE RISORSE.


Da tempo, ed anche negli ultimi mesi, organi di base ed intermedi dei Carabinieri, a similitudine di molti organi di tutti i livelli della GdF,  chiedono diritti associativi e sindacali per tutelare il personale e migliorare condizioni lavorative, economiche e sociali, il tutto insieme ad associazioni ed organizzazioni tipo quella del SUPU del Gen. Pappalardo. Sul tema importante e sentito dei diritti , Il massimo organo della così-detta rappresentanza militare dei CC non si pronuncia (!), silente sui diritti da anni senza confronto assembleare con tutti i suoi organi,   mentre il Comandante Generale chiede risorse ed illustra una situazione sicuramente non rosea. 
 
CARABINIERI: GALLITELLI, MANCANO RISORSE PER AUTO E CASERME PERSONALE SOTTO DI 12 MILA UNITA'; SERVONO PROVVEDIMENTI (ANSA) - ROMA, 3 LUG - Autoveicoli ridotti ''del 24%'', personale in deficit ''di 12 mila unita''' e fondi insufficienti per il mantenimento delle caserme. Sono alcune delle ''criticita'''sollevate dal comandante generale dell'Arma dei Carabinieri, Leonardo Gallitelli, di fronte alle commissioni Difesa di Camera e Senato: urgono ''provvedimenti''. ''Nel 2013 - ha detto il comandante dell'Arma durante un'audizione a commissioni riunite .... LEGGI TUTTO 




  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  Carabinieri

lug

05

2013

Cassino, case VUOTE dell’ Esercito occupate da famiglie di sfrattati.  

L’ Esercito lascia vuote palazzine adibite ad alloggi per militari e gli sfrattati le occupano !


Cassino - Diciotto famiglie hanno occupato, a Cassino, uno stabile dismesso di proprietà del demanio. Lo stabile si trova in una zona periferica vicino la caserma militare. Polizia e Carabinieri sono intervenuti per identificare gli occupanti. Proprio nei giorni scorsi il sindaco di Cassino, Giuseppe Golini Petrarcone aveva incontrato i vertici Ater al fine di mettere in campo una serie di iniziative per tamponare l’emergenza sfratti che sta interessando la città martire.  Rischiano di finire sotto processo per “invasione di edifici” gli sfrattati cassinati che dalla mattina di domenica 29 giugno hanno occupato diciotto appartamenti disabitati ed appartenenti al Ministero della Difesa. le due palazzine che si trovano in via vaglie, a ridosso della caserma militare “80° Rav Roma” fino a qualche anno fa ospitavano gli ufficiali e le loro famiglie. L’occupazione degli alloggi da parte di una cinquantina di persone è arrivata al culmine di una situazione di emergenza che da qualche tempo si registra nel Cassinate. Pochi alloggi popolari a fronte di tantissime richieste e soprattutto di sfratti esecutivi. La Legge però non ammette ignoranza e nei confronti dei manifestanti, seppur disperati, è stato aperto d’ufficio un fascicolo in Procura. 


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  Varie

giovedì 04 luglio 2013

lug

04

2013

TAGLI DEL PERSONALE MILITARE TRA SPENDING REVIEW E REVISIONE DELLO STRUMENTO MILITARE – Termini cari a MARCHIONNE applicati ai Militari. DECIMATO il ruolo Marescialli delle FF.AA.  

Messi nero su bianco da tempo, e ora finalmente noti i Decreti applicativi per i tagli al personale


Da ieri sono noti ( finalmente ) quelli che vengono chiamati con notevole ottimismo “ bozze di decreti “ che determinano numeri e condizioni da applicare per eliminare per sempre circa 35 mila posti di lavoro nelle Forze Armate ! E meno male che tra le priorità del Governo c’è il LAVORO ed i POSTI DI LAVORO del Sistema Italia
Questa breve riflessione non vuole essere un analisi del corposo e non facilmente digeribile documento che contiene molteplici aspetti e riferimenti. E solo una riflessione telegrafica  ed a caldo di numeri e criteri generali applicati. 
Dotazioni organiche complessive dell’Esercito italiano, della Marina militare e dell’Aeronautica militare L'entità complessiva delle dotazioni organiche del personale militare dell'Esercito italiano, della Marina militare, escluso il Corpo delle capitanerie di porto, e dell'Aeronautica militare è fissata a 150.000 unità.
 a) UFFICIALI :   9.000 dell’Esercito italiano;  4.000 della Marina militare;  5.300 dell’Aeronautica militare; 
b) SOTTUFFICIALI:  16.120 dell’Esercito italiano, di cui 1.500 primi marescialli, 4.500 marescialli e 10.120 sergenti;
 2) 9.200 della Marina militare, di cui 1.350 primi marescialli, 3.850 marescialli e 4.000 sergenti;
 3) 15.200 dell’Aeronautica militare, di cui 1.800 primi marescialli, 5.200 marescialli e 8.200 sergenti;
 c) volontari: 1) 64.280 dell’Esercito italiano, di cui 41.380 in servizio permanente e 22.900 in ferma prefissata; 2) 13.600 della Marina militare, di cui 8.000 in servizio permanente e 5.600 in ferma prefissata; 3) 13.300 dell’Aeronautica militare, di cui 7.100 in servizio permanente e 6.200 in ferma prefissata. 2. 
Il totale generale degli organici delle Forze armate è il seguente: a) Esercito italiano: 89.400 unità; b) Marina militare: 26.800 unità; c) Aeronautica militare: 33.800 unità.   
Leggendo certi termini sembra quasi che a scrivere questi decreti siano stati vertici di Confindustria o di Finmeccanica; Entrano nel mondo dei pesanti tagli al personale militare  termini conosciuti bene e usati da Marchionne e simili : “ procedure di mobilità” -  “ piano di programmazione triennale scorrevole “ – transiti volontari in altre amministrazioni (?) indefinite, quali sono quelle che assumono ?  -  transiti del personale militare  nei ruoli del personale civile dell’amministrazione della difesa  -   SE NON C’E’ IL CONSENSO DELL’INTERESSATO – SE LE SEDI SONO PENALIZZANTI PER MOTIVI SOCIALI, ECONOMICI E FAMILIARI ? non c’è problema … il  Marchionne Di Paola ( autore di questa decimazione di posti di lavoro nella Difesa ) e chi la applicherà ha/hanno  previsto tutto, ARRIVA IL PREPENSIONAMENTO ! chiamato elegantemente ARQ  direttamente con lettera all’interessato. 
Ad una prima visione abbiamo notato, tra il molto altro,  delle “ chicche “ nel sistema di avanzamento, non certo in quello dei Sottufficiali, che con i numeri a regime sarà ancor più bloccato.
Nei prossimi giorni sarà un tema approfondito  doverosamente.  


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  Varie

mercoledì 03 luglio 2013

lug

03

2013

DOPO L’APPELLO DI ASSODIPRO AL MINISTRO DIFESA MARIO MAURO IL CASO FESI DIVENTA ANCHE UN INTERROGAZIONE PARLAMENTARE  

Purtroppo, i Militari, sub-rappresentati e senza Diritti Associativi e Sindacali per ottenere risposte hanno bisogno di vie diverse da una normale concertazione/contrattazione sindacale .


Atto Camera 
Interrogazione a risposta scritta 4-01109
presentato da DURANTI Donatella testo di Martedì 2 luglio 2013, seduta n. 44   DURANTI e PIRAS. — Al Ministro della difesa. — Per sapere – premesso che: 
   l'articolo 19 della legge 4 novembre 2010, n. 183, ha previsto la specificità del personale delle Forze armate, delle Forze di polizia e del Corpo nazionale dei vigili del fuoco ed ha attribuito un ruolo negoziale ai COCER; 
   il decreto del Presidente della Repubblica n. 52 del 2009, articolo 5, comma 5 stabilisce che «nella definizione dei criteri di ripartizione delle somme destinate ai fondi per l'efficienza dei servizi istituzionali sarà assicurato il ruolo della Rappresentanza Militare, ai sensi della normativa vigente al momento della suddetta ripartizione»;
   risulta agli interroganti che lo Stato Maggiore della Difesa, contravvenendo alle leggi ed alle norme soprarichiamate, abbia sottoposto alla firma del Ministro della difesa il decreto di attribuzione del fondo efficienza servizi istituzionali (FESI) relativo all'E.F. 2012 senza il previsto parere della rappresentanza militare (COCER);
il Cocer Comparto Difesa ha chiesto di ritirare il provvedimento relativo al F.E.S.I. anno 2012 al fine di riportarlo in un alveo democratico e di legittimità –: 
   
se quanto illustrato in premessa corrisponda al vero; 
   se intenda riconoscere al Cocer il ruolo negoziale riconosciuto dall'articolo 19, comma 3, della legge 4 novembre 2010, n. 183; 
   se intenda, come chiesto dal Cocer Comparto Difesa, ritirare il provvedimento relativo al Fondo efficienza servizi istituzionali (FESI) relativo all'E.F. 2012 emanato senza il previsto parere della rappresentanza militare (COCER) al fine di riportarlo in un alveo democratico e di legittimità;
 
   
se intenda far pervenire al Cocer Comparto Difesa lo schema del decreto del Ministro della difesa attributivo del fondo riguardante l'E.F. 2012 se intenda, relativamente al fondo efficienza servizi istituzionali (FESI) relativo all'E.F. 2013, istituire in tempi brevi un tavolo tecnico.




  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  AS.SO.DI.PRO.

lug

03

2013

I Poliziotti e Militari Colombiani nella marcia di protesta per i loro DIRITTI. Dopo la solidarietà di ASSODIPRO dall’ Italia, arriva quella di EuroCOP e EUROMIL .  

EuroCOP ed EUROMIL portano la questione all' attenzione del Parlamento Europeo. I colleghi Colombiani denunciano di essere stati maltrattati.


 Juan Carlos Lugano Rizzo ci comunica che : I poliziotti e riservisti militari in Colombia hanno denunciato di fronte al mondo e prima ed ai  Sindacati e Associazioni d’'Europa, che i loro iscritti e partecipanti sono stati ingannati e Maltrados, hanno cercato di farli  desistere dal continuare la loro marcia per raggiungere Bogotà. Il colonnello della Polizia Nazionale della Colombia William Guevara, vice direttore della Sanità,  ha trattenuto i camminatori, con il pretesto di fornire aiuti Medici, Denunciano al governo della Colombia per il mondo, che non deve  succedere nulla ai loro colleghi che partecipano alla marcia.  
EUROCOP, la Confederazione europea di Polizia, e EUROMIL, Organizzazione delle associazioni militari, sono stati informati circa il corso del conflitto del lavoro tra il Governo della Colombia e pensionati del forze armate e della polizia. Per la seconda volta, questi ex militari e poliziotti hanno iniziato una marcia di trenta giorni per la capitale, Bogotà, per richiedere un miglioramento dei loro stipendi e benefici. La marcia è iniziata il 1 ° luglio 2013 in la città di Barranquilla e si prevede di terminare il 1 ° agosto 2013 alla Capitale dove ci sarà una manifestazione  sulla Plaza de Bolivar. I manifestanti chiedono il governo di pagare i propri debiti alla polizia e forze armate. Con questa dichiarazione comune, EUROCOP e EUROMIL chiedono al Governo Colombiano di trovare un accordo con i loro ex dipendenti. I dipendenti che, in attività di servizio,  hanno servito il loro paese e dei suoi cittadini, mettendo la propria salute e vivere in pericolo. I governi devono rispetto ai servitori dello stato  e devono trattarli con rispetto e dignità, anche quando non sono più in servizio attivo. 
EUROCOP e EUROMIL hanno invitato l'Unione europea a indagare su questo caso. 
EUROCOP e EUROMIL sono del parere che l'Unione europea dovrebbe sollecitare la Colombia  al fine  di garantire che i cittadini siano trattati correttamente e siano tutelati i loro  diritti umani e le libertà fondamentali, compreso il DIRITTO  di Sindacato.


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  AS.SO.DI.PRO.

lug

03

2013

CONSIGLIO SUPREMO DIFESA: “ SUGLI F 35 DECIDE IL GOVERNO, NIENTE VETI DAL PARLAMENTO".  

Fino ad Oggi, autorevolissimi parlamentari che si occupano di Difesa da anni e lo stesso Ministro Difesa, avevano detto l’esatto contrario.


Roma, 03-07-2013 fonte  rainews24.  Il Parlamento non può avere diritto di veto "sui programmi di ammodernamento delle Forze Armate", perché decisioni in questo campo "per loro natura, rientrano tra le responsabilita costituzionali" del governo. Lo afferma il Consiglio supremo della Difesa, che si è riunito questa mattina al Quirinale presieduto dal capo dello Stato Giorgio Napolitano.   Decide il Governo
Nel comunicato si sottolinea anche che "a parere del Consiglio Supremo, tale visione è conforme allo spirito ed al disposto della legge 244, anche per quanto attiene alle necessità conoscitive e di eventuale sindacato delle Commissioni Difesa sui programmi di ammodernamento delle Forze Armate, fermo restando che, nel quadro di un rapporto fiduciario che non può che essere fondato sul riconoscimento dei rispettivi distinti ruoli, tale facoltà del Parlamento non può tradursi in un diritto di veto su decisioni operative e provvedimenti tecnici che, per loro natura, rientrano tra le responsabilità costituzionali dell'Esecutivo".  




  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  Ultim'ora

lug

03

2013

Aeronautica Militare : tre trasporti sanitari d’urgenza per Falcon del 31° Stormo - Altro che far volare Apicella ed altre sugli Aerei di Stato !  

Ottimo servizio alla collettività reso dall’ Aeronautica Militare.


Roma, 2 Luglio ( adnkronos ) Giornata intensa per un Falcon 50 del 31° stormo di Ciampino che a partire dalle 15.10 del 1 Luglio, ha volato senza sosta per soddisfare richieste di trasporto sanitario pervenute alla sala situazioni dello S.M.A. Il primo trasporto si è reso necessario per trasferire un bimbo di 2 anni in imminente pericolo di vita dal reparto cardiologia pediatrica di palermo a quello dell’ospedale di Bologna, dove verrà sottoposto a trapianto. Lo stesso aereo è poi ripartito per Cagliari per prelevare una neonata di soli 4 giorni affetta da grave patologia, che è stata trasportata a Roma. Poi, la terza missione in favore di un uomo di 67 anni affetto da grave patologia cardiaca che è stato trasportato ad Udine.
In altri periodi ed ere politiche, i voli di stato, pare, non sono stati usati per fini prettamente istituzionali, speriamo non accada mai più.


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  Varie

lug

03

2013

Stefano Bruno Galli – Lega NORD: Quello della Macroregione e delle Macroscopiche Stupidaggini - “ L’Esercito Italiano ? Un simbolo deteriore del paese”.  

“ L’Esercito luogo di inefficienza, pieno di zecche e parassiti, di pidocchi rintanati nelle Caserme”.


Se c’è qualche collega in Lombardia o altre regioni che ha avuto oppure ha, sentimenti di vicinanza politica verso la Lega Nord, è bene che rifletta sulle Macroscopiche Stupidaggini dette dal Capo Gruppo delle Lista Maroni in Regione Lombardia.
Non sono nuove, come filone, a chi segue la politica anche sugli aspetti di interesse della Difesa o FF.AA  riguardanti il personale.
Già nel Dibattito sulla legge di revisione dello strumento Militare era emersa la posizione dello stesso partito, in parlamento, che chiedeva tagli ancor maggiori di personale rispetto a  quelli pesantissimi programmati , proposti ed in fase di attuazione. Ricordiamo anche  il flop demagogico e populista delle “ ronde “ o le proposte per far arruolare negli alpini solo ragazzi del Nord (!).
La regione Lombardia ha dato via libera alla mozione per dire no al Ministero Difesa di trasferire il reggimento di artiglieria a cavallo da Milano a Vercelli. Osserviamo che casi del genere si presenteranno con notevole frequenza nei prossimi giorni / mesi in molte località del paese visto il programma di tagli al personale e chiusure ed accorpamenti di decine di enti-caserme militari. Le realtà locali poco potranno di fronte alle chiusure programmate ed ai tanti problemi economici, sociali, familiari e lavorativi che avranno migliaia di militari senza tutele e diritti sindacali e solo con organi di sub rappresentanza.  
Magari, in ipotesi, con i diritti Sindacali, un Sindacalista dei Militari potrebbe denunciare per diffamazione il professore consigliere Leghista.
Al danno, si aggiunge la beffa leggendo le dichiarazioni del Prof. Stefano Bruno Galli considerato  teorico della Macroregione del Nord ed erede del pensiero di Gianfranco Miglio. “ L’Esercito Italiano ? un simbolo deteriore, luogo di inefficienza, pieno di zecche e parassiti, di pidocchi rintanati nelle caserme – Ente non esente da scandali, compreso il doppio lavoro dei graduati e braccio armato del potere coercitivo dello Stato.
Il Ministro Difesa Mauro ha commentato : “ Parole insensate e gravissime ”.
Sarebbe interessante  ricevere pareri e commenti su questa Macroscopica Stupidaggine detta , da una politica arrogante , disinformata sui settori che si permette anche di offendere, auto assolutoria e strabica con se stessa mentre chiede pesantissimi sacrifici a tutti , ed i  militari sono in prima linea sui tagli e sacrifici.
Lo sono a cominciare dalle migliaia di volontari sottopagati e senza diritti che si devono sentire offesi  ed accusati di doppio lavoro da chi ha retribuzioni e prebende sempre meno tollerabili.
 s.rullo@tin.it


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  Politica

Vai a pagina  1 2 3 ... 39,75 [40,75] 41,75 ... 90 91 92

Archivio News


Categorie News

 



Altre News

mar 23 ottobre 2012 - 15:32:20
NO alla Riforma Pensioni - NO ai Tagli di personale nelle FFAA - NO alla Revisione dello strumento Militare . MONTI Incontra una delegazione dei partecipanti - GIORNATA STORICA e risultati concreti
sab 06 ottobre 2012 - 10:03:16
Fonte: lasottilelinearossa.over-blog.it
ven 28 settembre 2012 - 12:57:07
Roma, 28 set. (Adnkronos)
sab 18 agosto 2012 - 16:23:24
di Luca Kocci pubblicato su Il manifesto, il 17/08/12

 

Tema Grafico by iWebSolutions - partner e107 Italia