Dimensione testo:   Carattere Piccolo Carattere Standard Carattere Grande


Menù Principale

· Upload
· HOME
· LINK
· FAQ


Benvenuto

Nome di Login:

Password:




Ricordami

[ ]
[ ]
[ ]

Intestazione


»PRATO: RUBANO IN UN MAGAZZINO, LADRI ARRESTATI CON LA REFURTIVA
Prato, 24 apr. - (Adnkronos) - La scorsa notte i carabinieri del nucleo radiomobile della compagnia ...
»Assenti durante lavoro, sospesi dipendenti Azienda sanitaria
(ANSA) - VIBO VALENTIA, 24 APR - Si assentavano dal posto di lavoro per sbrigare le faccende persona ...
»Furti energia: 8 arrestati e subito scarcerati nel Palermitano
(AGI) - Palermo, 24 apr. - Otto persone sono state arrestate per furto di energia elettrica durante ...
»Pretende soldi e minaccia madre e sorella, arrestata ad Adelfia
(AGI) - Bari, 24 apr. - I carabinieri hanno arrestato ad Adelfia(Ba) una donna di 30 anni con le acc ...


Data di pubblicazione: Non conosciuto(a)
Dettagli

Siamo su Facebook

Translate This Page

FAQ


Date / Time

 


Ultime News

24 apr : 13:29





















Latest Downloads

bullet sentenza del TAR di Lecce N. 00810/2013 REG.PROV.COLL.
Description: sentenza del TAR di Lecce che ha accolto il ricorso contro due punizioni inflitte al Maresciallo Comandante della Stazione Carabinieri di Taurisano (LE)
Date stamp 09 apr : 20:51
bullet BENEMERENZA AL DOTTOR GUGLIELMO EPIFANI
Description:
Download Now: Download
Date stamp 17 nov : 14:55
bullet Consiglio Di Stato 03137/2010
Description: Forse non basta, per loro, il fatto che non abbiamo nessuno all’interno che ci “TUTELI” ? Il fatto che la giurisprudenza costituzionale abbia osservato che non può conside
[Leggi tutto...]
Download Now: Download
Date stamp 15 ott : 23:00
bullet Schema di regolamento di armonizzazione dei requisiti di accesso al sistema pensionistico del person
Description: Schema di regolamento di armonizzazione dei requisiti di accesso al sistema pensionistico del personale comparto difesa-sicurezza e comparto vigili del fuoco e soccorso pubblico.
Date stamp 22 set : 09:48
bullet Cessazione anticipata dal servizio - Circolare n. M_D GMIL1 II 5 1 0257231 dell'8 giugno 2012 r
Description: Circolare n° M_D GMIL1 II 5 1 0257231 , sez.: "Altro" Cessazione anticipata dal servizio, a domanda, e al collocamento in ausiliaria, per l'anno 2012, degli uffi
[Leggi tutto...]
Download Now: Download
Date stamp 24 lug : 16:29
bullet Vacanza contrattuale - Circolare n. M_D GMIL 1 IV 10 0285493 - adeguamento della misure dell'in
Description: Circolare n° M_D GMIL 1 IV 10 0285493 4° Rep. 10ª Div. - Adeguamento delle misure dell'indennità di vacanza contrattuale in favore del personale militare destinatario d
[Leggi tutto...]
Date stamp 24 lug : 16:24
bullet 3° Rep. 7ª Div. - Eventi suscettibili di avere riflessi sul servizio. Comunicazione ai sensi dell&
Description: Circolare n° M_D GMIL1 III 7 1/0294795, sez.: "Altro" 3° Rep. 7ª Div. - Eventi suscettibili di avere riflessi sul servizio. Comunicazione ai sensi dell'art. 74
[Leggi tutto...]
Date stamp 24 lug : 16:00
bullet Circolare n° M_D GMIL II 5 1 2012 0248948
Description: 2° Rep. 5ª Div. - Licenza straordinaria speciale di trasferimento Disposizioni per la concessione della licenza straordinaria speciale di trasferimento al personale militare d
[Leggi tutto...]
Download Now: Download
Date stamp 09 giu : 19:53
bullet Senteza su tempistica per proporre domanda al passaggio ruoli civili
Description: Senteza su tempistica per proporre domanda al passaggio ruoli civili
Date stamp 24 feb : 12:36
bullet Sentenza su Legge 104
Description: Sentenza su Legge 104
Date stamp 24 feb : 12:36

Link

Aggiunte recenti

mercoledì 06 marzo 2013

mar

06

2013

MILITARI GRECI IN PIAZZA il 9 e 13 Marzo - Il FORUM DELLE ASSOCIAZIONI MILITARI DEL MEDITERRANEO ESPRIME SOLIDARIETA’ AI MILITARI GRECI CHE SI ACCINGONO A SCENDERE IN PIAZZA PER I LORO DIRITTI  

Dopo la Solidarietà e vicinanza espressa da ASSODIPRO, arriva anche quella delle Associazioni Militari del Mediterraneo E dei colleghi Spagnoli dell' Associazione AUME


SOLIDARIETÀ TRA SOLDATI DEL MEDITERRANEO
Ai nostri compagni greci:
Come abbiamo avuto modo di affermare nel Manifesto presentato il 12 dicembre 2012, i cittadini militari dei paesi mediterranei sono contro l'escalation di tagli diritti e delle condizioni di lavoro a livello europeo, che colpisce non solo per la nostra carriera di soldati professionisti, ma, più purtroppo, per le condizioni di vita delle nostre famiglie.
La situazione della Grecia è peggiorata passo dopo passo nel corso degli ultimi mesi e arriva ora ad un livello molto critico in cui la perdita di valori e morale tra la popolazione potrebbe compromettere seriamente la coesione sociale e potrebbe anche portare il paese ad un futuro incerto.
A nome del Forum Mediterraneo delle associazioni militari, sono pienamente a simpatizzare e supportare i nostri colleghi greci, militari di tutti i gradi e di servizi, e incoraggiarli a rimanere in lotta per il riconoscimento dei loro diritti fondamentali e il rispetto del loro status di servitori dello stato. Miguel López   FMMA site Madrid  Madrid
, 6 marzo 2013.
 
Carissimi Colleghi Militari e Cittadini Greci, da tempo seguiamo con grande preoccupazione la crisi Greca e tutte le conseguenze che questa comporta sul popolo greco . Vi Siamo vicini nella sacrosanta richiesta di migliori diritti, migliori condizioni di vita ed economiche. L’ Augurio di noi tutti è che la politica economica che stà mettendo in ginocchio milioni di persone possa cambiare radicalmente e finalmente si guardi principalmente alle persone e non a potentati economici bancari che stanno rovinando la vita ad intere generazioni. Vedere la Grecia, Culla della civiltà occidentale, battersi in una crisi che crea dolore e sofferenza è una ferita aperta per l’ Europa intera. Non si possono dimenticare le responsabilità politiche di coloro che, non solo nel vostro paese, stanno provocando milioni di disoccupati e caduta di salari e diritti. ASSODIPRO, associazione di Cittadini e Militari, vi è vicina ed è idealmente con voi nella sacrosanta richiesta di diritti e migliori condizioni economiche e sociali.Con Grande Solidarietà, affetto e vicinanza.
Salvatore Rullo vice presidente ASSODIPRO  Roma, 4 Marzo 2013


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  Politica

martedì 05 marzo 2013

mar

05

2013

CONTINUA LA BATTAGLIA DEL MARESCIALLO DEI CARABINIERI Antonio CAUTILLO AL QUALE NON VIENE CONCESSO IL DIRITTO DI CONFERIRE CON IL MINISTRO DELLA DIFESA.  



Siamo al 19° tentativo ! RECORD MONDIALE DI NEGAZIONE DI DIRITTI. Per ben 18 volte l'Istanza è rimasta nei cassetti ! Al Maresciallo CAUTILLO viene NEGATO, ripetutamente, da anni, di conferire con il MINISTRO DIFESA.
 
.:: Leggi Istanza e Riepilogo
 
.:: Articolo Pubblicato 31-OTT-2012


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: A_S_D_P icona autore |  Varie

mar

05

2013

FASCISTA E SODALE DELL EX TERRORISTA NERO Stefano Delle Chiaie (!) PARTECIPA AD UN CONVEGNO ALLA SCUOLA DI FANTERIA DELL’ESERCITO DI CESANO  

Mario Merlino in cattedra davanti agli Ufficiali e Sottufficiali della Scuola di fanteria Dell’Esercito.


Merlino è Intervenuto in un convegno sulla seconda guerra mondiale dal titolo “ Carattere di una guerra “ organizzato alla fine di Febbraio presso la scuola di Fanteria dell’Esercito a Cesano; secondo quanto riportato da lui in un blog , al convegno ha partecipato anche Gina R. con la Camicia Nera ed il basco del S.A.F. ( Servizio ausiliario femminile della Repubblica sociale istituito nel 1944 ) , commentando il periodo della Liberazione Merlino ha affermato che “ I Partigiani erano l’avanguardia di coloro che avrebbero comandato in questo paese e, sebbene la fisiognomica non sia una scienza, i loro volti erano la premessa di quelli che vediamo, ad esempio, in questi gironi, sorriderci in osceni ghigni dai manifesti sui muri e sui tabelloni , Merlino ha ricordato le “offese subite da Gina R. alla sua vita al servizio dell Idea” …. E scrive che a questa affermazione i giovani sottufficiali sono scattati in piedi in un lungo, sincero e caloroso applauso (! ) Un Grande mazzo di fiori gialli le è stato consegnato direttamente dal Generale .
L’ ESERCITO, spiega in una nota che la conferenza è stata organizzata dalla scuola di Fanteria con la partecipazione dell’Associazione del Fante che ha indicato tra i relatori il professor Merlino già docente di storia e filosofia in un liceo di Roma, sono intervenuti anche membri dell ‘ Associazione del fante ed un reduce della Battaglia di El Alamein.
CHI E’ MARIO MERLINO : La militanza fascista ( www.anarcopedia.org ) Dal 1962 al 1968 milita attivamente in vari gruppi dell'area neofascista; nel 1965, dal 3 al 5 maggio, partecipa al convegno sulla "guerra rivoluzionaria" organizzato dall'Istituto di studi militari Alberto Pollio a Roma e a cui partecipano, tra gli altri, anche Pino Rauti e Stefano Delle Chiaie, con i quali entra in stabili rapporti d'amicizia.Nel febbraio 1968, che vede contrapposti gli studenti e le forze dell’ordine, Merlino, insieme ai militanti di Avanguardia Nazionale, partecipa ambiguamente agli scontri di Valle Giulia che vede contrapposti gli studenti di sinistra con le forze dell'ordine .
Nel marzo del 1968 è tra gli squadristi, alla cui testa si pongono gli on. Giorgio Almirante e Luigi Turchi, che danno l’assalto alla facoltà di lettere di Roma, occupata dagli studenti di sinistra. In Grecia con Rauti e Delle Chiaie ( www.corriere.it )  Prima di entrare in Avanguardia nazionale, Merlino aveva fatto parte di Ordine nuovo e della Giovane Italia. Nell’aprile 1968, nel primo anniversario del colpo di stato dei colonnelli in Grecia, partecipò a un viaggio, ufficialmente definito “di studio”, ad Atene, guidato da Pino Rauti, Stefano Delle Chiaie, Loris Facchinetti. Con lui «alcune dozzine di militanti che furono accolti dai dirigenti del regime amicoe sottoposti a una sorta di corso accelerato in quelle tecniche di infiltrazione a scopo eversivo cghe erano state impiegate con successo in Grecia l’anno precedente. (...) Al ritorno dalla Grecia adottò il look contestatore (barba e capelli lunghi, eskimo) e fondò il circolo XXII Marzo, i cui membri infiltrarono le manifestazioni studentesche gettando bombe molotov e incendiando auto. (...) La provocazione fu scoperta e il XXII Marzo costretto a sciogliersi. Merlino tentò quindi di agganciare un gruppo maoista (Avanguardia proletaria) e il Partito comunista d’Italia (Linea rossa). In entrambi i casi fu smascherato e cacciato». [Ferraresi 1997] Passò quindi ai gruppi anarchici: aderì al Bakunin e fondò il 22 Marzo.


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  Varie

lunedì 04 marzo 2013

mar

04

2013

Militari Greci in Piazza il 9 e 13 Marzo. ASSODIPRO DICHIARA LA PROPRIA VICINANZA AI MILITARI GRECI CHE SI ACCINGONO A MANIFESTARE PER MIGLIORI DIRITTI E CONDIZIONI DI VITA.  

I Militari Greci Rappresentati dall’Associazione ANEAED chiedono ai Militari Italiani ed ASSODIPRO solidarietà e vicinanza.


Riceviamo la lettera di Georgios Papakonstantinou Presidente ANEAED.
Cari Amici e Colleghi Militari Italiani vi  informiamo che la situazione in Grecia, riguardo i diritti, i salari e le pensioni, del personale Militare in servizio è peggiorata. Organizziamo una grande manifestazione, personale in servizio e personale  in pensione, ufficiali  e sottufficiali, che si terrà nel centro della città di Atene, il 9 marzo 2013.  Vi Chiediamo poche righe di solidarietà per far fronte durante la manifestazione per conto di FMMA e individuale con  i colleghi bulgari. 
La manifestazione è stata decisa alcuni giorni fa e abbiamo poco tempo per  organizzarla.
Una seconda manifestazione è organizzata e si terrà, a Salonicco, seconda città più grande della Grecia dopo Atene, il 13 marzo, 2013. Siamo lieti di informarvi anche che abbiamo già ricevuto un messaggio di solidarietà del presidente della Euromil Emmanuel Jacob. Stiamo aspettando con impazienza di sentire la vostra vicinanza.
Cordiali saluti, 
Georgios Papakonstantinou Presidente ANEAED

Carissimi Colleghi Militari e Cittadini Greci, da tempo seguiamo con grande preoccupazione la crisi Greca e tutte le conseguenze che questa comporta sul popolo greco . Vi Siamo vicini nella sacrosanta richiesta di migliori diritti, migliori condizioni di vita ed economiche. L’ Augurio di noi tutti è che la politica economica che stà mettendo in ginocchio milioni di persone possa cambiare radicalmente e finalmente si guardi principalmente alle persone e non a potentati economici bancari che stanno rovinando la vita ad intere generazioni. 
Vedere la Grecia, Culla della civiltà occidentale, battersi in una crisi che crea dolore e sofferenza è una ferita aperta per l’ Europa intera. Non si possono dimenticare le responsabilità politiche di coloro che, non solo nel vostro paese, stanno provocando milioni di disoccupati e caduta di salari e diritti. 
ASSODIPRO, associazione di Cittadini e  Militari, vi è vicina ed è idealmente con voi nella sacrosanta richiesta di diritti e migliori condizioni economiche e sociali.
Con Grande Solidarietà, affetto e vicinanza. 
Salvatore Rullo  vice presidente ASSODIPRO


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  AS.SO.DI.PRO.

sabato 02 marzo 2013

mar

02

2013

DOPO LE PROTESTE DEI SINDACATI DEL PUBBLICO IMPIEGO SUL BLOCCO DEI CONTRATTI, FINALMENTE UN CoCeR Si fa sentire con dignità ed azione rappresentativa del suo personale. CoCeR GdF  

Il Rappresentanti del CoCer Guardia di Finanza : " Il Governo uscente non attui nessuna iniziativa sui contratti "


DIFFIDA DEL COCER GDF AL GOVERNO MONTI: QUESTO ESECUTIVO E' IN SCADENZA DI MANDATO, NON INTRAPRENDA ALCUNA ULTERIORE INIZIATIVA IN PREGIUDIZIO DEI FINANZIERI COMUNICATO STAMPA    Preso atto delle indiscrezioni apparse sui media, in cui si palesa la volontà da parte del Governo uscente di emanare un decreto ministeriale con cui si intenderebbe esercitare la delega contenuta all’art. 16 comma 1 lettera a) del D.L. 98/2011 al fine di estendere a tutto il 2014 il congelamento dei trattamenti economici del personale pubblico previsto dall’art. 9 del D.L. 78/2010, questo Consiglio, in rappresentanza di 60000 finanzieri, DIFFIDA L’ATTUALE ESECUTIVO DA VOLER INTRAPRENDERE QUALSIASI INIZIATIVA DI QUESTO TIPO IN SCADENZA DI MANDATO, rimandando ogni valutazione al nuovo Governo, così come già avvenuto per il regolamento di armonizzazione previdenziale del comparto sicurezza e difesa.  L’adozione di un tale provvedimento, infatti, configurerebbe un atteggiamento opportunista da parte dell’attuale Esecutivo e soprattutto dell’attuale Presidente del Consiglio, in quanto, se la situazione finanziaria è davvero così drammatica da non poter oggi rinviare la questione al prossimo Governo, ci si chiede come mai questo provvedimento non è stato emanato prima delle recenti elezioni.  Senza contare, che lo stesso art. 9 del D.L. 78/2010 è già all’attenzione della Corte Costituzionale che molto difficilmente potrà emettere una sentenza sfavorevole, visto quanto già dalla stessa deciso, con la sentenza n. 183/2012, in tema di contributo di solidarietà per i dipendenti pubblici con redditi superiori a 90.000,00 € ed in tema di trattamento economico dei magistrati.  
Roma,1-marzo-2013
IL COCER GUARDIA DI FINANZA


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  RR.MM.

venerdì 01 marzo 2013

mar

01

2013

L’appello petizione a Beppe Grillo Lanciato da Viola Tesi ha raccolto 138.000 firme in 2 giorni ( dato aggiornato alle 12.10 del 01.03.2013)  

Anche se ha fatto mettere le mani nei capelli a Grillo ed a molti Grillisti integralisti, Si può sottoscrivere sul sito www.change.org


www.change.org 
Mi chiamo Viola, ho 24 anni. Ho votato, e l’ho fatto con molta speranza, il M5S. Sono tra quei milioni di giovani che credono in una rivoluzione gentile: in un Paese solidale, più pulito e giusto, capace di tutelare i cittadini, il loro lavoro, l’ambiente in cui vivono. Io vorrei un’Italia in cui le persone tornino a essere cittadini e smettano di essere sudditi, un’Italia che rispetti i nostri sogni e li sostenga. Vi ho votati con queste speranze nel cuore.
Il M5S ha ottenuto una vittoria alla quale in pochi credevano. Ma un sistema elettorale malato ha prodotto un risultato che non garantisce  governabilità. Il mandato del Presidente della Repubblica Napolitano è in scadenza, le Camere non possono essere sciolte, non da lui: non si può tornare subito alle urne. Questo Parlamento avrà forse vita breve, ma non brevissima.
Ti scrivo, e spero saranno in tanti a sottoscrivere questo mio appello, perché gli eletti del M5S hanno un’occasione storica. Da ciò che decideranno dipenderà un pezzetto di storia della Repubblica che può aprirci al futuro o consegnarci per sempre al passato. Dobbiamoscongiurare qualsiasi ipotesi di alleanza PD-PdL, e non permettere alla minoranza di Monti di condizionare gli equilibri parlamentari. Possiamo respingere il ritorno di Berlusconi ecostringere Bersani ad accettare le sfide che i suoi stessi elettori vorrebbero raccogliesse. 
Si possono fare poche cose, prima di tornare alle urne, in poco tempo:
1. Una nuova legge elettorale
2. Una legge contro la precarietà e l’istituzione del reddito di cittadinanza
3. La riforma del Parlamento, l’eliminazione dei loro privilegi, l’ineleggibilità dei condannati; 
4. La cancellazione dei rimborsi elettorali
5. L’abolizione della legge Gasparri e una norma sul conflitto d’interessi
6. Una legge anticorruzione che colpisca anche il voto di scambio; e l’istituzione di uno strumento di controllo sulla ricchezza dei rappresentanti del popolo (il “politometro”); 
7. Il ripristino dei fondi tagliati alla Sanità e alla Scuola; 
8. L’istituzione del referendum propositivo senza quorum; 
9. L’accesso gratuito alla Rete
10. La non pignorabilità della prima casa.
Lo so, non sono tutte le cose che il M5S vorrebbe realizzare. Sono alcune, quelle che mi sembrano più urgenti e realizzabili in tempi brevi. 
Trasformatele in realtà e tra pochi mesi l’Italia sarà già un Paese pronto per ripartire. Sono impegni, caro Beppe, che possono raccogliere il consenso di molte persone che come me hanno a cuore il futuro, i più deboli, il Paese. E non tutte hanno votato M5S.
Al PD sarà quasi certamente dato mandato di provare a formare un nuovo Governo. Non ci sono molte possibilità: se i senatori del M5S si astengono o votano contro, sarà paralisi, o peggio, vedremo un qualche Monti bis. Queste elezioni sono costate quasi 400 milioni di euro. Non è difficile capire ciò che gli elettori chiedono.A voi, che siete i nostri dipendenti, è stato dato un mandato. Raccogliete questa sfida e cominciamo subito a cambiare l’Italia, per il bene di tutti.
Caro Beppe, non sprecare il mio voto. L’ho dato con la testa e con il cuore.
Ti saluto con amicizia, Viola


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  Politica

mar

01

2013

CONTRATTI DIPENDENTI PUBBLICI, UN FUTURO SENZA BUONE NOTIZIE. Protestano i Sindacati, i CoCeR rappresentanti dei Militari continuano il silenzio ?  

Un Governo Bocciato dal voto potrebbe estendere il Blocco dei contratti fino al 2017. Bloccata anche la vacanza contrattuale che scatterà solo dal 2015.


Il 9.ottobre 2012 Su questo sito abbiamo scritto : PER FORZE ARMATE E POLIZIA SCOMPARE L'INDENNITA' DI TRASFERIMENTO per chi viene spostato in sedi limitrofe per la SOPPRESSIONE del Reparto dove presto servizioE' confermato , da una bozza sul provvedimento , il blocco dei contratti fino al 2014 e per il 2013-2014 non sarà erogata neanche l'indennità di vacanza contrattuale. Non Bastano spending review con tagli occupazionali di 20mila miltari - di cui 12 mila Giovani in 3 anni. L’indennità di vacanza contrattuale viene data ai dipendenti pubblici in situazione di blocco contratti. Ammonta a pochi euro ( 10 – 12 netti ) che vengono erogati ogni mese fino al rinnovo . Dal 2010 i dipendenti pubblici, logicamente Militari compresi, sono con i contratti bloccati . Il blocco viene Allungato fino al 2014 e dal 1° gennaio 2013 eliminano la vacanza contrattuale. 12 euro – dodici ! si sono attaccati anche a quelli ! una vera e propria CRESTA ( articolo intero e doc. allegati al link : http://www.militariassodipro.org/news.php?item.788.10 )
Oggi possiamo dire che Il  futuro si annuncia senza buone notizie per i 3 milioni di dipendenti pubblici.
A prevedere le «misure di blocco delle progressioni e degli scatti degli stipendi della pubblica amministrazione» era stato il decreto sulla spending review (quelle norme di contenimento della spesa pubblica varate dal governo di Mario Monti, ma ora sono stabilite da un decreto ministeriale (Economia e Funzione pubblica). Che deve essere discusso dal prossimo consiglio dei ministri.
«Nulla è ancora stato deciso», ha poi precisato il ministero dell'Economia, rimandando alla riunione del Cdm. In quella sede si prevede venga posa l'ultima parola per una decisione impopolare, e di cui va valutata anche l'opportunità in un momento in cui il dossier è in mano a un governo uscente.
LA PROTESTA DEI SINDACATI. Ad Oggi certifichiamo il silenzio dei CoCeR sull'argomento.  Intanto le indiscrezioni sulla possibilità di un imminente varo del provvedimento, hanno innescato lo scontro con i sindacati.
Per la leader della Funzione pubblica della Cgil, Rossana Dettori, sarebbe «davvero inopportuno un decreto approvato dal governo Monti, una forzatura ai danni dei lavoratori delle pubbliche amministrazioni»: «Non credo», ha detto, «che l'esecutivo uscente possa permettersi di prendere scelte politiche così importanti proprio in questi giorni, non fin quando il quadro politico non sarà più chiaro».
«Il ministro della Funzione pubblica Patroni Griffi», si è chiesta la sindacalista, «dovrebbe smentire le voci che annunciano un decreto come imminente».
DECIDE UN GOVERNO BOCCIATO. Non è così, da Palazzo Vidoni è arrivato invece informalmente la conferma che «il nodo», non un provvedimento già definito, è destinato ad arrivare presto sul tavolo dell'esecutivo. «Un governo al termine del suo mandato e bocciato sonoramente dal voto popolare, non può continuare a colpire le condizioni di lavoro in tutti i comparti pubblici», ha avvertito il segretario generale Flc-Cgil, che rappresenta anche i lavoratori della scuola, Mimmo Pantaleo.
«Si pone una questione democratica», ha detto, «perché un atto di tale rilevanza per le condizioni dei lavoratori dovrebbe essere discusso con le organizzazioni sindacali e attraverso una piena assunzione di responsabilità da parte del parlamento».
«Un'altra proroga al blocco dei contratti pubblici sarebbe inaccettabile», hanno aggiunto i segretari generali Funzione pubblica e Scuola della Cisl, Giovanni Faverin e Francesco Scrima: sarebbe, hanno detto, «un atto sbagliato che colpirebbe il bersaglio sbagliato. Non è la spesa per il personale che zavorra le finanze pubbliche, ma gli sprechi e la cattiva organizzazione».


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  AS.SO.DI.PRO.

mar

01

2013

ECCO CHI ABBIAMO AVUTO IN COMMISSIONE DIFESA. DE GREGORIO : “ Berlusconi mi ha corrotto con 3 milioni di euro per sabotare il Governo Prodi “.  

Plauso e Onore al Senatore CAFORIO IdV, in Commissione Difesa Senato che RIFIUTO’ 5 MILIONI DI EURO e denunciò il tentativo di corruzione.


Il Parlamentare Sergio De Gregorio confessa di aver venduto la propria funzione.
Eletto con IdV passò nel CentroDestra proprio mentre diventa presidente della Commissione Difesa. Ha fornito le prove finite in un verbale.  “ Due milioni di  euro li ho avuti in nero, il resto come sostegno al mio movimento “. “ Non mi voglio giustificare, so che è reato ma avevo debiti fino al collo “ . De Gregorio dichiara nei verbali pubblicati da Repubblica “ Ho partecipato all’ Operazione Libertà  diretta a ribaltare il Governo prodi. Già dopo il voto che mi vide eletto presidente della  Commissione Difesa , discussi a palazzo grazioli con Berlusconi di una strategia di sabotaggio della quale mi intesto tutta la responsabilità”. “ Ho ricevuto 2 milioni in contanti da Lavitola a tranche da 200 e 300 mila euro. De Gregorio cercò di trascinare nella corruzione il Senatore Caforio  ma fu un errore; “ dissi a Berlusconi che forse Caforio poteva iscriversi al ruolo degli indecisi” e lui mi disse “ puoi proporgli fino a 5 Milioni “. Ma Caforio registrò il dialogo e denunciò De Gregorio.De Gregorio , dopo l’accordo, cambiò casacca solo all’ultimo giorno per non  destare sospetti “ Avendo fatto quel ragionamento con Berlusconi chiamo il Senatore Schifani e gli dico – Renato, se mi votate io accetto i voti e mi prendo la responsabilità di farmi indicare dal Presidente Commissione Difesa”.
Berlusconi aveva promosso l’Operazione libertà  per determinare in ogni modo possibile la fine del governo Prodi”. “ IO continuavo in Commissione Difesa a respingere i provvedimenti del Governo . Era sicuramente un motivo che indeboliva Prodi”.
UNA PARTE DEI  SOLDI PORTATI DIRETTAMENTE AL SENATO . Dai verbali pubblicati su Repubblica si legge anche : Il commercialista Andrea Vetromile, offre riscontri significativi al racconto della compravendita del Senatore De Gregorio : “ Mi risulta che solo Lavitola abbia consegnato a De Gregorio 4-500 mila euro nella sede del parlamento, stavo con De Gregorio nel suo ufficio all’epoca della presidenza alla Commissione Difesa, quando si presentò Lavitola con una borsa che io sapevo essere piena di soldi. Quando Lavitola entrò, dopo i primi convenevoli, mi chiese di uscire. Quando rientrai, la scrivania di De Gregorio era piena di soldi “.


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  Politica

mercoledì 27 febbraio 2013

feb

27

2013

GOVERNIAMO IL NOSTRO PAESE o hanno eletto 162 Mujaheddin comandati dall’ AYATOLLAH GRILLO ? - PETIZIONE SU WWW.CHANGE.ORG  

MILIONI DI ITALIANI HANNO PENSATO DI VOTARE UN MOVIMENTO CON UN LEADER PER SCOPRIRE CHE è UN AYATOLLAH ?


Il 27 febbraio, subito dopo le dichiarazioni di Grillo, in rete, su  www.change.org  è partita una petizione per far cambiare idea a Grillo e svestirlo dai panni di AYATOLLAH . Alle ore 09.00 del 28 Febbraio la petizione aveva già raggiunto 72.300 firme in meno di 24 ore.
 
Democrazia Integralista.
 
Grillo: "Non daremo mai la fiducia al Pd". "Mi aspetto elezioni" .
Così ha risposto Grillo ad una proposta politicamente corretta di Bersani che ha ottenuto la maggioranza alla Camera. 
L’ Ayatollāh Grillo ha risposto dicendo anche  che Bersani  è un morto che cammina !  la nave Italia galleggia tra le onde e l’ Ayatollāh rischia di allargare la falla !
Non penso che milioni di cittadini che hanno votato e si sono fidati di Grillo si aspettino questo. 
Ora che l’onda è arrivata in parlamento,  ci si dovrebbe assumere responsabilità di fronte a tutto il paese e tutti i cittadini Italiani. 
Mi rifiuto di pensare che si possa aumentare ancora la crisi e l’instabilità politica tradendo milioni di persone che si aspettano un GOVERNO , la Democrazia Integralista di Grillo è una formula mai sperimentata nei paesi Occidentali e nel mondo, speriamo che gli accenni che si intravedono spariscano subito.
I problemi giganteschi che abbiamo di fronte dovrebbero essere finalmente affrontati con un ottica molto diversa da quella fin qui applicata ed invece si urla con un integralismo sconosciuto che potrebbe avere sbocchi nefasti. 
E’ tempo di riflessione e di POLITICA , il tempo di “ tutti a casa “ e delle piazze è finito. Un ondata nuova può essere molto positiva, un ondata integralista potrebbe lasciare solo macerie una volta passata. 
Hanno eletto 162 parlamentari dotati di cervello proprio o saranno solo meri esecutori di ordini esterni ?
Di tutto avevamo bisogno meno che di un Ayatollāh  e 162 Mujaheddin ! Il tempo non è tantissimo. 
L’ Ayatollah è pregato di ragionare.
Comunque nulla toglie che gli eletti si spoglino delle vesti integraliste per dare una mano al PAESE. 

s.rullo@tin.it


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  Politica

feb

27

2013

Il Generale di Squadra Aerea Pasquale Preziosa è il nuovo Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare  

Il Generale dalla porta sempre aperta.


26/02/2013 - Il Generale di Squadra Aerea Pasquale Preziosa è il nuovo Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare. La cerimonia di avvicendamento al Vertice dell'Aeronautica Militare con il Generale di Squadra Aerea Giuseppe Bernardis ha avuto luogo presso l'aeroporto di Pratica di Mare (Roma), alla presenza del Ministro della Difesa, Ammiraglio Giampaolo Di Paola, e del Capo di Stato Maggiore della Difesa, Ammiraglio Luigi Binelli Mantelli.Nel suo discorso il Ministro della Difesa, rivolgendosi al Generale Bernardis, ha detto: “Ho sempre ammirato la tua lucidità di visione del futuro a 360 gradi, la tua capacità di dare forma al futuro, la tua profonda onestà intellettuale e, con essa, la capacità di indignarsi. Sei un uomo di poche parole e tanta sostanza. Nell’epoca del "tutto e subito" hai mostrato come il lavoro duro, serio e paziente alla lunga paghi”. Di Paola ha poi aggiunto:"questo tuo rispetto per la famiglia, sia la tua che quella dell’Arma Azzurra, più di tanti dà la cifra dei tuoi valori, dei valori del nuovo Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica. I valori non si negoziano con l’incarico o con i gradi cuciti sulla divisa. I valori sono valori e basta”.
Il generale Preziosa, in qualità di nuovo Capo dell’A.M., ha voluto sottolineare come "l’Aeronautica abbia vissuto e stia vivendo in particolare, alla pari di altre realtà, una fase continua di trasformazione: la più lunga della sua storia moderna. E' come se fossimo in officina da vent’anni, ma noi siamo, da sempre, una Forza Armata che guarda al futuro. Per questo dobbiamo conservare la nostra condizione tra quel sogno, che per me si è materializzato oltre 40 anni fa, e la realtà. noi siamo obbligati a pensare al futuro, con il supporto e a supporto dei nostri cittadini e della loro sicurezza, nella consapevolezza delle attuali difficoltà, in uno spirito di più coerenza interforze. questo supporto lo chiedo anche agli organi di stampa per far comprendere all’opinione pubblica il valore del lavoro dell’arma azzurra, del suo ruolo istituzionale a favore e a tutela della collettività e delle sue scelte, dal trasporto sanitario d’urgenza fino all’impiego operativo nei teatri. rita levi montalcini, una volta disse ai suoi studenti: “pensate al futuro che vi aspetta, pensate a quello che potete fare e non temete niente”: condivido ogni parola.
Il generale Preziosa ha anche inviato un messaggio a TUTTI i dipendenti dell’ aeronautica, tra l’altro ha scritto : “ Ufficiali, sottufficiali, volontari e personale civile sono Pasquale Preziosa.
Oggi assumo l
’'incarico di Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare. Ma questo, forse, già lo sapete. Ciò che non sapete è come intendo ricoprire quest' ’incarico. Lo dico subito. Non farò rivoluzioni. (n.d.r. penso che basti quello che ha proposto Di Paola sui tagli al personale  ! ) Non servono: le hanno fatte con successo, coloro i quali – negli anni – mi hanno preceduto. E’ grazie alla loro lungimiranza se l’Aeronautica Militare è conosciuta, apprezzata, rispettata nel Mondo.
E
’ vero, siamo in un periodo di ridimensionamento delle Forze Armate ma, mai come in questo caso, piccolo è bello”. La nostra capacità militare ha parametri diversi dai nostri cugini dell’Esercito, della Marina, dei Carabinieri: Noi siamo i primi ad arrivare in un qualunque teatro e gli ultimi a venire via….la Storia  cammina sulle gambe degli uomini e delle donne. E noi dobbiamo essere orgogliosi di essere quegli uomini e quelle donne. Orgogliosi ed uniti tutti, per i valori e le capacità che da sempre siamo stati in grado di esprimere. …. Siate curiosi. Siate curiosi di scoprire e conoscere. Siate curiosi
della parola. Solo la parola ci fa crescere. Ed io voglio maturare insieme a voi: non è mai troppo tardi per farlo. Per queste ragioni, considerate la mia porta sempre aperta”. 
s.rullo@tin.it


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  Varie

martedì 26 febbraio 2013

feb

26

2013

Dal No-Tav all'insegnante di sostegno chi sono i parlamentari Grillini. A Latina eletti madre e figlio !  

Cosa sanno di Difesa e Forze Armate oltre alla storia degli F-35 e delle Missioni ? Cosa penseranno dei Diritti e dei pesanti tagli al personale fatti con gli ultimi provvedimenti ? Cosa pensano dei dipendenti pubblici e della lotta a Mafia?


Chi sono gli Eletti Grillini ? 
CHI DI LORO ANDRA' IN COMMISSIONE DIFESA a parlare di NOI ed a discutere o votare leggi di interesse per migliaia di militari  ? una casalinga ? una commessa ? un tecnico informatico ? un praticante avvocato ? e sopratutto, Con chi si confronteranno per capire ed esaminare provvedimenti visto che, per ora, sono stati in un solo pianeta, quello della rete ? 
Molti lavorano in società di consulenza o di informatica . C’è curiosità sia tra chi li ha votati praticamente al buio ! sia tra chi non li ha votati !  fino ad ora si conosce solo il leader Maximo Grillo. Tra Deputati e Senatori sono 162 . Per trovarli bisogna andare su youtube spesso sono professionisti ( ingegnere, medico, avvocato ), ma anche studenti e impiegati. Quasi tutti dicono di essersi avvicinati alla politica grazie al movimento. Chi con un link, chi grazie all'amico di turno, chi grazie al blog di Grillo. Troviamo la prima senatrice sarda della storia, l'insegnante di sostegno Manuela Serra, insieme a tante altre donne elette nel movimento di Grillo (in Emilia le grilline a Palazzo Madama sono quattro su quattro), in Sicilia non è stato  eletto Francesco Perra che aveva fatto discutere per alcune dichiarazioni omofobe. Troviamo Vito Petrocelli, unico senatore della Basilicata, che ha fatto della battaglia contro le estrazioni petrolifere nella sua regione il primo punto programmatico. Il videoperatore piemontese Alberto Airola è un nemico giurato della Torino-Lione, autore del documentario : «No Tav, Indiani di Valle», sugli attivisti in Susa, il friulano Aris Prodani si travestiva da pagliaccio nel suo video di presentazione elettorale. A Latina eletta al Senato Ivana Simeoni, infermiera alla centrale operativa dell'Ares 118. Alla Camera, invece, entra il figlio della Simeoni, Christian Iannuzzi, disoccupato con la passione per l'informatica.   Ecco gli eletti in alcune regioni 
CALABRIA La 26enne Dalila Nesci, laureanda in giurisprudenza di Tropea, è la giovanissima capolista alla Camera che rappresenterà i grillini calabri.
Un posto a Montecitorio, il secondo in lista, per Sebastiano Barbanti, 36enne di Cosenza, funzionario laureato in Scienze statistiche.
Capolista al Senato eletto in Calabria è Francesco Molinari, 48 anni, originario di Montalto Uffugo. Svolge la professione di avvocato.
CAMPANIA
Eletto come capolista alla Camera nella circoscrizione Campania 1 è di Roberto Fico, 38enne napoletano, libero professionista nel settore della consulenza turistica e commerciale.
Al primo posto nella lista con uno scranno a Montecitorio nel collegio Campania 2 c’è il 31enne dei Pellezzano, Angelo Tofalo, ingegnere civile specializzato in geotecnica.
In cima alla lista dei futuri grillini campani a Palazzo Madama figura Sergio Puglia, 40 anni, consulente del lavoro originario di Portici.
LAZIO Eletta come capolista alla Camera nella circoscrizione Lazio 1 è Federica Daga. 37 anni, romana, lavora come consulente informatico.
Il primo posto della lista alla Camera nel collegio Lazio 2 è del nuovo deputato Massimiliano Bernini, 37enne insegnante di tecnologia di Vetralia.
Capolista al Senato è un’altra insegnante, la 50enne romana Fabiola Anitori, laureata in biologia alla Sapienza, docente al liceo scientifico “Labriola” di Ostia, ora senatrice a 5 stelle.
LIGURIA
Nella terra di Beppe Grillo, eletto come capolista alla Camera Matteo Mantero, commerciante di Savona di 38 anni. La seconda posizione che vale un posto tra i deputati liguri è del 38enneAugusto Perseo, agente di vendita di impianti solari per un’azienda di Udine.
Capolista eletta al Senato la 55enne Cristina De Pietro, avvocato.
PIEMONTE Capolista e nuova deputata nella circoscrizione Piemonte 1, quella di Torino e provincia, la 26enne di Collegno Laura Castelli, ex collaboratrice del gruppo consiliare del M5s della Regione Piemonte.
Al primo posto nella lista per la Camera nella circoscrizione Piemonte 2, Fabiana Dadone, nuovo parlamentare e praticante avvocato 29enne di Mondovì.
Primo per un seggio al Senato l’eletto Marco Scibona, nato in Svizzera, ma residente a Bussoleno. 45 anni, lavora nel campo delle costruzioni ferroviarie.
TOSCANA La pattuglia grillina avrà alla Camera l’avvocato fiorentino Alfonso Bonafede. 36 anni e una militanza iniziata nel 2006.
Secondo posto e un seggio tra i deputati per Massimo Artini, imprenditore 38enne di Incisa in Val D’Arno, presidente del cda della Inter-Ware srl, società di assistenza, consulenza e progettazione nel settore informatico.
Capolista eletta al Senato è Laura Bottici, 41 anni, analista contabile proveniente da Carrara.
TRENTINO ALTO-ADIGE
Eletta senatrice da capolista in Trentino la casalinga 57enne di Rovereto, Milena Bertagnin, con un passato da operaia.
Uno scranno alla Camera per il capolista 32enne Riccardo Fraccaro, un laurea in legge e un impiego all’interno di una energy service company, come sviluppatore di contratti di rendimento energetico.
UMBRIA
Prima posizione e un seggio alla Camera in Umbria per la 37enne perugina Tiziana Ciprini, con una laurea in psicologia e lavori saltuari a progetto.
Filippo Gallinella, 33 anni di Perugia, è eletto in seconda posizione tra i deputati. Laureato in Ingegneria meccanica, lavora nel settore dei software di progettazione e in quello delle costruzioni in acciaio.
In cima ai nuovi senatori umbri a 5 stelle c’è il capolista Stefano Lucidi, 43 anni, ingegnere elettronico di Spoleto. Si occupa di consulenze nel settore aerospaziale e civile.
VALLE D’AOSTA
Alla Camera dei Deputati, il Movimento elegge in prima posizione Roberto Cognetta, 47 anni, impiegato in un negozio di elettronica.
Capolista eletto al Senato il 49enne Stefano Ferrero, funzionario di categoria D nell’ufficio dell’assessorato regionale al turismo della Val D’Aosta.
VENETO
Capolista eletta alla Camera dei Deputati nella circoscrizione Veneto 2 è Arianna Spessotto, 27enne ex commessa di San Donà di Piave.
Posto al sole anche per la veronese Francesca Businarolo (capolista alla Camera nella circoscrizione Veneto 1), praticante avvocato di 29 anni.
Al Senato, uno scranno per l’imprenditore vicentino Enrico Cappelletti, capolista eletto al Senato, titolare di una società di consulenza che si occupa di certificazioni “green” di prodotto.
Una rappresentanza variegata che ora si dovrà assumere responsabilità notevoli. 
s.rullo@tin.it


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  Politica

feb

26

2013

Elezioni 2013, alla Camera maggioranza di Centrosinistra. Senato spaccato, è stallo. 5 Stelle primo partito  

Razzi e Scilipoti tornano in Parlamento con Berlusconi. Ingroia e Di Pietro Fuori. GRILLO andrà alle consultazioni con Napolitano.


I dati. Al Senato Pd-Sel 31,6%, Pdl-Lega 30,7%, M5S 23,8%, Monti 9,1%. Numeri che vogliono dire ingovernabilità. Il centrodestra vince in molte delle Regioni che eleggono più senatori e tiene testa all'alleanza Pd-Sel: Pdl e Lega dovrebbero arrivare a 117 senatori a fronte dei 120 che andrebbero ai progressisti. Ai quali non servirebbe il soccorso di Monti che con i suoi 18 senatori non sarebbe utile a raggiungere una maggioranza assoluta. A Grillo 54 Senatori. 
Alla Camera, il voto è stato al fotofinish: il centrosinistra ottiene la maggioranza relativa per 124mila voti, con il 29,5% contro il 29,1% del centrodestra e il 25,5% del Movimento 5 Stelle, che è anche primo partito (Pd al 25,4%). La coalizione di Scelta civica per Monti si ferma al 10,6%.
A cura di  s.rullo@tin.it
Davanti alla paralisi che si è creata al Senato il Pd in queste ore cerca di capire come muoversi. Al momento, la risposta dei «democrats» all'apertura di Silvio Berlusconi per un Governo di larghe intese, sembra essere un no deciso. «Non faremo governi con chi è responsabile del disastro in cui ci troviamo», sostiene il vice presidente del partito Marina Sereni. Tutti nel Pd aspettano di capire la proposta che oggi pomeriggio alle 17 Pierluigi Bersani farà e, continua Sereni, «sarà una proposta di cambiamento, che si rivolge a tutto il Parlamento ma in primo luogo al Movimento Cinque Stelle». Dello stesso parereStefano Fassina, responsabile economico del partito: «Per quanto mi riguarda assolutamente no» a un'eventuale alleanza Pd-Pdl. Grillo propone Dario Fò Come Presidente Repubblica e annuncia che andrà lui alle consultazioni del Quirinale per il nuovo Governo
Il  PD ha la maggioranza alla Camera. Penso che abbia il Diritto Dovere di Fare una Proposta Politica di Governo. Su temi Fondamentali come Lavoro – Diritti – Sanità – Scuola – Tasse ( patrimoniale ) – Sicurezza – Difesa, Giustizia e Lotta  a MAFIA e criminalità . Visto che NON è né credibile né auspicabile che faccia un Governo con il PDL di Berlusconi, incompatibile su convergenze sui temi fondamentali e responsabile della crisi e della deriva del nostro paese, vada in parlamento e dica cosa e come vuole fare. Li si vedrà, al di là di Proclami e Slogan chi vuole governare e cosa propone per farlo. Si scoprono le carte e si vede chi ci stà. Non possiamo continuare a galleggiare ! Chi nel PD guarda “ ancora “ a Berlusconi … potrebbe anche cambiare partito portandosi appresso il Renzi di turno ! 
 


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  Politica

domenica 24 febbraio 2013

feb

24

2013

CAMPORINI : “ GLI F-35 FUNZIONANO, L’ITALIA FA’ BENE A COMPRARLI “ !  

“ Bersani non può risanare un bel niente tagliando il programma degli F-35 “


In un intervista pubblicata oggi su Il Giornale,  L’ex Capo di Stato Maggiore Aeronautica e Difesa, tra l’altro afferma : “  L’ F- 35 americano è un aereo in fase di sviluppo e sta completando la fase di prove intensive in cui si identificano i dettagli da modificare e rinforzare “ .  Domanda a Camporini : Ma l’acquisto degli F35 non sarebbe contrario alla Costituzione , in quanto rivolto all’aggressione e non alla difesa ?  Camporini risponde : “ E’ un ragionamento capzioso che mescola 2 sfere ben distinte della tattica e della strategia . Un conto è attaccare un altro paese, un altro è avere armi per colpire elementi ostili da cui ti stai difendendo. Pensare ad un Italia attaccata può sembrare assurdo, ma non si può escludere a priori .  Bersani ha promesso di rivedere il programma sugli F-35  cosa ne pensa Camporini ? “ Secondo Bersani risparmiando sugli F-35 troveremmo entro 6 mesi  i soldi per risanare le scuole . Ma non esiste un cassetto del Ministero difesa con dentro i soldi per gli F-35 . sono importi pianificati nei prossimi 15 anni…. Quindi Bersani nei prossimi 6 mesi non potrà risanare un bel niente …. “ 


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  Politica

feb

24

2013

Aereo caduto nel '92, riaperta l'indagine uno dei due morti era testimone Ustica  

Si tratta dell'ex pilota militare Sandro Marcucci, perito in seguito all'incidente avvenuto a Campo Cecina. L'ipotesi della procura di Massa è che a bordo del velivolo ci fosse un ordigno


La procura di Massa ha riaperto un'inchiesta sull'incidente aereo nel quale morirono, il 2 febbraio 1992 a Campo Cecina, i piloti Alessandro Marcucci ( in foto ) e Silvio Lorenzini. Il pm Vito Bertoni indagherà per omicidio contro ignoti.Nello scorso mese di settembre, l' associazione antimafia 'Rita Atria' aveva presentato un corposo esposto per chiedere la riapertura delle indagini contestando la tesi ufficiale secondo la quale i due piloti del velivolo antincendio erano morti in seguito a un incidente.

Alessandro Marcucci era un ex pilota dell'aeronautica militare coinvolto come testimone nell'inchiesta per la strage di Ustica. Poco tempo dopo il fatto L' "Europeo" riportava: "L'aereo brucia, va in fumo, c'è chi giura di aver visto l'aereo perdere stranamente quota e all'improvviso". "Poi, mistero nel mistero, nella bara viene ritrovato un pezzo del motore: è tutto fuso, tranne un tubicino di gomma. Il fuoco ha sciolto il metallo ma non la gomma. Ma chi l'ha nascosto nelle sue spoglie?" . Il quotidiano "Il Tirreno" parla di un'intervista in cui, appena cinque giorni prima della sua morte, il colonnello Marcucci aveva duramente attaccato, accusandolo di corruzione, il generale dell'Aeronautica Zeno Tascio, comandante dell'aeroporto di Pisa dal 1976 al 1979, responsabile dei servizi segreti dell'Aeronautica all'epoca del disastro di Ustica, e oggi inquisito nell'inchiesta del DC9. "Le caratteristiche delle bruciature, riscontrate sui reperti del piccolo velivolo e sulla persona del colonnello Marcucci, hanno alimentato il sospetto di sabotaggio. La magistratura sta ancora indagando sulla possibilità che il Piper sia precipitato per lo scoppio di un ordigno al fosforo collocato sotto il pannello dei comandi.


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  Varie

venerdì 22 febbraio 2013

feb

22

2013

Polizia, l’appello del Consap: “Agenti, non votate per Maroni”  

E cosa dovrebbero dire i rappresentanti dei Militari o i Militari su La Russa e Di Paola dopo i Tagli dei Governi Berlusconi e Monti ?


“Da ministro dell’Interno non ha fatto nulla per la polizia – spiega Gian Mario Morello, segretario del sindacato degli agenti per il Nord Italia -, abbiamo già avuto modo di sottolinearlo, perché oggi dovremmo sostenerlo nella sua candidatura alle regionali in Lombardia?”. E’ un duro atto d’accusa quello rivolto dalla Confederazione Sindacale Autonoma di Polizia alle loro famiglie. Nelle scorse ore i circa duemila iscritti al sindacato autonomo di polizia in Lombardia hanno ricevuto un’email nella quale vengono elencate le ragioni di questa pesante presa di posizione contro l’ex capo del Viminale, già duramente contestato nel 2010 dalla stessa organizzazione sindacale. Nel 2010 lo stesso sindacato autonomo di polizia aveva organizzato una mobilitazione nazionale per protestare contro i tagli imposti alle forze di polizia, tagli che stridevano con i proclami che Roberto Maroni (ieri da ministro e oggi da candidato presidente) ha sempre fatto in materia di sicurezza. Una situazione che il sindacato di polizia allora definiva “intollerabile”, spiegando che i poliziotti non erano “più disponibili a tollerare in silenzio”, esasperati dai tagli che erano andati oltre “la soglia dell’umana sopportazione”. Secondo il segretario del Consap, oggi come nel 2010: “I poliziotti sono stanchi di essere umiliati da promesse non mantenute come quelle dell’ex ministro Maroni”.  


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  Varie

Vai a pagina  1 2 3 ... 39,75 [40,75] 41,75 ... 78 79 80

Archivio News


Categorie News

 



Altre News

mar 23 ottobre 2012 - 15:32:20
NO alla Riforma Pensioni - NO ai Tagli di personale nelle FFAA - NO alla Revisione dello strumento Militare . MONTI Incontra una delegazione dei partecipanti - GIORNATA STORICA e risultati concreti
sab 06 ottobre 2012 - 10:03:16
Fonte: lasottilelinearossa.over-blog.it
ven 28 settembre 2012 - 12:57:07
Roma, 28 set. (Adnkronos)
sab 18 agosto 2012 - 16:23:24
di Luca Kocci pubblicato su Il manifesto, il 17/08/12

 

Tema Grafico by iWebSolutions - partner e107 Italia