Dimensione testo:   Carattere Piccolo Carattere Standard Carattere Grande


Menù Principale

· Upload
· HOME
· LINK
· FAQ


Benvenuto

Nome di Login:

Password:




Ricordami

[ ]
[ ]
[ ]

Intestazione


»Minacce per estorcere denaro, arrestato dai cc a Ferrara
(ANSA) - FERRARA, 25 LUG - Un operaio macedone D.S., 47 anni, residente a Bondeno (Ferrara) è stato ...
»Droga: serra marijuana scoperta in un sottotetto a Pescara
(AGI) - Pescara, 25 lug. - Tre fratelli sono stati arrestati dai carabinieri, a Pescara, dopo essere ...
»Droga: arrestata coppia con 3,6 kg cocaina da Cc Verona
(ANSA) - VERONA, 25 LUG - Due persone sono state arrestate con 3,6 kg di cocaina dai carabinieri di ...
»ROMA: FURTO DI RAME, CARABINIERI ARRESTANO 18ENNE RUMENO
ROMA (ITALPRESS) - Ennesimo raid nell'ex Centro Direzionale Alitalia, di via Bruno Velani, sventato ...


Data di pubblicazione: Non conosciuto(a)
Dettagli

Siamo su Facebook

Translate This Page

FAQ


Date / Time

 


Ultime News

26 lug : 03:03





















Latest Downloads

bullet sentenza del TAR di Lecce N. 00810/2013 REG.PROV.COLL.
Description: sentenza del TAR di Lecce che ha accolto il ricorso contro due punizioni inflitte al Maresciallo Comandante della Stazione Carabinieri di Taurisano (LE)
Date stamp 09 apr : 20:51
bullet BENEMERENZA AL DOTTOR GUGLIELMO EPIFANI
Description:
Download Now: Download
Date stamp 17 nov : 14:55
bullet Consiglio Di Stato 03137/2010
Description: Forse non basta, per loro, il fatto che non abbiamo nessuno all’interno che ci “TUTELI” ? Il fatto che la giurisprudenza costituzionale abbia osservato che non può conside
[Leggi tutto...]
Download Now: Download
Date stamp 15 ott : 23:00
bullet Schema di regolamento di armonizzazione dei requisiti di accesso al sistema pensionistico del person
Description: Schema di regolamento di armonizzazione dei requisiti di accesso al sistema pensionistico del personale comparto difesa-sicurezza e comparto vigili del fuoco e soccorso pubblico.
Date stamp 22 set : 09:48
bullet Cessazione anticipata dal servizio - Circolare n. M_D GMIL1 II 5 1 0257231 dell'8 giugno 2012 r
Description: Circolare n° M_D GMIL1 II 5 1 0257231 , sez.: "Altro" Cessazione anticipata dal servizio, a domanda, e al collocamento in ausiliaria, per l'anno 2012, degli uffi
[Leggi tutto...]
Download Now: Download
Date stamp 24 lug : 16:29
bullet Vacanza contrattuale - Circolare n. M_D GMIL 1 IV 10 0285493 - adeguamento della misure dell'in
Description: Circolare n° M_D GMIL 1 IV 10 0285493 4° Rep. 10ª Div. - Adeguamento delle misure dell'indennità di vacanza contrattuale in favore del personale militare destinatario d
[Leggi tutto...]
Date stamp 24 lug : 16:24
bullet 3° Rep. 7ª Div. - Eventi suscettibili di avere riflessi sul servizio. Comunicazione ai sensi dell&
Description: Circolare n° M_D GMIL1 III 7 1/0294795, sez.: "Altro" 3° Rep. 7ª Div. - Eventi suscettibili di avere riflessi sul servizio. Comunicazione ai sensi dell'art. 74
[Leggi tutto...]
Date stamp 24 lug : 16:00
bullet Circolare n° M_D GMIL II 5 1 2012 0248948
Description: 2° Rep. 5ª Div. - Licenza straordinaria speciale di trasferimento Disposizioni per la concessione della licenza straordinaria speciale di trasferimento al personale militare d
[Leggi tutto...]
Download Now: Download
Date stamp 09 giu : 19:53
bullet Senteza su tempistica per proporre domanda al passaggio ruoli civili
Description: Senteza su tempistica per proporre domanda al passaggio ruoli civili
Date stamp 24 feb : 12:36
bullet Sentenza su Legge 104
Description: Sentenza su Legge 104
Date stamp 24 feb : 12:36

Link

Aggiunte recenti

giovedì 30 maggio 2013

mag

30

2013

Giampiero D'Alia ministro della P.A. SBLOCCO contratti statali ( FORSE ) dal 2015 ! Perché non prova Lui a vivere ,monoreddito – famiglia e affitto con circa 1500 Euro mese ?  

D’Alia “ Non ci sono soldi dobbiamo farlo capire ai Sindacati “ – Tardivo, roboante quanto vacuo comunicato del CoCeR Esercito : “ con il blocco regime di povertà; la misura è colma “.


ROMA - ''Mi auguro che ci possa essere lo sblocco del rinnovo contrattuale dal 2015 ma dipende da come andra' l'economia del Paese'': lo dice il ministro della P.a., Gianpiero D'Alia** confermando quindi di fatto il blocco degli aumenti salariali dei dipendenti pubblici fino a fine 2014.
Le risorse , precisa, "non ci sono" perché il governo ha altre priorità "come lavoro e fisco". D'Alia lo ha detto sottolineando la consapevolezza che è "un grosso sacrificio per i dipendenti pubblici ma - aggiunge a margine del ForumPa - fa parte dei sacrifici che stanno facendo tutti gli italiani ''Dobbiamo farlo capire ai sindacati e ai dipendenti dobbiamo responsabilizzare il sindacato, oggi la fase della rivendicazione e' finita''.
 Secondo gli ultimi dati elaborati da Aran, l'Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni, nel 2011 la spesa complessiva per stipendi si è ridotta dell'1,6% e le anticipazioni Istat riferiscono di un calo del 2,3% nel 2012. La spesa è prevista in calo anche quest'anno e il venturo, non solo per il blocco dei contratti ma anche (soprattutto) per il calo del numero dei dipendenti, passati dai 3,6 milioni del 2007 a meno di 3,4 milioni nel 2012 (-6% in cinque anni; -7% in dieci).
Era chiaro da mesi che ci sarebbe stato il blocco dei contratti anche per il 2014 e che non ci fossero né certezze né intenzioni politiche di sbloccarli ed in questi giorni si sta solo ratificando il tutto, anzi, è probabile che si arrivi fino al 2017 in regime di blocco.
Per mesi, Associazioni ( Assodipro e Ficiesse ) , Sindacati di Polizia e qualche singolo componente delle Rappresentanze Militari, hanno fatto manifestazioni e sit-in contro tagli, blocchi e riforma pensioni mentre alcuni settori delle Rappresentanze erano totalmente assenti ed assistevano ad iter legislativi, che si concretizzano con spending , revisione dello strumento militare e blocchi, passivi e senza rappresentare. Passivi al punto da occultare comunicati stampa “ troppo critici “ e subire “ pesanti rampogne “, dall’ex Ministro difesa ammiraglio tecnico, senza la minima reazione rappresentativa . IERI, IN UN COMUNICATO del CoCeR E.I. leggiamo : “ L’ennesima proroga del blocco stipendiale per l’anno 2014 sancirebbe irrimediabilmente il regime di povertà per i più fedeli servitori dello stato  “;  “ netta, ferma e decisa contrarietà al blocco “; non è più possibile chiedere ai militari di assolvere i loro compiti e ripagarli sempre con lo stesso stipendio, la misura è colma “. 
PAROLE E FRASI quasi “ sindacali “, sicuramente colpevolmente tardive e  che rischiano, per l’ennesima volta, di rimanere tali e vacue senza ulteriori iniziative.
** Gianpiero D’Alia : Ministro per la Pubblica Amministrazione e la Semplificazione nel Governo Letta. Figlio di Salvatore D'Alia, deputato della Democrazia Cristiana e poi del Centro Cristiano Democratico tra il 1987 e il 2001, Gianpiero D'Alia è eletto per la prima volta alla Camera dei deputati nel 2001 in virtù di una candidatura nel collegio maggioritario Messina Mata e Grifone, in collegamento con la lista civetta Abolizione dello scorporo. Nel governo Berlusconi III è stato Sottosegretario di Stato all'Interno, espresso dall'UDC. Nelle Elezioni Politiche del 2008 viene eletto al Senato della Repubblica. Diventa qui presidente del gruppo parlamentare Gruppo UDC, SVP e Autonomie, al Senato: a questo gruppo hanno aderito anche i Senatori a vita Giulio Andreotti, Emilio Colombo e Francesco Cossiga


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  Politica

mercoledì 29 maggio 2013

mag

29

2013

IL SUPER STIPENDIO DEI GENERALI . IL GENERALE VICE COMANDANTE DEI CARABINIERI : 6000 + ACCESSORI + 8000.  

S.I.P. ( speciale indennità pensionabile ) Mentre Il Carabiniere ed il Militare mono reddito faticano per arrivare a fine mese con lo stipendio bloccato. CoIR Palidoro: " Siate Pastori con l'odore delle pecore "


Si chiama SIP l'eldorado dei Generali. Un emolumento ad personam che fa schizzare lo stipendio dei dirigenti in alto. Molto in alto.
Spetta al Capo di Stato Maggiore Difesa (482.019 euro anno ), Ai tre capi di Stato Maggiore di Esercito, Aeronautica e Marina ( 481.006 euro) , al Comandante generale dell' Arma dei Carabinieri
(462.642 euro ), al Segretario Generale della Difesa ( 451.072 euro ). In 6 fanno 2,8 Milioni di Euro Anno. Il SIP viene concesso anche al Vice Comandante dei Carabinieri.

.:: vedi allegato ...


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: A_S_D_P icona autore |  Varie

mag

29

2013

IL GOVERNO SI APPRESTA A BLOCCARE PER IL 4° ANNO CONSECUTIVO GLI STIPENDI DEL PERSONALE STATALE.  

Breve resoconto di alcuni Delegati del CoCeR Aeronautica, che ringraziamo, sull’incontro di ieri alla Camera


Alle ore 12.30 del 28/05/2013, le Commissioni riunite I e XI della Camera dei Deputati, nell'ambito dell'esame dello schema di decreto del Presidente della Repubblica recante regolamento in materia di proroga del blocco della contrattazione e degli automatismi stipendiali per i pubblici dipendenti (Atto n. 9) hanno convocato il COCER, presso la Sala del Mappamondo, per una audizione relativa alla questione del blocco contrattuale. "Abbiamo rappresentato al Presidente della I^ commissione Affari Costituzionali, On. Francesco Paolo Sisto, al Presidente della XI Commissione Lavoro Pubblico e Privato, On. Cesare Damiano ed ai numerosi parlamentari presenti all'incontro le diversità del lavoro svolto da militari e poliziotti rispetto ai restanti lavoratori del settore pubblico e privato, diversità riconosciuta oltre che dalla Costituzione anche da una legge dello Stato, la nr. 183 del 2010.” “Compiti peculiari, obblighi, limitazioni personali, impieghi in attività usuranti che evidenziano quindi una “specificità” in capo agli uomini ed alle donne del Comparto Sicurezza e Difesa che devono trovare, da parte dello Stato, una adeguata tutela anche economica e previdenziale.” “ Il Governo Italiano si appresta, però, a bloccare per il 4° anno consecutivo gli stipendi del personale statale comprimendo all'inverosimile le già esigue risorse delle famiglie, rischiando di far crollare ancora più in basso i consumi. E' necessario che la classe politica al governo del Paese si renda conto che al centro delle politiche c'è l'uomo, il suo benessere e il lavoro.” “Per il personale del Comparto Difesa e Sicurezza poi il blocco certificherebbe la “vacuità” della tanto decantata “specificità militare” buona solo per i proclami e le manifestazioni di vicinanza in occasioni dolorosissime. Difatti si continuerebbe a chiedere agli stessi un surplus di sacrifici sul fronte stipendiale e previdenziale bloccando, oltre al contratto come al resto dei pubblici dipendenti, quei trattamenti economici connessi all’essenza stessa dell’Istituzione Militare (promozioni, operative, trattamenti economici specifici).”  “Abbiamo registrato un’attenzione istituzionale da parte delle Commissioni parlamentari, ma nel merito, ci aspettiamo che i Presidenti ed i Componenti delle Commissioni I e XI della Camera dei Deputati, diano un parere assolutamente contrario, almeno per quanto concerne lo sblocco  degli automatismi stipendiali per il personale del Comparto Difesa e Sicurezza”.


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  RR.MM.

mag

29

2013

I TROMBATI ALLE ELEZIONI AMMINISTRATIVE  

Capita anche ai Generali Essere " Trombati "


Ogni giorno dopo le elezioni, che siano politiche o amministrative, europee o regionali, si contano sul campo di battaglia i 'sommersi e i salvati', quelli che ce l'hanno fatta e quelli che invece sono stati trombati come accade ad ogni elezione. 
A Roma : Da Stefano Dominella (Lista civica Marino sindaco) a Roberta Bruzzone (Mui, Movimento unione italiano), da Ilona Staller-Cicciolina (Pli) a Barbara Contini (Centro democratico) a Valentino Parlato (Repubblica romana). Restano fuori dal Consiglio i 'candidati vip', tutti sonoramente bocciati dal responso delle urne. Lo stilista Stefano Dominella ha raccolto neppure duecento schede. La criminologa frequentatrice di salotti tv Roberta Bruzzone, nel Mui che sosteneva Gianni Alemanno, raccoglie appena 26 preferenze. Lontani i fasti del Parlamento per Ilona Staller, candidata con il Partito liberale, scelta da appena 24 elettori. 
Figli d’arte trombati alle elezioni amministrative : Va malissimo anche la rampolla di Aldo Biscardi: se papà fa ancora alti ascolti nei cortili ristretti delle tv private, lei a stento supera i 100 elettori che le danno fiducia nella lista civica Cittadini per Alemanno, respinta al mittente: vale anche per Giandomenico Monorchio, erede dell'ex ragioniere dello stato Andrea, che viaggia attorno al mezzo migliaio di preferenze, così come Franco La Torre, figlio di Pio. Il primo per Alfio Marchini, l'altro per la Lista Civica Marino Sindaco, si trovano nelle retrovie. Più beffardo il destino di Alan Baccini, figlio di Mario, storico collettore di voti democristiano, che arriva a circa 3000 ma sarà eletto solo nel caso remoto di una rimonta del candidato di destra. Capita anche ai Generali Essere " Trombati " e toccato al Generale Giacomo MASUCCI , Candidato a Treviso nella lista civica Per Treviso, benché la sua candidatura fosse stata pubblicizzata da un sito militare privato - s.r.l. , (forzearmateorg) , che si autodefinisce “Il portale più autorevole e più visitato dell’intero Comparto Difesa e Sicurezza “....... ha  raccolto 18 voti .


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  Politica

mag

29

2013

Auguri a Luca Parmitano orgoglio Italiano e Aeronautico , speriamo che il mondo ed il paese, da lassù, ti appaiano migliori e che al tuo ritorno non siano ancor peggiori.  



Un altro astronauta Italiano è nello spazio. Luca Parmitano è partito ieri dallo spazioporto di Baijknour nel Kazakhstan. La missione si chiama “Volare” in omaggio alla canzone di Modugno. Parmitano Luca è Catanese, 37 anni è maggiore e pilota dell’Aeronautica Militare ed è alla sua prima esperienza spaziale.
Sarà una missione di lunga durata ( almeno 6 mesi ) e sarà la prima volta di una “ passeggiata spaziale “ per un Italiano. Parmitano sarà impegnato in più di 20 esperimenti scientifici, molti dei quali basati su ricerca e tecnologia italiana.
La Stazione Spaziale Internazionale (International Space Station o ISS) è una stazione spaziale dedicata alla ricerca scientifica che si trova in orbita terrestre bassa, gestita come progetto congiunto da cinque diverse agenzie spaziali: la statunitense NASA, la russa RKA, l'europea ESA, la giapponese JAXA, la canadese CSA. Viene mantenuta ad un'orbita compresa tra i 278 km e i 460 km di altitudine e viaggia a una velocità media di 27 743,8 km/h, completando 15,7 orbite al giorno. È abitata continuativamente dal 2 novembre 2000; l'equipaggio, da allora, è stato sostituito più volte, variando da due a sei astronauti o cosmonauti.Il suo obiettivo, come è stato definito dalla NASA, è quello di sviluppare e testare tecnologie per l'esplorazione spaziale, sviluppare tecnologie in grado di mantenere in vita un equipaggio in missioni oltre l'orbita terrestre e acquisire esperienze operative per voli spaziali di lunga durata, nonché servire come un laboratorio di ricerca in un ambiente di microgravità, in cui gli equipaggi conducono esperimenti di biologia, chimica, medicina, fisiologia e fisica e compiono osservazioni astronomiche e meteorologiche. La struttura della stazione, con i suoi oltre cento metri di intelaiatura, copre un'area maggiore di qualsiasi altra stazione spaziale precedente, tanto da renderla visibile dalla Terra a occhio nudo. Le sezioni di cui è composta sono gestite da centri di controllo missione a terra, resi operativi dalle agenzie spaziali che partecipano al progetto.


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  Varie

martedì 28 maggio 2013

mag

28

2013

SINDACATI di Polizia ,SIULP , SAP , UGL , CONSAP : NO al BLOCCO DEI CONTRATTI  

OGGI 28 maggio; Sindacati Ricevuti in Commissione lavoro presentano proposta


Schema di regolamento presentato dai Sindacati SIULP , SAP , UGL , CONSAP.   
Oggetto: Schema di Regolamento/Documento  in materia di proroga del blocco della contrattazione e degli automatismi stipendiali per i pubblici dipendenti –  
 Vi proponiamo le parti più interessanti del regolamento presentato  
 Premesso che con l. 183/2010 (art. 19) è stata riconosciuta la Specificità del Comparto sicurezza e difesa, con la formale presa d’atto delle peculiarità delle funzioni svolte dai relativi operatori, tali misure economicamente restrittive hanno evidentemente comportato al personale in questione un danno estremamente rilevante e di gran lunga maggiore rispetto a quello subito dal restante personale del pubblico impiego…. …. “ i meccanismi di adeguamento retributivo sulla base della percentuale annualmente definita dall’ISTAT, previsti dall’art. 24 della l. 448/98, e la progressione automatica degli stipendi per scatti e classi e quelli derivanti dalle progressioni di carriera comunque denominate – coinvolti dal blocco stipendiale - sono utilizzati nel nostro Comparto più che nel restante p.i. La pesante penalizzazione economica derivante dai descritti fattori potrebbe, tuttavia, essere tamponata attraverso l’utilizzo delle risorse del FUG. … “ gli accordi sindacali del Comparto sicurezza e difesa avevano valenza quadriennale per la parte normativa e biennale per la parte economica: l’ultimo accordo sindacale parte normativa risale al 2009 (dPR 51/2009), relativo al quadriennio 2006-2009, e anche per la parte economica siamo fermi al 2009 (dPR 184/2010, biennio 2008/2009), a differenza del restante p.i., il cui ultimo contratto è stato siglato nel 2010;   Alla luce di quanto esposto, non è assolutamente immaginabile una proroga del blocco della contrattazione e degli automatismi stipendiali per il personale della Polizia di Stato, dovendo considerare che si tratta di un personale fortemente penalizzato anche da altri fattori, quali la difficoltà ad ottenere a tempo debito la liquidazione di straordinari, indennità operative e di specialità, per non parlare degli emolumenti legati alla necessità di fronteggiare eventi talvolta estemporanei (es. calamità naturali, manifestazioni di ogni genere, emergenze varie), corrisposti – se tutto va bene – dopo mesi e mesi. Insomma, si tratta di un personale che è al collasso, e che ha necessità di recuperare energie e stimoli che non possono che giungere dalle Istituzioni, con il riconoscimento della fondamentale funzione di tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica che è chiamato a svolgere e, soprattutto, delle difficoltà con le quali si trova ad operare. Pertanto, le scriventi Organizzazioni si oppongono fortemente alla proroga in parola e chiedono – in ogni caso – l’estromissione da un eventuale provvedimento in tal senso degli operatori del Comparto Sicurezza e Difesa e, in particolare, delle donne e uomini della Polizia di Stato “. Cordiali saluti. 
  Siulp - Romano ; SapTanzi ; Ugl Polizia di Stato  - Mazzetti ;  Consap -  Innocenzi

.:: Sindacati Polizia NO Blocco Contratti (PDF)


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  Sindacati

mag

28

2013

Militari; CoCeR Aeronautica, il Governo fa solo parole con tutti. Chiediamo L’aiuto del Giappone ?  

Se Sindacati di Polizia e Rappresentanze NON ottengono risposte che si fà ? Si dà un senso alle parole e Si manifesta, finalmente, TUTTI insieme per i DIRITTI ?


COMUNICATO STAMPA CoCeR A.M. : " Il Governo Giapponese pur con un debito pubblico pari al 220% del PIL che in termini assoluti è pari a tre volte quello italiano, mette in atto politiche economiche finanziare e fiscali anticicliche, contrarie all'austerità e ai tagli, con un intervento pubblico di circa 170 miliardi di euro quasi tutti impegnati nella ricerca e sviluppo, nel sostegno dei redditi più bassi e nei servizi così facendo ripartire i consumi interni, lavoro e occupazione, produttività ed esportazioni con un incremento del PIL su base annua del 3,5%.
Al contrario il Governo Italiano si appresta, invece, a bloccare per il 4° anno consecutivo gli stipendi del personale statale comprimendo all'inverosimile le già esigue risorse delle famiglie, rischiando di far crollare ancora più in basso i consumi
Tale iniziativa appare in assoluta distonia rispetto alle iniziali dichiarazione del Governo Letta che facevano presagire interventi analoghi a quelli coraggiosamente intrapresi dal Governo Giapponese.
E' necessario che la classe politica al governo del Paese si renda conto che al centro delle politiche c'è l'uomo, il suo benessere e il lavoro.
Non è più accettabile che le politiche economiche vengano dettate da un Europa che assomiglia sempre più a quella dei banchieri e dei mercanti "santuari" , "forum", "lobbies finanziarie" peraltro causa dell'attuale gravissima crisi.
Per il personale del Comparto Difesa e Sicurezza poi il blocco certificherebbe la “vacuità” della tanto decantata “specificità militare” buona solo per i proclami e le manifestazioni di vicinanza in occasioni dolorosissime
Difatti si continuerebbe a chiedere agli stessi un surplus di sacrifici sul fronte stipendiale e previdenziale bloccando, oltre al contratto come al resto dei pubblici dipendenti, quei trattamenti economici connessi all’essenza stessa dell’Istituzione Militare sin dai tempi degli Antichi Romani (promozioni, operative, trattamenti economici specifici). 
Ad essi in contemporanea viene ulteriormente chiesto, in tempi di riduzione degli organici, una difficile armonizzazione previdenziale, rischiosa per l’inevitabile invecchiamento degli organici (ergo + vecchi – sicurezza interna ed esterna). 
Per tutti ciò è auspicabile che il neo Presidente Letta ascolti le parole che vengono dai fedeli servitori dello Stato tornando indietro nella decisione di bloccare ulteriormente le dinamiche salariali del Pubblico Impiego peraltro già soggette a censura da parte della Corte Costituzionale, sinora per i soli Magistrati.
In caso contrario non resterebbe che invocare "l'aiuto" del Tennō.**
I contenuti del Comunicato verranno esposti in data odierna alla I e XI Commissione della Camera in occasione dell’Audizione sui provvedimenti riguardanti il blocco stipendiale e l’armonizzazione previdenziale per il militari".  
 IL COCER AM   
  ** Titolo ufficiale dell'imperatore del Giappone


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  RR.MM.

lunedì 27 maggio 2013

mag

27

2013

PIENE LIBERTA’ SINDACALI A POLIZIOTTI E MILITARI  

Felice Romano, segretario generale del SIULP e Pompeo Mannone, segretario generale, della FNS-CISL ; Contrattualizzazione della dirigenza, delegificazione delle procedure negoziali e ampliamento delle materie oggetto di contrattazione ...


Felice Romano, segretario generale del SIULP e Pompeo Mannone, segretario generale, della FNS-CISL ;  Contrattualizzazione della dirigenza, delegificazione delle procedure negoziali e ampliamento delle materie oggetto di contrattazione, applicazione di tutti i diritti del pubblico impiego anche al personale del comparto sicurezza   Per un sistema migliore e adeguato ai tempi SIULP e FNS-CISL chiedono l’ampliamento dei diritti complessivi degli operatori. 
La Sicurezza è una delle condizioni imprescindibili per il rilancio dello sviluppo economico e sociale del nostro Paese”. Questa, in sintesi l’affermazione dei sindacati SIULP e FNS CISL alla base della loro richiesta di ammodernare il modello della sicurezza in Italia per meglio rispondere alle nuove e pressanti sfide. Il tutto anche in considerazione della necessità che il sistema sia compatibile e sostenibile con la disponibilità delle risorse che sono sempre più esigue. “Ecco perché, tra le riforme che il Governo deve affrontare, è importante quella relativa all’ampliamento dei diritti sindacali anche in tutte le Amministrazioni del Comparto sicurezza (carabinieri e finanzieri), oggi penalizzate da restrizioni anacronistiche e ingiustificate, che consentano un nuovo e più moderno modello di relazioni sindacali capace di rispondere alle nuove esigenze. Contrattualizzazione della dirigenza, delegificazione delle procedure negoziali e ampliamento delle materie oggetto di contrattazione, applicazione di tutti i diritti del pubblico impiego anche al personale del comparto sicurezza insieme all’abolizione dell’articolo 82 della legge 121/81, che limita alla Polizia di Stato il pieno diritto alla libera sindacalizzazione, sono gli interventi necessari per rendere la sicurezza del terzo millennio al passo con i tempi.”
 Lo dichiarano Felice Romano, segretario generale del SIULP e Pompeo Mannone, segretario generale, della FNS-CISL, nel richiedere che anche i poliziotti ed i militari abbiamo piene libertà sindacali. "Dare piena consapevolezza dei diritti e delle libertà sindacali significa, alla luce degli oltre 30 anni di esperienza maturata, dare maggiore consapevolezza ai singoli operatori e valorizzare il servizio reso in funzione delle esigenze dei cittadini", continuano i due Segretari. "Nella Polizia Penitenziaria e nel Corpo Forestale dello Stato dove è intervenuta tale riforma, culturale e politica, con l’affermazione della piena sindacalizzazione, ha consentito strumenti di partecipazione e regole più rispondenti a Corpi di polizia. Auspichiamo che Letta ed Alfano mettano in campo tale revisione legislativa accanto al riordino delle carriere per il riconoscimento effettivo della specificità' dei Corpi dello Stato a partire dal regolamento delle pensioni e dal blocco della retribuzione” concludono Romano e Mannone. 


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  Sindacati

mag

27

2013

RAGAZZI DEL SUD . Chi sono i 2 feriti Italiani in Afganistan  

I talebani dichiarano anche dei morti .


I due bersaglieri rimasti feriti oggi nell'esplosione di un'autobomba in Afghanistan sono, secondo quanto si è appreso, il caporal maggiore scelto Marco Millocca, 34 anni, di Trapani, e il primo caporal maggiore Vincenzo Fontana, 25, di Villabate (Palermo). Entrambi sono effettivi al 6/o reggimento Bersaglieri di Trapani. Il ministro della difera Mario Mauro sta seguendo gli sviluppi della situazione. L'attentato è stato rivendicato dai talebani afghani, che hanno dichiarato la morte di cinque soldati italiani, ma le fonti ufficiali al momento hanno confermato soltanto i due feriti sicilianii due bersaglieri, che si trovavano su un blindato Lince al momento dell'esplosione, sono in organico all'8° reggimento alpini. Entrambi i militari sono vigili e le loro condizioni non destano preoccupazioni.


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  Ultim'ora

mag

27

2013

Afghanistan: ordigno contro blindato italiano, due militari feriti  



Due militari italiani rimasti feriti a seguito dell’esplosione di un ordigno in Afghanistan. L’attentato è avvenuto ad una trentina di chilometri da Farah, una delle zone da sempre più turbolente dell’area affidata al controllo del contingente italiano. I militari coinvolti, che si trovavano a bordo di un blindato Lince, sono stati subito soccorsi ed evacuati e, secondo quanto riferito da fonti del ministero della Difesa italiano, non sono in pericolo di vita. Trasportati all’ospedale di Herat, uno dei due ha riportato ferite al volto, l’altro delle contusioni. Uno dei due bersaglieri è residente aTrapani, l’altro a Villabate di Palermo.L’attentato è stato rivendicato dai talebani afghani, sostenendo che è stato compiuto “da un kamikaze” e che ”cinque italiani sono morti”. In un breve comunicato il portavoce degli insorti Qari Yousuf Ahmadi ha scritto che “l’attacco suicida” è stato effettuato alle 9,30 locali vicino a Bala Boluk. L’attentato è avvenuto al passaggio di un convoglio composto da mezzi di militari italiani e dell’esercito afgano quando uno dei mezzi è stato investito dall’esplosione di un’autovettura civile. Ad esplodere è stata un’autobomba, presumibilmente azionata a distanza, mentre il convoglio, di cui facevano parte militari italiani della Transition support unit south e soldati dell’esercito afgano, si stava dirigendo da Farah a Bala Boluk. 


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  Ultim'ora

mag

27

2013

SE LA GUERRA è MASCHERATA DA MISSIONE DI PACE. E’ STATA GIUSTA LA POLITICA CHE VOLEVA BATTERE IL TERRORISMO quando ORA ABBIAMO TERRORISTI CHE ATTACCANO SINGOLI SOLDATI IN EUROPA ?  

AFGANISTAN : 53 CADUTI ITALIANI DAL 2002 AL 2013 . “ VOI ITALIANI CI AVETE LASCIATO UNA COSA, LA GUERRA”!


“Dal 1° Gennaio 2002 al 1° Gennaio 2013,  53 Morti, il numero più alto dalla Seconda Guerra Mondiale, sono stati spesi  4.762.169.699  Euro ( quasi 5 Miliardi ) , e da questi dati, ottenuti studiando i decreti di finanziamento, mancano le diarie degli Ufficiali ! “ 
 
leggi su :
http://www.vanityfair.it/news/mondo/13/05/23/afghanistan-bala-murghab-guerra
 
  


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  Varie

domenica 26 maggio 2013

mag

26

2013

PENSIONI DEL COMPARTO DIFESA E SICUREZZA E TAGLI DELLA REVISIONE STRUMENTO MILITARE, IN CALENDARIO LE AUDIZIONI DEI VERTICI MILITARI E R.M. CHI TUTELA TUTTI I MILITARI, I LORO POSTI DI LAVORO?  

I MILITARI, AL NETTO DEI VALORI E DEI PRINCIPI, SONO ANCHE POSTI DI LAVORO, LAVORATORI E FAMIGLIE DA TUTELARE E NON TAGLIARE. GLI ATTUALI VERTICI SARANNO SOLO MERI ESECUTORI DI TAGLI ?


Dopo il Ministro Difesa  Mauro ed il CSMD  Binelli Mantelli , nei prossimi giorni saranno ascoltati i Capi di Stato Maggiore di Esercito, Aeronautica, Marina e Carabinieri. Si tagliano ruoli che sono la spina dorsale delle ff.aa. si ingrossano ruoli meno retribuiti con carriere senza sbocchi, si ingrossano ruoli di precari e senza Diritti.
 Nei prossimi giorni le Commissioni Affari Costituzionali e Difesa ascolteranno i vertici delle ff.aa. e le R.M. Dopo, le Commissioni Lavoro e Difesa, ciascuna per la propria parte di competenza, voteranno il parere al Decreto che innalza i requisiti per l’accesso alle pensioni di anzianità e vecchiaia del personale dei Comparti Difesa/Sicurezza e Vigili del Fuoco/Soccorso Pubblico.
I TAGLI della revisione dello strumento militare saranno ancora all’attenzione della Politica. Dopo le preoccupanti parole del Ministro Difesa Mauro e del Capo Stato maggiore Difesa Ammiraglio Binelli Mantelli  saranno ascoltati i vertici delle ff.aa ; anche loro, pronostico purtroppo scontato, si adegueranno alla volontà politica che li ha nominati al vertice e sposeranno il disegno di tagliare 40 mila posti di lavoro Militari per recuperare risorse che favoriscono lobby e industrie. Avranno sogni di armamenti da formula 1 per infinite e nuove campagne estere, con i risultati che vediamo, mentre siamo arrivati al punto che si attaccano singoli militari ( vedi casi in Inghilterra e Francia ) . 
Si vuole cancellare il concetto di Forze Armate di popolo ed al servizio dei cittadini, le risorse devono andare verso il soldato robotico o guerre stellari . MENO UOMINI e Più MACCHINE e così l’industria gode e le lobby ingrassano .  Il massimo vertice della difesa Binelli Mantelli ha lasciato agli atti del parlamento le sue preoccupanti opinioni che certificano un idea di Vertice del Militare oggetto, del Militare usa e getta senza diritti, Militare che non ha diritto di pensare e tutelare il suo posto di lavoro , Militare che non ha diritto  di pensare al suo reddito, a tutelarlo ed a migliorare le sue condizioni , Militare che NON ha diritto alla tutela della salute in caso di malattia contratta da vaccini o esposizioni in zone a rischio. Vi ricordiamo le parole di Binelli Mantelli : “: “tagliare è un imprescindibile esigenza” … “ noi teniamo molto alla coesione morale del personale, vorrei precisare cos’è la coesione morale del personale, la coesione e la motivazione del personale è un fattore complesso, che non poggia nemmeno sostanzialmente sulla retribuzione  o sull’occupazionalità  poggia su valori condivisi molto forti, è un sistema delicato, quando il sistema militare viene criticato questo influisce sul morale e sulla coesione del personale , la stragrande maggioranza dei Militari NON tiene alla sua occupazione, tiene alla sua istituzione, vuole operare in un ambiente efficace e confrontarsi con le altre ff.aa nel mondo”!
Dopo che Mauro e Binelli Mantelli NON hanno detto una parola a tutela del personale, NON hanno detto una parola sulle condizioni di uscita , NON hanno detto una parola  su come si concretizzeranno gli esuberi , NON hanno detto una parola  a quali  condizioni e con quali penalizzazioni taglieranno , NON hanno detto una parola sulle conseguenze economiche , sociali e  familiari dei tagli, delle chiusure e degli accorpamenti ;
Aspettiamo le Audizioni dei vertici Graziano, Preziosa e De Giorgi. Speriamo di sbagliarci ma, I vertici delle “ aziende “  Esercito, Aeronautica e Marina cederanno senza condizioni 40 mila dipendenti e torneranno ai loro posti di comando dai quali sicuramente non avranno né problemi occupazionali né economici. Ogni tanto faccio un sogno…. Vedo un vertice di un azienda X che davanti ai tagli di uomini e di posti di lavoro della sua azienda, mette sul tavolo di affaristi. Economisti POLITICI  e Lobby, che si sono impossessati del destino di milioni di lavoratori, il suo cappello e dica : “ FATELO VOI, TAGLIATE VOI MIGLIAIA DI POSTI DI LAVORO E DI UOMINI  ! IO NON LO FACCIO E NON MI INTERESSA NEANCHE RIMANERE NEL MIO POSTO BEN PAGATO NE’ TANTOMENO ANDARE IN QUALCHE CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPENA TERMINO IL MANDATO, FATELO VOI, TAGLIATE VOI POSTI DI LAVORO DOPO CHE PER ANNI AVETE BLOCCATO ANCHE LE RETRIBUZIONI CON DANNI PESANTISSIMI ANCHE PENSIONISTICI, TAGLIATE , CHIUDIAMO E ACCORPIAMO DECINE DI ENTI E CASERME FACENDO TRANSUMANZE DI PERSONE E FAMIGLIE SENZA DIRITTI E COMPENSAZIONI , TUTTO QUESTO FATELO VOI !  IO NO ! ”.  I sogni , si sa, rimangono tali. Nel sogno c'erano anche le Rappresentanze attuali che dicevano : " se fate tutto questo ci dimettiamo tutti  in nome della richiesta di diritti associativi e sindacali per tutelare dignotosamente tutti "!  
SI tagliano ruoli che sono la spina dorsale delle ff.aa. si ingrossano ruoli meno retribuiti con carriere senza sbocchi, si aumentano ruoli di precari e senza Diritti . Stanno per cancellare il ruolo Marescialli e pseudo rappresentanti degli stessi assistono incapaci e con la loro impotenza. Senza neanche la dignità rappresentativa di alzare la testa ! Sconfitti in primis dalla loro totale passività e incapacità rappresentativa . Marescialli Rappresentanti, forse o poco più di loro stessi, assistono vergognosamente alla decimazione di un ruolo storico, fondante e fondamentale per le ff.aa .  Assistono come ingoiati , all’interno dei palazzi, come un verme solitario è ingoiato e vive all’interno di un corpo.  Di questo e di quanto accadrà ne parleremo nei prossimi giorni. 
Sierra Romeo 


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  Politica

mag

26

2013

Se quest’ Estate L’ ITALIA BRUCIA …. Non pensate che si spenga facilmente !  

Continuano gli effetti dei tagli folli e sempre nella stessa direzione mentre non si toccano mai le vacche grasse, i privilegi , gli affari delle lobby , le caste e le rendite.


Ansa , 24 maggio : 
Saranno la metà gli aerei e gli elicotteri dello stato ( stato scritto volontariamente in minuscolo !) impegnati quest’anno nella lotta agli incendi; non ci sono infatti le risorse per mettere in campo, oltre ai Canadair, la cui gestione è passata dal Dipartimento della Protezione Civile a quello dei Vigili del Fuoco, altri velivoli. 
Dei 30 mezzi utilizzati l’anno scorso, saranno in campo solo 15 dei 19 Canadair. All’inizio della prossima campagna estiva di lotta agli incendi lo stato potrà supportare le richieste di concorso aereo provenienti dalle regioni con un massimo di 15 Canadair operativi ( 4 ruoteranno per manutenzione) e da un ( 1 ) elicottero dei Vigili del Fuoco, a cui potrà aggiungersi, secondo il dipartimento della Protezione Civile, qualche altro mezzo SE saranno reperite le risorse ed espletate le procedure amministrative. Rispetto allo scorso anno, quindi, quando la flotta aerea statale era composta da oltre 30 velivoli ( ai Canadair   ed all’elicottero dei Vigili del fuoco si aggiungevano 4 S64 del corpo forestale e 8 fire boss, nonché altri elicotteri messi a disposizione da Esercito, Marina e Capitaneria di Porto) , si avrà una riduzione del numero di mezzi disponibili a causa della contrazione delle risorse.    


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  Varie

sabato 25 maggio 2013

mag

25

2013

SCANU contro Ministro Difesa Mauro : “ Il Parlamento non è un passa carte “ – “ Gli F-35 non sono abilitati neanche a spiccare il volo “ ! “ Mauro fa una cantilena penosa sugli F-35 !”  

Ennesimo attacco di uno dei più importanti parlamentari della Commissione Difesa, il Capo Gruppo PD alla Commissione Difesa Giampiero Scanu, al neo Ministro Difesa Mario Mauro


Ennesimo attacco di uno dei più importanti parlamentari della Commissione Difesa, il Capo Gruppo PD alla Commissione Difesa Giampiero Scanu, al neo Ministro Difesa Mario Mauro che propone e ripete soltanto tesi verticistiche e Finmeccanicistiche senza parlare del personale
Ansa Roma 24 Maggio :Il Ministro Mauro vuole forse che il parlamento sia solo un passacarte  delle decisoni prese dal Governo ? Neanche La Russa ha osato tanto ! Così il capo gruppo alla commissione Difesa Giampiero Scanu a commento delle affermazioni del ministro che definisce incomprensibili le polemiche sugli F-35. 
Scanu sostiene che, dopo l’approvazione della riforma, sostenuta anche dall’ex ministro Di Paola, benché poco incline a rinunciare alle prerogative degli Stati Maggiori, i poteri del Parlamento sono infinitamente aumentati ! Le Camere decidono non solo la Politica e il modello di difesa ma anche la tipologia dei sistemi d’arma di cui dotarsi o disfarsi .   La cantilena del ministro Mauro sugli F-35 è politicamente penosa e oggettivamente non sostenibile; NON esiste nessun contratto e di conseguenza nessuna penale per la rinuncia parziale o totale. In questo momento nessuno, neanche il Pentagono, il chè è tutto dire, può sostenere che questi aeromobili siano capaci di sostituire gli attuali mezzi. Altro che versatilità, non sono neppure abilitati a spiccare il volo !  “. 


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  Politica

mag

25

2013

Generale Paolo Gerometta, Il CoCeR Esercito si “ tutela da solo “ !  

“ sappiamo tutelarci in proprio, non vogliamo protettorati “


Il presidente del CoCeR Esercito Gen. Paolo Gerometta, dopo il comunicato del CoCer EI di pochi giorni fa ( vedi articolo su http://www.militariassodipro.org/news.php?item.1062.18 ), prende ancora posizione sui temi di attualità
 rifiutando “ protettorati “ . In generale e teoricamente sarebbe un osservazione giusta, ma di fronte alle sconfitte storiche della rappresentanza ed alle timidissime opposizioni fatte a provvedimenti da macelleria sociale sul Comparto Difesa, appare ancora una volta, quantomeno tardivo e “ politicamente poco efficace “ ; basta pensare all’assenza di Rappresentanza durante l’anno di Governo tecnico che ha portato all’approvazione della Revisione dello Strumento Militare.  

AGI  Roma 24 maggio :” Il CoCeR Esercito, che rappresenta la maggioranza del personale delle Forze Armate, ha già espresso ferma contrarietà a qualsiasi forma di blocco stipendiale. Sono state molte le richieste di delucidazioni a riguardo e non sono mancate, anche in questo caso, le proposte di “protettorato* da parte di succedanei** di partiti e sindacati” . Con lo stesso orgoglio e la stessa fierezza di servitori specifici in divisa dello stato vogliamo chiaramente evidenziare a tutti che noi militari sappiamo tutelarci in proprio, utilizzando  gli strumenti consentiti dalla legge che sono certamente datati ma che sapremo con determinazione utilizzare oltre il meglio delle loro potenzialità” .
Nel rispetto della libertà di espressione di tutti, tanto più di un CoCeR e del suo presidente, sarebbe opportuno capire meglio  il passaggio del comunicato in cui il presidente Gerometta rifiuta il “protettorato da parte di succedanei di partiti e sindacati “ ! 
Gerometta : “ Il CoCeR Interforze sarà audito in Commissione Affari Costituzionali e Lavoro in seduta congiunta sul blocco stipendiale. Questa sarà l’occasione per ribadire, senza paura, che il provvedimento di blocco, combinato con  il cosi detto Fornero in materia di pensioni, da un lato si porrà in rotta di collisione con il provvedimento di riduzione a 150 mila dello Strumento Militare, mentre dall’altro potrebbe intaccare, anche significativamente la funzionalità e l’operatività dello strumento stesso.  Invece di proseguire sulla strada dei tagli indiscriminati a scapito della qualità della vita dei Militari appartenenti alle fasce retributive più basse, sui quali tra l’altro gravano dubbi di ordine costituzionale forse sarebbe meglio cambiare rotta “.   

* Nel diritto internazionale un PROTETTORATO  è uno stato o un territorio controllato (protetto) da uno stato più forte (protettore) il quale si riserva di rappresentarne integralmente la personalità nell'ambito del diritto internazionale. Dal punto di vista del diritto interno, invece, lo Stato protetto mantiene una certa autonomia per quanto riguarda gli affari interni e non è un possedimento dello Stato protettore (in senso stretto, così come la colonia), il quale si impegna a tutelarne gli interessi e di solito ne dirige gli affari esteri e la difesa. 
** Si usa il termine SUCCEDANEO  per indicare un prodotto che, pur diverso di origine, è idoneo a prendere il posto di un altro e che presenta qualità diverse, a volte non inferiori. 
s.rullo@tin.it


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  RR.MM.

Vai a pagina  1 2 3 ... 39,75 [40,75] 41,75 ... 84 85 86

Archivio News

EQUA RIPARAZIONE Admin @ (24 mag : 15:38) (Video)

Categorie News

 



Altre News

mar 23 ottobre 2012 - 15:32:20
NO alla Riforma Pensioni - NO ai Tagli di personale nelle FFAA - NO alla Revisione dello strumento Militare . MONTI Incontra una delegazione dei partecipanti - GIORNATA STORICA e risultati concreti
sab 06 ottobre 2012 - 10:03:16
Fonte: lasottilelinearossa.over-blog.it
ven 28 settembre 2012 - 12:57:07
Roma, 28 set. (Adnkronos)
sab 18 agosto 2012 - 16:23:24
di Luca Kocci pubblicato su Il manifesto, il 17/08/12

 

Tema Grafico by iWebSolutions - partner e107 Italia