Dimensione testo:   Carattere Piccolo Carattere Standard Carattere Grande


Menù Principale

· Upload
· HOME
· LINK
· FAQ


Benvenuto

Nome di Login:

Password:




Ricordami

[ ]
[ ]
[ ]

Intestazione


»Mezzo kg di hashish in casa, un arresto a Luco dei Marsi
(ANSA) - AVEZZANO (L'AQUILA), 21 GEN - Con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio sostanze stupef ...
»ROMA: RAPINANO PROFUMERIA E TENTANO FUGA, TRE ARRESTI
Roma, 20 gen. - (AdnKronos) - Tre persone sono state arrestate dai Carabinieri del Nucleo Operativo ...
»Furti in villa nel reggiano, arrestati due tunisini
(AGI)- Reggio Emilia, 20 gen. - Due tunisini, di 40 e 31 anni,entrambi senza fissa dimora, sono stat ...
»ROMA: NON SI FERMA ALL'ALT DEI CARABINIERI E LI SPERONA, ARRESTATO
Roma, 20 gen. - (AdnKronos) - I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Roma ...


Data di pubblicazione: Non conosciuto(a)
Dettagli

Siamo su Facebook

Translate This Page

FAQ


gen

07

2017

MILITARI, DOTTRINA GIURIDICA. ESCLUSA O FORTEMENTE MITIGATA LA RESPONSABILITA’ PENALE DELL’ESECUTORE DI ORDINI COSTITUENTI REATO - pubblicato in ambito scientifico contributo di Cleto Iafrate  



Sull’ultimo numero online di “Diritto & Questioni Pubbliche”, autorevole rivista di filosofia del diritto e cultura giuridica, edita dall’Università di Palermo, è stato pubblicato uno studio del nostro amico Cleto Iafrate, dal titolo “Obbedienza, ordine illegittimo e ordinamento militare”.
«Fino a quando il subordinato non verrà posto nella condizione effettiva di dire ‘signornò’, deve essere esclusa (o comunque fortemente mitigata) la sua responsabilità penale in caso di esecuzione di ordine costituente reato. Se il militare è ridotto dall’ordinamento a mero strumento della macchina bellica che lo trasforma in docile esecutore di un’altrui volontà, alla quale egli è tenuto a piegarsi, non può essere ritenuto responsabile delle manovre compiute da chi di quella macchina ha il comando e il controllo 
Queste le conclusioni cui perviene l’autore, all’esito di una lunga e appassionata esposizione. L’articolo certamente non passerà inosservato, in quanto apre nuovi spazi di riflessione dottrinale, di cui la giurisprudenza non potrà non tener conto. E speriamo che lo faccia anche il legislatore. 
A tal proposito, è senz’altro condivisibile il pensiero dell’autore: «la specificità militare, che fa dell’organizzazione militare una specie di micro-Stato annidato in seno allo Stato democratico, mi pare un ordigno talmente efferato da richiedere urgenti interventi correttivi 
I criteri adottati dalla rivista per la selezione dei manoscritti da pubblicare sono molto rigorosi. Il referaggio avviene con il metodo cosiddetto a double-blind peer review. L’articolo viene anzitutto valutato dalla direzione e, in caso di giudizio positivo, viene sottoposto all’esame di due specialisti esterni. Se il giudizio dei revisori è anch’esso favorevole, l’articolo è accettato per la pubblicazione. Se il giudizio è favorevole, ma sono suggerite revisioni e integrazioni, i suggerimenti sono rimessi all’autore e l’articolo verrà accettato solo se rivisto tenendo conto delle osservazioni formulate. Vivissimi complimenti al nostro amico Cleto Iafrate. 
A Cura di Cleto IAFRATE. Testo Articolo: ABSTRACT La regolamentazione del dovere di obbedienza agli ordini illegittimi è un ginepraio normativo di difficile interpretazione, che rischia di disegnare, per il subordinato, una vera e propria tagliola: da un lato il rischio, in caso di obbedienza, di subire una sanzione penale qualora il fatto dovesse costituire reato, in virtù della recente tendenza di dottrina e giurisprudenza a considerare sindacabili gli ordini militari, e dunque a escludere l’applicazione della scriminante prevista dall’art. 51, ultimo comma, c.p.; dall’altro il rischio di subire sanzioni disciplinari e penali per la disobbedienza. La situazione del militare è resa ancora più difficile dall’organizzazione attuale dell’ordinamento militare. L’attribuzione ai superiori poteri sanzionatori e premiali totalmente discrezionali, l’assoluta discrezionalità dei trasferimenti, il divieto di rappresentanza sindacale per i militari, relegano gli inferiori in una condizione di tale subordinazione e vulnerabilità da rendere il principio dell’obbedienza leale e consapevole nulla più che un mito. La realizzazione del principio, a garanzia della conformità dell’operato delle forze armate e di polizia a ordinamento militare alla costituzione e alle leggi, richiede perciò una profonda modifica dell’ordinamento militare, dando piena applicazione al suo interno al principio di legalità e ai diritti costituzionali dei militari…….. CLICCA QUI PER LEGGERE articolo completo 


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  Varie



Altre News

mar 23 ottobre 2012 - 15:32:20
NO alla Riforma Pensioni - NO ai Tagli di personale nelle FFAA - NO alla Revisione dello strumento Militare . MONTI Incontra una delegazione dei partecipanti - GIORNATA STORICA e risultati concreti
sab 06 ottobre 2012 - 10:03:16
Fonte: lasottilelinearossa.over-blog.it
ven 28 settembre 2012 - 12:57:07
Roma, 28 set. (Adnkronos)
sab 18 agosto 2012 - 16:23:24
di Luca Kocci pubblicato su Il manifesto, il 17/08/12

 

Tema Grafico by iWebSolutions - partner e107 Italia