APPLICAZIONE ART.54 PER MILITARI, CARABINIERI E FINANZIERI

Gentilissimi Militari,

in riferimento al noto contenzioso pensionistico, il panorama giurisprudenziale appare significativamente favorevole ai ricorrenti in quasi tutte le regioni, dove i Giudici Unici delle Pensioni della Corte dei Conti hanno riconosciuto e disposto il ricalcolo e la conseguente riliquidazione del trattamento pensionistico con l’applicazione del 44% di cui all’art. 54, comma 1 del D.P.R. n. 1092 del 1973.

Ancor più recentemente, poi, si è pervenuti con la Sentenza n. 422 del 08 Novembre 2018 della Corte dei Conti Sezione Prima Giurisdizionale Centrale d’Appello ad un arresto importante della questione, statuendosi, in diritto, una ingiustificata violazione del dettato normativo da parte dell’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale. Il Giudice d’Appello – infatti – ha ritenuto “maggiormente aderente ad un corretto criterio ermeneutico, letterale e sistematico, una interpretazione dell’art. 54, nel senso che l’aliquota del 44% vada applicata a coloro che, alla data del 31 dicembre 1995, possiedano un’anzianità contributiva compresa tra i 15 e i 20 anni (alla data del 31.12.1995)”

Ora, in disparte il “disinteresse” dei Ministeri competenti (Ministero della Difesa e MEF) e il “quasi silenzio” della politica parlamentare, per quanto mi consta l’Istituto Previdenziale continua (anche caso per caso) ad impugnare le sentenze, attraverso un sistema teso – molto probabilmente – a dilatare il contenzioso nella speranza di un possibile contrasto fra le Sezioni Centrali d’Appello, ed eventuale deferimento della questione innanzi alla Sezioni Riunite della Corte dei Conti. Comunque sia, penso che entro la prima metà del 2020, si dovrebbe concludere definitivamente, auspicabilmente in senso favorevole, la materia del contendere.

Ciò posto, anche con estrema sintesi, il personale interessato (i militari che indicativamente si sono arruolati fra il 1981 e la prima parte del 1983 ora in congedo, o prossimi alla quiescenza) dovrà quantomeno diffidare l’INPS con formale richiesta inoltrata con R.R.R., al fine di interrompere la prescrizione dei ratei del diritto in questione.

Gli stessi di seguito potranno eventualmente partecipare al ricorso, oppure attendere gli sviluppi giurisprudenziali.

Rimango a disposizione per qualsivoglia chiarimento.

Cordiali saluti a tutto il personale militare.

Avv. Francesco Paolo MASTROVITO

STUDIO LEGALE MASTROVITO Avv. Francesco Paolo MASTROVITO Via Cerruti, 17 – NovaraTel. 0321 230599Fax 0321 36437Cell. 338 3538670

 

Articoli correlati: https://www.militariassodipro.org/c-u-s-e-o-co-ce-r-se-ci-sei-batti-un-colpo/

Related Posts

About The Author