“battuta“ sui dipendenti civili dell’Ammiraglio De Giorgi,ricordato anche per “l’ordine tartine e champagne” quando saliva a bordo da capo squadra navale, provoca reazione dell'UGL

A cura di Assodipro
Il Capo di Stato Maggiore Marina, ammiraglio De Giorgi, ricordato anche per L'ordine, destinato a soddisfare i 'bisogni' del Comandante in capo della squadra navale italiana,  datato otto settembre 2012  destinato al personale dell'incrociatore Mimbelli, di stanza a Taranto;l’ordine fu discusso in una interrogazione parlamentare presentata da  Augusto Di Stanislao (Idv)  “ Quando il comandante sale a bordo scatta la chiamata. A quel punto “il personale addetto dovrà essere in tenuta di rappresentanza pronto a servire mandorle tostate e spumante/champagne” . Ma non è tutto: “La cucina dovrà approntarsi, nel caso in cui il Sig. Cinc sia in Base Navale, a preparare bruschette e pizzette calde da servire in Quadro Ufficiali”.   

Marina Militare: Ugl, no a sostituzione personale civile con militare

Marina Militare: Ugl, no a sostituzione personale civile  con militare (ASCA) – Roma, 7 feb 2014 – “E` inaccettabile   che il Capo di Stato Maggiore della Marina, Ammiraglio Giuseppe De Giorgi, abbia dichiarato che il personale civile andrebbe sostituito con personale militare perche` meno “scattante” agli ordini dei superiori”. Lo dichiara, in un comunicato, il responsabile del Coordinamento Difesa dell`Ugl Intesa Funzione Pubblica, Giancarlo Lustrissimi, che commenta le parole del Capo di Stato Maggiore della Marina, pronunciate durante l`incontro con i sindacati, spiegando che “emerge con chiarezza il retro pensiero dell`Amministrazione Difesa sul ruolo che deve avere il personale civile in questo dicastero, ma la Ugl Intesa non intende accettare lo svilimento della professionalità` e della dignità` dei lavoratori”. Per il sindacalista “appare evidente l`esigenza del Ministero della Difesa di avere una tabella di transito che permetterà` l`occupazione dei posti nell`area amministrativa, controvertendo la tanto evocata civilizzazione in una militarizzazione della pubblica amministrazione”. “Inoltre – conclude – l`incontro non ha eliminato le ombre sui progetti di riorganizzazione ne tantomeno ha chiarito il futuro dei lavoratori della difesa. Si concretizzano ancora più` le nostre preoccupazioni di notevoli quote di esubero che questa revisione dello strumento Militare potrebbe avere come conseguenza e a questo punto comprendiamo perche` non si hanno risposte quando si chiedono certezze per il futuro dei lavoratori della difesa”. 


Related Posts

About The Author

Contatta la Sezione o Unità Coordinata a Te più vicina!Inviaci una e-mail o telefona per avere maggiori informazioni.
+
Articolo di Salvatore Vinciguerra – Segretario Nazionale AS.SO.DI.PRO.
“Unicuique Suum” Consiglio di Stato. La Rappresentanza non deve fare sindacato!
No Preview
Lettera aperta al Ministro Trenta e al Parlamento Italiano. Quale futuro per i Militari Italiani?
Congresso Assodipro. Eletti i nuovi organi statutari. – Risultati del Congresso di Assodipro del 26, 27  Ottobre 2018, Rimini
APPLICAZIONE ART.54 PER MILITARI, CARABINIERI E FINANZIERI
Amianto, familiari delle vittime ed Associazioni a processo conto i vertici della marina
C.U.S.E. o CO.CE.R se ci sei batti un colpo…
Sentenza. ASSEGNAZIONE TEMPORANEA per genitori con figli minori di tre anni

Militariassodipro.org
Vuoi le nostre news nella tua casella di posta?

Iscriviti alla nostra mailing list per ottenere informazioni interessanti e aggiornamenti.

Grazie per la sottoscrizione.

Qualcosa è andato storto.