Domenico ROSSI – Sottosegretario Difesa : “anticipo dello sblocco stipendiale per Comparto Difesa e Sicurezza è motivo di soddisfazione personale”.

A cura di Assodipro 
Quante volte, nel corso dei lunghissimi anni di blocco delle retribuzioni, inopinatamente propinato a Militari e Forze di Polizia dal Governo Berlusconi-Tremonti-La Russa, abbiamo usato  parole simili a quelle usate  dall’attuale sottosegretario alla Difesa Domenico ROSSI “  pesantissime conseguenze su migliaia di militari (!) “ . Le stesse parole che usiamo per i tagli, chiusure ed accorpamenti di migliaia di militari se saranno fatti senza procedure negoziali e tutelando le migliaia di militari  e famiglie interessate. OGGI troviamo una dichiarazione del Sottosegretario ROSSI , persona competente ed intellettualmente onesta, che apre un ulteriore spiraglio sullo SBLOCCO DELLE RETRIBUZIONI
Aspettiamo da lunghissimo e troppo tempo ed attendiamo il provvedimento che “ CONCRETAMENTE “ metta fine alla penalizzazione che ha colpito il comparto Difesa e Sicurezza più degli altri comparti del pubblico impiego
Ulteriori ritardi o rinvii non potranno essere facilmenti digeriti.   
La dichiarazione del Sottosegretario Domenico ROSSI : “Il blocco delle retribuzioni del personale appartenente al Comparto Difesa, Sicurezza e Soccorso ha generato sofferenze di difficile comprensione – a parlare così è il Sottosegretario alla Difesa, On. Domenico Rossi – esso, in aggiunta ai mancati rinnovi contrattuali di un quadriennio in comune con tutto il pubblico impiego, ha in realtà alterato tutti gli equilibri faticosamente creati per l’equilibrio delle retribuzioni tra chi ha la responsabilità del comando, chi ha la responsabilità di sofisticati mezzi e chi raggiunge una determinata esperienza nel servizio. Quattro anni  hanno generato perdite al personale per svariate migliaia di euro all’anno che hanno profondamente inciso sia sulle famiglie del personale in servizio – prosegue  Rossi – sia sul personale  che in questo periodo ha lasciato il servizio. Riuscire ad anticipare lo sblocco delle retribuzioni, rispetto alla naturale scadenza del 2015, è un chiaro segnale di attenzione che il Governo vuol dare alle donne e agli uomini in divisa. Per contro rappresenta, dal punto di vista dell’impegno personale, una vera soddisfazione avendo indirizzato tutto il mio lavoro, in qualità a suo tempo di Presidente del Co.Ce.R. congiuntamente alle organizzazioni sindacali delle Polizie e dei Vigili del Fuoco, successivamente in qualità di Onorevole della repubblica con i Popolari per l’Italia, e ora da Sottosegretario alla Difesa in totale sintonia e sinergia con il Ministro della Difesa – Sen. Roberta Pinotti – ha ancora detto l’esponente del Governo Renzi – al raggiungimento dell’obiettivo. Continuerò a battermi  – ha concluso – affinché quanto accaduto non si ripeta mai più, anche perché il blocco è stato di per se stesso un'offesa al senso del dovere e allo spirito di servizio  degli operatori della difesa, della sicurezza e del soccorso ,spinto a volte fino all'estremo, ovvero a quella specificità da tutti sempre riconosciuta a parole ma mai concretizzata realmente”.

Related Posts

About The Author

Contatta la Sezione o Unità Coordinata a Te più vicina!Inviaci una e-mail o telefona per avere maggiori informazioni.