Dopo le Sentenze della corte europea, Presto i sindacati alla Gendarmeria Francese ? articolo di Jacques BESSY presidente di ADEFDROMIL, associazione militare francese.

Francia dovrà trarre conclusioni su stato della polizia e della gendarmeria, la metà forza civile, la metà militari. Un po’ come accade tra la POLIZIA e CARABINIERI.  In MOLTI STATI EUROPEI I MILITARI HANNO ASSOCIAZIONI E SINDACATI autonomi e indipendenti che tutelano il personale.  
IN ITALIA, portando indietro l'orologio dei DIRITTI , contro la storia e sentenze europee, non si danno diritti sindacali ai Militari, SI CANCELLANO I DIRITTI degli appartenenti al CORPO FORESTALE e si preferisce mantenere a spese dello stato ( 4 milioni di euro anno ) un SINDACATO GIALLO per i MILITARI chiamato Rappresentanza 
 
Luglio 2016 
Molti cittadini e militari sono a conoscenza che oltre alla Convenzione europea dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali (CEDU) spesso chiamato: Convenzione europea dei diritti dell'uomo, vi è una Carta sociale europea  e la CORTE EUROPEA (CEDU), che mira a ”  garantire alle loro popolazioni i diritti sociali … per migliorare le loro condizioni di vita e promuovere il loro benessere  .” La Carta iniziale nel 1961. E 'stato modificato da protocolli; 
La versione attuale nel 1996. La Francia ha naturalmente aderito. La Carta stabilisce nella Parte IV – articolo 25, un Comitato europeo dei diritti sociali , un organismo del Consiglio d'Europa, che esamina e decide sui ricorsi collettivi realizzati da organizzazioni europee di datori di lavoro e dei lavoratori. Così il Consiglio europeo dei sindacati di polizia e il Comitato dei diritti sociali 10 giugno 2013 – cioè prima che le sentenze della CEDU del 2 ottobre 2014- ha presentato un ricorso sostenendo che la gendarmeria militare che si esibiscono quasi il 90% del loro tempo le missioni civili di polizia e la pubblica sicurezza non avrà il diritto di organizzare o il diritto alla contrattazione collettiva. 
Il procedimento dinanzi al comitato è simile a quella che si svolgono in tribunale. 
E il governo sulla questione deve  fornire spiegazioni. Naturalmente, la Francia non ha mancato di sostenere che la situazione dei militari è cambiato da quando le sentenze del 2 ottobre 2014 (Adefdromil contro la Francia) e la legge n 2015-917 è entrata in vigore il 30 luglio 2015, che creato APNM (Military Ordini professionali Nationales). Tuttavia, per quanto riguarda il caso particolare della Gendarmeria Nazionale, il Comitato non è stato convinto da argomenti del governo. 
Così, da una decisione del 27 Gennaio 2016 , notificata al 3 marzo 2016, e finalmente rilasciato 4 Luglio 2016, il Comitato ritiene che la normativa francese viola: 1. L'articolo 5 della Carta  “quando la Gendarmeria nazionale, è una funzionalmente equivalente a una forza di polizia”  ; 2. L'articolo 6§2 della Carta, che sostiene “per la negoziazione volontaria tra i datori di lavoro o dei datori di lavoro, da un lato, e le organizzazioni dei lavoratori, d'altra parte a regolamentare le condizioni di lavoro da contratti collettivi; “
Le conseguenze di questa decisione. Il Comitato dei Ministri del Consiglio d'Europa sarà preso dal Comitato dei diritti sociali e una votazione si svolgerà su una risoluzione che in realtà non vincolante, ma costringerà la Francia a spiegare. Tuttavia, questa decisione può contestare la legittimità del decreto relativo eseguire l'operazione e la rappresentatività delle APNM, compresi coloro che lavorano per il bene di gendarmi. Il decreto dovrebbe essere pubblicato a breve. APNM intervenendo a favore della polizia deve essere pronto a contestare la legittimità del decreto. 
Inoltre, questa decisione apre la porta alla creazione di sindacati in gendarmeria. Possiamo supporre che un tale passo sarebbe l'inizio di una controversia tra lo Stato e le cosiddette unioni, che troverebbe la sua soluzione in una disputa a Strasburgo. Questa decisione perfettamente logica data la missione della gendarmeria e la sua posizione nel ministero degli interni . Lo Stato dovrà necessariamente trarre conclusioni necessarie sullo stato della polizia e della gendarmeria, la metà forza civile, la metà militari come il famoso detto di Napoleone. luglio 2016

Related Posts

About The Author

Contatta la Sezione o Unità Coordinata a Te più vicina!Inviaci una e-mail o telefona per avere maggiori informazioni.

Militariassodipro.org
Vuoi le nostre news nella tua casella di posta?

Iscriviti alla nostra mailing list per ottenere informazioni interessanti e aggiornamenti.

Grazie per la sottoscrizione.

Qualcosa è andato storto.