EQUA RIPARAZIONE – AVVISO IMPORTANTE

I partecipanti ai ricorsi di Equa Riparazione, la cui adesione venne a suo tempo trasmessa o presentata presso la sede Nazionale di ASSODIPRO (Via Palestro 78 00185 Roma) ricorderanno che, nella circostanza oltre a sottoscrivere la rituale Procura ad Litem utile a conferire mandato ad agire allo studio Legale che si occupa delle pratiche di cui trattasi, compilarono e inviarono o consegnarono a mano (firmandola per accettazione) una scheda di adesione che conteneva fra l’altro le modalità attraverso le quali sarebbero stati informati dallo studio di cui sopra circa l’esito del ricorso.
Il tutto doveva essere integrato dalla copia del versamento della quota di iscrizione al sodalizio effettuato tramite bollettino di ccp N° 88945001 intestato ad ASSODIPRO o saldata in contanti presso la richiamata sede nazionale. Allo scopo di favorire economicamente i partecipanti ai ricorsi in parola, data la prevedibile mole delle pratiche da trattare, nel mese di giugno 2007 venne stipulata fra ASSODIPRO e lo Studio Legale Coronas di Roma una convenzione che prevedeva solo per i soci in regola con l’iscrizione annuale al sodalizio una sostanziale riduzione della parcella professionale da saldarsi in occasione della ricezione del vaglia bancario relativo all’indennizzo di Equa Riparazione stabilito dalla Corte d’Appello adita. Le precisazioni di cui in premessa sono divenute necessarie in dipendenza delle seguenti motivazioni: 1- Un importante numero di aderenti ai ricorsi di Equa Riparazione in difformità dall’attesa di ricevere informazioni circa l’esito della propria pratica da parte dello studio legale Coronas così come stabilito ed accettato, interagisce telefonicamente con lo stesso causando notevoli disagi alla regolare attività di studio (provate ad immaginare cosa significhi interrompere la propria attività ogni giorno per rispondere sistematicamente al telefono); 2- Un non trascurabile numero di aderenti ai detti ricorsi in ragione dell’avvenuto trasferimento della propria residenza NON comunicato al sodalizio o allo studio Coronas si è posto nella condizione di non essere raggiunto dalle comunicazioni dello studio stesso, andando con ciò e per assurdo ad interrompere o a ritardare le procedure di liquidazione della Equa Riparazione; 3- Un uguale non trascurabile numero di aderenti ai ricorsi di cui qui ci occupiamo, pur essendo stato raggiunto dalla corrispondenza del sodalizio relativa alle intervenute esigenze di perfezionamento della documentazione utile a portare a buon fine gli stesi ricorsi, ha deciso di soprassedere a quanto richiesto compromettendo con ciò il titolo da cui doveva discendere la soddisfazione della Equa Riparazione; 4- Un altrettanto e non più trascurabile numero di aderenti ai richiamati ricorsi evidentemente governato dall’esclusivo ed iniziale interesse di partecipazione finalizzato ad ottenere i benefici della Equa Riparazione, nel NON reiterare l’iscrizione annuale al sodalizio e quindi interrompendo il rapporto di affiliazione con lo stesso si è posto nella condizione di esclusione dalle previsioni riguardanti i vantaggi di cui alla convenzione ASSODIPRO-CORONAS (riduzione della parcella professionale del 16,66%) riservati si ripete solo ai soci-ricorrenti in regola con l’iscrizione annuale ad ASSODIPRO. Per quanto sin qui illustrato: si invitano tutti i partecipanti ai ricorsi di Equa Riparazione attivati attraverso la sede nazionale di ASSODIPRO ad attenersi per le proprie esigenze informative alle modalità comprese nella scheda di adesione a suo tempo sottoscritta ( di norma e per prassi riscontrata, lo studio Coronas informa i ricorrenti dell’esito del ricorso con comunicazione personale, trascorsi 120 giorni dal deposito dei Decreti di Equa Riparazione, utilizzando inoltre la comunicazione stessa per richiedere una nuova procura utile ad attivare il Tribunale circa il definitivo pagamento dell’indennizzo di Equa Riparazione già deciso dalla competente Corte d’Appello). Per ogni indifferibile esigenza informativa riguardante lo stato della propria pratica i ricorrenti di cui sopra potranno servirsi della utenza telefonica 0733/672644 ( lun-merc-ven dalle 16.00 alle 19.00); per i ricorrenti che a suo tempo proposero i ricorsi in questione tramite le strutture periferiche del sodalizio è a queste ultime che utilmente si potrà fare riferimento per ogni informazione. L’occasione è utile infine per richiamare l’attenzione dei ricorrenti sulla propria posizione associativa e sulla portata dei benefici che essa trascina in relazione alle competenze dovute allo studio legale che cura i menzionati ricorsi. Cordiali saluti. Roma 01 Febbraio 2012 AS.SO.DI.PRO. Il Presidente Emilio Ammiraglia

Related Posts

About The Author

Contatta la Sezione o Unità Coordinata a Te più vicina!Inviaci una e-mail o telefona per avere maggiori informazioni.

Militariassodipro.org
Vuoi le nostre news nella tua casella di posta?

Iscriviti alla nostra mailing list per ottenere informazioni interessanti e aggiornamenti.

Grazie per la sottoscrizione.

Qualcosa è andato storto.