In attesa Corte Costituzionale, 10 Aprile, su ricorso Assodipro sui Diritti Sindacali ai Militari, un altro tassello si aggiunge ai pronunciamenti sui Diritti per i militari. EUROMIL : Il Comitato Europeo Diritti Sociali dice SI ai DIRITTI SINDACALI pieni per i militari. JACOB : “È la prima volta che un organismo di vigilanza europeo riconosce esplicitamente i diritti sindacali per il personale militare”

Fonte EUROMIL . Euromil , di cui Assodipro fà parte da anni , è  l’Organizzazione europea delle associazioni militari che unisce circa 30 tra associazioni e sindacati di militari di molti paesi  Europei . E’ la voce dei soldati europei a livello internazionale. La sua missione principale è promuovere gli interessi professionali e sociali nonché i diritti e le libertà fondamentali dei soldati europei. 

  • EUROMIL sostiene il diritto dei soldati europei di formare e aderire ad associazioni professionali militari o sindacati.
  • EUROMIL promuove l’inclusione di associazioni militari professionali e sindacati in un normale dialogo sociale.
  • EUROMIL fornisce un forum comune di dibattito per le associazioni membri per lo scambio di informazioni, per la formulazione di linee guida e migliori pratiche in materia sociale e professionale del personale militare.
  • EUROMIL supporta le associazioni membri nel loro lavoro di lobbying nazionale ogniqualvolta richiesto.
  • EUROMIL sostiene l’inclusione del personale di servizio militare nella legislazione sociale e del lavoro dell’Unione europea.
  • EUROMIL segue da vicino gli sviluppi nella NATO e nell’UE per fornire alle associazioni membri informazioni aggiornate sugli sviluppi internazionali nel campo della sicurezza e della difesa, nonché della legislazione sociale e del lavoro dell’UE

La Carta sociale europea dovrebbe essere interpretata come un riconoscimento dei sindacati per il personale militare. Questo è un passo importante verso il pieno riconoscimento del diritto alla libertà di associazione per i membri delle forze armate.

Nel settembre 2017, il Comitato europeo per i diritti sociali (ECSR) ha deciso sulla denuncia EUROMIL c. Irlandanel quadro della procedura di reclamo collettiva adottata nel Protocollo addizionale alla Carta sociale europea che prevede un sistema di denunce collettive. Il rapporto è diventato pubblico il 12 febbraio 2018, quattro mesi dopo essere stato trasmesso al Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa, che dovrebbe esaminare il seguito da dare al caso.

Nel 2014 EUROMIL, a sostegno di una delle sue federazioni affiliate irlandesi, vale a dire l’Associazione di Rappresentanza permanente della Forza di difesa permanente (PDFORRA), ha presentato una denuncia contro l’Irlanda per violazione degli articoli 5 e 6 della Carta sociale europea per quanto riguarda i diritti irlandesi personale militare per organizzare e contrattare collettivamente.

La denuncia riguardava il fatto che le associazioni militari irlandesi non hanno pieni diritti sindacali, incluso il diritto di far parte di un’organizzazione ombrello come ICTU (il Congresso dei sindacati irlandese a cui fanno capo i sindacati in Irlanda). Ciò significa che le associazioni militari sono tenute al di fuori dei negoziati nazionali complessivi condotti dall’ICTU a nome dei loro membri, come quelli sugli stipendi nel servizio pubblico.

Lo scorso settembre, l’ECSR ha riferito al Comitato dei Ministri sulla sua decisione in merito al merito delle denunce e ha fondato:

  • Violazione dell’articolo 5 della Carta – per motivi di divieto delle associazioni rappresentative militari di aderire alle organizzazioni dei dipendenti nazionali;
  • Violazione dell’articolo 6 § 2 della Carta – a causa dell’accesso insufficiente delle associazioni rappresentative militari alla partecipazione delle discussioni sugli accordi (ruolo essenziale della contrattazione salariale ai fini dell’articolo 6);
  • Nessuna violazione dell’articolo 6§4 della Carta relativo al diritto di sciopero.

Negli ultimi venti anni, EUROMIL ha sostenuto i rappresentanti militari irlandesi nella costruzione delle loro associazioni professionali per difendere i diritti e gli interessi del personale militare e delle loro famiglie. Al giorno d’oggi, queste associazioni sono considerate come associazioni consolidate e funzionanti, spesso servendo come esempi per le associazioni più giovani. In effetti, il personale militare di tutta Europa dovrebbe avere il diritto di esercitare pienamente il proprio diritto alla libertà di associazione ed essere coinvolto in un dialogo sociale regolamentato. Tuttavia, nonostante essere visti come modelli per altre associazioni, il fatto che le associazioni militari irlandesi non hanno pieni diritti sindacali limita la loro capacità di rappresentare e difendere il personale militare a pieno titolo “Cittadini in divisa”.

L’esito della denuncia è quindi un enorme successo per il personale militare in Irlanda, ma anche per i membri delle forze armate di altri paesi europei. “È la prima volta che un organismo di vigilanza europeo riconosce esplicitamente i diritti sindacali per il personale militare“, ha affermato Emmanuel Jacob, Presidente di EUROMIL, in una conferenza stampa il 12 febbraio 2018 a Dublino.

I paesi in cui il personale militare gode dell’associazione ma non i diritti sindacali saranno interessati al caso irlandese. Come sottolineato dal CEDS, le restrizioni al diritto di associazione per il personale militare non possono equivalere ad un divieto generale delle associazioni professionali di natura sindacale e della affiliazione di tali associazioni alle federazioni / confederazioni nazionali. Viene inoltre sottolineata la necessità di efficaci meccanismi di consultazione e sistemi negoziali, anche per il personale militare. La contrattazione collettiva, compresa la contrattazione salariale, è esplicitamente riconosciuta per il personale militare, che dovrebbe infine esercitare il proprio diritto alla contrattazione collettiva da parte di associazioni professionali che sono in grado di partecipare pienamente ai negoziati e stabilire accordi collettivi.

EUROMIL continuerà quindi a utilizzare il caso irlandese come modello per le associazioni militari e farà riferimento alle decisioni prese a livello europeo, stabilendo nuove norme internazionali. Questo può solo rafforzare gli argomenti usati dalle associazioni di tutta Europa per chiedere i pieni diritti sindacali

Related Posts

About The Author

Contatta la Sezione o Unità Coordinata a Te più vicina!Inviaci una e-mail o telefona per avere maggiori informazioni.

Militariassodipro.org
Vuoi le nostre news nella tua casella di posta?

Iscriviti alla nostra mailing list per ottenere informazioni interessanti e aggiornamenti.

Grazie per la sottoscrizione.

Qualcosa è andato storto.