SINDACATI DI POLIZIA IN PIAZZA CONTRO IL BLOCCO DEI CONTRATTI; Manifestano anche per i MILITARI senza DIRITTI e TUTELE.

OGGI c’è stato l’incontro tra il Ministro Difesa ed i CoCeR, al momento NULLA si conosce e NULLA si sa riguardo all’incontro; Militari senza DIRITTI e con rappresentanze modello SINDACATO GIALLO sono allibiti di fronte a giganteschi cambiamenti ed altrettanto giganteschi vuoti di Tutela, Rappresentanza e Informazione. 
CoCeR sempre più con comportamenti da  Sindacati Gialli e Silenziosi, Non comunicano nulla. 
Unica frase che è rimbalzata in rete, tramite FB, sull’incontro è la seguente : “ Ministro Mauro al Cocer Interforze – No ai diritti sindacali. L'Istituto del sindacato è incompatibile con la specificità del mondo militare. Se cercavate un Ministro disponibile su questo piano, io non sono quel Ministro !”

Roma, 18 lug. – AGI “Gli stipendi della Polizia di Stato sono fermi da quattro anni per via del blocco contrattuale. Oggi siamo in piazza per chiedere al Governo che dia attuazione alla legge approvata dal parlamento nel 2011 che consente di utilizzare il Fondo unico della giustizia per le esigenze della sicurezza e del personale delle forze dell'ordine”. E' l'appello lanciato oggi nel corso di un sit-in organizzato al Pantheon dal segretario dell'Associazione Nazionale Funzionari di Polizia, Enzo Marco Letizia. 
Questa legge – ha detto ancora Letizia – e' stata ignorata nel 2012 dal Governo Monti e ora chiediamo a Letta di darne corso poiche' i poliziotti, ma anche i carabinieri, Guardia di finanzia fino ad arrivare all'Esercito non ce la fanno piu'. Una sicurezza dove il personale non e' sereno e ha problemi economici e' debole per definizione”. Nel Fondo unico della giustizia confluiscono i beni sequestrati e confiscati alla criminalita' e sarebbero gia' utilizzabili un miliardo di euro.

Related Posts

About The Author

Contatta la Sezione o Unità Coordinata a Te più vicina!Inviaci una e-mail o telefona per avere maggiori informazioni.

Militariassodipro.org
Vuoi le nostre news nella tua casella di posta?

Iscriviti alla nostra mailing list per ottenere informazioni interessanti e aggiornamenti.

Grazie per la sottoscrizione.

Qualcosa è andato storto.