AMMIRAGLIO DE GIORGI : LA MARINA RESTA A PIEDI E SI PREOCCUPA DELLA CASSA INTEGRAZIONE

Sono due i motivi dominati del 152° anniversario della Marina e il 95° dell’impresa di *premuda, i tagli ed i marò.
L’ ammiraglio Giuseppe De Giorgi ha dichiarato che “ La Marina Militare nel 2025 cesserà di esistere come forza operativa in quanto, secondo la pianificazione attuale,  perderemo 51 delle 60 navi attuali e solo 11 nuove entreranno in servizio .
Considerando manutenzioni ed avarie non avremo più una componente operativa e questo non sarà un risparmio bensì un colossale spreco !” . in due articoli ( Libero e Il Tempo ) l’Ammiraglio “Confindustriale” dichiara che “ avremo un calo del lavoro delle industrie del settore  e rischiamo la cassa integrazione per gli addetti, quindi serve un piano decennale che va avviato quanto prima”.
“ Gli ingenti tagli al personale e alla flotta, infatti, rischiano di portare la Marina Militare al collasso se da qui a qualche anno non si metteranno in campo tutte le misure necessarie” .
In occasione del 152° anniversario della Marina i due fucilieri Latorre e Girone hanno scritto all’ ammiraglio De Giorgi : “ In questo periodo tanti bocconi amari abbiamo dovuto e stiamo ancora ingoiando, con dignità e fierezza continueremo ad andare avanti finche Dio ci darà la forza, rispettando questo paese e dimostrando la nostra innocenza”.  Il Ministro Difesa Mauro, presente alla cerimonia, si è collegato in video conferenza con i marò ringraziandoli e chiedendogli come stavano ; la risposta è stata : “ siamo di umore ragionevolmente giusto per quello che ci aspetterà a breve, confidiamo nel futuro e ci prepariamo alla nuova parte processuale con ottimismo. Mauro ha assicurato che il “ caso marò’ “ è una priorità per il governo.
 
* L'impresa di Premuda fu un'azione navale compiuta dai MAS 15 e 21 (MAS è l'acronimo di Motoscafo Armato Silurante) rispettivamente comandati da Luigi Rizzo e Giuseppe Aonzo, che all'alba del 10 giugno 1918, in piena prima guerra mondiale, penetrarono di nascosto tra le unità di una formazione navale nemica diretta al Canale d'Otranto, riuscendo ad affondare la corazzata SMS Szent István (“Santo Stefano”).

Related Posts

About The Author

Contatta la Sezione o Unità Coordinata a Te più vicina!Inviaci una e-mail o telefona per avere maggiori informazioni.

Militariassodipro.org
Vuoi le nostre news nella tua casella di posta?

Iscriviti alla nostra mailing list per ottenere informazioni interessanti e aggiornamenti.

Grazie per la sottoscrizione.

Qualcosa è andato storto.