ASSODIPRO : NO AL BLOCCO DELLE RETRIBUZIONI – NO ALLA RIFORMA DELLE PENSIONI ; “NON escluse manifestazioni e conflitto sindacale” .

Da: Il Messaggero. Seimila Euro persi dagli statali in 5 anni per mancati aumenti di stipendio.
Secondo le organizzazioni sindacali, alla fine del prossimo anno mancheranno all’appello almeno 10 punti di potere d’acquisto. E sono conti al ribasso, aggiornati dal blocco dei contratti peraltro ribadito dal ministro della Funzione Pubblica Gianpiero D’Alia.
SEIMILA EURO persi in 5 anni per mancati aumenti di stipendio dal 2010.
Come dire che i 3 milioni di statali dovranno rassegnarsi a veder ridotte le loro retribuzioni di 240 euro al mese.
Un conto salatissimo pagato alla crisi ed alla spending review .
L’ultimo rinnovo contrattuale riguardava il biennio 2008-2009, calcolando il blocco fino al 2014, considerando un difficile sblocco nel 2015, visto che i tempi medi per rinnovare i contratti nel pubblico impiego ( secondo l’ Istat) variano tra i 24 e i 30 mesi, si rischia di rimanere con i contratti bloccati per 10 anni . I sindacati, (ed anche Assodipro), che hanno il polso della platea dei dipendenti e degli iscritti, sentono che gli stessi sono molto “ irrequieti” ed hanno deciso di riaprire il confronto con il Governo. Per ora con un atteggiamento soft, ma non è escluso che la possibile indisponibilità dell’esecutivo possa far maturare prese di posizione via via più rigide. Fino a sfociare in aperto conflitto. Per i Sindacati, una delle priorità è riaprire il tema del blocco contrattuale. Tra il 2008 e il 2011 il personale statale è diminuito di 154.000 unità ( circa il 5%) passando da 3.436.000 a 3.247.000 e nel 2012 la cura dimagrante è proseguita con l’intervento della spending review.

Related Posts

About The Author

Contatta la Sezione o Unità Coordinata a Te più vicina!Inviaci una e-mail o telefona per avere maggiori informazioni.

Militariassodipro.org
Vuoi le nostre news nella tua casella di posta?

Iscriviti alla nostra mailing list per ottenere informazioni interessanti e aggiornamenti.

Grazie per la sottoscrizione.

Qualcosa è andato storto.