AVVIATA LA MACELLERIA SOCIAL MILITARE. PARTONO I TAGLI ED I PROGRAMMI DI SPENDING REVIEW E REVISIONE STRUMENTO MILITARE. ARRIVA STRETTA SULLE PENSIONI DI FF.AA. E POLIZIA ?

A cura di Salvatore Rullo   Vice presidente ASSODIPRO
 
IL Risiko Militar Politico, applicato a migliaia di Militari senza Diritti e Tutele associative a sindacali, voluto dal Governo Uscente comincia ad essere dolorosamente  chiaro. Comincia la marcia di applicazione della spending review e della revisione strumento militare. Solerti Stati Maggiori mettono nero su bianco i risultati di programmazioni di chiusure Enti e Comandi e di tagli al personale Militare che appaiono già pronte da tempo ! 
Per quanto riguarda L’ Esercito  sono coinvolti 54 Enti – Comandi  solo negli anni 2013-2014  .  Tabelle fredde che si differenziano da tabelle simili pubblicate e rivolte ai Sindacati dei Dipendenti Civili della Difesa. 
Differenze sostanziali e di Diritto che fanno URLARE dell’ esigenza ed URGENZA di avere DIRITTI ASSOCIATIVI E SINDACALI ANCHE PER I MILITARI ITALIANI. Come potete vedere negli allegati, nei documenti presentati ai sindacati sono evidenziati, ad ogni ente o comando interessato, i NUMERI di LAVORATORI civili interessati. 
Nelle tabelle/elenchi con enti e comandi in chiusura o riorganizzati NON ci sono i numeri di Militari interessati. 
Quanti sono ente per ente ? dove andranno e con quali tutele sociali ed economiche ? come si gestiscono gli esuberi ? esiste una bozza con la ARQ per i Marescialli ? perché non si “ tira fuori” ? I 12 mila Giovani volontari tagliati dalla spendig review sono informati ? e come si diminuiscono 12 mila posti di lavoro in meno in 3 anni proprio nel mondo del lavoro giovanile che ha record di disoccupazione europei ? i piani sono avviati e importanti domande rimangono senza risposte !
 
Migliaia di Militari saranno “ vittime sacrificali “ senza diritti associativi-sindacali, senza TUTELE per affrontare conseguenze sociali, economiche, lavorative e familiari. Come pedine da spostare in un RISIKO NAZIONALE Militar Politico, voluto dal Ministro Di Paola e votato dal Governo Monti-Bersani-Casini-Berlusconi-Finmeccanica per recuperare Risorse da destinare ad Esercizio e Investimenti, migliaia di Militari dovrebbero essere trasferiti/accorpati, esuberati/mobilitati  SENZA TUTELE e, come un condannato senza processo, sapranno le cose che riguardano il loro lavoro e la loro vita solo con la “sentenza definitiva” ovvero con comunicazione all’ultimo momento ed a giochi fatti . Senza Comunicazione preventiva, senza concertazione, senza tutele economiche e sociali e, permettetemi, se tutto avviene così,senza rispetto anche umano. Questo Risiko Militar-Politico-Finmeccanicistico senza DIRITTI E TUTELE si DEVE e si PUO’  cambiare e migliorare. Lo dovrà completare il prossimo GOVERNO, IL PROSSIMO PARLAMENTO, LE PROSSIME COMMISSIONI DIFESA .  Appare chiaro che se ci dovessimo trovare con Governo e Parlamento simili a quello uscente le speranze di miglioramenti sarebbero poche, le prossime elezioni saranno utile strumento democratico per esprimere un voto di rinnovamento e di una Rivoluzione Civile nel campo dei diritti sindacali ed associativi che riguardi anche i lavoratori Militari
Sembra che qualche forza politica sottovaluti o non consideri la fascia di elettorato militare e delle loro famiglie considerandolo un elettorato dal voto “ scontato “, sarebbe un errore politico grave ma la cosa non ci meraviglia vista la maggioranza del  panorama partitico che abbiamo davanti . Ci permettiamo di Osservare che NON è così, non penso si voterà ancora a prescindere da leggi e provvedimenti approvati negli ultimi anni e nell’anno appena trascorso o in Itinere
SI AVVICINA LA STRETTA SULLE PENSIONI – Ultimo Regalo del Gioverno al Comparto ?  
IL GOVERNO in ORDINARIA AMMINISTRAZIONE NON SI OCCUPI della Riforma delle Pensioni del Comparto DIFESA-SICUREZZA.
Il Governo uscente Già è stato protagonista dell'approvazione della revisione dello Strumento Militare quando era praticamente DIMISSIONARIO.
Si Avvicina la stretta sulle pensioni, ultimo regalo del Governo per il comparto Difesa-Sicurezza   Si ALLUNGA L’ETA’ PENSIONABILE e tagliano la “ maggiorazione di servizio “ recependo il nuovo testo Fornero. Dal fronte pensioni si apprende che: Il Consiglio di Stato ha approvato il Dpr che ora dovrà solo incassare il parere (non vincolante) delle Camere entro trenta giorni per il varo definitivo del Consiglio dei ministri, che lo aveva licenziato in prima lettura a fine ottobre. Il provvedimento riguarda circa 500 mila addetti tra FF.AA. e Forze di polizia in un articolo del sole 24 ore di Davide Colombo “ si auspica “ che il provvedimento sia applicato dall’attuale Governo anche se è in ordinaria amministrazione!  

s.rullo@tin.it 
 
 
 
 


 

Related Posts

About The Author

Contatta la Sezione o Unità Coordinata a Te più vicina!Inviaci una e-mail o telefona per avere maggiori informazioni.