Benefici Combattentistici; Comunicato di Assodipro e Nota Informativa dello Studio Legale Coronas di Roma.

OGGETTO: Legge 11 Dicembre 1962 n° 1746. Estensione al personale militare, in servizio per conto dell’O.N.U., dei benefici combattentistici.     Relativamente all’oggetto, in esito alle richieste ricevute da numerosi soci, tendenti a verificare la sussistenza delle condizioni idonee all’ottenimento dei benefici c.d. combattentistici e l’individuazione delle eventuali azioni da intraprendere, ASSODIPRO ha richiesto allo Studio legale Coronas appropriato parere (allegato).   
Sulla scorta delle valutazioni legali ricevute, il sodalizio, in coerenza con lo scopo sociale NON lucrativo che impronta la sua attività ritiene che: 1-     sono interessati all’ottenimento dei c.d. benefici combattentistici coloro che in possesso dei requisiti (periodi di servizio prestato in zone di intervento O.N.U.) sono cessati dal servizio   e NON abbiano maturato  la max anzianità contributiva utile a pensione; 2-     gli interessati di cui al precedente punto, dovranno presentare al Ministero della Difesa (Previmil) per il tramite dell’ultimo Ente di appartenenza, ISTANZA di valutazione dei benefici di che trattasi e ISTANZA di acquisizione di stralcio del documento matricolare attestante la prestazione in zone O.N.U. (ove non già posseduto); 3-     alla luce della valutata convenienza all’ottenimento della valutazione dei servizi prestati in zone O.N.U. e/o della eventuale non riscontrata trascrizione dei servizi di cui trattasi nel documento matricolare personale, gli interessati potranno individualmente proporre azione legale di impugnazione del decreto di pensione presso la Corte dei Conti della regione di residenza.    È ugualmente interessato  ad un'azione di accertamento del diritto alla valutazione dei benefici c.d. zone O.N.U., ai fini della buonuscita e indirettamente della pensione, il personale in servizio di cui al punto 2 dell’allegato parere legale dello Studio Coronas.   L'azione per questa seconda tipologia di personale va proposta di fronte al T.A.R. della Regione di residenza, facendola precedere, anche in questo caso, da istanza di valutazione dei benefici e da istanza di acquisizione dello stralcio utile del documento matricolare e tenendo ben presente, però, che il rigetto, espresso o tacito, da parte dell’Amministrazione dell’istanza di valutazione dei benefici deve essere impugnato entro il termine di decadenza di 60 giorni dalla notifica, decorso il quale il provvedimento di diniego diventa definitivo.   La concreta validità delle sopra riferite conclusioni è naturalmente da verificare caso per caso.   Rimesse a ciascun interessato le opportune valutazioni in ordine alla personale convenienza ad agire (costi-benefici; concreto interesse al riscatto dei servizi in zone O.N.U.) ed al momento per agire, ASSODIPRO si rende disponibile ad attivare e darà a breve puntuale informazione circa le convenzioni (dai costi di partecipazione prevedibilmente contenuti ) stipulate con lo Studio legale Coronas, al fine di consentire ai soci interessati di avviare le occorrenti azioni giudiziarie.  
ASSODIPRO     Il Presidente        Emilio Ammiraglia Roma 10 Giugno 2014





Related Posts

About The Author

Militariassodipro.org
Vuoi le nostre news nella tua casella di posta?

Iscriviti alla nostra mailing list per ottenere informazioni interessanti e aggiornamenti.

Grazie per la sottoscrizione.

Qualcosa è andato storto.