DIRITTI SINDACALI ALLE FORZE ARMATE ed ai MILITARI. Convegno ASSODIPRO, la relazione del Presidente Emilio AMMIRAGLIA.

Assodipro Roma

” Che piaccia o no la cornice che deve contenere il diritto di organizzazione dei militari è quella desumibile dall’art. 5 della Convenzione OIL 151/78 che prevede: 
1-     Libertà associative e/o sindacali; 
2-     Completa indipendenza dall’autorità pubblica dei costituiti soggetti di rappresentanza; 
3-     Divieto di ingerenza della autorità pubblica nella formazione, nel funzionamento e nella gestione dei soggetti di cui sopra; 
4-     Divieto per l’autorità pubblica di promuovere la creazione di organizzazioni di rappresentanza del personale, di finanziarle o sostenerle con altri mezzi con l’obiettivo di porre tali organizzazioni sotto il proprio controllo; 
5-     Disciplina della misura di esercizio delle libertà di tutela con previsioni di restrizioni riguardanti i metodi di azione e di espressione delle organizzazioni associative e/o sindacali dei militari liberamente costituite. 
Fuori da queste indicazioni non è difficile immaginare un qualche nuovo pronunciamento da parte della Corte EDU. 
Non siamo estranei alle vicende politiche del Paese; sappiamo bene che oggi il discutere dei diritti di rappresentanza dei cittadini incontra tendenze politiche che depongono alla semplificazione delle buone pratiche  dell’ascolto, del confronto e della partecipazione, al punto tale che la velocità del procedere prevale sul fine da raggiungere, la meta dell’obiettivo sul suo carico portato, il consenso da ottenere sul confronto che arricchisce, l’insulto sul ragionamento, l’irridere sul rispetto delle idee altrui, le scorciatoie sulle fatiche che richiede il lavoro della Democrazia. Da queste riflessioni il contributo oggi offerto in primo luogo alla politica,  nella inguaribile  speranza che i partiti sappiano tornare ad essere interpreti delle esigenze vere dei cittadini; è il contributo che ci auguriamo possa utilmente contagiare per migliorare le proposte di legge che, relativamente alla riforma delle RRMM, sono all’esame della nostra Commissione Difesa e allo stato all’attenzione del suo Comitato Ristretto delegato alla sintesi delle stesse, che per tale scopo sta procedendo con  l’audizione di esperti chiamati a fornire un parere sulle implicazioni delle mai  troppo ricordate recenti Sentenze della Corte EDU rispetto alla riforma da definire…..”




 

Related Posts

About The Author

Contatta la Sezione o Unità Coordinata a Te più vicina!Inviaci una e-mail o telefona per avere maggiori informazioni.

Militariassodipro.org
Vuoi le nostre news nella tua casella di posta?

Iscriviti alla nostra mailing list per ottenere informazioni interessanti e aggiornamenti.

Grazie per la sottoscrizione.

Qualcosa è andato storto.