EUROMIL e CESI in vista del Consiglio europeo di giugno 2015 per la sicurezza e la difesa :” Il personale delle Forze Armate deve essere trattato come "cittadini in divisa".

COMUNICATO EUROMIL
        Le nuove minacce, nuove sfide, nuovi impegni !
Nel mese di giugno 2015, la riunione del Consiglio europeo sarà dedicata alla sicurezza e alla difesa. Capi di Stato e di governo dell'Unione europea valuteranno  i progressi compiuti in questo campo dal summit  di  Dicembre 2013 Ancora più di prima, l'ambiente sicurezza dell'UE è in pericolo e chiede una  forte risposta europea.    Queste minacce sono provenienti da diverse direzioni.
Il mondo  bipolare è cambiato in un multipolare e di qualche ambiente si sta estendendo con una  imprevedibile misura. Ai confini orientali d'Europa, le azioni della Russia in Ucraina e l'annessione di Crimea rappresentano una minaccia per la propria sicurezza. Nel Sud, i conflitti in alcuni  paesi del Mediterraneo Africano così come i paesi e le regioni del Medio Oriente, tra cui Iraq, Libia, Mali, il Sahel e la Siria stanno anche mettendo pressione sul suo ambiente di sicurezza. Inoltre, Europa è stata recentemente messa a confronto  con gli attacchi terroristici a Parigi e Copenaghen, nonché con attacchi informatici che vanno  di pari passo con l'aumento dell'estremismo nella società anche sul  continente europeo. 
Allo stesso tempo, i paesi europei hanno dovuto affrontare una crisi economica negli ultimi anni e di conseguenza diminuiscono i bilanci della difesa. Infatti, diversi paesi  europei avevano già iniziato riducendo la spesa per l'esercito e la riduzione delle loro forze armate da quasi 20 anni. Tuttavia, di fronte alle correnti sfide, è apparso chiaro che gli Stati membri devono aumentare il loro individuale sforzo e soprattutto collettivo. La maggioranza del pubblico è a favore di un ampio progetto europeo nel settore della sicurezza e della difesa. La recente dichiarazione del Presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, che si è espresso a favore di un esercito europeo, ha ampliato il dibattito sulla  difesa nell'arena politica e militare europea. Anche se non tutti sono ancora convinti che ci sarà un giorno e non a breve termine, un esercito europeo, è innegabile che vi è una forte necessità di cooperazione di difesa più stretta e non solo per motivi di bilancio.
Se l'Europa vuole essere presa sul serio, dovrebbe mantenere le capacità del suo esercito , rafforzare la propria posizione a livello mondiale e garantire la sua sicurezza in modo più  coordinato specialmente tutto ciò che comprende la spesa  per la difesa. La creazione di un esercito europeo comporterebbe ulteriore trasferimento di sovranità a il livello di UE.  Il suo sviluppo e la diffusione sarebbe quindi necessariamente una legittimazione da parte del Parlamento Europeo. EUROMIL e CESI invitano a sostenere un approccio globale e indivisibile di sicurezza, che include, tra gli altri, una dimensione umana.
Il personale delle  Forze Armate, sia civile o militari, mette la propria vita  al rischio per la salvaguardia di alcuni valori europei , e, deve essere trattato come “cittadini in divisa
“. Meritano le migliori condizioni  di vita e di lavoro come tutti gli altri cittadini dell'UE. Questo implica la necessità dei soldati in servizio in missioni UE di  ricevere protezione,  attrezzature, formazione adeguata e avere accesso alle strutture mediche, nonché sociali.  In effetti, chiediamo una più profonda cooperazione e l'armonizzazione tra le Forze Armate della UE, non solo a ciò che riguarda la partecipazione e condivisione di capacità, ma anche per la sviluppo di norme comuni per condizioni di vita e di lavoro del personale delle forze armate. Personale civile e militare, come tutti gli altri lavoratori europei, dovrebbero godere tutti i diritti ei benefici insiti in quella condizione. Già oggi, norme simili in termini di condizioni di lavoro per tutti i dipendenti delle forze armate devono essere rispettati, per esempio: le condizioni di lavoro in conformità,  la sicurezza,  le direttive sulla  salute e le direttive  sull'orario di lavoro,prestazioni di assistenza sanitaria, la possibilità di accesso (civile) la formazione professionale e gli ulteriori corsi di formazione per i dipendenti temporanei durante e dopo il loro impiego nelle forze armate. Pertanto, EUROMIL e CESI sono del parere che una più stretta collaborazione tra le Forze Armate Europee deve andare di pari passo con lo sviluppo di talune norme standard. A quel punto ricordiamo il progetto SAFE, che sta per “Syncronized  Armed Forces Europe “, votati dal Parlamento europeo nel 2009, come primo passo verso una vera forza militare europea. Il progetto SAFE deve essere riportato all'ordine del giorno  per ulteriori discussioni e sviluppo. EUROMIL e CESI  invitano tutti gli Stati membri a rispettare la legislazione internazionale e rispettare i diritti e le libertà -inclusi la libertà di associazione fondamentali, come stabilito tra l'altro nella Carta dei diritti  fondamentali  del personale delle Forze Armate
L'istituzione di un commissario parlamentare europea per la Forze Armate  sarebbe un segno di volontà politica verso questi principi.

Related Posts

About The Author

Contatta la Sezione o Unità Coordinata a Te più vicina!Inviaci una e-mail o telefona per avere maggiori informazioni.

Militariassodipro.org
Vuoi le nostre news nella tua casella di posta?

Iscriviti alla nostra mailing list per ottenere informazioni interessanti e aggiornamenti.

Grazie per la sottoscrizione.

Qualcosa è andato storto.