I SINDACATI MILITARI BELGI IN PIAZZA PER I DIRITTI DEI MILITARI, MENTRE IN ITALIA, SENZA DIRITTI SINDACALI PER I MILITARI, LA POLITICA ED I VERTICI IMPONGONO SOLUZIONI DALL'ALTO.

Assodipro Nazionale
mentre in ITALIA, tra i pochi paesi europei che NON riconoscono ai militari il DIRITTO di avere una VERA ED EFFICACE FORMA DI RAPPRESENTANZA DI TIPO ASSOCIATIVO e SINDACALE, si discute di RINNOVO CONTRATTO dopo 7 anni di BLOCCO e di RIORDINO delle CARRIERE, e ai militari vengono solo imposti provvedimenti che, leggendo le notizie del settore comparto difesa, sono insoddisfacenti e fatti senza la minima concertazione, con organi di rappresentanza senza poteri e che costano alle finanze pubbliche 4 MILIONI DI EURO ANNO ( il prezzo che si preferisce pagare ogni anno pur di non dare diritti sindacali ai militari, che potrebbero autofinanziarsi associazioni o sindacati veramente autonomi e rappresentativi),  in BELGIO i MILITARI ESERCITANO I LORO DEMOCRATICI DIRITTI ed ottengono visibilità mediatica e ascolto politico. 
MANIFESTARE è un DIRITTO COSTITUZIONALE e si può fare anche in Italia, liberi dal servizio ed in abiti civili. E' stato fatto e si farà ancora, anche insieme ai sindacati di Polizia, è fondamentale avere coscienza dei propri democratici diritti.  
La Manifestazione fatta in Belgio ha temi attuali e comuni ai militari Italiani ( carriera ).  
Dal sito Euromil, Organizzazione che unisce 33 Associazioni e Sindacati Militari di 21 paesi europei
A metà ottobre 2016, il governo belga ha abolito il sistema pensionistico attuale del personale militare, senza consultazioni. 
Il nuovo sistema prevede un aumento dell'età pensionabile dagli attuali 56 a 63 anni entro il 2030, e alla fine a 67 anni. 
L'impatto per il personale militare sarebbe disastroso, soprattutto a causa delle opportunità di promozione bloccati, il reclutamento compromesso e un invecchiamento generale della forza militare. Inoltre, la inizialmente prevista “visione strategica” del Ministero della Difesa belga diventa inapplicabile e il bilancio della difesa sarà tirato fuori equilibrio. 
Per queste ragioni, una MANIFESTAZIONE DI MILITARI ( foto ) è stata co-organizzato da ACMP-CGPM e altri sindacati belgi il 15 novembre 2016, la Giornata della dinastia (un giorno festivo per i soldati proprio perché il re è il 'comandante supremo cerimoniale “dell' Esercito Belgo ). 
Più di 9.000 soldati hanno partecipato alla manifestazione con un messaggio chiaro: “non vogliamo un'estensione brutale della carriera!” 
ACMP-CGPM e dei loro partner hanno chiesto rispetto per iL personale militare. 
Si aspettano che il governo e il ministro della difesa di impegnino a:
Un giusto riconoscimento della natura specifica della professione militare. 
– misure specifiche da adottare all'interno del dipartimento difesa su base strutturale, dando la possibilità di una carriera militare fattibile e una trasformazione sostenibile a tutti
Il ministro della Difesa ha già chiarito che vuole dare il personale militare un futuro che meritano. Egli incontrerà il Ministro delle pensioni il Lunedi, 21 novembre 2016 per discutere l'avvio di una consultazione da quest'anno. 
ACMP-CGPM considera questa manifestazione come un segnale forte, ma il lavoro non è finito. I sindacati dei militari Belgi saranno impegnati a combattere nei prossimi giorni, settimane e mesi per il rispetto il personale militare.

Related Posts

About The Author

Contatta la Sezione o Unità Coordinata a Te più vicina!Inviaci una e-mail o telefona per avere maggiori informazioni.

Militariassodipro.org
Vuoi le nostre news nella tua casella di posta?

Iscriviti alla nostra mailing list per ottenere informazioni interessanti e aggiornamenti.

Grazie per la sottoscrizione.

Qualcosa è andato storto.