Il ministro Di Paola:Troppi militari over 50.

Dare «una spinta forte» alla dismissione dei beni della Difesa e procedere a un «ridimensionamento consistente e significativo» del personale delle forze armate. Sono gli obiettivi del ministro della Difesa Giampaolo Di Paola che in un’intervista al Messaggero illustra come arrivare a 40-45mila unità in meno, processo necessario perché «le nostre risorse non possono sostenere più l’attuale modello». Non ci saranno «teste tagliate», afferma, ma dovranno essere attuate «politiche che consentano di reimpiegare in altri settori dell’amministrazione dello Stato quelle professionalità che sono in esubero nelle forze armate. Abbiamo una gran massa di personale militare sulla cinquantina il cui esodo naturale avverrebbe tra 10-12 anni». Questi potrebbero «trasferire le loro capacità e i loro valori in un’altra amministrazione e rendere più snelle le forze armate». Da perseguire anche la via della dismissione dei beni della Difesa anche se in questo caso «le procedure amministrative» sono «lunghe e complesse»: «Non è facile da parte dei Comuni gestire velocemente il processo di valorizzazione del patrimonio».
Il ministro parla anche delle missioni militari all’estero. Sull’Afghanistan – «non è una passeggiata» – «non c’è alcun segreto» e sul ritiro c’è l’orizzonte del 2014 che si è dato la comunità internazionale. Nessuna smobilitazione nemmeno dal Kosovo, dove di recente nel Nord si è assistito «a una sorta di inversione del processo di stabilizzazione». Nessuna condizione per ridurre il contingente in Libano, non solo per le tensioni nei Paesi vicini ma anche perché l’Onu ha chiesto al nostro Paese di assumere il comando della missione Unifil: «un apprezzamento per il ruolo dell’Italia». Di difficile soluzione il fenomeno della pirateria nell’Oceano Indiano. Per il ministro Di Paola occorre riflettere sulla fonte del fenomeno: la Somalia, «una terra senza legge, né governo». Una soluzione, paragonabile ad una «aspirina» ma non all’«antibiotico», è la presenza di team militari a bordo delle navi: «finora nessuna nave con team militare a bordo è stata assaltata».

Related Posts

About The Author

Contatta la Sezione o Unità Coordinata a Te più vicina!Inviaci una e-mail o telefona per avere maggiori informazioni.

Militariassodipro.org
Vuoi le nostre news nella tua casella di posta?

Iscriviti alla nostra mailing list per ottenere informazioni interessanti e aggiornamenti.

Grazie per la sottoscrizione.

Qualcosa è andato storto.