Il Movimento 5 Stelle presenta in rete una proposta per migliorare i diritti dei Militari :” Sindacato per i Militari”. I Membri Comm. Difesa 5 Stelle consultino anche il mondo delle Associazioni

A cura di Assodipro Roma
Dopo le proposte che vi abbiamo presentato nei giorni scorsi : 2 dell’area PD, una a firma, tra gli altri , Scanu Calipari, e l’altra dell’ Onorevole D’Arienzo sempre del PD. Clicca per leggere articolo e le 2 proposte
e dopo la proposta presentata da Sel, che và verso i diritti sindacali (Clicca per leggere articolo e la proposta ) verso la quale abbiamo dichiarato l’appoggio come Assodipro. 
Il Movimento 5 Stelle, che rappresenta la seconda forza politica del paese ha presentato/proposto alla rete  una proposta dal titolo  “Norme sull’esercizio della libertà sindacale del personale delle Forze Armate e dei corpi di polizia ad ordinamento militare” . Come Assodipro, coerentemente con la nostra Ventennale Storia e Tradizione nel campo della tutela e dei diritti per tutti i Militari e, a similitudine di quanto fatto con quella presentata da Sel, sosteniamo e appoggiamo la proposta presentata dal Movimento 5 Stelle attraverso il sito Commissione Difesa Camera Movimento 5 Stelle ( clicca per la pagina ) . 
A titolo di cronaca segnaliamo che lo stesso movimento ha presentato,  anche per raccogliere pareri e opinioni, un secondo testo dal titolo Diritti di rappresentanza e associazione per il personale delle Forze armate e delle forze di polizia a ordinamento militare “. Testo che è lontano dalle richieste che da anni facciamo sulla libertà associativa-sindacale per i Militari – per le quali siamo in attesa di pronunce di organi di giustizia nazionali e della Corte Europea Diritti ( CEDU ) alla quale abbiamo ricorso affinche vengano riconosciuti I citati diritti ai militari italianie che  riteniamo non sufficiente verso legittime e democratiche richieste fatte da anni sia da Assodipro , sia da altre associazioni e da ampi settori della Rappresentanza  in documenti ufficiali votati a larghissima maggioranza. 
Preso atto della proposta che, nello stile del movimento, viene lanciata in rete, chiediamo ed invitiamo i PARLAMENTARI DELLE COMMISSIONI DIFESA del MOVIMENTO 5 STELLE a confrontarsi , ANCHE , con le Associazioni che lottano da anni per i diritti e le tutele dei militari . Noi ci Siamo da 21 anni . 

I PRIMI ARTICOLI DEL TESTO SUI DIRITTI SINDACALI :  PROPOSTA DI LEGGE Norme sull’esercizio della libertà sindacale del personale delle Forze Armate e dei corpi di polizia ad ordinamento militare Art. 1. (Diritto di associazione sindacale). 1. Gli appartenenti alle Forze armate e alle Forze di polizia ad ordinamento militare hanno il diritto di associarsi in sindacati. 2. I diritti di libertà e di autorganizzazione sindacale di cui agli art. 39 e 52 della Costituzione possono esercitarsi per i militari e per gli appartenenti alle forze di polizia ad ordinamento militare con le limitazioni previste dalla presente legge. In particolare è fatto divieto: a) Di aderire a sindacati diversi da quelli istituiti specificamente per il personale militare b) Di assumere la rappresentanza di altri lavoratori non appartenenti alle Forze Armate e al personale dei corpi di Polizia ad ordinamento militare, c) Proclamare lo sciopero o parteciparvi anche qualora sia proclamato da organizzazioni sindacali estranee al personale militare e a quelle delle Forze di polizia ad ordinamento militare d) Partecipare a manifestazioni pubbliche in uniforme o con armi di servizio   
Art.2  CONTINUA IN LEGGI TUTTO 
I PRIMI ARTICOLI DEL TESTO SUI DIRITTI SINDACALI :  PROPOSTA DI LEGGE Norme sull’esercizio della libertà sindacale del personale delle Forze Armate e dei corpi di polizia ad ordinamento militare Art. 1. (Diritto di associazione sindacale). 1. Gli appartenenti alle Forze armate e alle Forze di polizia ad ordinamento militare hanno il diritto di associarsi in sindacati. 2. I diritti di libertà e di autorganizzazione sindacale di cui agli art. 39 e 52 della Costituzione possono esercitarsi per i militari e per gli appartenenti alle forze di polizia ad ordinamento militare con le limitazioni previste dalla presente legge. In particolare è fatto divieto: a) Di aderire a sindacati diversi da quelli istituiti specificamente per il personale militare b) Di assumere la rappresentanza di altri lavoratori non appartenenti alle Forze Armate e al personale dei corpi di Polizia ad ordinamento militare, c) Proclamare lo sciopero o parteciparvi anche qualora sia proclamato da organizzazioni sindacali estranee al personale militare e a quelle delle Forze di polizia ad ordinamento militare d) Partecipare a manifestazioni pubbliche in uniforme o con armi di servizio   Art.2 (Diritto di riunione e campo d’azione) 1. I sindacati degli appartenenti alle Forze armate e alle Forze di polizia ad ordinamento militare possono riunirsi: a) in locali dell’amministrazione, messi a disposizione dalla stessa, che ne fissa le modalità d’uso; b) in luoghi aperti al pubblico. 2. Sono autorizzate riunioni, ai sensi del comma 1, durante l’orario di servizio nei limiti di dieci ore annue previa comunicazione ai comandanti delle unità o dei reparti interessati. Le modalità di tempo e di luogo per il loro svolgimento sono concordate con i comandanti con il fine di renderle compatibili con le esigenze di servizio 3. I sindacati dei militari e delle Forze di Polizia ad ordinamento militare trattano la tutela individuale e collettiva dei militari che riguardano: a) trattamento economico fondamentale ed accessorio, nonché quello di missione e di trasferimento; b) orario di lavoro obbligatorio e i criteri per la modulazione dell’orario di lavoro giornaliero e dei turni di servizio; c) licenze, aspettative e permessi; d) disciplina generale in materia di alloggi; e) formazione e qualificazione professionale; f) attività culturali, assistenziali, ricreative, di promozione del benessere personale e dei familiari; g) mobilità del personale e attribuzione degli incarichi; h) vigilanza sulle applicazione delle norme relativa alla sicurezza sul lavoro e alla tutela della salute; i) processi di ristrutturazione e riorganizzazione di enti e reparti e di dismissione di infrastrutture che incidono sull’utilizzazione e sulla mobilità del personale; j) trattamenti in merito alla previdenza pubblica e a quella integrativa. 4. I sindacati formulano inoltre pareri e proposte su leggi e regolamenti; sono ascoltati dalle Commissioni parlamentari e dai Ministri di riferimento, possono incontrare i gruppi parlamentari e i rappresentanti degli enti locali e delle regioni. Possono inoltre fornire consulenza agli organismi delle rappresentanze unitarie di base, sia in fase di predisposizione delle piattaforme contrattuali, sia in fase di contrattazione e concertazione ai vari livelli.   Art. 3 (Autofinanziamento dei sindacati e trasparenza dei bilanci) 1. I sindacati dei militari e delle Forze di Polizia ad ordinamento militare sono autofinanziati con il contributo dei propri iscritti, raccolto secondo le modalità previste dalla legge o dalla contrattazione…..  

Related Posts

About The Author

Contatta la Sezione o Unità Coordinata a Te più vicina!Inviaci una e-mail o telefona per avere maggiori informazioni.

Militariassodipro.org
Vuoi le nostre news nella tua casella di posta?

Iscriviti alla nostra mailing list per ottenere informazioni interessanti e aggiornamenti.

Grazie per la sottoscrizione.

Qualcosa è andato storto.