Il Viaggio Promozione della Portaerei Cavour-Ong vs Difesa:“Vuole bimbi africani sulla Cavour per nascondere fini commerciali”. denuncia:"Ministero Difesa chiede di portare casi umani da foto

“Aiutateci a trovare bambini africani da curare a bordo del gruppo navale Cavour“. Questa è la richiesta che nelle scorse settimane le Ong italiane operanti in Africa si sono viste recapitare via email da parte della Fondazione Francesca Rava, organizzazione umanitaria coinvolta nella  missione commerciale della Marina militare “Sistema Paese in Movimento”. 
La richiesta ha suscitato polemiche nel mondo della cooperazione e del volontariato italiano, tutto schierato contro quella che da più parti è definita una  FIERA GALLEGGIANTE DI ARMI da vendere a governi arabi e africani, compresi regimi autoritari e paesi in guerra. “Appena si arriva nel continente nero scatta la fase umanitaria del convoglio, quella che fin dall’inizio è stata utilizzata dal ministro Mauro per nascondere i fini commerciali (della missione) prevalentemente nel settore bellico”, si legge sul blog Info-cooperazione.it  che ha reso pubblica questa richiesta: “Ora che servono i bambini da vistare sulla nave, c’è bisogno di Ong volenterose che portino i casi umani da fotografare per giustificare lo scopo umanitario della missione”. “Naturalmente non parteciperemo a questa farsa” è una delle prime risposte che arriva, dal Cospe. Ma a dissociarsi sono tutte le Ong italiane (Focsiv, Cipsi, Cocis, Coopi, Cesvi, Cosv, Amnesty, Emergency, Pax Christi, Arci, Acli, Beati i costruttori di Pace, Intersos, Oxfam, Un Ponte per, Terres des Hommes e altre ancora) che hanno firmato una lettera al presidente Napolitano per protestare contro questa iniziativa della Difesa, giudicandola “inaccettabile in quanto mescola una serie di attività, commerciali, militari e umanitarie, che per loro natura hanno finalità e caratteristiche differenti e che riteniamo sia importante continuare a tenere separate”. 
Le Ong criticano “la partecipazione a questa campagna di alcune organizzazione umanitarie” (oltre alla Fondazione Francesca Rava, la Onlus Operation Smile e la Croce Rossa Italiana) ricordando che “per lanormativa internazionale l’aiuto umanitario non può essere utilizzato come strumento di politica estera dei governi, poiché così si mette in discussione non solo l’indipendenza, la neutralità e l’imparzialità delle organizzazioni autenticamente umanitarie, ma anche la stessa possibilità che gli operatori umanitari continuino a intervenire efficacemente e in relativa sicurezza nei contesti di crisi”. “Questa richiesta di aiuto rivolta alle Ong all’ultimo momento è la dimostrazione di come si stia usando la foglia di fico umanitaria per mascherare un’operazione di promozione dell’industria bellica italiana”, commenta Francesco Vignarca, coordinatore della Rete Italiana Disarmo. “Se si vogliono organizzare operazioni umanitarie serie ci si coordina fin da subito con le realtà che operano in loco, non si improvvisa così. 
E poi mi spiegate dove sta il contributo umanitario della Marina se i medici vengono portati avanti indietro in aereo a carico di altri e non operano nemmeno nel tanto decantato ospedale di bordo della portaerei Cavour ma in un ambulatorio improvvisato? E’ un umanitarismo di facciata che fa comodo solo alla Difesa, condotto per giunta secondo la vecchia logica dell’uomo bianco che arriva a compiere buone azioni e poi se ne va”.     
 

Related Posts

About The Author

Contatta la Sezione o Unità Coordinata a Te più vicina!Inviaci una e-mail o telefona per avere maggiori informazioni.

Militariassodipro.org
Vuoi le nostre news nella tua casella di posta?

Iscriviti alla nostra mailing list per ottenere informazioni interessanti e aggiornamenti.

Grazie per la sottoscrizione.

Qualcosa è andato storto.