LETTERA APERTA ALL’ON. SARA CUNIAL

GENTILE SIGNORA, PER CASO, SONO VENUTO A CONOSCENZA DELLA LETTERA CHE ELLA HA INVIATO, CITO TESTUALMENTE:

ALL’ATTENZIONE DEL CORPO DELLE FORZE ARMATE DELLO STATO  E DELLE FORZE DELL’ORDINE”.

 L’OGGETTO DELLA  MISSIVA E’: VACCINAZIONE 2021 ANTI-COVID

     PREMESSO CHE, DAL MIO PUNTO DI VISTA, ELLA IGNORA ALCUNE COSE; IN PRIMIS, LA VACCINAZIONE NON E’ OBBLIGATORIA.

     UNA PERSONA CHE OCCUPA UN RUOLO ISTITUZIONALE COME IL SUO, DOVREBBE SAPERLO.

     DETTO QUESTO, NON MI RISULTA CHE IL PERSONALE DELLE FORZE ARMATE E DELLE FORZE DELL’ORDINE, SIA MAI STATO “OBBLIGATO A FARE DA TEST AI VACCINI ANTI -COVID”.

     MI RISULTA, INVECE, CHE SONO STATI SOTTOPOSTI A TEST DEI VOLONTARI, CERTAMENTE NON MILITARI E NON APPARTENENTI ALLE FORZE DELL’ORDINE, PROVI A CHIEDERE AI DIRIGENTI DELLO SPALLANZANI.

    IL VACCINO CHE STA PER ESSERE INOCULATO ALLA POPOLAZIONE, HA SUPERATO GLI ESAMI DELLE AGENZIE INTERNAZIONALI  PREPOSTE ALL’UOPO E NON E’ CERTO QUALCHE NEGAZIONISTA O FRUSTRATO CHE POSSA METTERE IN DUBBIO O, PEGGIO ANCORA, CREARE PANICO IN UN SETTORE COME QUELLO DELLE FORZE  ARMATE E LE FORZE DELL’ORDINE, SULLA UTILITA’ DI QUESTA VACCINAZIONE.

     ELLA SA, O DOVREBBE SAPERE, CHE NON E’ SOLO IL PERSONALE DELLE FORZE ARMATE E FORZE DELL’ORDINE AD ESSERE INTERESSATO ALLA VACCINAZIONE. ANZI, IL PERSONALE MILITARE, PERALTRO, NON SARA IL  PRIMO AD ESSERE VACCINATO; PRIMA DI ESSO SARANNO I MEDICI, INFERMIERI E PERSONALE PARAMEDICO, OVVERO,  COLORO CHE SONO  A STRETTO CONTATTO CON PAZIENTI CONTAGIATI, E QUINDI, PIU’ A RISCHIO DI CONTAGIO.

      NON CREDO CHE QUESTA CATERGORIA PROFESSIONALE (MEDICI E INFERMIERI) SIA COSI’ MASOCHISTA DA SOTTOPORSI A VACCINAZIONE SAPENDO DI ESSER “CAVIE”.

     POI CI SONO LE PERSONE A MAGGIOR RISCHIO QUELLI C.D. FRAGILI E COSI’ VIA. anche queste persone, secondo la sua tesi, sono cavie?

     IN VERITA’ RITENGO IL CONTENUTO DELLA SUA LETTERA UN TENTATIVO, PERALTRO SENZA UNA BASE, NON DICO SCIENTIFICA PERCHE’ SAREBBE DARLE TROPPA IMPORTANZA, LOGICA.

forse vuole fare “terrorismo psicologico”?

     PER QUANTO RIGUARDA IL CONTRIBUTO CHE MEDICI E INFERMIERI SIANO STATI CHIAMATI A DARE PER INOCULARE IL VACCINO, LE RICORDO CHE QUESTA GENTE SI E’ LAUREATA NELLE UNIVERSITA’ ITALIANE ALLA STESSA STREGUA DEI MEDICI CHE STANNO IN CORSIA, STESSA COSA PER GLI INFERMIERI MILITARI. ANZI, le diro’, PER LA PRIMA VOLTA VENGONO IMPIEGATI, AL DI FUORI DELL’AMBITO MILITARE, NELLA LORO specialita’ professionale’.

      MI RENDO CONTO CHE ELLA E’ ABITUATA, MALE, A VEDERE I MILITARI RACCOGLIERE LA MONNEZZA PER LE STRADE perche’ POLITICI INCAPACI NON hanno saputo SMALTIRE. OPPURE IN OPERAZIONI STRADE SICURE SEMPRE PER INCAPACITA’ DI VOI POLITICI A TENERE ORDINE SUL TERRITORIO E COSI VIA IN TANTE altre OPERAZIONI CHE hanno visto i militari impiegati impropriamente

     RITENGO SPREGEVOLE CHE UN DEPUTATO DELLA REPUBBLICA INVII UNA LETTERA DI QUESTO tenore ALLA COMPONENTE ISTITUZIONALE sicuramente  “ESPOSTA” in questo momento pandemico.

     infine, ma non per questo meno importante, la sua “ignoranza” mescola” le c.d. pere con le mele. mi vuole spiegare cosa centra l’uranio impoverito con il vaccino anti-covid?

     INFATTI, NON LE GIOVA CITARE LA SENTENZA DEL CONSIGLIO STATO, SPECIALMENTE NELLA PARTE: “E’ BENE, IN LIMITE, PRECISARE CHE E’ INCONTESTATO IL DOVERE GIURIDICO DEL MILITARE DI ESPORSI AL PERICOLO ……”  

     UNA COSA E’ LA SPECIFICITA’ DEL MILITARE CHIAMATO PER peace-keeping O Peace-enforcement. DOVE PUO’ INCORRERE NEL CONTAGIO DELL’URANIO IMPEVERITO ALTRO E’ QUESTA PANDEMIA, CHE, SE NON LE E’ CHIARO, INTERESSA L’INTERO PIANETA E NON SOLO UNA PICCOLA AREA CIRCOSCRITTA.

     NON SO, E NON MI INTERESSA , CHE PROFESSIONE ESERCITA NELLA VITA CIVILE, SO SOLO CHE QUESTA LETTERA INVIATA ALL’ATTENZIONE  E’ SEMPLICEMENTE SBAGLIATA.

           CORDIALI SALUTI

                                                                                                                       VINCENZO MOCCIA

Related Posts

About The Author

Contatta la Sezione o Unità Coordinata a Te più vicina!Inviaci una e-mail o telefona per avere maggiori informazioni.