Mario Mauro: La revisione dello strumento militare è un obiettivo che và perseguito con forza-Si occupa anche della discarica di Roma con una nota che Zingaretti definisce “stravagante se non foll

Praticamente un auto intervista, quella concessa dal Ministro Mauro alla Web TV della Difesa,  ( vedi intervista ) senza contraddittorio e opportunamente preparata.  Alla domanda dell’intervistatrice : “ che messaggio si sente di dare al personale militare e civile della Difesa ? – il ministro risponde “  La revisione dello strumento militare è un obiettivo che và perseguito con forza per avere FF.AA. efficienti dove i militari e i civili che compongono il sistema della difesa, le famiglie, possano auspicare maggiore benessere e nello stesso tempio più` garanzie e più` sicurezze, meno precariato”.  Basta leggere soltanto le dichiarazioni dei CoCeR , che, anche se non affrontano i tagli della revisione con “spirito sindacale” a tutela dei posti di lavoro , di gestione concertata dei tagli e delle penalizzazioni, rivelano la non totale esattezza delle dichiarazioni del Ministro ( vedi comunicato CoCeR ) .
Nell’intervista il Ministro ha , tra l’altro, anche dichiarato : “ A proposito poi dell`esigenza che se si vuole costruire la pace non si può` comunque e in qualche modo prescindere anche dallo strumento militare. Mauro ha ricordato che nei giorni scorsi sono stati celebrati i 60 anni dalla guerra di Corea, cioè` il primo intervento internazionale italiano dopo la seconda guerra mondiale “per contenere un conflitto che avrebbe potuto coinvolgere il mondo intero”. E questa situazione “e` tornata a verificarsi nel tempo, siamo intervenuti molte volte. Per preparare la pace occorre in un certo momento della storia arginare il conflitto e proprio per questo l`intervento della Difesa italiana ormai non solo guarda a combattere la guerra come elemento risolutivo delle controversie ma e` anche consapevole di quanto si debba e possiamo fare perche` le ragioni della pace vengano si` armate ma per disarmare la guerra”.
La Difesa: collaboriamo per la nuova discarica Zingaretti: “Idea folle c’è già il commissario 
Repubblica – parte di articolo di Mauro Favale :” già successo nell`aprile 2012 per il sito di Monte Carnevale. Per l`allora ministro dell`Ambiente Corrado Clini era considerato il migliore per accogliere i rifiuti di Roma, per il suo collega della Difesa Giampaolo Di Paola, invece, era troppo vicino al “Centro interforze”. Ora, a distanza di oltre un anno, quando la decisione sulla nuova discarica di Roma sta per essere presa, un nuovo ministro della Difesa, Mario Mauro, interviene sulla questione della spazzatura romana: «La Difesa, nell`ambito della tradizionale collaborazione istituzionale con gli altri dicasteri e con il Comune di Roma, si rende disponibile a collaborare con tutti gli attori coinvolti, per l`individuazione di soluzioni idonee al problema della discarica di Roma». Un comunicato irrituale, pesato nelle parole, che scatena una bufera: da una parte il Pdl, con Gianni Alemanno in primis ad appoggiare l`offerta di Mauro, dall`altra il Pd e Nicola Zingaretti che definisce la nota del ministero «stravagante se non folle». «Ogni volta che sta per chiudere Malagrotta — afferma il governatore—qualcuno all`improvviso fa il furbo o il finto tonto. È cosi da oltre 30 anni. Comunico al ministro Mauro che la questione è sotto la direzione del commissario del governo Letta di cui lui fa parte. E il suo commissario ha da giorni avanzato una proposta. Contro Zingaretti e le sue parole su Mauro, invece, interviene  il capogruppo Pdl a Montecitorio, Renato Brunetta, residente sull`Ardeatina e, da giorni schierato contro l`ipotesi di una Discarica in quella zona: «Il governatore lasci stare gli insulti e il nervosismo». Gli risponde il deputato Pd Marco Miccoli: «Brunetta è contro la discarica a Falcognana per un solo motivo: difendere il suo villone con piscina”. 

Related Posts

About The Author

Contatta la Sezione o Unità Coordinata a Te più vicina!Inviaci una e-mail o telefona per avere maggiori informazioni.

Militariassodipro.org
Vuoi le nostre news nella tua casella di posta?

Iscriviti alla nostra mailing list per ottenere informazioni interessanti e aggiornamenti.

Grazie per la sottoscrizione.

Qualcosa è andato storto.