Militari senza rappresentanza.Traditi da un sistema rappresentativo obsoleto e inefficace, da interpreti rappresentativamente incapaci. L’incontro con il ministro Pinotti tra propaganda e realtà

A cura di Assodipro Roma
Pochi giorni fa c’è stato un incontro tra i CoCeR ed il Ministro difesa Pinotti; ne abbiamo parlato in un nostro articolo precedente. Oggi vorremmo mettere a fuoco quelli che sono i “commenti” o i “resoconti” diffusi da alcuni “rappresentati” dei militari. A parte le evidenti contraddizioni che emergono dalle diverse voci è di plastica evidenza come alcuni rappresentanti sono lontanissimi dallo stesso termine “ rappresentante “ o da quello di “ delegato “; non solo non comunicano e non informano se non raramente, ma, quando lo fanno appare evidente la loro INCAPACITA’ CONGENITA DI RAPPRESENTARE , la loro Genetica natura di subordinati rappresentativi, come da sindacato giallo,sia alla gerarchia,  sia alla politica che da anni penalizza il comparto difesa con pesantissimi tagli , anche di personale, con blocchi stipendiali prorogati fino al 2020, con la drammatica assenza della previdenza integrativa.  La loro natura acquisita di diffusori di “fumo informativo”, della teoria del perdere tempo insinuando speranze che non sono supportate che da parole e promesse , è palese in quello che scrivono
Cominciamo questo triste quadro rappresentativo dal  Delegato  Colombo, della Categoria Ufficiali del CoCeR Marina ; Si, solo omonimo del grande navigatore e sicuramente anche solo omonimo in fatto di “coraggio  rappresentativo “divulgatore  di un ottimismo che fà a pugni con la realtà, anche numerica del DEF  !  diffonde messaggi tendenti a prendere solo tempo mentre tutto resta invariato e bloccato.  Informa disinformando ( sul DEF non ci sono risorse per i contratti; sul DEF  si dichiara che le spese per gli stipendi rimangono invariate salvo aumentare per la  sola vacanza contrattuale dal 2018 al 2020)  ed il  poco prode Colombo è capace di scrivere : “ma non significa automatica proroga fino al 2020 del blocco della contrattazione per ora previsto fino al 2017”. UN altro delegato del CoCeR Marina; Saccone , sull’incontro con il Ministro Pinotti, posta su FB un commento stile pugile suonato che scende dal ring totalmente confuso; totalmente incapace di scrivere una virgola critica sul Ministro, sui tagli e sui blocchi , barcolla in un commento da vero sindacato giallo , sulla linea del “ poco rappresentativamente prode “ delegato Colombo,  che lascia veramente stupiti scrivendo “ Se qualcuno si aspettava che dicesse che ci sbloccano gli stipendi dal 1.1.15, beh non ha detto niente, in compenso non ha detto neanche che continuerà il blocco (!)..”  . A detta sua, lei e il suo Ministero faranno di tutto per trovare le risorse (già nel DEF il Governo sembra indirizzato a farlo) per sbloccare il personale dei comparti difesa/sicurezza. Parte dei soldi li vuole trovare all'interno del Ministero e gli altri da parte del Governo. Proprio al termine della riunione andava al consiglio dei ministri dove “vado a cercare risorse per i vostri comparti“. 
Il generale Paolo Gerometta, presidente del Cocer Esercito, IN GIGANTESCO CONFLITTO DI INTERESSE in quanto vertice militare e vertice della rappresentanza militare ( presidente CoCeR EI e Presidente CoCeR comparto Difesa ) è insuperabile, come una famosa marca di tonno, nel diffondere incenso  e cloroformio rappresentativo. Si accontenta, bontà sua,  della stessa frase che TUTTI I MINISTRI DELLA DIFESA DELLA STORIA DELLA REPUBBLICA hanno pronunciato ( riguardo alla così-detta centralità del personale)  e “ vende” , non solo  parole e promesse  con uno zelo invidiabile, ma anche la bontà di tavoli tecnici quando a memoria non si ricorda un tavolo tecnico che ha risolto qualcosa negli ultimi 20 anni ,  scrivendo : “Il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, oltre ad evidenziare la centralità del personale per la “macchina Difesa”, ha assicurato che farà ogni possibile sforzo e iniziativa per ottenere lo sblocco delle retribuzioni del personale del comparto difesa e sicurezza.” 
IL triste quadro rappresentativo fin qui descritto, cambia con altri commenti di delegati sull’incontro con il Ministro difesa Pinotti, e finalmente appare una tenua luce che cerca di rappresentare con dignità rappresentativa  e descrivere la realtà che possiamo vedere bene davanti a noi dopo gli ultimi 3 governi degli ultimi 3 anni. 
Fonte Grnet.it : Per il tenente colonnello Guido Bottacchiari (A.M.), «siamo fermi ancora all'estate scorsa, quando il ministro Mauro promise il suo impegno personale ad esplorare le possibilità di trovare le risorse per lo sblocco stipendiale – perchè il focus è questo, ndr– all'interno del dicastero e in un'ottica interministeriale». «Le dichiarazioni del ministro Pinotti – spiega Bottacchiari – sono identiche a quelle del ministro Mauro, quindi nessuna novità, nessun passo avanti». Di «evidente impreparazione ad affrontare i complessi argomenti sul tavolo» parla invece il delegato Cocer della Marina, Antonello Ciavarelli, secondo il quale dal ministro Pinotti «ci saremmo aspettati importanti novità, scadenze certe, azioni concrete, non fumose frasi di circostanza e generiche promesse di impegno personale».    

 In leggi tutto i testi dei resoconti che i delegati citati hanno fatto sull’incontro con il ministro Pinotti 
DELEGATO COCER ( Ufficiali Marina ) COLOMBO ; M.M. La Spezia:  messaggio ai rappresentati sull’incontro con il ministro difesa Pinotti. Si è concluso da poco più di un’ora un incontro del Cocer interforze con il Ministro della Difesa On. Pinotti alla presenza del Capo di Stato Maggiore della Difesa e dei Sottosegretari On. Rossi ed Alfano. Dopo gli interventi di colleghi delle FFAA che hanno espresso tutto lo sgomento del personale per la situazione economiche e morale, il Ministro ha risposto alle domande rivolte. In sintesi: – Relativamente al DEF (Documento di economia e finanza):  è prevista una percentuale di spesa dello 0,3% per il finanziamento dal 2018 al 2020 della vacanza contrattuale, ma non significa automatica proroga fino al 2020 del blocco della contrattazione per ora previsto fino al 2017.  è previsto l’aumento percentuale dal 2015 dello 0,1% per far fronte ad una maggiore spesa per il pubblico impiego. Sono risorse ancora da reperire effettivamente e da integrare con altre che debbono provenire dallo SMD e dal Ministero degli interni che serviranno a far ripartire le dinamiche di progressione economica dal 1 gennaio 2015. Il Ministro è stato chiaro: non è ancora stato definito niente, ma sta lavorando con il massimo impegno a questa che ritiene la priorità del suo dicastero. – Riforma 244… o Saranno attivati tavoli tecnici per la possibilità di porre modifiche al testo approvato con DLgs 8/2014; o Non ha escluso un meccanismo di uscita dal servizio simile all’esonero che vi ricordate era stato bocciato anche a causa di un attacco mediatico che lo aveva definito “scivolo d’oro” mentre ora sembra più simile al meccanismo che il Ministro Madia sta proponendo per tutto il pubblico impiego (all’80%). o Ha confermato l’uscita esclusivamente volontaria, anche verso quei 8000 posti di cancelliere di cui aveva parlato in pubblico. – Fucilieri di Marina : Ha ribadito il massimo impegno e l’unità di intenti del Governo per la risoluzione della questione utilizzando l’arbitrato internazionale. In conclusione Vi esprimo la mia parziale soddisfazione per la ricerca di una soluzione al blocco delle progressioni economiche del comparto, ma anche per l’attenzione, la chiarezza e l’impegno che il Ministro sta ponendo nella sua azione nei confronti del personale militare che considera centrale per il funzionamento istituzionale della FA e per la sinergia in corso tra Ministro e Capo di Stato Maggiore della Difesa,che ha avuto come primo prodotto la lettera inviata a tutto il personale nei giorni scorsi. Ovviamente ancora non è stato definito niente ma un timido segnale finalmente è arrivato. Cordiali saluti C.F. Antonio Colombo Delegato cat A Consiglio Centrale della R.M.  Direzione di Commissariato M.M. La Spezia.
Delegato CoCeR SACCONE  ( sottufficiali )  Marina Militare Incontro del Cocer con il Ministro della Difesa Roberta Pinotti. Presenti. Ministro, Sottosegretari alla Difesa, C.S.M.D., Capo di Gabinetto del Ministro.
Durata incontro: 75 minuti circa
Argomenti trattati: sblocco stipendi e scatti, riforma della R.M., Fucilieri in India, certezze sul futuro del personale delle FF.AA.
Hanno parlato almeno due Delegati per FF.A. (5 uff.li, 2 m.lli, 3 serg/brig, 1 graduato/appuntato)
Se qualcuno si aspettava che dicesse che ci sbloccano gli stipendi dal 1.1.15, beh non ha detto niente, in compenso non ha detto neanche che continuerà il blocco. A detta sua, lei e il suo Ministero faranno di tutto per trovare le risorse (già nel DEF il Governo sembra indirizzato a farlo) per sbloccare il personale dei comparti difesa/sicurezza. Parte dei soldi li vuole trovare all'interno del Ministero e gli altri da parte del Governo. Proprio al termine della riunione andava al consiglio dei ministri dove “vado a cercare risorse per i vostri comparti“. Sulla riforma della R.M. concorda sul fatto che bisogna adeguarla con i tempi, ma non ha specificato come. Da alcuni delegati è stato chiaro il riferimento al sindacato. Per i fucilieri ha detto che è una priorità del Governo Renzi di riportarli a casa. Ha chiesto da subito i nomi di coloro che parteciperanno ai tavoli tecnici con SMD per le modifiche alla 244/12 (ora 8/14) e altre problematiche, che vuole far partire al più presto. Ha detto che dovrà essere più efficace la collaborazione tra Ministero/SMD e RM. In definitiva ha confermato che metterà il massimo impegno per trovare i soldi per lo sblocco. Questo è quello che è successo, ora potete credere o no alle sue parole, ma questo è quello che ha detto. 
( fonte gr net ) Il generale Paolo Gerometta, presidente del Cocer Esercito, vede invece il bicchiere mezzo pieno: «Il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, oltre ad evidenziare la centralità del personale per la “macchina Difesa”, ha assicurato che farà ogni possibile sforzo e iniziativa per ottenere lo sblocco delle retribuzioni del personale del comparto difesa e sicurezza» – ha riferito alle agenzie. «Inoltre – spiega Gerometta – d’intesa con il Capo di Stato Maggiore della Difesa, ammiraglio Binelli Mantelli, ha auspicato una immediata partenza dei “tavoli tecnici” tra Cocer e Stato Maggiore della Difesa su tutte le principali e urgenti problematiche riguardanti il personale con le stellette. In tal senso ha, altresì, recepito la richiesta del Cocer di avere un ruolo più attivo e preventivo sui predetti tavoli e in particolare sulla predisposizione dei decreti correttivi alla revisione dello strumento militare. Apprezziamo infine la volontà espressa dal Ministro di far proseguire gli incontri con il sottosegretario Domenico Rossi, delegato per i rapporti con la rappresentanza militare». 
COCER AERONAUTICA : «Il Ministro ha risposto in maniera non totalmente esaustiva – riferisce la nota dell'Aeronautica militare – alle precise domande dei delegati sia per il poco tempo disponibile sia, per come affermato dallo stesso ministro, per la complessità degli argomenti trattati che necessitano di una più ampia condivisione in ambito governativo. Nessuna certezza, allo stato, è stata quindi data dal ministro in merito all’immediato sblocco dei contratti e delle dinamiche retributive se non un mero “impegno personale” per trovare le risorse in ambito Difesa. Nulla anche sui decreti discendenti dalla legge 244/12 di riforma dello strumento militare se non il chiarimento che i transiti presso altre Amministrazioni avverranno, così come previsto dai decreti legislativi medesimi, solo su base volontaria seppur il ministro stesso ha auspicato in materia un rinnovato dialogo con le rappresentanze attraverso un confronto che permetta di prospettare ulteriori soluzioni all’esodo del personale.  

Related Posts

About The Author

Contatta la Sezione o Unità Coordinata a Te più vicina!Inviaci una e-mail o telefona per avere maggiori informazioni.

Militariassodipro.org
Vuoi le nostre news nella tua casella di posta?

Iscriviti alla nostra mailing list per ottenere informazioni interessanti e aggiornamenti.

Grazie per la sottoscrizione.

Qualcosa è andato storto.