Ministro Difesa Pinotti, QUANDO E COME SI SBLOCCANO LE RETRIBUZIONI DI MILITARI E FORZE DI POLIZIA? Risposta:“ Sto lavorando alla ricerca di Risorse !–“ al massimo.. specifici (!?) interventi!

…” sto lavorando, insieme agli altri Ministri interessati (interno, economia e finanze, giustizia, qui presente, politiche agricole, alimentari e forestali), alla ricerca di risorse disponibili all'interno dei bilanci dei nostri Dicasteri che siano effettivamente impiegabili per l'anticipazione dello sblocco sin dal prossimo autunno… “ .    
 ( nota Assodipro : l'ultima volta che si è parlato di risorse del Bilancio Difesa è stato poco tempo fà… quando sono stati TAGLIATI 400 MILIONI di Euro dal Bilancio Difesa per Finanziare i “famosi”  80 Euro – Come è possibile trovare risorse per lo SBLOCCO delle RETRIBUZIONI del Personale in bilanci tagliati , ritagliati/ridotti ?  )
XVII LEGISLATURA Resoconto stenografico dell'Assemblea Seduta n. 270 di mercoledì 23 luglio 2014   (Iniziative a favore del personale militare al fine di un ritorno alle ordinarie dinamiche retributive – n. 3-00964)   
PRESIDENTE. Il deputato D'Arienzo ha facoltà di illustrare l'interrogazione Scanu n. 3-00964, concernente iniziative a favore del personale militare al fine di un ritorno alle ordinarie dinamiche retributive (Vedi l'allegato A – Interrogazioni a risposta immediata), di cui è cofirmatario.   VINCENZO D'ARIENZO. Signor Presidente, gentile Ministro, lei sa bene da quanti anni sul comparto militare e sul personale militare incidano il blocco contrattuale, il blocco triennale, la proroga per il 2014. Di fatto quelle scelte, che erano ragionante per motivi economici – il Paese era in difficoltà per il comparto militare, in ragione delle progressioni di carriera, degli impegni, delle specificità, delle varie attribuzioni che ci sono – sono andate ben oltre, al di là del congelamento del trattamento economico, con situazioni anche paradossali, che sono note, come quella di impedire la maturazione di alcuni istituti che sono connessi alla valorizzazione dell'anzianità di servizio, nonché alle maggiori responsabilità che, nel corso della progressione di carriera, si assumono. 
  La settimana scorsa, in quest'Aula, sono state approvate delle mozioni, tre, di cui una del Partito Democratico, nell'ambito della quale il Governo si impegna a valutare, in occasione della prossima legge di stabilità, come fare in modo di recuperare i trattamenti economici connessi con impiego e funzioni, in particolare, che sono stati danneggiati dal blocco. La domanda attuale, alla luce poi del …   PRESIDENTE. Deve concludere.   VINCENZO D'ARIENZO. …dibattito che c’è stato in quest'Aula – e vado alla domanda – è se attualmente vi siano azioni aggiuntive ed ulteriori impegni che il Governo sta portando avanti, al fine di assicurare al personale del comparto militare quanto prima e comunque entro l'autunno del 2014, un ritorno alle normali dinamiche di retribuzione.   
PRESIDENTE. La Ministra della difesa, Roberta Pinotti, ha facoltà di rispondere.   ROBERTA PINOTTI, Ministro della difesa. Signor Presidente, la discussione delle mozioni di cui vi è cenno nell'interrogazione in esame ha costituito certamente un'occasione utile per un confronto sulle diverse posizioni espresse dai vari gruppi parlamentari attraverso la presentazione di singoli atti in materia di progressione di carriera ed automatismi retributivi per il personale del comparto difesa, sicurezza e soccorso pubblico. 
CONTINUA IN LEGGI TUTTO 
 
 
È emersa in quella sede la volontà condivisa di affrontare con incisività la questione del trattamento stipendiale del personale in argomento, pur dovendo necessariamente tener conto dei vincoli di bilancio imposti e dell'esiguità delle risorse a disposizione. Pertanto, in piena concordanza con la volontà politica emersa in Parlamento ed in linea con quanto da me espresso durante la presentazione delle linee programmatiche del mio Dicastero, mi sto fattivamente adoperando per l'auspicato sblocco stipendiale, consapevole che esso colpisce fortemente il personale del comparto sicurezza e difesa, verificando la possibilità di un suo anticipo rispetto alla sua attuale scadenza di fine anno. In quell'occasione ebbi modo di rimarcare quanto indispensabile sia venire incontro, almeno in parte, alle specifiche esigenze del personale del comparto difesa e sicurezza con interventi mirati su alcuni istituti e meccanismi retributivi che attenuino gli effetti del blocco stipendiale. Infatti, il comparto presenta profili di specificità che amplificano gli effetti del blocco stesso. In primo luogo, il personale, nella prospettiva di una progressione gerarchica, consegue retribuzioni che sono inizialmente basse in relazione alla delicatezza dei compiti assolti, ma aumenteranno nel tempo. Se, tuttavia, l'aumento non si verifica, il trattamento economico permane insufficiente e inadeguato. 
  Sotto un secondo profilo, la struttura gerarchica comporta necessariamente, e anche a prescindere dall'incarico, l'assunzione di responsabilità maggiori al conseguimento di un grado più elevato, responsabilità che in situazioni di blocco non vengono retribuite. Ancora: viene mortificata la meritocrazia dato che il personale più meritevole consegue avanzamenti più veloci, ma non compensati economicamente laddove i meno meritevoli, per il solo fatto di essere arrivati ai medesimi gradi prima dell'inizio del blocco, vengono retribuiti in misura superiore. Infine, la previsione di un'età ordinamentale per il collocamento in quiescenza comporta, in un regime di pensioni contributive, rilevanti svantaggi economici che risultano oltremodo aumentati se anche i contributi versati sono stati congelati dal blocco. Una criticità ancora maggiore se collegata al mancato avvio della previdenza complementare per il comparto difesa e sicurezza con effetti negativi che, quindi, non si esauriscono negli anni del blocco, ma che si ripercuoteranno anche sul trattamento pensionistico. Una situazione insostenibile che va affrontata con il pieno concorso anche della rappresentanza militare. 
Pertanto…….

Pertanto, coerentemente agli obiettivi da me prefissati all'inizio del mio mandato, sto lavorando, insieme agli altri Ministri interessati (interno, economia e finanze, giustizia, qui presente, politiche agricole, alimentari e forestali), alla ricerca di risorse disponibili all'interno dei bilanci dei nostri Dicasteri che siano effettivamente impiegabili per l'anticipazione dello sblocco sin dal prossimo autunno.   

PRESIDENTE. Il deputato Scanu ha facoltà di replicare. Ha due minuti, chiedo il rispetto dei tempi, grazie.   
GIAN PIERO SCANU. Signor Presidente, signora Ministra, innanzitutto noi firmatari di questa interrogazione la ringraziamo per la serietà delle risposte che ha voluto offrire alla nostra attenzione e ci dichiariamo ampiamente soddisfatti per le cose che lei ha appena comunicato a questo Parlamento. Ci è risultato, infatti, assolutamente evidente, non soltanto il dato rappresentato dalla piena conoscenza e competenza della materia da parte sua, ma anche l'altrettanto intelligibile volontà da parte sua, e ci auguriamo dell'intero Governo, di porre fine ad una situazione che per noi è assolutamente vergognosa. Il comparto difesa e sicurezza, a nostro giudizio, rappresenta l'eccellenza della pubblica amministrazione e al danno che questo blocco ha determinato da tempo si è aggiunta la beffa, tant’è che in luogo della specificità di cui quel comparto è portatore, questo tipo di differenziazione i 500 mila lavoratori l'hanno vissuta e la stanno vivendo con il segno negativo. 
  Quindi, nel ringraziarla, la esortiamo a rappresentare la determinazione e la convinzione dell'intero gruppo parlamentare del Partito Democratico anche nei confronti dei suoi colleghi, soprattutto dell'economia e delle finanze, in maniera tale che sappiano trovare nell'ambito delle rispettive amministrazioni le giuste modalità per reperire i finanziamenti necessari.

Related Posts

About The Author

Contatta la Sezione o Unità Coordinata a Te più vicina!Inviaci una e-mail o telefona per avere maggiori informazioni.

Militariassodipro.org
Vuoi le nostre news nella tua casella di posta?

Iscriviti alla nostra mailing list per ottenere informazioni interessanti e aggiornamenti.

Grazie per la sottoscrizione.

Qualcosa è andato storto.