Petizione per una legge favorevole

Il problema attiene diverse migliaia di persone e necessita della massima informazione possibile, pertanto, vengo subito al dunque. Il dipendente pubblico che ha contratto un’invalidità fisica permanente in servizio o per causa di esso, ha titolo, ai sensi dell’art. 64 del D.P.R. 1092/1973, alla corresponsione di un trattamento pensionistico c.d. privilegiato qualora l’infermità è ascrivibile ad una delle categorie di cui alla tabella allegato “A”,alla Legge 18.3.1968 n. 313, integrata con modif.ni dal D.P.R. 834/1981, e che ne siano state causa o concausa determinante, le ragioni di servizio.
 Al personale militare, la maggiorazione è tributata in ragione percentuale alla base pensionabile, ovvero consiste nell’aumento di un decimo dell’importo della pensione ordinaria, qualora l’interessato ne abbia maturato il diritto e qualora detto “decimo” risulti più favorevole. Questo “decimo”, che è una piccola parte dell’intero trattamento quiescenza, è assoggettato ad Irpef, nella massa complessiva reddituale, per cui viene ad essere depauperato, ancorché detta maggiorazione riveste carattere risarcitorio di danno emergente.

Scarica il Modello per aderire alla Petizione (Fonte: assocarabinieri.it) La Corte Costituzionale adita, con sentenza n.387 del 1989, ebbe a riconoscere la natura risarcitoria/non reddituale delle pensioni privilegiate “tabellari” e dichiarato nel dispositivo l'illegittimità costituzionale dell'articolo 34 1° comma del D.P.R. 29.9.1973 nr.601, nella parte in cui non estende l'esenzione dall'imposta sul reddito delle persone fisiche alle pensioni privilegiate ordinarie (al rimanente personale militare) come per le tabelle ai militari di leva.
Dalla non assoggettabilità di essa all’Irpef, discende così anche l’illegittimità dell’applicazione dell'articolo 53 della Costituzione su tale quota di privilegio, alla stessa stregua di altre erogazioni di analoga natura (quali le pensioni di guerra considerate dall'articolo 34 del Dpr 601/1973 nonchè le rendite vitalizie erogate dall'Inail alle vittime di infortuni sul lavoro, alle quali l'amministrazione finanziaria ha esteso l'esenzione fiscale).
È in atto una petizione al Presidente della Camera dei Deputati affinché sia posta in discussione la proposta di legge di modifica e la maggior parte dei pensionati militari interessati alla problematica non conoscono tale iniziativa.

Antonio Lo Faro (1 gennaio 2010) il Gazzettino

Related Posts

About The Author

Contatta la Sezione o Unità Coordinata a Te più vicina!Inviaci una e-mail o telefona per avere maggiori informazioni.