PIENE LIBERTA’ SINDACALI A POLIZIOTTI E MILITARI

Felice Romano, segretario generale del SIULP e Pompeo Mannone, segretario generale, della FNS-CISL ;  Contrattualizzazione della dirigenza, delegificazione delle procedure negoziali e ampliamento delle materie oggetto di contrattazione, applicazione di tutti i diritti del pubblico impiego anche al personale del comparto sicurezza   Per un sistema migliore e adeguato ai tempi SIULP e FNS-CISL chiedono l’ampliamento dei diritti complessivi degli operatori. 
“La Sicurezza è una delle condizioni imprescindibili per il rilancio dello sviluppo economico e sociale del nostro Paese”. Questa, in sintesi l’affermazione dei sindacati SIULP e FNS CISL alla base della loro richiesta di ammodernare il modello della sicurezza in Italia per meglio rispondere alle nuove e pressanti sfide. Il tutto anche in considerazione della necessità che il sistema sia compatibile e sostenibile con la disponibilità delle risorse che sono sempre più esigue. “Ecco perché, tra le riforme che il Governo deve affrontare, è importante quella relativa all’ampliamento dei diritti sindacali anche in tutte le Amministrazioni del Comparto sicurezza (carabinieri e finanzieri), oggi penalizzate da restrizioni anacronistiche e ingiustificate, che consentano un nuovo e più moderno modello di relazioni sindacali capace di rispondere alle nuove esigenze. Contrattualizzazione della dirigenza, delegificazione delle procedure negoziali e ampliamento delle materie oggetto di contrattazione, applicazione di tutti i diritti del pubblico impiego anche al personale del comparto sicurezza insieme all’abolizione dell’articolo 82 della legge 121/81, che limita alla Polizia di Stato il pieno diritto alla libera sindacalizzazione, sono gli interventi necessari per rendere la sicurezza del terzo millennio al passo con i tempi.”
 Lo dichiarano Felice Romano, segretario generale del SIULP e Pompeo Mannone, segretario generale, della FNS-CISL, nel richiedere che anche i poliziotti ed i militari abbiamo piene libertà sindacali. “Dare piena consapevolezza dei diritti e delle libertà sindacali significa, alla luce degli oltre 30 anni di esperienza maturata, dare maggiore consapevolezza ai singoli operatori e valorizzare il servizio reso in funzione delle esigenze dei cittadini”, continuano i due Segretari. “Nella Polizia Penitenziaria e nel Corpo Forestale dello Stato dove è intervenuta tale riforma, culturale e politica, con l’affermazione della piena sindacalizzazione, ha consentito strumenti di partecipazione e regole più rispondenti a Corpi di polizia. Auspichiamo che Letta ed Alfano mettano in campo tale revisione legislativa accanto al riordino delle carriere per il riconoscimento effettivo della specificità' dei Corpi dello Stato a partire dal regolamento delle pensioni e dal blocco della retribuzione” concludono Romano e Mannone. 

Related Posts

About The Author

Contatta la Sezione o Unità Coordinata a Te più vicina!Inviaci una e-mail o telefona per avere maggiori informazioni.
+
Articolo di Salvatore Vinciguerra – Segretario Nazionale AS.SO.DI.PRO.
“Unicuique Suum” Consiglio di Stato. La Rappresentanza non deve fare sindacato!
No Preview
Lettera aperta al Ministro Trenta e al Parlamento Italiano. Quale futuro per i Militari Italiani?
Congresso Assodipro. Eletti i nuovi organi statutari. – Risultati del Congresso di Assodipro del 26, 27  Ottobre 2018, Rimini
APPLICAZIONE ART.54 PER MILITARI, CARABINIERI E FINANZIERI
Amianto, familiari delle vittime ed Associazioni a processo conto i vertici della marina
C.U.S.E. o CO.CE.R se ci sei batti un colpo…
Sentenza. ASSEGNAZIONE TEMPORANEA per genitori con figli minori di tre anni

Militariassodipro.org
Vuoi le nostre news nella tua casella di posta?

Iscriviti alla nostra mailing list per ottenere informazioni interessanti e aggiornamenti.

Grazie per la sottoscrizione.

Qualcosa è andato storto.