Errore sul database di WordPress: [Disk full (/tmp/#sql_354b2_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device")]
SELECT t.*, tt.*, tr.object_id FROM wp_terms AS t INNER JOIN wp_term_taxonomy AS tt ON t.term_id = tt.term_id INNER JOIN wp_term_relationships AS tr ON tr.term_taxonomy_id = tt.term_taxonomy_id WHERE tt.taxonomy IN ('category', 'post_tag', 'post_format') AND tr.object_id IN (2372) ORDER BY t.name ASC

VACCINI per i Militari : IL COCER AERONAUTICA CHIEDE CHIAREZZA – AS.SO.DI.PRO.

VACCINI per i Militari : IL COCER AERONAUTICA CHIEDE CHIAREZZA

Errore sul database di WordPress: [Disk full (/tmp/#sql_354b2_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device")]
SELECT wp_posts.* FROM wp_posts INNER JOIN wp_postmeta ON ( wp_posts.ID = wp_postmeta.post_id ) WHERE 1=1 AND ( ( wp_postmeta.meta_key = '_wpipa_position' AND wp_postmeta.meta_value LIKE '%before\\_content%' ) ) AND wp_posts.post_type = 'mts_ad' AND ((wp_posts.post_status = 'publish')) GROUP BY wp_posts.ID ORDER BY wp_posts.post_date DESC

Errore sul database di WordPress: [Disk full (/tmp/#sql_354b2_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device")]
SELECT wp_posts.* FROM wp_posts INNER JOIN wp_postmeta ON ( wp_posts.ID = wp_postmeta.post_id ) WHERE 1=1 AND ( ( wp_postmeta.meta_key = '_wpipa_position' AND wp_postmeta.meta_value LIKE '%after\\_content%' ) ) AND wp_posts.post_type = 'mts_ad' AND ((wp_posts.post_status = 'publish')) GROUP BY wp_posts.ID ORDER BY wp_posts.post_date DESC

A cura di Assodipro Roma
Il CoCeR Aeronautica prende atto delle dichiarazioni del Ministro e quindi, prendiamo atto che abbia preso atto ? Ci vorrebbe , oltre che un comunicato, uno studio autonomo da presentare, su VACCINI – URANIO – AMIANTO  anche con raccolta di documentazioni e atti  , numeri, statistiche, nomi dei colleghi malati o deceduti. Un collega malato, purtroppo, non si tutela con un comunicato ed avrebbe bisogno di una tutela sindacale/legale , di un sindacato che si costituisca parte civile nelle eventuali cause invece di rimanere solo ad affrontare problemi sofferenze e malattia . Prendiamo atto che, a differenza di altri CoCeR , almeno danno un cenno. Insufficiente e apparentemente tardivo, ma comunque un cenno. La tutela di DIRITTI FONDAMENTALI SUL LAVORO, uno tra questi la SALUTE, non si può avere con l’attuale sistema. Almeno si poteva affermare, nel prendere atto, che LA RAPPRESENTANZA MILITARE NON PUO’ TUTELARE ma solo fare un “ comunicato che prende atto…”.   
 
Il CoCeR scrive : “Il Consiglio Centrale di Rappresentanza dell’Aeronautica Militare (COCER) prende atto della recente risposta al “Question Time” in Aula al Senato del Ministro Mauro in risposta ad una interrogazione sui vaccini dei militari in merito alle “ modalita’ di somministrazione …. sempre … rispondenti ai principi della buona pratica vaccinale e alle raccomandazioni delle organizzazioni internazionali”, tuttavia registra un evidente discrasia con le recenti conclusioni della Commissione d’inchiesta sui casi di morte dei Militari, che evidenziano tra l’altro, irregolarità nelle prassi di somministrazione dei vaccini. In qualità di rappresentante del personale il COCER dell’Aeronautica ritiene necessario fare chiarezza su questa contraddizione e al contempo ribadisce, come già manifestato in passato con diverse delibere, l’importanza della rigida applicazione del principio di precauzione, il rispetto delle norme che regolano le modalità di somministrazione dei vaccini e la necessità di prevedere test anticorporali gratuiti per i militari soggetti alle vaccinazioni, nonché test di gravidanza preventivi, in modo da evitare rischi di qualunque natura o squilibri del sistema immunitario nei soggetti risultanti immunodepressi”.
 
Nota a Cura di Assodipro Roma :  Innanzitutto bisogna ricordare che la questione dei vaccini rappresenta nella galassia delle cause che hanno scatenato migliaia di patologie contratte dai Militari Italiani una piccola parte del problema, non bisogna dimenticare infatti che il principale fattore scatenante è da imputare all’esposizione  SENZA MEZZI DI PROTEZIONE all’Uranio Impoverito subita dal personale Militare nei vari teatri operativi,e nei poligoni, ma che ci siano state gravi mancanze nella modalità di somministrazione dei vaccini è indubbio,e queste mancanze sono state indicate chiaramente nella relazione finale della Commissione D’inchiesta del Senato la quale recita testualmente:” la Commissione segnala la gravita di tutti i comportamenti rilevati in ambito militare, a prescindere dal loro numero e dalla loro frequenza, consistenti nella mancata anamnesi vaccinale, nella mancata acquisizione del consenso informato, nella somministrazione di dosi in misura superiore a quella indicata o senza rispettare gli intervalli temporali,prescritti dalle case farmaceutiche produttrici ( continua in leggi tutto ) 
 
 
nell’effettuazione non necessaria di vaccinazioni diverse in tempi molto ravvicinati, nell’effettuazione di richiami non necessari, in quanto la copertura immunitaria e`già` in essere, in registrazioni parziali o erronee delle vaccinazioni effettuate. Analogamente a quanto e`stato precisato in ordine all’effetto stocastico dell’esposizione ad agenti patogeni, non si può` infatti escludere che errate modalità`di somministrazione dei vaccini, associate ad altri fattori che possono operare come concause, possano contribuire a produrre effetti gravemente dannosi per la salute”.La Commissione addirittura non esclude che queste “errate modalità” di somministrazione abbiano potuto in maniera concausale contribuito a produrre effetti gravemente dannosi per la salute. Ci chiediamo quindi quali nuove informazioni scientifiche in possesso del Ministro Mauro,lo abbiano portato a dichiarare con certezza assoluta la non sostenibilità dell’ipotesi di correlazione tra la somministrazione di vaccini ed alcune patologie sofferte dal personale Militare,ci chiediamo inoltre perché il ministro smentisca ciò che è stato accertato dalla Commissione d’Inchiesta in diversi anni di audizioni e con l’acquisizione di decine di libretti personali di vaccinazione,affermando che non ci sono state irregolarità nelle modalità di somministrazione.  La sensazione è quella di trovarci in un ennesimo esempio  di negazionismo, un ennesimo passo indietro verso la verità, in spregio alle vittime di queste patologie ed alle famiglie dei caduti, cosi come per l’ Uranio impoverito, cosi come per la recente scoperta del carteggio tra Agusta Westland e ministero della difesa,che informava quest’ultimo della presenza di amianto in alcuni componenti di elicotteri in dotazione alle FFAA    Il ministro Mauro ha garantito che tutti gli elicotteri delle forze armate dei corpi dello Stato sono stati bonificati per quanto riguarda le pastiglie dei freni delle ruote dei carrelli e sono ancora in corso di bonifica le pastiglie del freno rotore: dalle carte dell’azienda costruttrice Agusta Westland (Finmeccanica) i componenti pericolosi risultino essere anche altri (guarnizioni, condotti e paratie), ma il ministro ha candidamente ammesso che ”non è realistica la prospettiva di una rimozione integrale della presenza di amianto” dagli elicotteri militari. Le bonifiche, secondo Mauro, sono state accompagnate da “specifiche misure informative e protettive nei riguardi del personale utilizzatore” degli elicotteri: i militari e i meccanici che si sono ammalati invece affermano di non essere mai stati informati dei rischi che correvano.  Si continua quindi ad insabbiare, a negare, piuttosto che fare finalmente luce sul perché i Militari si ammalano di cancro,si continua a scaricare le responsabilità piuttosto che assumerle, si continua cosi a far morire chi è già morto,e peggio ancora non si impedisce che tutto questo non accada mai più.

Militariassodipro.org
Vuoi le nostre news nella tua casella di posta?

Iscriviti alla nostra mailing list per ottenere informazioni interessanti e aggiornamenti.