CoCeR Guardia Di Finanza:" dopo le PAROLE del Ministro Difesa Pinotti sul blocco delle retribuzioni, ci vogliono fatti; La misura è colma !"

Il CoCeR GdF, da sempre in prima linea nella richiesta di Diritti Associativi e Sindacali, commenta in un efficace comunicato stampa le PAROLE del ministro Difesa Pinotti.
COMANDO GENERALE DELLA GUARDIA DI FINANZA Consiglio Centrale di Rappresentanza   COMUNICATO STAMPA COCER GdiF: apprezzamento per le parole del Ministro Pinotti. Ora attendiamo i fatti nei documenti di finanza pubblica.   
Il Consiglio Centrale di Rappresentanza della Guardia di Finanza esprime apprezzamento per le parole proferite dal Ministro della Difesa – Sen. Roberta Pinotti – nel corso  dell’audizione del 12 Marzo u.s. presso le Commissioni Difesa riunite di Camera e Senato, in merito all’esigenza di rimuovere il blocco delle carriere economiche del personale del comparto Sicurezza e Difesa. L’introduzione e la proroga del suddetto blocco è irrazionale, contraria al buon funzionamento delle amministrazioni, discriminatoria e produce effetti devastanti sulle retribuzioni e sui futuri trattamenti pensionistici, anch’essi già fortemente minati dal mancato avvio della previdenza complementare. Il blocco – che avrebbe dovuto avere valenza transitoria e che, invece, ha assunto illegittimamente un carattere di stabilità – ha già generato forti sperequazioni e dissapori tra il personale e, quindi, inevitabilmente, prodotto un profondo senso di delusione verso la classe politica la quale, fino ad oggi, si è mostrata incapace di fornire risposte adeguate. Guardiamo quindi con interesse alla volontà espressa dal Ministro della Difesa in Parlamento, ma attendiamo risposte concrete dal nuovo governo sin dalla oramai imminente predisposizione dei documenti di finanza pubblica. Non è più possibile perseverare nella direzione errata sin qui seguita:  la misura è colma
Roma, 14 Marzo 2014    IL COCER DELLA GUARDIA DI FINANZA

Related Posts

About The Author

Contatta la Sezione o Unità Coordinata a Te più vicina!Inviaci una e-mail o telefona per avere maggiori informazioni.