Convegno sulle libertà sindacali fra militari.

Grande partecipazione al Convegno organizzato da CGIL, ASSODPRO e FICIESSE sul tema le nuove Libertà sindacali per i militari italiani. Dopo la sentenza della Corte Costituzionale 120/08 ricercata, voluta ed ottenuta grazie alla tenacia e lungimiranza di Assodipro si è aperto per tutti i militari la possibilità di scegliere da chi farsi tutelare. E’ necessaria questa precisazione, in troppi si accreditano il risultato immeritatamente. Nella pronuncia della Suprema Corte si è affermato, sia pure con delle accortezze, non può essere inibito al militare di rappresentare i diritti per nome e proprio conto. La Rappresentanza militare interna alle amministrazioni non può essere considerata “parte sociale” indipendente, capace di tutelare il personale rappresentato.  Sulla base di questo nuovo assunto il Ministro della Difesa ha emanato una Circolare dopo aver sentito il parere del CdS.

Tavolo relatori

Allo stesso tempo,  in Commissione Difesa è partito il dibattito su due disegni di legge AC 875 e 1060 – “Norme sull’esercizio della libertà sindacale del personale delle Forze armate e dei corpi di polizia ad ordinamento militare, nonché delega al Governo per il coordinamento”.

Platea del convegno 28/2/2019 libertà sindacali tra i militari.

 

Il Convegno ha visto una qualificata presenza dei relatori e una nutrita partecipazione del pubblico, oltre centocinquanta persone. Per Assodipro erano presenti  una folta rappresentanza di iscritti, riuniti per l’occasione e per rilanciare il futuro dei diritti militari. 

Giuseppe Pesciaioli

Dopo la presentazione di apertura di Luciano Silvestri, Responsabile Legalità e Sicurezza presso CGIL , ha preso la parola il  Presidente Assodipro Giuseppe Pesciaioli con un iniziale e dovuto excursus storico in memoria di quei colleghi amici e fondatori di Assodipro come Sisinnio Mura, Carlo di Carlo, Mario Auricchio  ed Emilio Ammiraglia che ci hanno lasciato prematuramente. Un particolare grazie per la sua grande intuizione ed umanità a Emilio Ammiraglia, instancabile Presidente, sempre presente, lungimirante, acuto, che ha lasciato un grande vuoto mai colmato. A lui si deve il percorso che ci ha portato alla storica sentenza della Corte Costituzionale insieme allo storico Presidente Alberto Tuzzi.

Emilio Ammiraglia

Pesciaioli ha precisato che Assodipro conta una adesione dal “92 ad oggi fino a 28.000 iscritti, che le ha permesso attraverso una sottoscrizione volontaria di affrontare molte sofferenze personali di tanti militari con elargizioni di contributi sia per continuare a far sopravvivere le proprie famiglie, sia per curarsi da patologie invalidanti e mortali come l’uranio impoverito o sostenere lunghi iter giudiziari per difendersi da provvedimenti subiti per aver esigito un diritto, fino ad investire una considerevole somma per patrocinare in ogni sede e in ogni grado il riconoscimento al diritto di costituire associazioni di carattere sindacale fino alla nota sentenza della Corte Costituzionale 120 del 2018. Nel frattempo, mentre tutti erano concentrati sulla riforma della Rappresentanza Militare, Assodipro ha puntato in alto.

Alberto Tuzzi

La domanda posta da Pesciaioli alla platea e al Parlamento è stata semplice: ha un senso oggi parlare di categorie dividendole con status giuridici diversi? Ha un senso avere stati giuridici uno per ufficiali, uno per sottufficiali e uno per graduati? Sarà forse il caso di arrivare a definire una volta per tutto che un militare della repubblica italiana ha un solo stato giuridico quale quello appunto di militare? Sarà il caso di superare questa logica e entrare concettualmente nel pari dignità con responsabilità diverse e riconosciute attraverso il grado e la giusta retribuzione? Sarà il caso di programmare un progressivo “turn over” per avere forze adatte ad essere utilizzate per gli scopi che gli si richiedono?

Poi ha preso la parola Francesco Zavattolo neo Segretario provvisorio del Sindacato Nazionale Lavoratori Finanzieri. Il nuovo sindacato è stato l’evoluzione naturale dell’Associazione Ficiesse da sempre in prima linea per i diritti dei finanzieri e in stretta collaborazione con la Cgil. 

E’ posi seguito l’intervento di Emanuel Jacob Presidente di Euromil che ha ricordato la vicinanza e lungimiranza di Assodipro in questa battaglia di oltre vent’anni. Jacob ha ricordato di essere il  Presidente di EUROMIL, l’organizzazione ombrello di 34 associazioni e sindacati militari nazionali. EUROMIL è attiva in 22 paesi, il principale forum europeo per la cooperazione tra associazioni militari professionali. Interessante lo spaccato di storia che Jacon ricorda, era il 13 settembre del 1972, una serie di associazioni si riunì per la riunione di fondazione di EUROMIL a Bergisch-Gladbach in Germania. Sarà probabilmente una sorpresa per molti di voi, ma tra i partecipanti erano presenti anche rappresentanti italiani di due associazioni italiane, ovvero il Sindacato Nazionale Autonomo dei Militari (SNAM) e l’Associazione Nazionale Ufficiali Aeronautica (ANUA). Sfortunatamente, queste associazioni italiane scomparvero presto dalla lista dei membri di EUROMIL. Ma la loro presenza nei primi giorni di EUROMIL è la prova migliore che il desiderio di rappresentare i soldati era all’ordine del giorno più di 46 anni fa in Italia e come tutti sappiamo, lo è ancora oggi. Di seguito tutto il discorso di Emanuel Jacob. 

Il convegno è poi andato avanti con gli interventi di Massafra CGIL, l’Associazione l’Altra metà delle divisa, Associazione Cerchio Blu e Polis aperta. I Neo costituendi sindacati per CGIL Siam e Silme. Spaccati di diverse realtà che conducono al Comparto Sicurezza e Difesa.  

4 Marzo 2019

La Redazione

 

 

EMANUEL JACOB PRESIDENT EUROMIL

Speech of the President of EUROMIL

28 February 2019, Rome

Signora Ministro, onorevoli parlamentari, signore e signori, cari ospiti,

vorrei iniziare esprimendo la mia gratitudine alla CGIL per la sua lunga collaborazione e salutare tutti coloro che hanno combattuto al fianco di EUROMIL, in particolare all’interno di ASSODIPRO, per il personale militare in Italia.

Permettetemi di presentare l’Organizzazione europea delle associazioni militari e sindacali a coloro che non hanno ancora familiarità con essa. Ho l’onore di essere il  Presidente di EUROMIL, l’organizzazione ombrello di 34 associazioni e sindacati militari nazionali. EUROMIL promuove gli interessi sociali e professionali del personale militare di tutti i gradi in Europa. Allungatosi in 22 paesi, EUROMIL è il principale forum europeo per la cooperazione tra associazioni militari professionali su questioni di interesse comune. Inoltre, EUROMIL si impegna a garantire e promuovere i diritti umani, le libertà fondamentali e gli interessi socio-professionali di tutti i militari uomini e donne a livello europeo.

Essendo il principale forum europeo per la cooperazione tra le associazioni militari professioniste su questioni di interesse comune, uno dei nostri compiti principali è quello di facilitare lo scambio di informazioni, esperienze sul campo e non  tra le nostre associazioni membro. Ciò implica che le associazioni membro siano incoraggiate a sostenersi a vicenda in uno spirito di mutua solidarietà.

Oltre ad essere una piattaforma di scambio tra i suoi membri, EUROMIL compie ogni sforzo per monitorare e intervenire a livello internazionale per promuovere i diritti e gli interessi del personale militare attraverso attività di avvocatura e attività di sensibilizzazione. EUROMIL lavora a livello europeo con le istituzioni europee e ha uno status partecipativo presso il Consiglio d’Europa e uno status consultivo speciale presso il Consiglio economico e sociale delle Nazioni Unite (ECOSOC). EUROMIL sostiene inoltre i contatti con l’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) e con l’Ufficio OSCE per le istituzioni democratiche e i diritti umani (ODIHR) in particolare. EUROMIL è un osservatore all’Assemblea parlamentare della NATO (NATO PA) e collabora con il Centro per il controllo democratico delle Forze armate di Ginevra (DCAF).

Vorrei cogliere l’occasione per dire una parola sulla carenza di istituzione dei difensori civici in Italia (ombudsman). EUROMIL è l’unica organizzazione non governativa che fa parte della Conferenza internazionale delle istituzioni delle forze armate (ICOAF). Sfortunatamente, nonostante gli sforzi fatti da EUROMIL negli ultimi anni per stabilire una relazione con la rete dei difensori civici italiani, l’Italia è ancora dispersa durante gli incontri ICOAF. Poiché questo argomento è attualmente in discussione al Parlamento, vorrei sottolineare che EUROMIL sostiene la creazione di un’istituzione di difensori civici nazionali con competenza sulle forze armate. La mancanza di efficaci meccanismi di denuncia, insieme al divieto dei diritti sindacali per il personale militare, impediscono un’efficace protezione dei diritti umani dei membri delle forze armate. EUROMIL ricorda che il personale militare dovrebbe essere in grado di esercitare pienamente il diritto a un ricorso effettivo per denunciare e prevenire le violazioni dei diritti umani nelle forze armate.

Signore e signori,

Perché EUROMIL promuove i diritti fondamentali e gli interessi socio-professionali dei soldati ? Le forze armate sono composte da esseri umani, che hanno scelto di servire il loro paese come “Cittadini in uniforme”. Il fatto che questi uomini e queste donne indossino un’uniforme non annulla i loro diritti di cittadini del loro paese.

EUROMIL esiste da oltre 46 anni; 46 anni di comprensione e amicizia tra soldati; 46 anni di scambi di esperienze tra associazioni di singoli membri; 46 anni per promuovere interessi generali, ideali, sociali e di carriera dei soldati e per rappresentare le associazioni membri nei confronti delle organizzazioni sovranazionali. Il 13 settembre 1972, una serie di associazioni si riunì per la riunione di fondazione di EUROMIL a Bergisch-Gladbach in Germania. Sarà probabilmente una sorpresa per molti di voi che tra i partecipanti erano presenti anche rappresentanti italiani di due associazioni italiane, ovvero il Sindacato Nazionale Autonomo dei Militari (SNAM) e l’Associazione Nazionale Ufficiali Aeronautica (ANUA). Sfortunatamente, queste associazioni italiane scomparvero presto dalla lista dei membri di EUROMIL. Ma la loro presenza nei primi giorni di EUROMIL è la prova migliore che il desiderio di rappresentare i soldati era all’ordine del giorno più di 46 anni fa in Italia e come tutti sappiamo, lo è ancora oggi.

Signore e signori,

EUROMIL richiede in particolare il riconoscimento del diritto al personale in servizio di formare e aderire a sindacati e associazioni indipendenti e alla loro inclusione in un dialogo sociale regolare da parte delle autorità. Consentitemi di sottolineare che il diritto alla libertà di associazione riguarda il dialogo sociale; il diritto a rappresentare collettivamente, attraverso la consultazione e la negoziazione, lamentele comuni; la canalizzazione di informazioni e preoccupazioni su personale e materiale lungo la catena di comando e viceversa. Le associazioni militari dovrebbero essere un valido partner di cooperazione per le autorità politiche e militari. Istituzionalizzare il dialogo sociale contribuisce così attivamente a una mentalità in cui i problemi sono risolti prima che inizino ad influenzare la disciplina e la motivazione.

Talvolta si afferma che le associazioni indipendenti del  personale sono incompatibili con la professione militare. Che valore ha questo affermazione quando in paesi come l’Irlanda, la Finlandia o la Svezia oltre il 95% degli ufficiali attivi, compresi i generali, sono membri di un’associazione di ufficiali?

Talvolta si afferma che le associazioni professionali di personale potrebbero indebolire la disciplina militare o combattere l’efficienza. Che valore ha una tale argomentazione, quando i soldati belgi, danesi, olandesi, tedeschi e nel frattempo irlandesi hanno pieno diritto sindacale e contemporaneamente partecipano a diverse missioni e operazioni all’estero?

Esperienza decennale ha dimostrato che i paesi che hanno concesso i diritti sindacali ai loro soldati non hanno subito alcuna perdita di efficienza o disciplina militare. Anzi!

Noi, come associazioni militari democratiche, non interferiamo in questioni di politica interna o estera, né nella strategia di difesa né nelle decisioni operative. Noi, come associazioni militari, rispettiamo pienamente la catena di comando e non perdoniamo l’insubordinazione all’interno delle forze armate. Il rispetto e la fiducia reciproci sono fattori chiave per fondare una vera partnership sociale. Associazioni militari o sindacati non riguardano lo stato personale della sua leadership. Non si tratta di cantare slogan vuoti. Non si tratta di dare solo critiche. Si tratta di una ricerca di soluzioni comuni. Si cercano accordi comuni a beneficio del personale militare e delle forze armate.

Cari amici,

I soldati sono chiamati a fare sacrifici personali al servizio della nazione e della comunità internazionale – incluso il sacrificio della propria salute e della propria vita. In cambio, i nostri soldati devono sempre essere in grado di aspettarsi un trattamento equo. Hanno diritto a termini e condizioni di servizio commisurate ai loro sacrifici.

I soldati adempiono al loro dovere nei confronti della loro nazione. Le associazioni del personale militare a loro volta ricordano alle nazioni i loro doveri verso i soldati e le loro famiglie.

In Italia, dopo molti anni di lotta per raggiungere la loro legittima aspirazione, il personale militare è riuscito a far sentire la propria voce. Sfortunatamente, questo è accaduto attraverso diversi casi legali, perché gli sforzi per convincere i leader politici e militari italiani a garantire al personale militare il diritto alla libertà di associazione non hanno avuto successo.

È stata infine la Corte Costituzionale in un consiglio tenutosi il 10 aprile 2018 a Roma, che ha aperto la strada a una nuova forma di rappresentanza militare attraverso la sentenza numero 120 del 13 giugno 2018. Questa sentenza, cari amici, era, come avevo previsto già ad aprile dopo la sentenza della Corte, è meno chiaro di quello che pensa la maggior parte della gente. Ha dichiarato che il personale militare potrebbe essere in grado di formare e unirsi in “associazioni professionali con un carattere sindacale”. Qualcuno può darmi la definizione di “associazione con un carattere sindacale”?

Oltre a questa sentenza, il Ministro della Difesa, anticipando i lavori del Parlamento, ha redatto la nuova procedura relativa alla costituzione di associazioni militari, un memorandum con linee guida. E con tutto il rispetto del ministro, queste linee guida autorizzano solo il personale militare italiano a creare associazioni con un carattere sindacale, senza godere dell’intero spettro dei diritti sindacali.

Sebbene questi passi costituiscano una svolta nella storia del sindacalismo militare in Italia, i militari e le donne sono ancora lontani dall’esercitare il loro diritto fondamentale alla libertà di associazione sia nella legislazione che nella pratica. Per essere chiari, la Corte costituzionale ha aperto le porte, gettato le basi, ma ora spetta al legislatore concettualizzare, costruire e completare il resto dell’edificio.

EUROMIL apprezza tutti gli sforzi compiuti per cambiare la situazione in Italia e applaude i primi buoni provvedimenti che sono stati raggiunti. Ora è il momento di discutere su come la recente sentenza del tribunale dovrebbe essere tradotta in una legislazione adeguata e creare le condizioni affinché il personale militare possa esercitare il proprio diritto a fondare e iscriversi ad associazioni militari professionali o sindacati, essere coinvolti in un dialogo sociale ben regolato e garantire la salvaguardia e la promozione dei diritti e degli interessi dei colleghi.

Cari amici, quello che serve in Italia è una riforma fondamentale della legislazione sulla rappresentanza militare. Dall’inizio dell’anno, diverse associazioni militari hanno ricevuto l’accordo del Ministro per essere costituite. E sì, due progetti di legge sono attualmente discussi dai membri del Parlamento. Ma il tempo vola e senza l’adozione di una nuova legislazione, le associazioni militari rimarranno scatole vuote.

Cari amici, cari ospiti,

La lunga lotta per i diritti sindacali reali non dovrebbe perdersi oggi nella pulizia delle strutture interne. EUROMIL nota che le diverse proposte sul tavolo prevedono una riforma o una sostituzione del sistema esistente di rappresentanza militare. Ma non sfruttare l’opportunità di introdurre un vero sindacalismo nelle forze armate italiane sarebbe un peccato. Solo una delle proposte fa riferimento a “sindacati e organizzazioni professionali” e l’altra a “associazione professionale con un carattere sindacale”. Come già accennato, i diritti sindacali reali vanno di pari passo con un quadro ben definito per il dialogo sociale e i diritti sindacali reali vanno di pari passo con la consultazione e la negoziazione tra rappresentanti del governo e del personale, definiti “parti sociali”. Avere il diritto di stipulare accordi collettivi vincolanti è d’obbligo. Inoltre, EUROMIL deplora il fatto che il progetto di legge non lasci spazio a un’associazione militare per rappresentare il personale militare di tutte le forze e di tutti i ranghi che minerebbe la rappresentazione collettiva di questa categoria socio-professionale. Infine, EUROMIL vorrebbe richiamare l’attenzione sul rapporto che l’associazione militare potrebbe avere con altri sindacati. Uno dei testi prevede la possibilità per le associazioni militari di collaborare con altri sindacati che è una buona cosa. L’altra menziona il possibile collegamento ad altre associazioni militari nazionali europee, ma poi sorge la domanda se queste associazioni potrebbero essere veri sindacati militari, come questo è quello al quale mira EUROMIL? Sarò felice di discutere questi e altri punti con voi nella discussione successiva.

Cari amici,

Spetta a voi chiarire in che direzione volete andare a beneficio del personale militare italiano e delle loro famiglie. Difendere con tutti i mezzi possibili gli interessi del nostro personale, dei lavoratori e dei “Cittadini in uniforme”, deve essere la prima priorità. E quindi, è necessaria una gamma completa di strumenti. Conto quindi sui parlamentari eletti per riempire quanto prima le lacune rimaste nella sentenza della Corte costituzionale.

Vi ringrazio per l’attenzione e vi auguro il meglio per i vostri futuri dibattiti.

Related Posts

About The Author

Contatta la Sezione o Unità Coordinata a Te più vicina!Inviaci una e-mail o telefona per avere maggiori informazioni.