DISTANZE ABISSALI TRA Binelli Mantelli e la Base – Tiepido, un po’ demagogico, poco efficace, molto tardivo e stile sindacato giallo, comunicato del CoCeR Esercito sul blocco degli stipendi !

Appena ieri, in commissione difesa il Capo di stato maggiore della Difesa aveva dichiarato : “tagliare è un imprescindibile esigenza” … “ noi teniamo molto alla coesione morale del personale, vorrei precisare cos’è la coesione morale del personale, la coesione e la motivazione del personale è un fattore complesso, che non poggia nemmeno sostanzialmente sulla retribuzione  o sull’occupazionalità  poggia su valori condivisi molto forti, è un sistema delicato, quando il sistema militare viene criticato questo influisce sul morale e sulla coesione del personale , la stragrande maggioranza dei Militari NON tiene alla sua occupazione, tiene alla sua istituzione, vuole operare in un ambiente efficace e confrontarsi con le altre ff.aa nel mondo”! 
Oggi leggiamo il, purtroppo solito comunicato stampa del CoCeR EI, tardivo ed insipido che però da la visione reale del “morale del personale” . NOI di ASSODIPRO riteniamo che il MORALE DEL PERSONALE  NON può prescindere, ed è naturalmente e logicamente collegato alla Retribuzione, all' Occupazione , alla Condizione di lavoro,  ed ai DIRITTI dei quali certi pseudo organi di rappresentanza non parlano MAI a differenza di molti organi di base; Una specificità solo finta e di facciata, spesso a sproposito richiamata , usata in modo distorto anche  per meri interessi di lobby e caste, non esclude e non può escludere DIRITTI FONDAMENTALI di tutti i cittadini e lavoratori;  ed i Militari sono cittadini e lavoratori !    
Cocer Esercito: La politica ascolti i militari, no a blocco degli stipendi giovedì 23 maggio 2013 In queste ore si discutono, in Parlamento, lo Schema di Decreto del Presidente della Repubblica recante il “regolamento per l'armonizzazione previdenziale per il personale del Comparto Difesa e Sicurezza”, ed il blocco degli stipendi per l'anno 2014. Con tali provvedimenti si penalizza, ancora una volta, il personale del Comparto Difesa e Sicurezza, chiedendo allo stesso l'ennesimo contributo a favore delle casse dello Stato. Tutto questo senza valutare i gravissimi effetti che ne potrebbero derivare sul morale del personale e sulla sicurezza dei cittadini, anche per i riflessi non noti derivanti dal coordinamento dell'applicazione dell'armonizzazione previdenziale con gli esiti della Revisione dello Strumento MIlitare che ha imposto una drastica riduzione di 23.000 unità di personale della Forza Armata. Pertanto si ribadisce l'orgoglio e la fierezza di essere “specifici” servitori fedeli dello Stato a salvaguardia delle libere Istituzioni, e si chiede, per l'ennesima volta, di essere opportunatamente e doverosamente ascoltati. Il Co.Ce.R. Esercito dichiara la propria ferma contrarietà a qualsiasi forma di blocco stipendiale ed inoltre chiede, con la massima urgenza, di riaprire il tavolo di concertazione previdenziale.  

Related Posts

About The Author

Contatta la Sezione o Unità Coordinata a Te più vicina!Inviaci una e-mail o telefona per avere maggiori informazioni.

Militariassodipro.org
Vuoi le nostre news nella tua casella di posta?

Iscriviti alla nostra mailing list per ottenere informazioni interessanti e aggiornamenti.

Grazie per la sottoscrizione.

Qualcosa è andato storto.