F-35, il Comitato NO F35 incontra il Ministro Mauro

Tagli  di 40 mila posti di lavoro ( 30 mila Militari e 10 mila civili ) nell’ “ azienda Difesa “ .
Tagli di posti di Lavoro che l’ Italia perderà per sempre mentre per “ investimenti “ in armamenti , tra satelliti – soldato robotico – F 35 – navi, ecc  si programma una spesa notevolmente superiore ai tagli fatti sui lavoratori Militari.
Incontro con il ministro della difesa Mario Mauro sugli F-35, per il Comitato Bresciano No F-35. Nel meeting, che si è svolto sabato 21 settembre, il Comitato ha ribadito la sua posizione contraria a questo acquisto sottolineando alcuni punti: l`acquisto di cacciabombardieri d`attacco risulta essere contrario alla ratio del dettato costituzionale, ed in particolare all`Articolo 11 ( CLICCA E vedi approfondimento su articolo 11 )
il Programma, vecchio di vent`anni e tutt`ora inaffidabile (a detta dello stesso Pentagono) è stato già rivisto, modificato e sospeso da alcuni Paesi (es: Canada, Danimarca, Norvegia, Olanda, Turchia), senza conseguenze penali, ne di messa in discussione della fedeltà all`alleanza NATO; il Programma rientra in un modello di difesa inaccettabile, che non persegue l`obiettivo della prevenzione dei conflitti, della cooperazione, della pace. Questo vecchio concetto di difesa ha portato alle guerre (definite “umanitarie”), che provocano il 90% delle vittime tra i civili, e di queste il 30% sono bambini; i 90 F-35 costerebbero all`Italia 12 miliardi di euro per il solo acquisto e altri 50 miliardi per l`intera vita del programma, mentre non si trovano risorse per il lavoro, la scuola, la salute, lo stato sociale; è necessario un serio dibattito parlamentare su questo tema, che ,in un momento di crisi economica, influisce sui diritti fondamentali dei cittadini, togliendo fondi pubblici alla crescita reale del Paese, al sostegno vero all`occupazione, in particolare per quella giovanile.
Da parte sua, come riferisce il Comitato di Brescia, il ministro ha ribadito la posizione del Governo a sostegno del Programma F-35. «Sono emerse divergenze di fondo, in particolare, sull`interpretazione dell`Articolo 11 della Costituzione, sul ripudio della guerra, sull`utilità delle missioni militari all`estero (Afghanistan in primis) e sul modello di difesa, unilateralmente affidato agli eserciti.
Considerata la complessità dei temi in discussione, il Ministro si è reso disponibile ad ulteriori momenti di confronto». Contemporaneamente all`incontro, il Comitato NO F-35 ha organizzato un volantinaggio per sensibilizzare la cittadinanza sulla necessità di sospendere la partecipazione italiana al Programma F35 (dal 2014).
 

Related Posts

About The Author

Contatta la Sezione o Unità Coordinata a Te più vicina!Inviaci una e-mail o telefona per avere maggiori informazioni.

Militariassodipro.org
Vuoi le nostre news nella tua casella di posta?

Iscriviti alla nostra mailing list per ottenere informazioni interessanti e aggiornamenti.

Grazie per la sottoscrizione.

Qualcosa è andato storto.