La Corte dei Conti ABBATTE l’Eldorado dei Generali vice comandanti dei Carabinieri. Illegittima l’indennità che percepiscono (s.i.p.). Colpo alla CASTA dei GENERALI vice Com. Carabinieri

* I vicecomandanti generali dei carabinieri non hanno diritto alla SIP-speciale indennità pensionabile. Lo ha deciso la Corte dei Conti.
La SIP, infatti, è un emolumento in busta paga pari a circa 5-6mila euro netti in più al mese. La somma annuale lorda, cita la magistratura contabile in un`altra decisione, è pari a 115.025,28 euro. Cifra corrisposta quando l`alto ufficiale va “in ausiliaria” – una volta lasciato il servizio, è un periodo di cinque anni in cui l`alto ufficiale può essere richiamato dalla Difesa – e poi entra a far parte dell`assegno pensionistico. In pratica, con la sip la pensione può arrivare fino a 14mila euro netti mensili.
La speciale indennità  istituita per il capo della Polizia-direttore generale della Ps nel 1981, poi estesa nel 1987 ai comandanti generali dell`Arma e della Guardia di Finanza, al capo della Forestale e del Dap (dipartimento amministrazione penitenziaria); nel 1997 diventò appannaggio anche dei capi di Stato maggiore della Difesa, di Esercito, Marina, Aeronautica e del segretario generale della stessa Difesa. Poi però, la speciale indennità se la sono attribuita anche i vicecomandanti dell`Arma e della Finanza. A fine dicembre, si è pronunciata la sezione centrale del controllo sugli atti del governo presieduta da Pietro DeFranciscis. In ballo i decreti di assegnazione della sip – trasmessi alla Corte dall`ufficio centrale di bilancio del ministero della Difesa – di tré vicecomandanti dei carabinieri: i generali di corpo d`armata Carlo Altiero, Salvatore Fenu ed Ermanno Vallino.  Sullo sfondo, la legittimità del super-assegno nella sequenza dei numeri due dell`Arma, quasi una ventina di posizioni in bilico. La magistratura contabile ha fissato uno spartiacque: «Ai fini del calcolo dell`indennità di ausiliaria, la valutazione della speciale indennità pensionabile» citata dal nuovo codice dell`ordinamento militare «non potrà più essere effettuata» a decorrere, dice la delibera, «dal 9 ottobre 2010» cioè la «la data di entrata in vigore dello stesso codice militare». La Difesa a questo punto dovrebbe fare un`azione di recupero somme nei confronti dei generali Corrado Borruso, Michele Franzè, Carlo Gualdi, Clemente Gasparri ( in foto), Massimo ladanza e Antonio Girone, numeri due dell`Arma finiti “in ausiliaria” dopo l`entrata in vigore del nuovo ordinamento militare.
 
* tratto da articolo di Marco Ludovico per il Sole 24 Ore ( Illegittima la super indennità dei vice comandanti dell’Arma).

Related Posts

About The Author

Contatta la Sezione o Unità Coordinata a Te più vicina!Inviaci una e-mail o telefona per avere maggiori informazioni.
+
Articolo di Salvatore Vinciguerra – Segretario Nazionale AS.SO.DI.PRO.
“Unicuique Suum” Consiglio di Stato. La Rappresentanza non deve fare sindacato!
No Preview
Lettera aperta al Ministro Trenta e al Parlamento Italiano. Quale futuro per i Militari Italiani?
Congresso Assodipro. Eletti i nuovi organi statutari. – Risultati del Congresso di Assodipro del 26, 27  Ottobre 2018, Rimini
APPLICAZIONE ART.54 PER MILITARI, CARABINIERI E FINANZIERI
Amianto, familiari delle vittime ed Associazioni a processo conto i vertici della marina
C.U.S.E. o CO.CE.R se ci sei batti un colpo…
Sentenza. ASSEGNAZIONE TEMPORANEA per genitori con figli minori di tre anni

Militariassodipro.org
Vuoi le nostre news nella tua casella di posta?

Iscriviti alla nostra mailing list per ottenere informazioni interessanti e aggiornamenti.

Grazie per la sottoscrizione.

Qualcosa è andato storto.