MILITARI E DIRITTI- Assodipro Toscana : LA DIFFICOLTÀ NON STA NEL CREDERE ALLE NUOVE IDEE, MA NEL TRASFORMARE QUELLE VECCHIE

Il sottoscritto ha ricoperto, per molti anni, un ruolo di dirigente sindacale in un sindacato autonomo del Corpo Forestale dello Stato (carica ed iscrizione decaduta con il mio ingresso nell’Arma dei Carabi­nieri e la forzata acquisizione dello status militare).

Insieme a tanti colleghi ho affrontato molte battaglie, con passione e sacrificio e ho compreso che i sindacati, nonostante un grave declino che ha trasformato una parte di essi in rami delle varie ammi­nistrazioni, sono ancora oggi indispensabili in qualsiasi ambito lavorativo e quindi anche nelle Forze Armate.

Le critiche ai sindacati sono spesso giustificate poiché, in molte occasioni, assumono il carattere di « par­titi politici » che lottano per il potere, intratte­nendo con la politica vera e propria, legami troppo stretti e non sono stati quello che avrebbero dovuto essere nel disegno dei ri­formatori costituenti, annegati in una dimensione di autoreferenzialità.

Non dobbiamo però cadere nell’inganno di chi, sfruttando tali errori e debolezze vorrebbe eliminare l’ unico baluardo di salvaguardia e di difesa dei lavoratori.

Nessuno può discutere il contributo decisivo del sindacato e il suo straordinario impegno per la di­fesa dei diritti e del lavoro, nessuno deve dimenticare che, se oggi abbiamo il diritto ad ammalarci, scioperare, curare i nostri figli senza perdere il lavoro, ecc. ecc., lo dobbiamo alle lotte sindacali e non certo alla benevolenza dei datori di lavoro!

Eppure, fino ad oggi, le forze armate hanno ignorato che il 2 ottobre 2014 la Corte Euro­pea dei Diritti dell’Uomo ha depositato due sentenze storiche, per i militari: in entrambe si afferma che viola l’articolo 11 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo lo Stato che vieti la costitu­zione di sindacati o associazioni professionali tra i militari. Le sentenze riguardano entrambe la Francia, ma si estendono a tutti gli Stati aderenti alla Convenzione firmata a Roma nel 1950.

In Italia, con l’ordinanza n. 2043/2017, depositata il 4.5.2017, la Quarta Sezione del Consiglio di Stato ha ravvisato il palese ed insanabile contrasto del divieto assoluto e generale, per i militari, di aderire o costituire associazioni sindacali o a carattere sindacale con l’art. 11 della Convenzione eu­ropea dei diritti dell’uomo e con l’art. 5 della Carta sociale europea. La questione, prospettata dall’Associazione Solidarietà Diritto e Progresso (As.So.Di.Pro), è stata dunque rimessa alla Corte costituzionale che, a breve sarà chiamata a pronunciarsi sulla legittimità di un divieto a dir poco superato.

L’insofferenza di parte del mondo militare verso i sindacati si basa sulla convinzione, sbagliata, che il loro coinvolgimento nella vita delle loro strutture crei solo nuovi vincoli.

Noi che non siamo nè conservatori (immaginati solo come difesa dell’esi­stente) nè rivoluzio­nari (considerati  semplici smantellatori delle regole esistenti) ma liberi pensatori, vediamo con chiarezza che è necessario un confronto sul come capire e guidare le trasformazioni ormai inevitabili.

Paradossalmente, l’aver negato l’ingresso dei sindacati al loro in­terno, mettono oggi le F.A. in condizione privilegiata rispetto ad altri soggetti che cercano, con difficoltà, un contributo serio per adeguare il proprio ambito lavorativo alla società che cambia.

Solo spettatori degli errori commessi, le Forze Armate  hanno, infatti,  la possibilità di far tesoro delle esperienze negative e scrivere su un foglio bianco una nuova storia .

L’idea che si possa costruire un nuovo modello di società senza l’apporto dei Sindacati è condannarci, in futuro, al pallido ricordo di un’e­poca in cui ci si poteva ancora illudere di riuscire a creare un mon­do migliore per i nostri figli.

 

Alessandro Solucci

Resp. U.C. Assodipro Pistoia per la Toscana.

Related Posts

About The Author

Contatta la Sezione o Unità Coordinata a Te più vicina!Inviaci una e-mail o telefona per avere maggiori informazioni.

Militariassodipro.org
Vuoi le nostre news nella tua casella di posta?

Iscriviti alla nostra mailing list per ottenere informazioni interessanti e aggiornamenti.

Grazie per la sottoscrizione.

Qualcosa è andato storto.