Molti organi di Rappresentanza Militare chiedono DIRITTI ASSOCIATIVI E SINDACALI mentre accadono piccoli e significati episodi della Compressione dei DIRITTI e di come si vuol far rimanere la R.M.

Spesso, nel definire e commentare fatti , atti e comportamenti della Rappresentanza Militare abbiamo usato il termine ed il paragone di SINDACATO GIALLO . 
Nei giorni scorsi abbiamo letto alcune interessanti delibere fatte da CoBaR Carabinieri che trattavano in modo ampio delle problematiche importantissime ( CoBaR CC Calabria suicidi nell’arma ) , problematiche economiche molto sentite dal personale. CoBaR CC Piemonte e Valle D’ Aosta che si aggregano ad altri CoBaR chiedendo forme di rappresentanza di tipo Sindacale;   In pratica hanno svolto una vera e propria “ attività sindacale “ mettendo nero su bianco considerazioni e richieste e comportandosi come dei veri rappresentanti e non come sindacato giallo . Da segnalare che negli ultimi tempi numerosi organi intermedi e di base della GdF hanno, nuovamente, chiesto forme di rappresentanza nuove, di tipo associativo/sindacale
Il delegato CoBaR Lombardia, App. Sc. Michele Fornicola ( in foto a destra )  scrive, tra l’altro, nella lettera aperta indirizzata ai suoi rappresentati : “ I comportamenti finalizzati, più o meno velatamente, a condizionare o impedire l’esercizio del mandato di taluni delegati, si sono nuovamente manifestati concretizzandosi all’interno della Rappresentanza Militare stessa, questa volta  All’interno del COBAR Carabinieri Lombardia Il rilievo politico e sociale che, in particolare, la libertà di manifestazione del pensiero possiede è innegabile, tanto da poter essere considerata la “pietra angolare della democrazia” e il “pilastro della società democratica” (così la Corte Costituzionale con sentenza 17 aprile 1969, n. 84). 
Il buon funzionamento di un ordinamento democratico si fonda infatti sulla libertà di pensiero essendo quest’ultima ad alimentare la forza sociale di base che è la pubblica opinione . E’ accaduto il giorno 15 maggio 2013 che il Presidente del CoBaR Lombardia, Colonnello Luciano Guglielmi ( in foto a sinistra ) che è anche presidente del CoIR Pastrengo, dopo avermi concesso la possibilità di intervenire sull’ordine dei lavori, mi abbia immediatamente interrotto negandomi la possibilità di concludere il ragionamento. Un fatto grave che non mi era mai accaduto prima, e che si è concluso con la “sospensione della riunione” per riprenderla dopo circa 10 minuti. Cosa può aver spinto il presidente a comportarsi in questo modo per garantire il buon andamento dei lavori ?  Quale comportamento, a parere del presidente del CoBaR Lombardia, è stato ritenuto idoneo a turbare l'ordine ?  Il delegato della rappresentanza militare del CoBaR  Lombardia…… AVEVA MESSO LE MANI IN TASCA DURANTE IL SUO INTERVENTO ! Il solerte segretario a verbale scriveva : “ Chiede la parola il delegato Fornicola il quale si alza e si mette le mani intasca procedendo al proprio  intervento. Il presidente lo invita a togliere le mani dalle tasche in quanto tale atteggiamento denota minore rispetto nei confronti di tutti gli altri delegati presenti (!) . Tenuto conto che il  delegato Fornicola nel persistere nell’atteggiamento ha ribadito che lui fa ciò che vuole all’interno dell’assemblea,  il Presidente sospende la seduta”.  
n.d.r il “delegato dalle mani in tasca “ dichiara che l’affermazione scritta a verbale è destituita di ogni fondamento!” 
Piccoli episodi che comunque hanno un importanza simbolica; dimostrano l’evidente e fervente volontà di far rimanere la Rappresentanza Militare inchiodata ad un regime gerarchizzato, dove il presidente è il più alto in grado, ed assolutamente interno. Dimostrano le fibrillazioni dall’alto ogni volta che si chiedono DIRITTI ASSOCIATIVI E SINDACALI, dimostrano una “particolare attenzione” verso i NON pochi militari che chiedono DIRITTI ASSOCIATIVI E SINDACALI da anni e che lo continueranno a fare con passione e spirito democratico.  
s.rullo@tin.it

Related Posts

About The Author

Contatta la Sezione o Unità Coordinata a Te più vicina!Inviaci una e-mail o telefona per avere maggiori informazioni.

Militariassodipro.org
Vuoi le nostre news nella tua casella di posta?

Iscriviti alla nostra mailing list per ottenere informazioni interessanti e aggiornamenti.

Grazie per la sottoscrizione.

Qualcosa è andato storto.