RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO D’EUROPA

Nelle pagine che seguono, vengono illustrati alcuni dei principi fondamentali contenuti nella raccomandazione sui diritti umani dei membri delle forze armate, adottata dal Consiglio d’Europa il 24 febbraio 2010.
La raccomandazione evidenzia l’approccio detto dei “cittadini in divisa” e cioè che, pur sottoposti alle specifiche condizioni della vita militare, gli appartenenti alle forze armate possono esercitare gli stessi diritti e libertà fondamentali dei civili.
Questa raccomandazione rappresenta un forte strumento morale che si avvale della legittimazione collettiva dei 47 Stati europei membri del Consiglio d’Europa che l’hanno sottoscritta, tra i quali la totalità dei paesi dell’UE. Il testo della raccomandazione e, pertanto gli stralci proposti qui di seguito, si richiamano a regole e principi giuridicamente vincolanti sanciti dalla giurisprudenza o da convezioni internazionali. Finora, la Corte europea dei diritti dell’uomo si era appoggiata a strumenti che erano solo politicamente vincolanti, ma ora i principi della raccomandazione potranno essere richiamati nella giurisprudenza di Strasburgo ed esercitare su di essa un’influenza determinante.

Leggi il documento

Related Posts

About The Author

Contatta la Sezione o Unità Coordinata a Te più vicina!Inviaci una e-mail o telefona per avere maggiori informazioni.

Militariassodipro.org
Vuoi le nostre news nella tua casella di posta?

Iscriviti alla nostra mailing list per ottenere informazioni interessanti e aggiornamenti.

Grazie per la sottoscrizione.

Qualcosa è andato storto.