Tagli al fondo per vittime da uranio impoverito

Nell'elenco dei tagli previsti dal governo nell'ambito della spending review, ci sono anche quelli per il Fondo per le vittime da uranio impoverito.
La sforbiciata è pari a quasi la metà: si passa infatti da 21 milioni di euro a 11 milioni per il 2012, di cui nove già erogati per coprire circa 600 domande.
Ciò è contenuto nella bozza del decreto legge sulla revisione della spesa pubblica dell'esecutivo di Mario Monti e preparata dal supercommissario Enrico Bondi.
FAMILIARI DELLE VITTIME INDIGNATI. La decisione ha fatto ovviamente infuriare le associazioni dei familiari delle vittime, soprattutto militari. «Come si fa a tagliare sulla pelle dei malati di tumore e leucemie per colpa dello Stato?», ha chiesto Falco Accame, presidente dell’Associazione nazionale assistenza vittime arruolate nelle forze armate e famiglie dei caduti, da sempre impegnato in prima linea per i diritti dei militari.
«Potrei capire questa scelta da un governo politico, ma da uno tecnico di certo no. Quel fondo è stato voluto nel 2008 dall’allora ministro alla Difesa Ignazio La Russa. Ora si vuole tornare indietro, una scelta ignobile. Perché risarcire è ammettere di non aver protetto i militari e civili in servizio e aver omesso delle informazioni sui pericoli reali».
MILITARI DI SERIE A E SERIE B. Anziché tagliare le spese per danni provocati, secondo Accame, «sarebbe meglio ridurre quelli per le spese e sperperi militari. Perché sennò qui si rimarca ancor più pesantemente la distinzione tra militari di serie A, gli eroi caduti in Afghanistan, da piangere, e quelli di sere B, ammalati e morti di linfomi contratti dopo le missioni, da nascondere».
Le ultime cifre ufficiali di militari o civili ammalati a causa del presunto contatto con uranio impoverito o nanoparticelle parlano di 3.671 casi dichiarati.

Related Posts

About The Author

Contatta la Sezione o Unità Coordinata a Te più vicina!Inviaci una e-mail o telefona per avere maggiori informazioni.

Militariassodipro.org
Vuoi le nostre news nella tua casella di posta?

Iscriviti alla nostra mailing list per ottenere informazioni interessanti e aggiornamenti.

Grazie per la sottoscrizione.

Qualcosa è andato storto.