Dimensione testo:   Carattere Piccolo Carattere Standard Carattere Grande


Menù Principale

· Upload
· HOME
· LINK
· FAQ


Benvenuto

Nome di Login:

Password:




Ricordami

[ ]
[ ]
[ ]

Intestazione


»Truffavano commercianti con banconote false, arrestati
(ANSA) - PONTEDERA (PISA), 17 APR - Due uomini di 39 e 46 anni, marocchini residenti in Valdera, son ...
»SIRACUSA: RUBA MATERIALE FERROSO, CARABINIERI ARRESTANO 48ENNE
SIRACUSA (ITALPRESS) - I Carabinieri della Compagnia di Siracusa hanno arrestato un 48enne siracusan ...
»Alimenti: controlli Nas in panifici del Casertano
(ANSA) - CASERTA, 17 APR - Controlli dei carabinieri dei Nas in numerosi panifici del Casertano. Al ...
»Cinquanta tonnellate di cozze sequestrate da cc a Napoli
(ANSA) - NAPOLI, 17 APR - Cinquanta tonnellate di cozze considerate pericolose per la salute sono st ...


Data di pubblicazione: Non conosciuto(a)
Dettagli

Siamo su Facebook

Translate This Page

FAQ


Date / Time

 


Ultime News

17 apr : 18:11





















Latest Downloads

bullet sentenza del TAR di Lecce N. 00810/2013 REG.PROV.COLL.
Description: sentenza del TAR di Lecce che ha accolto il ricorso contro due punizioni inflitte al Maresciallo Comandante della Stazione Carabinieri di Taurisano (LE)
Date stamp 09 apr : 20:51
bullet BENEMERENZA AL DOTTOR GUGLIELMO EPIFANI
Description:
Download Now: Download
Date stamp 17 nov : 14:55
bullet Consiglio Di Stato 03137/2010
Description: Forse non basta, per loro, il fatto che non abbiamo nessuno all’interno che ci “TUTELI” ? Il fatto che la giurisprudenza costituzionale abbia osservato che non può conside
[Leggi tutto...]
Download Now: Download
Date stamp 15 ott : 23:00
bullet Schema di regolamento di armonizzazione dei requisiti di accesso al sistema pensionistico del person
Description: Schema di regolamento di armonizzazione dei requisiti di accesso al sistema pensionistico del personale comparto difesa-sicurezza e comparto vigili del fuoco e soccorso pubblico.
Date stamp 22 set : 09:48
bullet Cessazione anticipata dal servizio - Circolare n. M_D GMIL1 II 5 1 0257231 dell'8 giugno 2012 r
Description: Circolare n° M_D GMIL1 II 5 1 0257231 , sez.: "Altro" Cessazione anticipata dal servizio, a domanda, e al collocamento in ausiliaria, per l'anno 2012, degli uffi
[Leggi tutto...]
Download Now: Download
Date stamp 24 lug : 16:29
bullet Vacanza contrattuale - Circolare n. M_D GMIL 1 IV 10 0285493 - adeguamento della misure dell'in
Description: Circolare n° M_D GMIL 1 IV 10 0285493 4° Rep. 10ª Div. - Adeguamento delle misure dell'indennità di vacanza contrattuale in favore del personale militare destinatario d
[Leggi tutto...]
Date stamp 24 lug : 16:24
bullet 3° Rep. 7ª Div. - Eventi suscettibili di avere riflessi sul servizio. Comunicazione ai sensi dell&
Description: Circolare n° M_D GMIL1 III 7 1/0294795, sez.: "Altro" 3° Rep. 7ª Div. - Eventi suscettibili di avere riflessi sul servizio. Comunicazione ai sensi dell'art. 74
[Leggi tutto...]
Date stamp 24 lug : 16:00
bullet Circolare n° M_D GMIL II 5 1 2012 0248948
Description: 2° Rep. 5ª Div. - Licenza straordinaria speciale di trasferimento Disposizioni per la concessione della licenza straordinaria speciale di trasferimento al personale militare d
[Leggi tutto...]
Download Now: Download
Date stamp 09 giu : 19:53
bullet Senteza su tempistica per proporre domanda al passaggio ruoli civili
Description: Senteza su tempistica per proporre domanda al passaggio ruoli civili
Date stamp 24 feb : 12:36
bullet Sentenza su Legge 104
Description: Sentenza su Legge 104
Date stamp 24 feb : 12:36

Link

Aggiunte recenti

giovedì 17 aprile 2014

apr

17

2014

Il 5 per Mille. La Solidarietà di e per Assodipro. La tua Associazione per i Diritti e la Solidarietà.  



ASSOCIAZIONE  SOLIDARIETA'  DIRITTO  E  PROGRESSO Sede Legale Via Palestro 78  - 00185  ROMA Tel. e fax 06/44361156;06/44360432  C.c.p. 88945001 –CF96240750586  
       5 PER MILLE 2014    DONA IL TUO 5 PER MILLE AD AS.SO.DI.PRO   
Il 5 per mille è una quota dell’Irpef  che i contribuenti attraverso la dichiarazione dei redditi annuale  decidono di destinare a particolari e determinati soggetti   che svolgono attività di volontariato ritenuta di  rilevanza sociale. Rappresenta quindi  una espressione di volontà contributiva  ed un indirizzo di sostegno verso quelle organizzazioni che operano come AS.SO.DI.PRO. senza scopo di lucro. L'art.1 comma 2051 della L. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) ha previsto la proroga della facoltà di destinazione del 5 per mille dell’IRPEF  anche in relazione alle dichiarazioni dei redditi relative al 2013.  Anche per il futuro il ricavato della devoluzione del 5 x mille servirà a finanziare mirati interventi di solidarietà umana e sociale, sostegni a soggetti e famiglie in condizioni di marginalità economica e sociale, supporti legali per casi di rilevanza associativa e istituzionale, progetti di  qualificazione della informazione e di ampliamento del  servizio svolto dalle strutture territoriali e dai mezzi di comunicazione dell’Associazione.  USALA PER FAR SI CHE L’ASSODIPRO POSSA ANCORA SERVIRE E SERVIRTI AL MEGLIO.
Per  destinare  il  tuo  5  x  mille  all’Assodipro  basta  una  firma  e  il  Codice  fiscale  del  sodalizio  sotto evidenziato.
C.F. ASSODIPRO 96240750586       AS.SO.DI.PRO Il Presidente Emilio Ammiraglia      




  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  Varie

apr

17

2014

Pinotti, Ministro Difesa alla “Forrest Gump“ divide il PD sui tagli all’ F 35. CIVATI:“Il PD fa l’aereo invisibile per motivi elettorali“.GENERALI “meno sereni“ per i tagli su F 35  



A cura di Assodipro 
In queste ore si cercano risorse per finanziare anche  il bonus di 80 euro , si cercano risorse ricavandole da tagli, compresi quelli del famigerato progetto  F 35. Pinotti –Forrest Gump , alla festa dell’Aeronautica, pochi giorni fa, lanciò un messaggio ai vertici : “ state sereni “ ! visto che sono parole che non portano molta fortuna a chi  sono rivolte,  probabilmente, potentissimi vertici e lobby staranno toccando, in queste ore, tutti gli amuleti possibili. La posizione del Ministro  Pinotti –Forrest Gump divide il PD che, anche su questo argomento, ha posizioni diverse mentre le scelte politiche economiche sono pesantemente condizionate dal prossimo appuntamento elettorale delle elezioni Europee.  
Da Il Fatto Quotidiano del 29/03/2014. “ Anche l’ambiguissima dichiarazione della ministra Roberta Pinotti alla festa dell’Aeronautica può essere interpretata come una specie di “non aderire del tutto e non sabotare completamente”. Ai generali Pinotti ha raccomandato di “stare sereni” perché “l’Italia non può fare marcia indietro”. Senza specificare su che cosa non indietreggerà: nell’impegno militare o proprio sugli F 35? A visita di Obama conclusa e a riprova delle tensioni e della confusione nel Pd, il gruppo della Camera ha confermato che approverà il “libro bianco” preparato dal responsabile in commissione, Gian Piero Scanu, che prevede meno F 35 rispetto ai 90 che avrebbe voluto l’ex ministro Mario Mauro e più Eurofighter, il caccia europeo alla cui costruzione partecipa anche l’Italia.
Difesa PD Diviso, ancora rinvio sugli F 35, voto slitta di 15 gg
(DIRE) Roma, 16 apr. - Slittano ancora gli F35. La commissione Difesa di Montecitorio ha rinviato alla settimana tra il 5 e il 9 maggio il voto sull`indagine conoscitiva relativa ai sistemi d`arma, il rapporto del Parlamento che riguarda, tra le altre cose, i cacciabombardieri della Lockheed F35. Dopo una riunione dei capigruppo in commissione, nella seduta delle 14 di oggi il voto e` stato rinviato di 15 giorni. In questo lasso di tempo, ci sarà` una riunione del gruppo democratico che dovrà` formalizzare la posizione del partito di maggioranza. Fonti democratiche spiegano che l`orientamento di massima e` di prevedere una drastica riduzione del programma di acquisto (si parla di un dimezzamento) che comporti anche la sospensione di ogni contrattualistica. Ma non tutti i mèmbri dem della commissione Difesa sono di questo avviso. Una parte del Pd e` sulle posizioni espresse in via informale dal ministro Roberta Pinotti, che chiede di dare corso agli impegni assunti. Deciderà` un`assemblea del gruppo che al momento non e` stata ancora convocata. La partita slitta a dopo Pasqua. Di più`, se ne riparlerà` dopo il 1 di maggio. 
Difesa: Civati: Slittano gli F 35, il Pd fa l`aereo invisibile.
ILPD FA L`AEREO INVISIBILE (DIRE) Roma, 16 apr. - II Pd  `invisibile` sugli F35, come gli aerei stealth. Pippo Civati ironizza sull`ennesimo rinvio, in commissione Difesa a Montecitorio, sui cacciabombardieri della Lockheed. "Rinviata la discussione sugli F-35. Secondo alcuni- scrive a proposito delle divisioni tra i Democratici- e` pericoloso affrontare l`argomento in campagna elettorale e sarebbe meglio parlarne il meno possibile, adottando una sorta di tecnologia stealth (rendendoci invisibili) dal punto di vista politico. Pare pero` che l`assemblea del gruppo, chiesta dal vostro affezionatissimo e da altri, sarà` convocata comunque nei primi giorni di maggio". 


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  Varie

mercoledì 16 aprile 2014

apr

16

2014

BLOCCO DEI CONTRATTI; USB PUBBLICO IMPIEGO : SARÀ SCIOPERO GENERALE  

“Il Def porta i lavoratori pubblici sotto la soglia di povertà”. “Con il Blocco Contratti Renzi taglia i salari dei lavoratori del 20 %”.


Comunicato Stampa USB Nazionale ( Unione Sindacale di Base )   Il Coordinamento Nazionale USB Pubblico Impiego, riunitosi il 14 aprile, con i responsabili dei territori e dei settori del lavoro pubblico, ha dato mandato all’Esecutivo Nazionale USB di proclamare lo sciopero generale dell’intera categoria.
Uno sciopero che già era nell’aria, ma che si è reso necessario dopo l’emanazione del Def da parte del governo Renzi, con il quale, nella sostanza, si bloccano i contratti di pubblico impego per un altro quinquennio e non si stanziano le risorse per alcuna stabilizzazione dei lavoratori precari.
Secondo il Coordinamento Nazionale USB P.I., siamo di fronte ad un governo che, come quello Letta e quello Monti, si fa dettare la linea dall’Unione Europea e dalla Banca Centrale Europea, con la differenza che l’attuale premier  assomiglia sempre più a un illusionista: dal cappello tira fuori 80 euro per chi ha redditi minimi e contemporaneamente, senza farsi vedere, Renzi taglia di fatto i salari ai lavoratori pubblici del 20%.
E’ evidente che con questa decisone nei prossimi due anni aumenteranno le  famiglie sotto la soglia di povertà, a fronte anche del silenzio complice delle altre organizzazioni sindacali.
L’USB  P.I. invita dunque tutte le lavoratrici ed i lavoratori dell’amministrazione pubblica a mobilitarsi e a sostenere lo sciopero USB, che sarà preceduto il 14 maggio prossimo da una giornata nazionale di  lotta con iniziative regionali.
Data e modalità dello sciopero saranno definite nelle prossime settimane, anche entrando in relazione con il movimento fatto di organizzazioni sociali e politiche che intende mobilitarsi contro i diktat dell’Unione Europea
.
 

USB Unione Sindacale di Base - Pubblico Impiego


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  Varie

martedì 15 aprile 2014

apr

15

2014

Difesa- Roberta Pinotti,Ministra “Forrest Gump”. Corre le Maratone da Ministro. NON corre sui tagli agli F 35 e forza Nec!NON corre per trovare risorse per lo sblocco delle retribuzioni Militari  

La Ministra Forrest Gump corre a completare i tagli di 30 mila militari e spese miliardarie in armi. NON corre per concedere Diritti. NON corre sui blocchi stipendiali; Per il Personale Militare solo lente parole, promesse e impegni.


A cura di Assodipro
Genova - C’era anche il ministro alla Difesa
 Roberta Pinotti alla decima edizione della  Mezza di Genova, la maratona podistica di 21 chilometri tra  il Porto Antico e il centro cittadino e la passeggiata a mare di Boccadasse, passando per la Sopraelevata fino ad arrivare alla Fiumara. Con un tempo di due ore, quattro minuti e ventisette secondi, il ministro ha tagliato il traguardo insieme ai quasi 1400 corridori iscritti alla maratona, organizzata dall’Ad Podistica Peralto. «Questo è un governo che va di corsa», ha detto il ministro scherzando con i giornalisti alla partenza della gara.  «Correre è una bellezza - ha sottolineato Pinotti - e la corsa a volte aiuta anche a gestire impegni importanti come quelli di un ministro. La corsa aiuta a mettere a fuoco i pensieri importanti tanto che io - ha concluso - in genere corro ascoltando le rassegna stampa». L’ultima volta che  l’attuale ministro “correva” a Genova non ottenne un buon risultato, 3^ su 3; era il febbraio 2012 “ Il centrosinistra a Genova sceglie Marco Doria ( oggi sindaco ) per la corsa alle amministrative. Il candidato indipendente, sostenuto da Sel, ha vinto con il 46% dei voti le primarie della coalizione, che hanno portato alle urne circa 25mila persone. Battuta Marta Vincenzi (27.5%), sindaco uscente al suo primo mandato, che paga anche le polemiche seguite all'alluvione dello scorso novembre. È il Pd il grande sconfitto che non ha saputo evitare la divisione tra la stessa Vincenzi e la senatrice Roberta Pinotti (26.3%).
La Ministra Forrest Gump corre le maratone mentre C’è da decidere di tagliare sugli F 35Forrest Gump avrebbe risposto “ Mamma diceva sempre: la  vita è uguale a una scatola di cioccolatini, non sai mai quello che ti capita ! il Cioccolatino Napolitano, Obama, o Lobby ?   C’è il Comparto Difesa con il blocco dei contratti e delle indennità fino al 2020 ? il Ministro Forrest Gump promette senza definire come trova le risorse per sbloccare, quante risorse e cosa sblocca ! Nel DEF c’è scritto che la spesa per i dipendenti pubblici rimane invariata fino al 2017 e aumenta dal 2018 al 2020 solo per la vacanza contrattuale ? il Ministro Forrest Gump afferma che “ si … ma non c’è scritto che non sblocchiamo le retribuzioni (!) magari prima si vota o poi vediamo ? Forrest Gump nel famoso film diceva: “ Mamma diceva sempre che dalle scarpe di una persona si capiscono tante cose, dove va, cosa fa, dove è stata”.
Ci sono trentamila militari da tagliare e decine di enti e caserme da chiudere, il tutto senza diritti associativi e sindacali per tutelare il personale
, La ministra forrest gump non era favorevole ai diritti associativi ? e non c’erano anche nel programma del PD ?  …. Forrest Gump, in un'altra delle sue battute, nel film diceva “ Certi fatti te li ricordi bene, altri invece per niente. Strano!
DIALOGO MODIFICATO TRATTO DAL FILM forrest gump : “ Sergente Istruttore
: Gump! Quale è il tuo solo scopo in questo esercito ( governo)? L'hai imparato? Forrest Gump: Fare tutto quello che mi dice sergente istruttore ! ( Banche,Lobby Finanziarie,Lobby Militari,Troika ).
Sergente Istruttore: Maledizione Gump! Sei un maledetto genio, è la risposta più azzeccata che ho sentito, devi avere un maledetto quoziente intellettivo di 160, sei maledettamente dotato, militare Gump!

Corri Ministro alla Forrest Gump… dove arriverai ? dove ci porterai ? 


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  Varie

apr

15

2014

Rappresentanza Militare della GdF : Sui Tagli, Blocchi e sul DEF urgono risposte certe e chiarimenti in tempi brevi .  



DEF: GDF (COCER), ORA RISPOSTE CERTE DA PARTE DEL GOVERNO   Roma, 14 apr. - (Adnkronos) - "Dall`analisi del Def emergono aspetti che richiedono urgenti chiarimenti", scrive in una nota il Cocer della Guardia di Finanza chiedendo "risposte già` da questa settimana quando sarà` varato il primo provvedimento". Pur apprezzando "l`impegno e la franchezza dimostrata dal Ministro della Difesa Roberta Pinotti nel corso dell`incontro della settimana scorsa, ma, per la risoluzione dei problemi, servono risposte certe da parte del Governo nel suo complesso". "Se tra i destinatari degli ulteriori tagli - spiega il Cocer ci saranno anche coloro che, in forza del blocco delle carriere, già` percepiscono trattamenti economici inferiori del 10 o del 20%, rispetto a quanto previsto per la posizione ricoperta a legislazione vigente, allora questa sarà` la cartina di tornasole che non vi e` all`orizzonte nessun cambiamento rispetto alla distruttiva logica dei tagli lineari e dell`indiscriminato prelievo dalle retribuzioni del personale". "Tagliare due volte sulle stesse persone -continua l`organismo di rappresentanza- spesso più` giovani e meritevoli, sarebbe un vero paradosso per questo governo che fa del merito e del ricambio generazionale la sua bandiera e costituirebbe un preoccupante precedente in vista dei successivi provvedimenti di finanza pubblica". 


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  Varie

lunedì 14 aprile 2014

apr

14

2014

F 35 , il Caccia tutt’altro che invisibile ! deve viaggiare scortato. Senza scorta Può abbatterlo senza problemi l’ Eurofighter!  

Il corollario di problemi dell’ F 35 si arricchisce ancora ! gli aerei invisibili si vedono benissimo. E gli Usa chiedono di “scortarli” in missione (!)


Assodipro 
Dei tanti  ed infiniti problemi  ( costi, difetti in serie, operatività, spreco ecomomico senza ritorno per l’Italia ecc. ) dell’ F 35 ci siamo occupati spesso con nostri articoli e rilancio di approfondimenti. In uno di questi ( il 9 marzo  - clicca per leggere )  tra l’altro si leggeva : “ generale Gilmary Michael Hostage, il più alto ufficiale dell`aviazione statunitense. Nessuno può sospettare che la posizione di Hostage sia viziata da un pregiudizio ideologico: il generale è uno dei grandi sponsor del progetto che vede coinvolti Lockheed Martin e otto governi. In un`intervista alla rivista Air Farce Times ha spiegato che gli F-35 devono operare congiuntamente agli F-22 Raptor, un caccia basato sulle più avanzate tecnologie stealth (invisibile ai radar) senza il quale l`F-35 è "irrelevant", cioè sostanzialmente inservibile. Quindi, in teoria, l`aviazione italiana dovrebbe dotarsi anche di questi aerei che permettono di ottenere la cosiddetta superiorità aerea per potere utilizzare appieno i 90 costosissimi bombardieri.  Anche gli F-22 però costano moltissimo (150 milioni di dollari l`uno). Non solo: nel 2006 il Congresso statunitense ha vietato le esportazione di questi aerei perché se entrassero in possesso di un`aviazione nemica rappresenterebbero una minaccia troppo grande per la sicurezza nazionale
IN un altro articolo di oggi di di Enrico Piovesana per  Ilfattoquotidiano.it  dal titolo  -  F35, gli aerei invisibili si vedono benissimo. E gli Usa chiedono di “scortarli” in missione La marina chiede al Congresso di rafforzare la flotta di F18 a  ostegno dei caccia "stealth". La loro supposta invisibilità è stata completamente superata dai radar di nuova generazione, compresi quelli che Alenia produce per gli Eurofighter. Tradotto: il caccia invisibile potrà essere individuato e colpito anche dai caccia italiani – tra l’altro si legge : “ La conclusione dell’indagine parlamentare sugli F35 – prevista per giovedì salvo ulteriori rinvii – non potrà ignorare la notizia che arriva dagli Stati Uniti e che sfata anche il principale mito della propaganda favorevole ai cacciabombardieri Lockheed: la loro invisibilità ai radar nemici che ne farebbe degli insostituibili aerei stealth di quinta generazione. La U.S.Navy ha infatti chiesto al Congresso di rafforzare la flotta di velivoli per la guerra elettronica anti-radar, gli F18 Growlers, perché saranno indispensabili come scorta e apripista agli F35 che altrimenti, se inviati in missione da soli, verrebbero intercettati dai nuovi radar e dai sensori più moderni prodotti dall’industria militare russa e, come vedremo, anche da quella italiana.... (!)

Clicca per leggere l’articolo integrale di Enrico piovesana per IlFattoQuotidiano.it


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  Varie

apr

14

2014

BLOCCO DEI CONTRATTI. Niente rinnovi contrattuali fino all’anno 2020. FLP Difesa:“Basta Dipendenti pubblici usati come Bancomat del Governo!“ - USB: Verso lo Sciopero generale.  

Governo Renzi dà con la mano destra (80 € in busta paga), e lo sottrae da prima con la sinistra. Il pubblico impiego continua ad essere considerato un bancomat dal Governo. La FLP propone una mobilitazione unitaria per difendere il lavoro pubblico


Riportiamo il Notiziario FLP Difesa ( sindacato dei lavoratori civili della DIFESA ) n. 15, in cui si da notizia dell’ulteriore blocco dei contratti dei dipendenti pubblici fino al 2020 previsto dal Documento di Economia e Finanza presentato giorni fa dal Governo.   I dipendenti pubblici destinati ancora una volta a fare da bancomat al Governo? A leggere il DEF (Documento di Economia e Finanza) sembrerebbe di sì. Tre quarti della somma necessaria a coprire i famosi 80 euro al mese da dare ai lavoratori dipendenti in busta paga sarebbero coperti attraverso un ulteriore blocco dei contratti dei dipendenti pubblici, fermi già dal 2009, addirittura fino al 2020.  La Federazione Lavoratori Pubblici e funzioni pubbliche (FLP) non ci sta e mostra il suo sdegno con le parole del Segretario Generale Marco Carlomagno: “Il 4 aprile scorso abbiamo incontrato la Ministra per la Pubblica Amministrazione Madia e le avevamo dato la nostra disponibilità a lavorare con lei per tagliare gli sprechi nella Pubblica Amministrazione, come abbiamo già fatto con il Ministro Mogherini al Ministero degli Esteri. Ma che si possa solo pensare di finanziare spesa ulteriore bloccando per undici anni i contratti dei dipendenti pubblici è incredibile. 
 “In questo modo si scatena una guerra tra poveri: lavoratori che guadagnano 1.400 euro che finanzieranno altri che ne guadagnano 1.200 mentre coloro che lucrano sugli appalti pubblici, prendono stipendi da favola e godono di privilegi continueranno a farlo impunemente. Il capitolo del DEF sull’evasione fiscale è ridicolo!  “A questo punto – conclude Carlomagno – non resta che la mobilitazione e per questo chiediamo a tutti i sindacati un po’ di coraggio per riaffermare la dignità del lavoro pubblico e contrastare il processo di impoverimento dei dipendenti statali.                                                                                                                                                                         
USB ( unione sindacale di Base ) P.A.: CONTRATTI BLOCCATI FINO AL 2020? UNA FOLLIA. COSI’ SI VA DRITTI ALLO SCIOPERO GENERALE   : "Il Documento di economia e finanza 2014 presentato dal governo Renzi prevede il mantenimento del blocco dei contratti nel Pubblico Impiego fino al 2020, con la sola vacanza contrattuale per il triennio 2018-2020.
Una follia – dichiara Luigi Romagnoli, dell’Esecutivo nazionale USB Pubblico Impiego – i contratti sono ormai fermi dal dicembre del 2009 e i lavoratori pubblici hanno abbondantemente pagato il costo della crisi”.
“Mentre promette di tagliare gli sprechi e l’evasione, Renzi non aggredisce la corruzione e nei fatti continua ad accanirsi sui lavoratori pubblici – sottolinea  il dirigente USB  - che dall’inizio del blocco contrattuale non hanno percepito una massa salariale media pari ad almeno 7.500 euro complessivi lordi. Inoltre le spending review ed il blocco del turn over hanno prodotto la perdita di oltre 350 mila posti di lavoro”. Gli 80 euro promessi da Renzi a dieci milioni di lavoratori dipendenti in funzione delle elezioni europee – incalza Romagnoli – saranno in parte finanziati dal mancato rinnovo dei contratti del pubblico impiego, almeno 2,3 miliardi in un anno, mentre l’effetto dell’incremento stipendiale sarà immediatamente assorbito dall’aumento della tassazione locale, delle tariffe, del costo dei servizi”. “Dietro l’atteggiamento spavaldo di chi dice che farà cambiare passo all’Italia e all’Europa, c’è un Presidente del Consiglio che esegue a puntino gli ordini della Troika, continuando a massacrare lo Stato sociale e ad impoverire i lavoratori pubblici”. Il 14 aprile proporremo al Coordinamento nazionale della USB Pubblico Impiego lo sciopero generale della categoria – conclude Romagnoli – perché il rinnovo del contratto è un diritto e la questione salariale è diventata seria anche nel lavoro pubblico. La ripresa economica del Paese non può che passare per la restituzione alle retribuzioni di un maggiore potere d’acquisto”. 


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  Varie

apr

14

2014

Militari - AMIANTO : Quando ad ammalarsi e morire è anche il Contrammiraglio.  

Lettera ad Assodipro del Figlio del Contrammiraglio Sergio AZZONE


A cura di Assodipro; riceviamo e pubblichiamo. 
Sono Federico Azzone,  unico figlio del Contrammiraglio della Marina Militare Sergio Azzone, deceduto all’età di 56 anni  a causa di un tumore ai polmoni, causato dal contatto con l’amianto durante gli anni in cui fu imbarcato. San Giorgio, Vesuvio e soprattutto Vittorio Vento furono le navi killer che hanno ucciso mio padre, in quanto ufficialmente riconosciute dalla Marina stessa, imbottite di amianto. 
La Commissione Medica  dell’infermeria Autonoma della Marina certificò( ho tutta la documentazione) che il tumore fu “SI DIPENDENTE DA CAUSA DI SERVIZIO” e trasmise gli atti al Ministero della Difesa che, ignorando completamente tale parere, rifiutò la causa di servizio a mio padre. Non potrò mai scordare il suo dolore all’apprendere tale notizia: gli rimanevano ancora pochi mesi di vita e questa notizia non fece altro che ucciderlo anche “moralmente”. Tutti i superiori e colleghi di mio padre, dopo la sua morte, sparirono completamente con noi: ricordo ancora il triste “pellegrinaggio” mio e di mia madre presso i vari uffici degli ammiragli, che finivano sempre, nella ipotesi migliore, con il sottufficiale di turno che ci comunicava, ad occhi bassi e mortificato, l’indisponibilità ad essere ricevuti. Io orfano e mia madre vedova, completamente dimenticati da tutto e da tutti Nel 2010 un ufficiale della Marina Militare ci chiama comunicandoci che la Marina stessa stava richiamando tutte le persone decedute per malattie asbesto correlate: c’era finalmente la possibilità di accedere ai benefici previsti per le vittime del dovere. Presentammo, con l’aiuto dell’avvocato Pietro Petrosini che ci ha seguiti fin dall’inizio della vicenda, istanza per il riconoscimento della causa di servizio e richiesta di tutti i danni materiali e soprattutto morali causati dalla prematura scomparsa di mio padre. Fu istituita una seconda commissione medica ( quella per le vittime del dovere) che riconobbe il 100% dell’invalidità di mio padre e stabilì il legame tra la morte di mio padre ed il tumore contratto sulle navi Nonostante forti di questa valutazione, Il “Comitato di Verifica” per le cause di servizio rigettò per la seconda volta la domanda ritenendo che “ le infermità sofferte dal Contrammiraglio non sono riconducibili alle particolari condizioni ambientali”.  Comitato, nota curiosa, composto non da medici o clinici ( come poteva essere ovvio) ma da burocrati e direttori del dipartimento economico della Difesa, che evidentemente si intendevano anche di asbesto e malattie ad esso correlate. Ma soprattutto il fatto sconcertante è che il Comitato, nel rigettare la domanda, non fece menzione delle due commissioni mediche! Oltre che moralmente deprecabile è un fatto illecito anche da un punto di vista giuridico. Da due anni abbiamo presentato ricorso al Tar il quale finora non ha ancora preso in considerazione la nostra pratica…ed il dubbio sorge…tutto tace forse perché ad ammalarsi e morire non fu l’addetto alle caldaie o alle macchine della nave che non poteva non essere a contatto con l’amianto ( come recenti sentenze hanno dimostrato) ma un Ufficiale che ha respirato l’amianto sui ponti, nella cabina dove ha dormito, nella salsa mense dove ha mangiato? Forse  si ha paura di creare un pericoloso antecedente per tutti gli Ufficiali visto che la momento sono stato indennizzati solo i sottufficiali? Io e mia madre proseguiremo fino in fondo la battaglia contro la Marina anche e soprattutto per l’onore e la reputazione di mio padre: per lui il mare ed il suo lavoro era tutto.   Siamo a disposizione io ed il mio avvocato, di tutti quelli che abbiamo voglia di condividere la nostra battaglia insieme 
Cordiali saluti Dott. Federico Azzone


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  Varie

domenica 13 aprile 2014

apr

13

2014

Militari senza rappresentanza.Traditi da un sistema rappresentativo obsoleto e inefficace, da interpreti rappresentativamente incapaci. L’incontro con il ministro Pinotti tra propaganda e realtà  

Delegati CoCeR: Colombo,Saccone,Gerometta,Bottacchiari,Ciavarelli; tra divulgatori di infondato ottimismo, pugili suonati, insuperabili e coerenti che tengono acceso il lumino della dignità di rappresentare personale anche chiedendo diritti sindacali


A cura di Assodipro Roma
Pochi giorni fa c’è stato un incontro tra i CoCeR ed il Ministro difesa Pinotti; ne abbiamo parlato in un nostro articolo precedente. Oggi vorremmo mettere a fuoco quelli che sono i “commenti” o i “resoconti” diffusi da alcuni “rappresentati” dei militari. A parte le evidenti contraddizioni che emergono dalle diverse voci è di plastica evidenza come alcuni rappresentanti sono lontanissimi dallo stesso termine “ rappresentante “ o da quello di “ delegato “; non solo non comunicano e non informano se non raramente, ma, quando lo fanno appare evidente la loro INCAPACITA’ CONGENITA DI RAPPRESENTARE , la loro Genetica natura di subordinati rappresentativi, come da sindacato giallo,sia alla gerarchia,  sia alla politica che da anni penalizza il comparto difesa con pesantissimi tagli , anche di personale, con blocchi stipendiali prorogati fino al 2020, con la drammatica assenza della previdenza integrativa.  La loro natura acquisita di diffusori di “fumo informativo”, della teoria del perdere tempo insinuando speranze che non sono supportate che da parole e promesse , è palese in quello che scrivono
Cominciamo questo triste quadro rappresentativo dal  Delegato  Colombo, della Categoria Ufficiali del CoCeR Marina ; Si, solo omonimo del grande navigatore e sicuramente anche solo omonimo in fatto di “coraggio  rappresentativo “divulgatore  di un ottimismo che fà a pugni con la realtà, anche numerica del DEF  !  diffonde messaggi tendenti a prendere solo tempo mentre tutto resta invariato e bloccato.  Informa disinformando ( sul DEF non ci sono risorse per i contratti; sul DEF  si dichiara che le spese per gli stipendi rimangono invariate salvo aumentare per la  sola vacanza contrattuale dal 2018 al 2020)  ed il  poco prode Colombo è capace di scrivere : “ma non significa automatica proroga fino al 2020 del blocco della contrattazione per ora previsto fino al 2017”. UN altro delegato del CoCeR Marina; Saccone , sull’incontro con il Ministro Pinotti, posta su FB un commento stile pugile suonato che scende dal ring totalmente confuso; totalmente incapace di scrivere una virgola critica sul Ministro, sui tagli e sui blocchi , barcolla in un commento da vero sindacato giallo , sulla linea del “ poco rappresentativamente prode “ delegato Colombo,  che lascia veramente stupiti scrivendo “ Se qualcuno si aspettava che dicesse che ci sbloccano gli stipendi dal 1.1.15, beh non ha detto niente, in compenso non ha detto neanche che continuerà il blocco (!)..”  . A detta sua, lei e il suo Ministero faranno di tutto per trovare le risorse (già nel DEF il Governo sembra indirizzato a farlo) per sbloccare il personale dei comparti difesa/sicurezza. Parte dei soldi li vuole trovare all'interno del Ministero e gli altri da parte del Governo. Proprio al termine della riunione andava al consiglio dei ministri dove "vado a cercare risorse per i vostri comparti". 
Il generale Paolo Gerometta, presidente del Cocer Esercito, IN GIGANTESCO CONFLITTO DI INTERESSE in quanto vertice militare e vertice della rappresentanza militare ( presidente CoCeR EI e Presidente CoCeR comparto Difesa ) è insuperabile, come una famosa marca di tonno, nel diffondere incenso  e cloroformio rappresentativo. Si accontenta, bontà sua,  della stessa frase che TUTTI I MINISTRI DELLA DIFESA DELLA STORIA DELLA REPUBBLICA hanno pronunciato ( riguardo alla così-detta centralità del personale)  e “ vende” , non solo  parole e promesse  con uno zelo invidiabile, ma anche la bontà di tavoli tecnici quando a memoria non si ricorda un tavolo tecnico che ha risolto qualcosa negli ultimi 20 anni ,  scrivendo : “Il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, oltre ad evidenziare la centralità del personale per la "macchina Difesa", ha assicurato che farà ogni possibile sforzo e iniziativa per ottenere lo sblocco delle retribuzioni del personale del comparto difesa e sicurezza.” 
IL triste quadro rappresentativo fin qui descritto, cambia con altri commenti di delegati sull’incontro con il Ministro difesa Pinotti, e finalmente appare una tenua luce che cerca di rappresentare con dignità rappresentativa  e descrivere la realtà che possiamo vedere bene davanti a noi dopo gli ultimi 3 governi degli ultimi 3 anni. 
Fonte Grnet.it : Per il tenente colonnello Guido Bottacchiari (A.M.), «siamo fermi ancora all'estate scorsa, quando il ministro Mauro promise il suo impegno personale ad esplorare le possibilità di trovare le risorse per lo sblocco stipendiale - perchè il focus è questo, ndr- all'interno del dicastero e in un'ottica interministeriale». «Le dichiarazioni del ministro Pinotti - spiega Bottacchiari - sono identiche a quelle del ministro Mauro, quindi nessuna novità, nessun passo avanti». Di «evidente impreparazione ad affrontare i complessi argomenti sul tavolo» parla invece il delegato Cocer della Marina, Antonello Ciavarelli, secondo il quale dal ministro Pinotti «ci saremmo aspettati importanti novità, scadenze certe, azioni concrete, non fumose frasi di circostanza e generiche promesse di impegno personale».    

 In leggi tutto i testi dei resoconti che i delegati citati hanno fatto sull’incontro con il ministro Pinotti 




  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  Varie

sabato 12 aprile 2014

apr

12

2014

Il Tesoro smentisce il Blocco Contratti ma fa “Il Gioco delle 3 Carte“,non bastano le smentite che non smentiscono. Forme di Protesta e Dissenso Democratico contro il Blocco. Assodipro ci sarà  

Assodipro : “Il Tesoro in una nota, allarmato anche dalle voci libere come le nostre che davano il giusto risalto al blocco dei contratti fino al 2020, ha fatto una smentita che, ad oggi, non è credibile” .


A cura di Assodipro; 
Siamo stati i primi, nei siti di “ interesse militare-associativo-sindacali”, basta scorrere le nostre notizie, a mettere in risalto ed in discussione l’ INACCETTABILE prolungamento del BLOCCO DEI CONTRATTI fino al 2020. Ieri sera il Ministero del Tesoro diramava una nota dove, tra l’altro si scrive : “Def: Tesoro, nessun blocco contratti pubblici (ANSA) - ROMA, 11 APR - Nel Documento di Economia e Finanza 2014 "non è contenuto, e non potrebbe esserlo, alcun riferimento a ipotesi di blocco di contrattazione nel settore pubblico”. Appena letta possiamo constatare che fa a pugni con quanto previsto da leggi e finanziarie in vigore ed appare una fumosa smentita prontamente rilanciata da numerosi “ coristi “ - " venditori di parole, promesse, impegni più o meno personali , saliti sul carro del vincitore ! E’ una nota/smentita che non è retta da nessun atto pratico , non smentisce quanto scritto ad oggi nel DEF …” la spesa delle retribuzioni dei dipendenti pubblici rimane invariata salvo aumentare nel triennio 2018-2020 per la sola vacanza contrattuale… “!  Né smentisce parlando di risorse per i contratti ed il BLOCCO DELLE RETRIBUZIONI NEL COMPARTO DIFESA SICUREZZA, né quantificandole né dicendo dove si andrebbero a recuperare
(ANSA) - ROMA, 11 APR - "La nostra battaglia produce effetti, anche se un po' buffi. La lezioncina di contabilità inviata alle agenzie stampa dal ministero dell'Economia e delle Finanze, infatti, fa sorridere e assomiglia tanto al gioco delle tre carte". Lo sostiene Gianni Tonelli, presidente nazionale del sindacato polizia Sap. "Da un lato - rileva Tonelli - si smentisce un ulteriore blocco della contrattazione nel pubblico impiego, dall'altro si ricorda quello che tutti sanno e cioè che il finanziamento delle risorse per i rinnovi contrattuali arriva dalla legge di stabilità . Ci chiediamo allora a che cosa serva il Def, visto che si fanno ipotesi e scenari fino al 2020 a legislazione vigente. E ad oggi - aggiunge - leggendo il documento di economia e finanza, si prefigura solo lo scenario peggiore, quello di un'assenza di contrattazione per i prossimi 6 anni". "Non ci basta - prosegue il segretario del Sap - la smentita non smentita dell'ufficio studi del Mef e ci chiediamo perché il livello politico, che abbiamo più volte interpellato, si nasconda dietro i tecnici del Tesoro
Editoriale della Segreteria Generale Sindacato Polizia SAP
Avevamo fatto bene a dubitare delle recenti parole del Ministro Alfano che, solo tre giorni or sono, annunciava lo stanziamento di 700 milioni per le forze di polizia e nessun taglio. Ci chiedevamo infatti: come è possibile recuperare una simile somma dal FUG (fondo unico giustizia) quando nel biennio 2012/13 è stato possibile accedere a soli 125 milioni? L’ultima sorpresa, fresca fresca, è ancora più amara, ruvida e insopportabile. Contratti degli statali saranno bloccati fino al 2020. La nuova “mazzata” è contenuta tra le previsioni del Def (documento economico finanziario) che inserisce nelle contabilità dello Stato una risalita per le retribuzioni dei circa 3 milioni di dipendenti pubblici solo a partire dal 2018 e solo per uno 0,3% annuo.  Si tratta,in maniera chiarissima, unicamente del valore della vacanza contrattuale che si conta debba scattare per l’intero triennio 2018-2020.
La somma indicata, si faccia attenzione, non è neppure in grado di adeguare i salari alla perdita del potere di acquisto dovuta all’inflazione. Nel Def, tra le altre, si legge:
“In materia di pubblico impiego, è previsto il definanziamento dell’indennità di vacanza contrattuale per il 2015-2017, la proroga al 2014 della limitazione delle risorse destinate al trattamento accessorio del personale…” noi del SAP, al Governo Renzi e ad Alfano chiediamo di porre con forza la questione delle retribuzioni delle forze dell'ordine, del blocco salariale e dei mancati scatti. 
Anche perché il taglio dell'Irpef e i previsti 80 euro di incremento mensili da maggio interessano soltanto una piccola parte degli operatori. In assenza di risposte e di interventi concreti, i poliziotti del SAP sono pronti a mobilitarsi, anche con forme di protesta e dissenso nuove ed eclatanti. Il tetto salariale dei poliziotti crea un blocco dal 2011 e ci avviamo al terzo mancato rinnovo del contratto di lavoro. Tutto cio' rende la situazione drammatica e il numero delle famiglie del personale in divisa che si avvicina alla soglia della poverta' aumenta ogni giorno".


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  Varie

apr

12

2014

ASSODIPRO Per i Militari: INFORMAZIONE, DIRITTI, TUTELA, INDIPENDENZA,SOLIDARIETA’. Iscriviti all’ Associazione ASSODIPRO  

AS.SO.DI.PRO. Associazione Solidarietà Diritto e Progresso


Associazione fondata a Roma il 22/05/1992 con atto costitutivo del Dr. Achille de Martino, Notaio in Roma Repertorio n° 141230 - Raccolta n° 18662 - Registrato a Roma Atti Pubblici il 29/05/1992 Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, con Decreto n. 94/II/2005 del 25/07/2005, ha registrato l'iscrizione della nostra Organizzazione Associativa nel Registro Nazionale delle Associazioni di promozione Sociale, ai sensi e per gli effetti della Legge 7 dicembre 2000 n. 383, al n° 101
CHE COS'E' l’ASSOCIAZIONE: E' un’Associazione indipendente. apartitica e senza fini di lucro le cui finalità principali e attività, si fondano sui dettati costituzionali e sui diritti fondamentali da essa garantiti.


Clicca per leggere tutto, Chi siamo e cosa facciamo.

Clicca per il modulo di iscrizione

Clicca per i contatti e sedi  


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  Varie

venerdì 11 aprile 2014

apr

11

2014

SINDACATI POLIZIA: NO al BLOCCO CONTRATTI fino al 2020,NON bastano Parole e Promesse, Trovare Risorse per modificare il Blocco Esteso fino al 2020.  

Sindacati Polizia : NON resteremo con le mani in mano, anche ricorso alla Corte Europea. Nella Rappresentanza Militare c'è chi "VENDE generici impegni" e "inesistenti sblocchi dal 2015" dei quali nel DEF non c'è traccia!


A Cura di Assodipro 
Mentre Alcune Rappresentanze Militari o singoli delegati CoCeR diffondono un INGIUSTIFICATO OTTIMISMO o SBANDIERANO GENERICI IMPEGNI personali del Ministro Difesa come se fossero leggi scritte , dimenticando come sono finite  le promesse e gli impegni dei precedenti ministri e governi che tagliavano e bloccavano pesantemente, I SINDACATI DI POLIZIA, anche a livello di comunicazione sono più “ rappresentativamente onesti “ e chiari. Dei Comunicati che stanno facendo alcuni CoCeR e/o singoli delegati ( alcuni del CoCeR Marina sono veramente “ stupefacenti”),  che diffondono ai loro colleghi  INGIUSTIFICATE IPOTESI DI SBLOCCO DELLE INDENNITÀ NEL 2015  ,  non supportate né da numeri né da testi , né da quanto si scrive nella legge di stabilità, né parleremo in un prossimo articolo. 
Roma, 11 apr. (TMNews) - "E' positivo che nel testo del Def venga riconosciuto alle forze di polizia un ruolo fondamentale per la sicurezza dei cittadini nonché il fatto che più elevati livelli di Sicurezza costituiscano i presupposti per uno sviluppo reale per il Paese" ma "al fine di un reale riconoscimento degli operatori occorre reperire risorse attraverso atti conseguenti che permettano di giungere, al più presto, al rinnovo dei contratti ed alla rimozione del blocco del tetto salariale a partire da gennaio 2015 reperendo, nel contempo, le necessarie risorse per il corrente anno". Lo afferma il segretario generale del Silp-Cgil, Daniele Tissone.
Sap annuncia ricorso contro stop rinnovi contratti poliziotti
Roma, 10 apr. (TMNews) - Il sindacato autonomo di polizia (Sap) annuncia che riccorrera' "per inadempienza" alla Corte europea dei diritti dell'uomo contro il blocco al rinnovo del contratto di lavoro dei poliziotti. "Avevamo fatto bene a dubitare delle recenti parole del ministro Alfano, che annunciava 700 milioni di euro per le forze dell'ordine e nessun taglio", afferma Gianni Tonelli, presidente nazionale del sindacato di polizia Sap, perche' "con il Def appena approvato dal Governo, infatti, si impone anche per i poliziotti uno stop ai rinnovi contrattuali fino al 2020, salvo tornare a restituire l'indennita' contrattuale dal 2018".
"Il nostro contratto - aggiunge Tonelli - e' bloccato dal biennio 2008/2009, senza contare il tetto salariale, mentre ad altre categorie del pubblico impiego, come gli insegnanti, sono stati concessi aumenti e scatti. Una situazione intollerabile, non resteremo con le mani e ci muoveremo a livello europeo". Il Governo e il Parlamento - conclude il presidente del Sap - sono consapevoli di essere inadempienti. Non a caso, era stato istituito un meccanismo, quello della cosiddetta 'una tantum', che doveva servire a mitigare il tetto salariale e a garantire almeno il pagamento degli assegni funzionali e degli scatti legati agli avanzamenti di carriera. Peccato che questo meccanismo non sia stato adeguatamente finanziato, tanto che quest'anno ai poliziotti e' stato corrisposto appena il 16,60 per cento del dovuto. Una vergogna, perche' lo Stato affama, non e' leale e non è riconoscente nei confronti dei suoi figli migliori, quelli che rischiano la vita per difendere i cittadini".


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  Varie

giovedì 10 aprile 2014

apr

10

2014

IL MINISTRO DIFESA PINOTTI INCONTRA I RAPPRESENTANTI ( CoCeR ) ma NON AVEVA MOLTO TEMPO DISPONIBILE (!)  

Rimane il quadro di tagli e blocchi, senza concertazioni e diritti, dopo un ennesimo incontro tra la R.M. ed il Ministro Difesa, il 3° in tre anni, che rimane sulle linee dei precedenti.


A cura di Assodipro 
Il primo resoconto che troviamo sull’incontro di oggi tra il ministro difesa Pinotti ed il CoCeR Interforze è questo de
 il velino.it . NON è firmato da nessuno e fa riferimento ad una " nota "  che appare scritta da una penna   molto brava ad  “ammorbidire-anestetizzare-rinviare ” per dire qualcosa su quanto NON ha detto il Ministro almeno rispetto alle aspettative ed al forte malcontento del personale militare. Nella parte finale di questo resoconto si accenna ad una posizione del CoCeR Aeronautica che, ad arte, dall'autore della " nota " non viene nè citata, nè ricordata da chi ha redatto il resoconto/nota; forse non si è voluto ricordare per non disturbare troppo ? forse e nel giro di pochi giorni le "sciabole sono ritornate precipitosamente nei foderi" ?  ( ricordiamo che lo stesso CoCeR AM ha scritto, solo pochi giorni fà, che in mancanza di riscontri e risultati positivi su contratti e tagli si poteva ritornare in piazza come negli anni 70 nel periodo del Movimento Militari Democratici... nella nota stonava ripeterlo ? )  In attesa di altri comunicati, se ci saranno, sulla fonte citata si scrive : “si è svolto oggi pomeriggio, alla presenza del Capo di Stato Maggiore della Difesa, Amm. Luigi Binelli Mantelli e dei Sottosegretari di Stato On. Gioacchino Alfano e On. Domenico Rossi, l’incontro tra il COCER Interforze e il Ministro della Difesa, Sen. Roberta Pinotti. Il Cocer Interforze - si legge in una nota - si è approcciato all’incontro in maniera costruttiva e decisa anche alla luce dei contenuti del recente messaggio che il Capo di SMD ha inviato al personale sulle questioni della condizione militare. Nella pluralità degli interventi e senza alcuna remora i delegati hanno rappresentato al ministro le preoccupazioni e lo stato d’animo del personale militare del Comparto Difesa e Sicurezza di fronte alle anticipazioni di stampa in merito all’ipotizzato ulteriore blocco stipendiale e alla riduzione dello strumento militare anche attraverso transiti verso altre Amministrazioni con conseguente perdita dello status giuridico. Il Ministro ha risposto in maniera non totalmente esaustiva alle precise domande dei delegati sia per il poco tempo disponibile sia, per come affermato dallo stesso ministro, per la complessità degli argomenti trattati che necessitano di una più ampia condivisione in ambito governativo
Nessuna certezza, allo stato, è stata quindi data dal ministro in merito all’immediato sblocco dei contratti e delle dinamiche retributive se non un mero “impegno personale” per trovare le risorse in ambito Difesa. Nulla anche sui decreti discendenti dalla legge 244/12 di riforma dello strumento militare se non il chiarimento che i transiti presso altre Amministrazioni avverranno, così come previsto dai decreti legislativi medesimi, solo su base volontaria seppur il ministro stesso ha auspicato in materia un rinnovato dialogo con le rappresentanze attraverso un confronto che permetta di prospettare ulteriori soluzioni all’esodo del personale. Sulla vacanza contrattuale ha precisato che dal 2015 al 2017 verrà finanziata e non ha escluso che dal 1 gennaio 2015 possa ripartire la concertazione economica. In merito all’incontro, anche in considerazione del ristrettissimo tempo dedicato allo stesso che non ha permesso ad altri delegati di esporre tematiche di interesse generale e di categoria (CFI, FESI, etc.) che a parere del ministro dovrebbero trovare trattazione nell’ambito di appositi tavoli tecnici da far partire immediatamente, il Cocer AM non può comunque ritenersi pienamente soddisfatto e attende fatti concreti in tempi rapidi per la risoluzione del blocco stipendiale e di tutte le altre problematiche di settore e pertanto rimane fermo sulle posizioni precedentemente espresse con i recenti comunicati stampa".


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  Varie

apr

10

2014

Blocco Contratti .Dopo il Giudizio di ieri di ASSODIPRO, i Sindacati P.A. Usano, oggi, lo stesso termine sul blocco contratti del Governo “ INACCETTABILE “ !  

Def, Cgil Cisl Uil: Governo trovi le risorse per i contratti del pubblico impiego . Ci opporremo con tutti i mezzi.


A cura di Assodipro 
Dopo un giorno di riflessione sui contenuti del DEF, riguardo all’  estensione del BLOCCO DEI CONTRATTI del Pubblico Impiego fino al 2020, arriva il comunicato unitario dei principali sindacati della P.A. che usano lo stesso termine che Assodipro ha usato nel giudicare già ieri i Blocco : “ INACCETTABILE “ . 
Ancor di più è inaccettabile  per i Lavoratori Militari del Comparto Difesa che sommano anche  il blocco delle retribuzioni
Come ASSODIPRO saremo pronti, come fatto anche di recente ed in più occasioni , a scendere in piazza a Manifestare democraticamente in rappresentanza del Comparto Difesa e dei Militari, continuando anche la nostra battaglia sui DIRITTI Associativi e Sindacali per i Militari, insieme ai Sindacati ed a tutti i lavoratori della P.A.    
Comunicato stampa Fp-Cgil Cisl-Fp Uil-Fpl Uil-pa 
"E' fondamentale che il governo trovi le risorse per i contratti del pubblico impiego. Quale statista chiede aiuto ai lavoratori per rivedere la spesa e poi dimentica il giusto diritto a un rinnovo?". Rossana Dettori, Giovanni Faverin, Giovanni Torluccio e Benedetto Attili, segretari generali di Fp-Cgil, Cisl-Fp, Uil-Fpl e Uil-Pa, con una nota congiunta chiedono al Governo Renzi un chiarimento immediato. 
"I Def hanno sempre colpevolmente omesso la programmazione delle risorse per le retribuzioni del pubblico impiego. Il punto è che quelle risorse vanno trovate", prosegue la nota. "Le lavoratrici e i lavoratori delle pubbliche amministrazioni hanno già subito una lunga pausa, perso una parte consistente del loro potere d'acquisto, e adesso il famoso differenziale tra pubblico e privato non può essere più utilizzato come un'arma. Un ulteriore blocco sarebbe inaccettabile e la nostra risposta non si farebbe attendere".
 
"Rinnoviamo il nostro appello al Governo affinché affronti la riforma della pubblica amministrazione e il riordino dei servizi ai cittadini, a partire dalla valorizzazione del lavoro pubblico. Pretendere che gli stessi lavoratori a cui si chiede uno sforzo di modernizzazione ed efficientamento,  producano risultati mentre si impoveriscono e continuano a veder negate aspettative basilari come un rinnovo di contratti è un'inutile ingiustizia alla quale in caso di conferme - concludono i quattro sindacalisti -  ci opporremo con tutti i mezzi a nostra disposizione".
 
 Roma, 10 aprile 2014
 


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  Varie

apr

10

2014

Zio Sam ha deciso, nuove bombe nucleari sui Tornado Italiani e paga pantalone. Contratti Bloccati al Personale mentre spendiamo anche per questo !  

Toni De Marchi: Bombe Nucleari sui nostri aerei“non fatelo sapere al nostro governo. Non alla ministra Pinotti, non al sottosegretario Alfano arrampicatore di specchi “


Armi, zio Sam ha deciso: bombe nucleari sui Tornado italiani, e paga Pantalone di Toni De Marchi del FattoQuotidiano.it 
State sereni, se non ci pensa il nostro governo c`è zio Sam che lavora per noi. E ci promette che nel 2018, non solo avremo tante belle nuove bombe nucleari, ma soprattutto che anche i nostri cacciabombardieri tricolori saranno in grado di portarle. E non solo gli F-35, quando arriveranno, ma anche i Tornado. Non speriate tuttavia che a dircelo siano i nostri beneamati governanti. Lo sappiamo infatti perché a Washington hanno pubblicato i documenti di bilancio per il 2015. Solo per le attività di ricerca e sviluppo dell`Aeronautica militare ci sono ben 830 pagine dettagliatissime. A pagina 617 troviamo la descrizione del programma di ammodernamento delle armi nucleari di cui vi abbiamo già parlato. Sono undici fitte pagine di numeri e tabelle che spiegano per filo e per segno come saranno le nukes del nostro futuro. E ci dicono che nel 2015 comincerà anche l`ammodernamento e l`adeguamento degli aerei italiani che le potranno portare. La tabella è a pagina 626: vi sono elencati, oltre agli F-15, F-16 e B-2 anche i PA-200, cioè i Tornado. Questi cacciabombardieri sono in servizio in Gran Bretagna (che però non usa bombe nucleari a caduta), Germania e Italia. I nostri stanno a Ghedi, al 6 Stormo, dove, guarda la coincidenza, ci sta anche un reparto americano il 704th Munitions Support Squadron il cui solo mestiere è custodire le bombe per i nostri aerei. Mi raccomando: non fatelo sapere al nostro governo. Non alla ministra Pinotti, non al sottosegretario Alfano che venerdì scorso ha tentato un`ardita arrampicata sugli specchi per non rispondere ad una interrogazione del M5S precisamente su questi argomenti. Magari potrebbero scoprire che gli italiani hanno dei bombardieri nucleari (a loro insaputa?) e gli potrebbe anche venire il sospetto che a prendere le decisioni non siano loro ma gli americani. Una delusione troppo forte per dei modernizzatori. Ma dove dovrebbero portarle, queste bombe? Dipende dalle vostre personali inclinazioni. C`è l`Iran che, sì, sta facendo gli accordi per il nucleare, ma non si sa mai. La Siria è ancora piena di gas nervino e chissà se davvero se ne vuole liberare. L`Iraq? Beh, quello lo abbiamo già messo fuori gioco, un bei knockout così la smette di minacciarci con le sue Wmd, le armi di distruzione di massa che ancora non si sa dove siano nascoste. La Corea sta un po` lontana, per ora. Male che vada c`è il neo-zar Putin che ci da tante belle occasioni per sentirci in pericolo. Così in pericolo che Barack YesWeCan ci ha ricordato l`altra settimana che non è tempo di disarmare. Soprattutto se si tratta di comperare aerei americani come del tutto casualmente sono gli F-35. È vero, da Matteo lavoltabuona, quest`omino che Berlusconi invidiava per la sua abbronzatura, c`è stato solo venti minuti, in un ritaglio di tempo dopo essere stato dal Papa e prima di andare dal sultano dell`Arabia Saudita. Più che sufficienti tuttavia perché il velociraptor di palazzo Chigi afferrasse il concetto e se qualcuno sperava in un ravvedimento operoso per gli F-35 si è dovuto ricredere in fretta. B61-12 è la sigla delle nuova arma che sostituirà tutte le bombe a caduta libera attualmente in servizio, da quelle tattiche più piccole a quelle sub-strategiche.  


  icona commenti  |     Stampa veloce   crea pdf di questa news    icona rss |  Pubblicato da: tavaric icona autore |  Varie

Vai a pagina  [1] 2 3 ... 77 78 79

Archivio News


Categorie News

 



Altre News

mar 23 ottobre 2012 - 15:32:20
NO alla Riforma Pensioni - NO ai Tagli di personale nelle FFAA - NO alla Revisione dello strumento Militare . MONTI Incontra una delegazione dei partecipanti - GIORNATA STORICA e risultati concreti
sab 06 ottobre 2012 - 10:03:16
Fonte: lasottilelinearossa.over-blog.it
ven 28 settembre 2012 - 12:57:07
Roma, 28 set. (Adnkronos)
sab 18 agosto 2012 - 16:23:24
di Luca Kocci pubblicato su Il manifesto, il 17/08/12

 

Tema Grafico by iWebSolutions - partner e107 Italia