AFGHANISTAN: INAUGURATA A ROMA TARGA IN MEMORIA MILITARI CADUTI

(AGI) – Roma, 17 ott. – Dal colonnello Carmine Calo', scomparso a Kabul nel 1998, al caporal maggiore Rosario Ponziano, morto qualche giorno fa a Herat in seguito ad un incidente, sono 23 i militari italiani caduti in Afghanistan, i cui nomi figurano da oggi su una targa nel Parco Schuster, davanti alla basilica di San Paolo Fuori le Mura, accanto a quella che commemora i caduti di Nassiyria.
  Alla cerimonia in ricordo dei nostri soldati, questa mattina hanno partecipato il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, il ministro per le Politiche Comunitarie, Andrea Ronchi, il sottosegretario alla Difesa Giuseppe Cossiga, l'onorevole e medaglia d'oro al valor militare, Gianfranco Paglia, il prefetto di Roma, Giuseppe Pecoraro, il questore Giuseppe Caruso, il capo di Stato Maggiore dell'Esercito, Giuseppe Valotto, i vertici provinciali delle forze dell'ordine e i familiari delle vittime.
  “Parlando con tutti i familiari delle vittime – ha sottolineato il sindaco Alemanno – si vede che i discorsi pietistici, di sapore pacifista, e soprattutto l'idea che sia quasi una vergogna il fatto che delle persone possano morire nei teatri di guerra, sono smentiti da chi e' stato toccato in maniera diretta, da chi sente che i loro cari hanno fatto una scelta: ormai l'Esercito italiano e' fatto da volontari e chi porta le stellette sceglie questa vita e accetta il pericolo”.
  Secondo il sindaco, “la nazione deve quindi comprendere che il soldato non e' un guerrigliero aggressivo, ma una persona che difende la pace e la giustizia, e quindi compie un atto di dono alla comunita' nazionale ed internazionale”.
  Il ministro Ronchi, rivolgendosi alle famiglie dei caduti, ha parlato di “un momento di commozione e dolore, per un gesto carico di significato: siamo qui per dire che non dimenticheremo mai e che l'Italia e' con voi e vivra' nell'esempio dei vostri martiri”. Anche il primo cittadino ha ribadito il valore del ricordo, perche' “la memoria deve servire come esempio e deve servire a tutti quanti noi per essere migliori e all'altezza del sacrificio di questi ragazzi.

Related Posts

About The Author

Contatta la Sezione o Unità Coordinata a Te più vicina!Inviaci una e-mail o telefona per avere maggiori informazioni.