AS.SO.DI.PRO ED IL COMITATO ARTICOLO 52 ADERISCONO ALLA MANIFESTAZIONE DEL 3 OTTOBRE 2012

Articolo 52 L’Associazione Solidarietà Diritto e Progresso, dopo l’adesione alla manifestazione del pubblico impiego del 27 Settembre, Aderisce anche alla Manifestazione del 3 ottobre indetta dai sindacati di Polizia CONTRO LA RIFORMA DELLE PENSIONI , insieme al COMITATO ARTICOLO 52.   

 
 
COMUNICATO STAMPA DEL 1° OTTOBRE 2012

“I 4 MOTIVI DELLA NOSTRA ADESIONE ALLA MANIFESTAZIONE DEL 3 OTTOBRE” La manifestazione del 3 ottobre prossimo a Roma contro il regolamento del Ministro Fornero sull’armonizzazione delle pensioni del Comparto Sicurezza e Difesa organizzata dai sindacati della Polizia di Stato Siap, Silp per la Cgil, Coisp e Anfp vedrà l’adesione e la partecipazione dell’Asso-ciazione Solidarietà Diritto e Progresso – Assodipro e del Comitato Articolo 52 – Militari tra la Gente per i seguenti QUATTRO PRINCIPALI MOTIVI.
 
1.  È di palmare evidenza il colpevole e pericoloso strabismo del Governo che, con un ministro (Fornero) vuole innalzare a 62 anni l’età pensionabile del personale non dirigente del Comparto e con altri due (Difesa e Interno) vuole mantenere il limite ordinamentale a 60 “per motivi di funzionalità”: si prenda una posizione chiara e unitaria e se ne spieghino le ragioni.
 
2.  È inaccettabile che si riformi il sistema pensionistico solo per quel che fa comodo, disattendendo completamente gli impegni assunti di fronte al Parlamento in tema di  riordino dei ruoli e chiedendo a militari e poliziotti ulteriori sacrifici anche in tema di pensione anticipata, che senza colpo ferire si allontana di sei anni (bel modo di sostanziare la tanto declamata specificità!). Peraltro, non si pone alcun rimedio ai guasti devastanti del mancato avvio della previdenza complementare, sapendo che questo vorrà dire portare sotto la soglia di povertà le generazioni in regime misto e contributivo a cui converrà paradossalmente rimanere in servizio il più a lungo possibile piuttosto che andare in pensione, ma a scapito dei cittadini che, in qualche occasione, saranno obbligati a … soccorrere i soccorritori. 
 
3.  È inquietante che gli stessi ministri tornino in davvero singolare sintonia quando, viceversa, si propone di allungare fino a 67 anni l’età pensionabile dei dirigenti, i quali andranno così in pensione molto più tardi e con importi molto più elevati. Della serie: se la truppa si lamenta, si aumentino gli stipendi (e i privilegi) ai generali.
 
4.  È sorprendente (e gravissimo) che nel terzo millennio, con problemi di questo rilievo da affrontare, ci siano ancora uomini politici e vertici militari così fuori dal tempo e dalla modernità che cercano in ogni modo e con ogni mezzo di impedire il riconoscimento ai militari di diritti elementari e fondamentali come quelli di associazione, di libera manifestazione del pensiero e addirittura di azione in  giudizio a tutela di diritti soggettivi e di interessi legittimi, nonostante le chiarissime normative europee, le convenzioni internazionali sottoscritte e l’ancora oggi inapplicato disposto dell’articolo 52 della Costituzione. 
 
Infine, un appello e un plauso. Ai Sindacati della Polizia di Stato chiediamo con forza un impegno rinnovato, deciso ed unitario per aiutarci a sostenere in ogni sede il riconoscimento dei diritti sindacali o quanto meno di libera associazione per i cittadini militari. Se è importante, infatti, che la “specificità” del Comparto sia riconosciuta e se possibile compensata in concreto, ancora di più lo è per i colleghi militari  rimuovere subito, in momenti di tale delicatezza, la gravissima asimmetria nei diritti causata dalla antidemocratica “specialità” della professione militare. 
 
Un plauso, infine, e un riconoscimento ai delegati Cocer di Esercito, Marina, Aeronautica, Carabinieri e Guardia di finanza per l’impegno che profondono in queste settimane difendendo, praticamente “a mani nude”, viste le non più tollerabili carenze normative sulle tutele dei militari, interessi di così vitale rilievo per le donne e gli uomini con le stellette.    

Il presidente Assodipro                                                            Il presidente Comitato Articolo 52
Emilio Ammiraglia                                                                           Giuseppe Fortuna 
(348.3812886)                                                                                 (340.2813453)

Related Posts

About The Author

Contatta la Sezione o Unità Coordinata a Te più vicina!Inviaci una e-mail o telefona per avere maggiori informazioni.
+
Articolo di Salvatore Vinciguerra – Segretario Nazionale AS.SO.DI.PRO.
“Unicuique Suum” Consiglio di Stato. La Rappresentanza non deve fare sindacato!
No Preview
Lettera aperta al Ministro Trenta e al Parlamento Italiano. Quale futuro per i Militari Italiani?
Congresso Assodipro. Eletti i nuovi organi statutari. – Risultati del Congresso di Assodipro del 26, 27  Ottobre 2018, Rimini
APPLICAZIONE ART.54 PER MILITARI, CARABINIERI E FINANZIERI
Amianto, familiari delle vittime ed Associazioni a processo conto i vertici della marina
C.U.S.E. o CO.CE.R se ci sei batti un colpo…
Sentenza. ASSEGNAZIONE TEMPORANEA per genitori con figli minori di tre anni

Militariassodipro.org
Vuoi le nostre news nella tua casella di posta?

Iscriviti alla nostra mailing list per ottenere informazioni interessanti e aggiornamenti.

Grazie per la sottoscrizione.

Qualcosa è andato storto.