ASSODIPRO ricorda Guglielmo Epifani

“La prima manifestazione, tenutasi presso Palazzo Valentini della Provincia di Roma il 15 maggio scorso, con il conferimento di un attestato di benemerenza al Dott. Guglielmo Epifani (ex segretario Generale della CGIL) ha avuto come aspetto centrale della discussione, conclusasi con un apprezzatissimo intervento dell’illustre ospite, il tema della dignità del lavoro militare e le protezioni (diritti di tutela) di cui deve godere.”

Commentava così il nostro Presidente Emilio Ammiraglia al conferimento del premio Assodipro a Guglielmo Epifani, già non più Segretario Generale della CGIL, ma aveva lasciato un segno e sono i segni che durano nel tempo.

Correva l’anno 2012, così si dice, e correva davvero su tutte le nostre speranze e le aspettative che ci eravamo prefissi di raggiungere.

Correva così tanto che il contesto politico di allora stava scemando, lasciando il posto a nuove realtà rappresentative ma con profili diversi e sensibilità che non appartenevano più alla rinascita sociale e politica del periodo post bellico, fatta di uomini che ben sapevano il valore di una conquista di un qualsiasi diritto.

Possiamo affermare che questi due uomini, Emilio Ammiraglia e Guglielmo Epifani, entrambi socialisti, entrambi impegnati oltre il proprio orto, oltre la fama estemporanea del tempo, pensavano guardando l’orizzonte, quella linea che non rappresenta mai un confine, bensì il posto dove vedere un altro orizzonte.

Lo stile impeccabile che contraddistingueva Guglielmo Epifani non ha tempo, il linguaggio articolato ma comprensibile era la rappresentazione della sua cultura sia accademica ma soprattutto umana, quella delle relazioni tra persone per capirsi senza adottare banali e ridondanti frasi a riempire gli spazi vuoti.

E non a caso vogliamo ricordarlo insieme al Presidente di Assodipro Emilio Ammiraglia anche lui scomparso prematuramente, per la stessa identità di uomini progressisti, nella vera accezione del termine, “uomini che guardano lontano, quelli che lo sguardo all’orizzonte non è un limite”.

Magari sarà inappropriata come frase che proponiamo per celebrare un necrologio, ma pensiamo che a entrambi avrebbe fatto piacere, perché li rappresenta.

Come Assodipro noi continuiamo a vedere oltre il limite dell’orizzonte e ci portiamo nella mente e nel cuore chi ci è stato di esempio e chi ha creduto nella nostra visione di combattere per riconoscere a tutti, senza alcuna distinzione i diritti della Nostra Costituzione.

Buon viaggio Guglielmo.

Roma 08/06/2021

Related Posts

About The Author

Aggiungi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Contatta la Sezione o Unità Coordinata a Te più vicina!Inviaci una e-mail o telefona per avere maggiori informazioni.