Audizione CoCeR CC e GdF su accorpamento del Corpo Forestale nei Carabinieri. Il Gen.D’Ambola dei CC fortemente critico con chi si oppone al provvedimento e con le opposizioni. Reazioni dei Dep. M5S

Assodipro Roma FLASH NEWS 


Solo pochi giorni fa, sempre in commissione difesa, il Comandante Generale dei Carabinieri Del Sette, affermava, in modo per noi Clamoroso,  riguardo al tema perdita dei DIRITTI DEL PERSONALE del Corpo Forestale : “Non c'e' perdita di DIRITTI, la Rappresentanza Militare, sul piano della capacità e manifestazione non ha nulla da invidiare ai sindacati, ve lo garantisco” . 

NOI, COME ASSODIPRO, confermiamo ed affermiamo che la Rappresentanza Militare è un Sindacato Giallo di fatto. Ed ha i requisiti del sindacato giallo in quanto è : interna all’amministrazione, gerarchizzata, non autonoma, non ha capacità giuridica per una effettiva tutela su lavoro, salute e parte economica. Inoltre è PAGATA dall’amministrazione ( dai contribuenti ) e costa circa 4 milioni di euro anno. Si preferisce spendere 4 milioni di euro anno pur di non dare diritti e tutele ai militari. 
OGGI, poche ore fa, in commissione era il turno dei CoCeR Sicurezza con il loro parere sull’accorpamento del Corpo Forestale nei Carabinieri.  
Un duro , puntiglioso e apparentemente stizzito intervento del Generale D’ Ascola, del CoCeR Carabinieri che tra l’altro ha detto : “ la rappresentanza Militare è come il sindacato e tutela il personale “ Il Generale dei Carabinieri ha affermato anche, leggendo, tra l’altro : “ Ci è parso di capire che il problema principale sia la perdita di diritti sindacali degli appartenenti al corpo Forestale, che con noi migliorerebbe. SINDACATI E POLITICI DI OPPOSIZIONE STANNO CERCANDO DI OSTACOLARE E BLOCCARE IL DECRETO. Per i Politici è un modo per ostacolare i provvedimenti del governo. Speriamo che ci siano provvedimenti condivisi piuttosto che contestare a prescindere”. !! 
Ciò ha  provocato la reazione dei Deputati Bernini e Basilio del M5S : “ Noi operiamo in parlamento come tutti gli altri – la rappresentanza militare non tutela e noi abbiamo sentito molte voci di militari che la pensano diversamente sui diritti e sulla rappresentanza– non viene rispettata la sentenza CEDU che afferma “ ai militari non possono essere negati i diritti sindacali ma si può solo regolamentare lo stesso diritto – abbiamo ascoltato un attacco politico “   

CLICCA QUI  per video ascoltare l’intervento dei delegati CoCeR CC e GdF, del Generale Presidente del CoCeR CC e del Generale Bartoloni, ( CoCeR GdF ) che ha fatto, su molti punti, un intervento apprezzabile e condivisibile criticando alcuni aspetti dell’accorpamento e citando le  lacune della rappresentanza militare. 
Alla fine dei due interventi si possono video ascoltare gli interventi dei Parlamentari ( Bernini e Basilio del M5S e Carbone del PD  famoso per il Ciaone dopo le Elezioni, che fa ironia sulla perdita di Diritti ! e polemizza con un delegato CoCeR GdF
Sono intervenuti anche 3 delegati del CoCeR CC ma i loro interventi sono stati così vuoti e insignificanti sul tema dei diritti e della tutela del personale  ( lasciamo a chi li vorrà ascoltare ulteriori o diversi giudizi ), così appiattiti sulle posizioni espresse dal Generale presidente e senza nessuna richiesta di diritti veri e sindacali, così autoreferenziali e dannosi per il personale e per un vero strumento di tutela sindacale per tutti i militari, che non ci sembra il caso neanche di sintetizzarli ( lasciamo al cortese lettore l'ascolto integrale degli stessi ) .
OTTIMI INTERVENTI DEI DELEGATI COCER GUARDIA DI FINANZA, ( Pizzuti e Taverna ) per contenuti e completezza, 

Consigliamo vivamente di vedere e ascoltare l’audizione, appena riassunta in questo articolo.   

Related Posts

About The Author

Contatta la Sezione o Unità Coordinata a Te più vicina!Inviaci una e-mail o telefona per avere maggiori informazioni.

Militariassodipro.org
Vuoi le nostre news nella tua casella di posta?

Iscriviti alla nostra mailing list per ottenere informazioni interessanti e aggiornamenti.

Grazie per la sottoscrizione.

Qualcosa è andato storto.