Esercito Italiano-Caporal Magg. C. Sc. COTRONEI GAETANO. INTERROGAZIONE PARLAMENTARE di Battista, Critichi la Rappresentanza? ti trasferisco! Mentre il CoCeR Esercito loda il ministro su “parole .

A cura di Assodipro

Del Caso del Caporal Magg. Capo Scelto COTRONEI GAETANO ne avevamo parlato pochi giorni fa ( clicca e vedi articolo ).
ora, diventa anche un interrogazione parlamentare presentata da Lorenzo BATTISTA Membro Gruppo Misto Segretario della 4ª Commissione permanente (Difesa) Membro della Delegazione parlamentare italiana presso l'Assemblea parlamentare della NATO  Legislatura 17 Atto di Sindacato Ispettivo n° 3-00943
Atto n. 3-00943 (in Commissione)  Pubblicato il 7 maggio 2014, nella seduta n. 242
BATTISTA – Al Ministro della difesa. – Premesso che: il 22 aprile 2014, sul sito web de “l'Espresso” è stato pubblicato un articolo con la notizia del trasferimento da Cosenza a Roma del caporal maggiore capo scelto Gaetano Cotronei; dalla medesima fonte di stampa, si apprende che tale decisione è stata adottata dai superiori del caporal maggiore in seguito alla pubblicazione, da parte di Cotronei, di un “post” sulla sua pagina di “Facebook”; nel post il caporal maggiore avrebbe criticato gli organismi di rappresentanza militare nel loro insieme, astenendosi totalmente da attacchi personali, esprimendo invece la propria delusione circa gli scarsi risultati ottenuti da coloro i quali, in assenza di una vera rappresentanza sindacale, sono deputati a difendere gli interessi e i diritti dei militari
interrogazione completa in LEGGI TUTTO 
Detto dell’interrogazione registriamo l’ennesimo comunicato da sindacato giallo ( che non solo Cotronei ha fatto bene a criticare, usufruendo di  un diritto costituzionale, per la tutela zero come sistema di rappresentanza e per come viene interpretato anche dalla maggioranza degli attuali delegati è di tutta evidenza nei comunicati , negli atti, nelle non azioni rappresentative) , perdente e dannoso per il personale tutto, del CoCeR Esercito presieduto dal Generale Gerometta fatto dopo le dichiarazioni del Ministro difesa Pinotti alla festa dell’ Esercito. Pinotti ha “ promessoSOLO di impegnarsi per non far avere ulteriori tagli ai militari dopo l’ultimo taglio di 400 milioni fatto pochi giorni fa per finanziare gli 80 euro
NIENTE DI CERTO , GARANTITO e  FINANZIATO sullo sblocco delle retribuzioni NIENTE SUI CONTRATTI bloccati ; Solo la promessa di lottare contro ULTERIORI TAGLI . Tanto è bastato al CoCeR Esercito per sentirsi “ in trincea “ insieme al ministro addirittura affermando di “ vigilare  contro false affermazioni  a scopo propagandistico “. UN SINDACATO GIALLO PERFETTO ! Quello che dice e promette a parole il ministro va bene anche se NON GARANTISCE NULLA, con atti politici, sullo sblocco di RETRIBUZIONI E CONTRATTI mentre a migliaia hanno difficoltà ad arrivare a fine mese e sono senza DIRITTI e tutele SINDACALI delle quali il CoCeR Esercito si disinteressa totalmente.   
Ecco le ultime strabilianti dichiarazioni del CoCeR Esercito :

08-MAG- ESERCITO: COCER, PINOTTI IN TRINCEA CON NOI CONTRO TAGLI A PERSONALE (Adnkronos) – II Cocer Esercito esprime grande apprezzamento per la posizione espressa con chiarezza e determinazione dal ministro della Difesa e assicura fin d`ora il pieno appoggio ad ogni iniziativa che la Pinotti “intenderà` realizzare per conseguire tali vitali obiettivi per il personale in uniforme, anche attraverso l`apertura di appositi `tavoli tecnici` con il sottosegretario alla Difesa Domenico Rossi”. La senatrice Pinotti, chiarisce la nota del Cocer, “ha dichiarato che combatterà` con le unghie e con i denti se questo patto, che e` stato definito in Consiglio dei ministri, non dovesse essere rispettato. Avete la mia parola che sarò` una combattente su questo”. Parole con cui, sottolinea il Cocer Esercito, “il ministro della Difesa ha finalmente suggellato quel principio di `specificità” del personale militare testimoniato dalla medaglia d`oro al maggiore La Rosa e nel corso di questi ultimi anni dal sacrificio di decine di uomini e donne in uniforme che hanno donato la propria vita per servire on  onore e sacrificio la collettività` nazionale”   –  “Il Consiglio di Rappresentanza dell`Esercito rimarra` vigile al fine di evitare strumentalizzazioni e false informazioni al solo scopo propagandistico“, afferma il Generale Paolo Gerometta, presidente del Cocer Esercito


Lorenzo BATTISTA Membro Gruppo Misto Segretario della 4ª Commissione permanente (Difesa) Membro della Delegazione parlamentare italiana presso l'Assemblea parlamentare della NATO  Legislatura 17 Atto di Sindacato Ispettivo n° 3-00943
Atto n. 3-00943 (in Commissione)  Pubblicato il 7 maggio 2014, nella seduta n. 242
BATTISTA – Al Ministro della difesa. – Premesso che: il 22 aprile 2014, sul sito web de “l'Espresso” è stato pubblicato un articolo con la notizia del trasferimento da Cosenza a Roma del caporal maggiore capo scelto Gaetano Cotronei; dalla medesima fonte di stampa, si apprende che tale decisione è stata adottata dai superiori del caporal maggiore in seguito alla pubblicazione, da parte di Cotronei, di un “post” sulla sua pagina di “Facebook”; nel post il caporal maggiore avrebbe criticato gli organismi di rappresentanza militare nel loro insieme, astenendosi totalmente da attacchi personali, esprimendo invece la propria delusione circa gli scarsi risultati ottenuti da coloro i quali, in assenza di una vera rappresentanza sindacale, sono deputati a difendere gli interessi e i diritti dei militari; interrogazione completa in LEGGI TUTTO considerato che: il trasferimento a Roma comporterebbe per il caporal maggiore Cotronei e la sua famiglia non poche difficoltà, avendo gli stessi acquistato la loro prima casa a Cosenza accendendo un mutuo; a parere dell'interrogante, l'espressione di un'opinione non può essere la causa determinante del trasferimento di un militare, che peraltro ha sempre svolto in maniera integerrima il suo servizio; la posizione del caporal maggiore, per quanto risulta all'interrogante, rappresenta uno stato d'animo comune a molti appartenenti alle forze armate che sempre meno sono disposti a tollerare la distanza in termini economici e di privilegio che separa vertici e sottoposti, si chiede di sapere: se il Ministro in indirizzo sia a conoscenza dei fatti esposti; se ritenga opportuno adottare le opportune iniziative di competenza al fine di rendere la rappresentanza militare un soggetto più funzionale per garantire ed aumentare le forme di autotutela degli interessi collettivi del personale.

Related Posts

About The Author

Contatta la Sezione o Unità Coordinata a Te più vicina!Inviaci una e-mail o telefona per avere maggiori informazioni.

Militariassodipro.org
Vuoi le nostre news nella tua casella di posta?

Iscriviti alla nostra mailing list per ottenere informazioni interessanti e aggiornamenti.

Grazie per la sottoscrizione.

Qualcosa è andato storto.