I Programmi a lungo termine del Ministro Difesa Roberta Pinotti. Ministro, coinvolga anche il mondo delle Associazioni Militari come Assodipro;Parli dei DIRITTI Associativi per i Militari.

A cura di Assodipro   
Dal Blocco delle retribuzioni al Libro Bianco sulla Difesa. Il Neo Ministro pone le basi di un programma di “ legislatura “. 
Nel Discorso del nuovo ministro Difesa Pinotti alle commissioni riunite Difesa di Camera e Senato compaiono parziali analisi  su problemi concreti ed attuali come i Tagli del Personale Militare uniti a chiusura di decine di caserme e enti causati dalla cosi-detta “revisione strumento militare” con i decreti approvati a pochi giorni  dalla caduta del governo Letta. 
Si passa poi alla proposta della redazione ( finalmente ) di un libro bianco sulla Sicurezza  internazionale e Difesa mentre sul problema del blocco dei Contratti leggiamo frasi che appaiono impegni, anche se parziali e apparentemente insufficienti.   Senza Diritti Associativi e Sindacali l'uomo , la donna, lavoratori in divisa, non sono al centro e a poco servirebbero pochi euro di indennità per recuperare il tantissimo perso a livello stipendiale ed il tanto che si perderà a livello pensionistico ! 
Il Neo Ministro Pinotti ha detto, riferendosi ai tagli nelle FF.AA. che  “ l’uomo ( Militare ) è da considerare al centro nelle Forze Armate “ … è una frase che hanno  citato in serie : La Russa con il primo governo della storia   che tagliava gli stipendi ai Militari ! ( Berlusconi-La Russa blocco contratti anno 2010 ); Di Paola con il Governo dei tecnici mentre programmava e portava a termine / tagliava, pro lobby, 35 mila posti di lavoro per i Militari e la chiusura di decine di enti e caserme con gravi conseguenze sociali, economiche , lavorative e familiari per migliaia di militari; 
Ed è una frase che ha usato anche Mario Mauro mentre portava a termine i decreti dei tagli, da lui stesso definiti “ durissimi “ e “ con l’accetta” senza la minima concertazione concludendo il lavoro del suo predecessore . 
ll tutto con i dati NON esatti su quelli che sono i costi delle retribuzioni nel bilancio complessivo delle FF.AA. e per recuperare maggiori risorse pro lobby e industria armamenti per progetti di spese militari che appaiono completamente fuori da contesto sociale e logiche politiche. La frase di Mauro, una delle tante per sponsorizzare gli F 35 mentre si taglia il personale e si applica l’equazione – meno militari + armamenti e spese pro lobby –  “ per amare la pace bisogna armare la pace “ rimane scolpita nella memoria di chi, oggi e finalmente, vede messo in discussione il progetto F 35 ed altri investimenti miliardari come forza NEC o navi da guerra mentre usiamo una portaerei come fiera galleggiante ed in parte a spese nostre
CARISSIMO NEO MINISTRO DIFESA PINOTTI, quanto brevemente scritto sopra, accadeva mentre lei aveva incarichi politici e, nell'ultimo anno anche come sottosegretario Difesa. Si cambia registro ? Ne saremmo lieti  e verificheremo Giorno per Giorno. NOI di ASSODIPRO continueremo a seguire i temi di interesse del Comparto Difesa-Sicurezza con passione e con la sguardo rivolto sempre verso IL PERSONALE, mentre continueremo, DEMOCRATICAMENTE a lottare per avere DIRITTI ASSOCIATIVI-SINDACALI anche per i MILITARI ITALIANI , a similitudine dei Sindacati di polizia o come è concesso in molti Stati EUROPEI.. si Proprio la stessa Europa dalla quale prendete esempi, lezioni , leggi, regole e regolamenti – tranne che per i diritti dei militari. La stessa Europa alla quale abbiamo ricorso ( CEDU ) affinchè anche in Italia ai Militari  vengano riconosciuti diritti associativi – sindacali . Non sarebbe male se la Politica Italiana arrivasse prima.  
 La Ministra Difesa: Pinotti, tra l’altro ha dichiarato : “attenuare effetti blocco stipendi comparto (ANSA) – ROMA, 12 MAR – “E` indispensabile venire incontro, almeno in parte, alle specifiche esigenze del personale del Comparto Difesa e Sicurezza, con interventi mirati su alcuni istituti/meccanismi retrib utivi che attenuino gli effetti del blocco stipendiale”. Lo ha detto il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, alle commissioni riunite Difesa di Camera e Senato. “Una criticità` – ha proseguito il ministro – ancor maggiore se collegata al mancato avvio della previdenza complementare per il Comparto Difesa e Sicurezza, con effetti negativi che quindi non si esauriscono negli anni del blocco ma che si ripercuoteranno anche sul trattamento pensionistico. Una situazione insostenibile che va affrontata con il pieno concorso anche della Rappresentanza militare”. “Un sistema di difesa efficace – ha poi sottolineato Pinotti – e` certamente dato da mezzi e sistemi tecnologicamente adeguati e da equilibrate risorse per l`addestramento e la preparazione professionale, ma si deve ricordare che dietro ogni mezzo o sistema opera una persona. E` il fattore umano che determina la reale capacita` di impiegare al meglio quanto il Paese investe della sua Difesa ed e` pertanto al fattore umano, alle sue esigenze ed alle sue aspirazioni, che dobbiamo dare la giusta centralità` nella nostra azione riformatrice“. Pinotti, va realizzato Libro Bianco italiano Un `Libro Bianco` sulla sicurezza internazionale e la difesa. Ad annunciarne la realizzazione e` il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, che – illustrando al Senato le linee programmatiche del suo ministero – sottolinea come tradizionalmente, il Libro Bianco in Italia sia “sempre stato inteso come fotografia delle Forze armate: va cambiato il senso di tale documento e fatto quello che fanno gli altri Paesi a noi comparabili e che in Italia non e` mai stato fatto. Va redatto cioè` un documento che ci aiuti anzitutto a raggiungere la sintesi politica fra le diverse necessita` che dobbiamo soddisfare, e che poi fornisca le linee guida per pianificare nel medio e lungo termine le nostre capacita` di difesa”. Dovremo essere trasparenti, dovremo includere nel ragionamento la società` civile, e dovremo fare presto. Assumo, in questa sede, la responsabilità` di condurre a buon fine questo progetto”.

Related Posts

About The Author

Contatta la Sezione o Unità Coordinata a Te più vicina!Inviaci una e-mail o telefona per avere maggiori informazioni.