LETTERA APERTA ALLA COMMISSIONE DI INCHIESTA URANIO, AMIANTO, RADON E VACCINI. "Contrarietà all'ipotesi di passare all' INAIL la partita dell'accertamento"

Alghero/Taranto, giovedì 26 maggio 2016   
Comunicato CAD ( AFeVA Sardegna e Assodipro ) 
LETTERA  APERTA ALLA COMMISSIONE DI INCHIESTA  URANIO, AMIANTO, RADON E VACCINI   
Questo CAD intende esprimere la ferma contrarietà all'ipotesi di passare all'inail la partita dell'accertamento del nesso di causalità, della valutazione della percentuale dell’invalidità e dell’eventuale aggravamento  degli irreversibili danni alla salute provocati dalle esposizioni ad amianto, uranio, radon e vaccini e a qualsiasi altro agente biologico, chimico, cancerogeno, ai fini del riconoscimento della dipendenza da causa di servizio delle patologie sofferte dal personale militare della difesa e della sicurezza nazionale, Riteniamo questa ipotesi NON RISOLUTIVA e PEGGIORATIVA rispetto all’attuale stato normativa 

  • Se, come abbiamo sentito affermare al Sig. Presidente della Commissione, On. Scanu,  lo scorso 11 maggio nel corso dell'audizione del Cocer, questa commissione vuole davvero snellire la burocrazia dannosa, provocatoria, asfissiante, criminale;
  • Se davvero, questa Commissione sta pensando di rendere agli uomini e alle donne della Difesa e Sicurezza Nazionale un welfare migliore;
  • Se davvero questa Commissione intende con le Sue proposte superare il contenzioso amministrativo e giurisdizionale attualmente in corso, relativo ai casi di morte o di gravi malattie ai danni delle forze armate;
  • Se davvero questa Commissione intende contribuire, anche in minima parte, ad alleviare il dramma umano e familiare di molte di queste vittime;
  • Se davvero questa Commissione intende, con le proprie proposte ristabilire la fiducia nello Stato da parte dei suoi leali servitori,

la Commissione si fermi, non proponga di passare la palla all'INAIL, è come ammettere di non essere riusciti a trovare la soluzione.


E' come quando nel gioco del calcio una squadra pressata in difesa tira la palla sugli spalti.   Ci permettiamo di affermare che non è così che si ristabilisce la fiducia nello Stato da parte dei suoi leali servitori.   Noi non abbiamo la verità né la soluzione in tasca, ma facciamo altresì presente che questo CAD, già dal 21 marzo scorso, ha chiesto di essere audito e ancora oggi confermiamo la nostra disponibilità a interloquire da Codesta Onorevole Commissione.     

Coordinamento Amianto pro Comparto Difesa                            
f.to AFeVA Sardegna                                               f.to  ASSODIPRO                              
 Salvatore Garau                                                       Sergio Longo   

Nota: Il Coordinamento Amianto pro Comparto Difesa, più brevemente, CAD,  è stato costituito , a Roma il 10 febbraio 2016, da AFeVA Sardegna e ASSODIPRO, con il fine di stabilire una univoca, unitaria, coordinata e incisiva azione tra le Associazioni di Vittime dell'Amianto in difesa dei diritti dei militari e dei civili del Comparto Difesa e della Sicurezza Nazionale esposti e vittime dell'amianto e dei familiari di questi, per la rivendicazione e l'affermazione dei diritti ora negati, senza l'erosione di quelli già riconosciuti al predetto personale e ai loro familiari, 
 

Contatti CAD:  
A.FeV.A Sardegna ONLUS Associazione Familiari e Vittime Amianto Sardegna c/o Garau Salvatore, Via Azuni, 39  07041 Alghero(SS) tel e fax 079 970103 — cell. 347 5234072   PEC  afevasardegna@pec.sardegnasolidale.it   -/-    afevasardegna@yahoo.it 

Assodipro Associazione Solidarietà Diritto e Progresso VIA PALESTRO, 78 – 00185 ROMA TEL. 06/44361156 cell. nazionale 347 3792852 email:segreterianazionale@assodipro.org email: assodiprotaranto@gmail.com cell sede TA 338 4930829

Related Posts

About The Author

Contatta la Sezione o Unità Coordinata a Te più vicina!Inviaci una e-mail o telefona per avere maggiori informazioni.

Militariassodipro.org
Vuoi le nostre news nella tua casella di posta?

Iscriviti alla nostra mailing list per ottenere informazioni interessanti e aggiornamenti.

Grazie per la sottoscrizione.

Qualcosa è andato storto.