OGGI LEGGE DI STABILITA’ AL CONSIGLIO DEI MINISTRI

ROMA – “Se non ci saranno risposte su reddito e lavoro nella legge di stabilità, andremo avanti con la mobilitazione fino allo sciopero generale”. Lo ha detto la leader della Cgil, Susanna Camusso. Alla domanda se lo sciopero sarà unitario, ha risposto “chiedetelo a lui”, indicando il leader della Cisl, Raffaele Bonanni.
“Siamo un po' preoccupati: normalmente quando ci sono queste convocazioni a sorpresa non vengono fatte per comunicarci notizie entusiasmanti”. Lo afferma il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, a proposito della “convocazione a sorpresa – spiega – giunta ieri da Palazzo Chigi per il confronto con le parti sociali oggi alle 15 sulla legge di Stabilita”.
NOTA UIL PUBBLICO IMPIEGO : legge di Stabilità, LE MISURE DELLA VERGOGNA :Ci auguriamo che le indiscrezioni giornalistiche sui contenuti del DDL di Stabilità, in materia di pubblico impiego,· che il Governo si appresta ad approvare siano frutto solo dell'immaginazione o delle aspettative di qualche giornalista. Nella malaugurata ipotesi che ci sia del fondamento ci troveremmo di fronte all'ennesimo, vergognoso e stavolta volgare attacco ai lavoratori pubblici, che da troppi anni stanno pagando un prezzo doppio, come cittadini e come pubblici dipendenti, rispetto ad altre categorie ed infinitamente più alto rispetto a chi la crisi l'ha provocata: speculatori, evasori fiscali, politici corrotti nei confronti dei quali ben poco è stato fatto.
 
Oggi la differenza, rispetto ai tempi del Triumvirato Berlusconi-Tremonti-Brunetta, sta nel fatto che nessuna forza politica presente in Parlamento sembra in grado di opporsi alla volontà di questo Governo di tecnici che si ritiene al di sopra ed oltre la legge ed i principi costituzionali che regolano la nostra società. Cosa pensare infatti del gravissimo attacco, se confermato, all'autonomia negoziale con la negazione dell'indennità di vacanza contrattuale e la reiterazione dei blocchi retributivi?. Oppure alla odiosa e vergognosa proposta di dimezzare la retribuzione dei permessi per assistenza ai genitori con handicap grave da parte dei dipendenti pubblici. Noi vogliamo pensare che nelle nostre istituzioni, nei palazzi della politica, in parlamento siedano ancora persone capaci di opporsi a queste politiche fatte di sterili conteggi economici. Mostruosità contabili lontane ed estranee alle nostre tradizioni giuridiche. I dipendenti pubblici sono stanchi di subire. Abbiamo già dato e la risposta, se le voci dovessero essere confermate, non potrà che essere adeguata alla durezza e spietatezza degli attacchi subiti e, se così dovesse essere, ci auguriamo di ritrovare la massima compattezza tra tutte le forze sociali che operano nel Pubblico Impiego
 
 
Le anticipazioni di ieri sui provvedimenti sugli STATALI :  Fonte : Il Messaggero.it 8 ottobre 2012ROMA – Tagli alle Regioni, alla sanità, ai ministeri. Ulteriori interventi sul pubblico impiego, tra cui anche la cancellazione dell'indennità di vacanza contrattuale per i prossimi due anni.La legge di stabilità che il governo approverà a metà settimana prosegue sulla via tracciata dal decreto sulla spending review, centrando l'obiettivo di cancellare completamente l'aumento dell'Iva che sarebbe scattato nel 2013Statali. Il blocco dei contratti pubblici è confermato anche per l'anno 2014. Ma i dipendenti pubblici oltre a non godere di rinnovi dovranno rinunciare a qualsiasi aumento contrattuale pregresso e per gli anni 2013 e 2014 anche all'indennità di vacanza contrattuale, ossia al parziale recupero dell'inflazione. E scatta per loro una stretta sulla legge 104, ossia i permessi per l'assistenza a parenti malati o disabili: salvo il caso in cui riguardino il dipendente stesso, i figli o il coniuge, saranno retribuiti solo al 50 per cento.
 
 Fonte il Messaggero 9 ottobre -anticipazioni  sul provvedimento-.. Gli interventi sul pubblico impiego toccheranno anche magistrati, diplomatici e alcune categorie di militari. I magistrati fino al 2014 non avranno alcun adeguamento retributivo a titolo di acconto o conguaglio, e si vedranno inoltre tagliare l’indennità speciale del 15 per cento relativamente al 2011, del 25 per il 2012 e del 32 per cento per i due anni successivi. 
Per i diplomatici scatta il taglio del 10 per cento delle indennità di base per l’attività svolta all’estero.
 
 In ambito militare vengono dimezzati i premi per gli ufficiali piloti e cancellati alcuni premi residuali per il personale addetto al controllo del traffico aereo. I possibili tagli alla sanità e gli interventi sui dipendenti pubblici hanno già scatenato reazioni. Nel primo caso a protestare sono le Regioni, mentre il ministro della Salute Balduzzi sostanzialmente attribuisce la responsabilità al ministero dell’Economia.
 
 E molto allarmati, in particolare per il taglio dell’indennità di vacanza contrattuale, sono i sindacati del pubblico impiego.

Related Posts

About The Author

Contatta la Sezione o Unità Coordinata a Te più vicina!Inviaci una e-mail o telefona per avere maggiori informazioni.

Militariassodipro.org
Vuoi le nostre news nella tua casella di posta?

Iscriviti alla nostra mailing list per ottenere informazioni interessanti e aggiornamenti.

Grazie per la sottoscrizione.

Qualcosa è andato storto.