Pensioni Militari : TFS – Buonuscita ? altro che Buonuscita… Bisogna aspettare 2 anni ! Per la casta non si applica; tutto, tanto, troppo e subito ?

I Trattamenti di Fine Servizio (TFS) comunque denominati Sono le prestazioni spettanti (Quale somma di Denaro una-tantum), al Termine del Servizio e alle CONDIZIONI meglio Specificate di Seguito, ai Dipendenti della pubblica Amministrazione assunti prima del 1 ° gennaio 2001. Per l'Individuazione della tipologia di Tfs spettante occorre distinguere le diverse prestazioni a base di all'amministrazione Presso la Quale si Presta Servizio: l'indennità di buonuscita per i lavoratori iscritti al Fondo di Previdenza per i Dipendenti Civili e militari dello Stato, assunti con Contratto a tempo indeterminato prima del 31 dicembre 2000, che Hanno Risolto, per qualunque Causa, il rapporto di Lavoro e quello previdenziale con almeno UN anno di iscrizione. Rimane in Trattamento di Fine Servizio (TFS buonuscita) tutto il Personale cosiddetto “non contrattualizzato” (ad Esempio: militari, docenti e Ricercatori universitari, Magistrati, avvocati e procuratori dello Stato, personale della Carriera diplomatica e prefettizia, personale dei Vigili del fuoco, Dipendenti della Camera dei Deputati, del Senato e del Segretariato Generale della Presidenza della Repubblica, ecc.), Compreso quello assunto also successivamente al 31/12/2000.  
Il TFS del personale del comparto sicurezza, difesa e soccorso segue il termine di pagamento ordinario di 24 mesi, in tutti i casi di collocamento a riposo avvenuti a seguito di dimissioni volontarie con diritto (maturato dopo il 12 agosto 2011) al pensionamento anticipato rispetto ai limiti ordinamentali di età o ai requisiti anagrafici previsti per la pensione di vecchiaia, se differenti. A chiarirlo è l’INPS con il messaggio n. 8299 , a seguito di numerose richieste di chiarimenti in merito ai corretti termini di pagamento da applicare ai TFS spettanti al personale in commento che cessa dal servizio anticipatamente rispetto al limite ordinamentale previsto per la qualifica o grado rivestito o rispetto ai requisiti anagrafici per la pensione di vecchiaia se differenti.  
Dunque, si applica il termine ordinario di 24 mesi per i TFS relativi alle cessazioni: con un’età di almeno 57 anni e tre mesi e un’anzianità contributiva di 35 anni; con 40 anni e 3 mesi di anzianità contributiva intervenuta prima del raggiungimento del limite ordinamentale previsto per la qualifica o grado rivestito o dei requisiti anagrafici previsti per la pensione di vecchiaia se differenti. 
Termine di sei mesi – In caso contrario, ossia qualora l’iscritto abbia conseguito entro il 31 dicembre 2011 i 40 anni di anzianità contributiva ai fini pensionistici, il termine di pagamento è quello di sei mesi. Termine che vale anche per gli iscritti che abbiano raggiunto entro la predetta data del 31 dicembre 2011 l’aliquota massima dell’80% della retribuzione pensionabile, a condizione che i 53 anni e 3 mesi (per le cessazioni dal 1° gennaio 2013 al 31 dicembre 2015) siano compiuti entro la data di collocamento a riposo. Si chiarisce, infine, che il raggiungimento entro il 12 agosto 2011 della sola aliquota massima dell’80% della retribuzione pensionabile, non accompagnato dall’età anagrafica minima dei 53 anni compiuti entro la medesima data, non consente di ritenere maturati alla predetta data i requisiti per il pensionamento. Di conseguenza, il termine di pagamento è quello di sei mesi, sempre che i 53 anni e tre mesi (per le cessazioni che avvengono nell’intervallo di tempo sopra evidenziato) siano compiuti entro la data di collocamento a riposo.

Related Posts

About The Author

Militariassodipro.org
Vuoi le nostre news nella tua casella di posta?

Iscriviti alla nostra mailing list per ottenere informazioni interessanti e aggiornamenti.

Grazie per la sottoscrizione.

Qualcosa è andato storto.