Scoperto amianto nel palazzo aeronautica, silenzi e paure tra i militari

Nel palazzo dello Stato Maggiore Aeronautica, cuore del coordinamento delle attività operative e logistiche dell’aviazione militare è arrivata una accusa perniciosa, la presenza di colle ed amianto nei pavimenti in alcuni locali. Dalle verifiche dei carabinieri sono state rilevate “fibre di amianto” nel Centro Telecomunicazioni sala XOMAIL, segreteria, centralino Cedepa, Alta frequenza, Rita e Ponti Radio. Il nucleo per la Tutela del Lavoro, Gruppo Roma ha prelevato dei campioni di massa e li ha sottoposti ad esami tecnici (microspia elettronica a scansione).  
A portare alla luce la presenza della fibra killer è stato l’Osservatorio Nazionale Amianto, presieduto dall’avvocato Ezio Bonanni. La segnalazione era giunta all’ONA (Osservatorio Nazionale Amianto) da alcuni militari, i quali hanno lamentato problemi respiratori. L’avv. Ezio Bonanni presidente dell’Osservatorio, prima di dare seguito alla segnalazione, ha provveduto a inoltrare un  ricorso per accertamento tecnico preventivo al Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio. Il giudice ha accolto le sue preoccpazioni ed ha dato mandato ai carabinieri di fare accertamenti.

Quello che stona nella faccenda è l’assoluta indifferenza, minimizzazione e silenzi adoperati dall’Amministrazione in merito al fatto. Dopo la decisione del giudice, l’intervento dei CC, i comunicati stampa dell’Osservatorio non si è trovata alcuna risposta, giustificazione, tanto più delle azioni conseguenti, come spostare il personale che lavora nei locali. Silenzio, come se nulla fosse successo, attesa delle nuove decisioni del giudice a seguito delle verifiche. Ciò lascia l’amaro in bocca ed alimenta la sfiducia nelle amministrazioni. Si alimenta paura e insicurezza nei militari che contintuano a lavorare, tutta la storia è un racconto di sfiducia, dai colleghi che si rivolgono segretamente all’Osservatorio al giudice che vuole rompere un muro di omertà. Palazzo Aeronautica è un complesso monumentale costruito negli anni ’30 per ospiatre l’istituzione della Regia Aeronautica, è il simbolo stesso dell’Aeronautica Militare, immaginare che sia sottoposto ad un blitz dei CC, come una qualunque azienda per la sicurezza dei lavoratori, fa pensare e lascia l’amaro in bocca, non solo alla società ma soprattutto ai militari che ci lavorano.

Fonte notizia TG 24

Related Posts

About The Author

Tags:

Militariassodipro.org
Vuoi le nostre news nella tua casella di posta?

Iscriviti alla nostra mailing list per ottenere informazioni interessanti e aggiornamenti.

Grazie per la sottoscrizione.

Qualcosa è andato storto.