Il Consiglio dei Ministri vara un mini pacchetto sul Lavoro – Approvato il rinvio dell’aumento dell’ IVA – Misure per i Giovani che secondo letta porteranno a 200 mila assunzioni !

Tra i provvedimenti contenuti nel “ Pacchetto per il Lavoro “ varato dal CDM pochi minuti fà, troviamo : 
Incentivi alle assunzioni. Il testo sul lavoro prevede un incentivo fino a un massimo di 650 euro mensili per ogni lavoratore assunto a tempo indeterminato. La bozza è fatta di 10 articoli. L'incentivo è istituito in via sperimentale ed è destinato ai giovani di età compresa fra i 18 e i 29 anni.  Per poterne usufruire degli incentivi alle assunzioni i giovani devono rientrare in queste condizioni: essere privi di impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi; essere privi di un diploma di scuola media superiore o professionale, vivano soli con una o più persone a carico. Il bonus viene istituito, si legge, “al fine di promuovere forme di occupazione stabile di giovani” e “in attesa dell'adozione di ulteriori misure da realizzare anche attraverso il ricorso alle risorse della nuova programmazione comunitaria 2014-2020”. L'incentivo, si legge nel decreto, verrà corrisposto “per un periodo di 12 mesi ed entro i limiti di 650 euro mensili per lavoratore nel caso di trasformazione a tempo indeterminato“. 
Norma che potrebbe interessare il PERSONALE IN ESUBERO DEL COMPARTO DIFESA.   Sino al 31 dicembre 2014 al personale dirigenziale e non dirigenziale delle amministrazioni pubbliche che presentano situazioni di soprannumerarietà o di eccedenza rispetto alle loro dotazioni organiche è consentito il passaggio diretto a domanda, mediante cessione del contratto di lavoro e previa selezione secondo criteri prefissati, presso l’amministrazione del Ministero della Giustizia per ricoprire i posti vacanti del personale amministrativo operante presso gli uffici giudiziari e appartenente alla stessa qualifica. Nel caso in cui il contratto di lavoro preveda per il lavoratore trasferito un trattamento economico più favorevole la differenza stipendiale viene riconosciuta dall’amministrazione giudiziaria come assegno personale sino ad assorbimento, fermo restando per le amministrazioni cedenti gli effetti previsti dall’articolo 9, comma 2-bis, del decreto legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, nella legge 30 luglio 2010, n. 122.      
 

Related Posts

About The Author

Contatta la Sezione o Unità Coordinata a Te più vicina!Inviaci una e-mail o telefona per avere maggiori informazioni.